Il tavolo di confronto sul porto non è ancora partito: continua il pressing del Municipio sull’Autorità Portuale

#Luciano Bozzo

E’ stato uno dei punti fermi e qualificanti della sua campagna elettorale, ben ribadito quando a fine giugno dell’anno scorso Claudio Chiarotti si è insediato come presidente del nostro Municipio: avviare un tavolo di discussione e confronto permanente qui sul nostro territorio con Autorità Portuale, Regione, Comune, Terminalisti, Ferrovie e con tutti gli attori principali che gravitano intorno al porto proprio sul tema della convivenza tra porto e città, individuando di volta in volta la composizione del tavolo tecnico più idonea alle molteplici tematiche affrontate.  Due gli obiettivi principali del tavolo: lavorare per abbattere l’impatto ambientale ed inquinante delle attività portuali e proseguire nell’opera di riqualificazione di Pra’ e del Ponente, che con la Fascia di Rispetto ed il progetto P.O.R. ha segnato indubbiamente delle importanti conquiste a favore della cittadinanza, estendendola ora anche ai quartieri oggi più penalizzati di Pra’-Palmaro e Pra’-Cà Nuova. Si tratta di obiettivi ed esigenze pressanti fortemente richieste dalla cittadinanza praese e condivise da tutto il Consiglio Municipale che a fine settembre ha confermato di voler perseguire questa politica approvando all’unanimità una mozione con cui si impegna il Municipio ad avviare questo importante tavolo di dialogo e di confronto.

Ed il 13 marzo di quest’anno si è svolto a Palazzo San Giorgio a Genova un incontro tra l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale (che sovraintende ai porti di Genova, Genova-Pra’ e Vado Ligure) ed il Municipio VII Ponente rappresentato dalla Giunta Municipale e dai capi-gruppo dei gruppi consiliari, sia di maggioranza che di opposizione; per l’Autorità di Sistema Portuale erano presenti il presidente Paolo Emilio Signorini ed il Direttore Generale Marco Sanguineri che nell’occasione avevano promesso di attivarsi per avviare il tavolo di confronto subito dopo Pasqua, ma poi nulla è accaduto. Anche la Regione Liguria non ha fatto sapere nulla e ad oggi solo il Comune di Genova nella persona dell’assessore all’ambiente Matteo Campora ha dato la propria disponibilità a partecipare al tavolo.

Il Consiglio Municipale di lunedi 28 maggio ha dedicato ampio spazio a questo tema ed ha ribadito la necessità di avviare da subito il tavolo di confronto con tutte le istituzioni competenti; nel corso della discussione il presidente Chiarotti ha affermato: << Praticamente ogni giorno sollecito la segretaria di Autorità Portuale, fin qua senza risultati, ed ho la forte tentazione di organizzare un Consiglio Municipale monotematico sotto Palazzo San Giorgio se non avremo una risposta, una data fissata entro fine giugno>>.  E i precedenti non mancano se è vero che nello scorso mandato si sono svolti Consigli municipali in piazza sotto il palazzo della Regione e la Prefettura per le questioni del container radioattivo “abbandonato” nel nostro porto e della Piastra ambulatoriale di Pegli.

Un’altra questione assai importante di cui si è parlato nel Consiglio riguarda lo stato dell’arte dei lavori ferroviari del nodo di Genova nella parte che interessa il nostro territorio.

Com’è noto, il progettto definitivo approvato dal C.I.P.E. nel 2006 prevede, oltre ad una stazione tutta nuova di Genova-Voltri, anche una fermata a Pra’-Palmaro e lo spostamento a mare dei binari con la restituzione di una porzione di territorio davanti ai sestieri di Palmaro e Cà Nuova, propedeutica per realizzare quello spazio di vivibilità previsto dal P.U.C. ed in linea con il progetto “Ridiamo il mare a Prà-Palmaro” della FondAzione PRimA’vera. Nel 2014 la fermata di Palmaro era stata confermata al pari delle altre due piccole stazioni di Pegli Lido e di Multedo ma recentemente però tra i lavori finanziati da Reti Ferroviarie Italiane (R.F.I.) non si è più parlato di queste fermate, nemmeno di quella di Pra’-Palmaro. Nel frattempo la fine dei lavori è slittata da dicembre 2017 al 2022 (anche a causa del fallimento del Consorzio a cui i lavori erano stati affidati), ed adessso si sente parlare, più che altro, della bonifica preliminare per il potenziamento dei binari verso il porto; il progetto complessivo appare invece bloccato dal mancato spostamento del cavalcavia autostradale per l’accesso al porto. L’Assessore municipale Morlè teme che lo spostamento del cavalcavia sia considerata una delle opere di compensazione della Gronda autostradale, il che ne farebbe slittare ulteriormente i tempi. Il Municipio richiede quindi un incontro con i dirigenti di R.F.I. per avere informazioni un pò più precise sulla data di fine lavori, la situazione delle nuove stazioni e tempi e modi per la restituzione degli spazi promessi.

 

Di seguito riportiamo brevemente lo stato dell’arte relativo ad altri temi di interesse per Pra’ discussi nel corso del Consiglio municipale del 28 maggio e sui quali sono state presentate ed approvate apposite mozioni ed interpellanze.

Lavori della Gronda di Ponente e declassamento/liberalizzazione del tratto autostradale tra Genova-Pra’ e Genova Ovest (o Genova Aeroporto) che non dovrebbe essere più a pedaggio. Il Municipio ha invitato i dirigenti di Autostrade per l’Italia in Consiglio di Municipio in una data tra fine giugno ed inizio luglio per avere da loro informazioni circa i lavori della Gronda di Ponente e l’impatto che questi avranno sul territorio. Si chiede anche di essere convocati in apposita Commissione in Regione.  Il Movimento 5 Stelle conferma la totale opposizione alla realizzazione di questa opera.

Centralina di Via Ungaretti che oggi monitora solo la quantità di ozono nell’aria. Il consigliere Filippo Bruzzone ha comunicato che, secondo un documento pubblicato dalla Regione Liguria, il 62 % dei gas nocivi presenti nell’aria sarebbero prodotti dalle navi in stazionamento (biossidi di azoto, anidride solforosa, idrocarburi, monossido di carbonio, PM10 e polveri sottili) e che l’Unione Europea impone il monitoraggio di questi gas ed ha già più volte redarguito l’Italia per la sua inadempienza. Su input di una mozione proposta da Bruzzone ed approvata dal Consiglio si chiede di incrementare la capacità di monitoraggio della centralina di Via Ungaretti anche a queste sostanze.
Le stesse sostanze dovranno anche essere monitorate da tutte quelle nuove centraline per il controllo della qualità dell’aria di cui il Consiglio aveva già chiesto l’installazione a dicembre 2017 con l’approvazione di una mozione presentata dal Movimento 5 Stelle. Sull’argomento il presidente Chiarotti, al di là della collaborazione dell’assessore comunale all’ambiente Matteo Campora, lamenta finora la mancanza di risposte adeguate dagli enti preposti (A.R.P.A.L. e Regione).

Hospice della Gigi Ghirotti per malati terminali. Allo scopo di avere un centro anche nel Ponente negli anni scorsi si era visionata la ex scuola Quasimodo; l’edificio aveva ottenuto l’interesse del presidente dell’associazione Franco Henriquet il quale si era reso disponibile a fare degli investimenti per adattarla allo scopo purchè la Regione concedesse l’accreditamento ed il convenzionamento alla Ghirotti. La Regione non ha però risposto nei tempi e nel frattempo la scuola ha subito ulteriori pesanti devastazioni, tanto che oggi ben difficilmente potrebbe essere ripristinata ed utilizzata come Hospice. Il Comune intanto l’ha messa in vendita così come ha fatto con l’ex ospedale Martinez, che invece potrebbe rivelarsi una sede più adatta, a differenza ad esempio di Villa Podestà che dispone di tanti locali medio-piccoli che però non possono essere rivoluzionati stante i vincoli imposti dalla Soprindenza ai beni artistici e storici.
Dopo il Comune di Genova anche il Municipio VII Ponente decide quindi di impegnarsi per identificare un luogo per ospitare un nuovo Hospice.

Area ex San Giorgio. Il vecchio progetto del 1999 prevedeva la bonifica ed il riuso dell’area che veniva divisa in tre lotti. Si parlava di un raggruppamento di piccole imprese, di aree industriali e artigianali, di servizi e spazi di verde pubblico, ma quel progetto non ha avuto seguito ed ora una buona parte dell’area, che pure ospita alcune imprese, risulta abbandonata. Si chiede al Sindaco di Genova se vi siano nuove idee e progetti di bonifica e di riqualifica e in quali tempi.

Scuola dei Villini che presenta da tempo un’aula inagibile a causa di un controsoffitto che necessita di un intervento. Diversamente da quanto auspicava il presidente Chiarotti, per risolvere il problema non si possono usare i fondi dell’accordo quadro per il Municipio ed occorre attingere ad un fondo nazionale stanziato ad hoc (da Gazzetta Ufficiale disponibile già dal 22 dicembre 2017). La palla è passata quindi al Comune per la gestione della cosa; si parlava di un intervento intorno a Pasqua 2018 ma in realtà rivela Chiarotti <<ho scoperto che la scuola, nonostante le nostre segnalazioni e richieste già dall’estate scorsa, non era nemmeno stata inserita nella lista degli istituti sui quali intervenire ed ho quindi sollecitato una pronta risposta da parte degli uffici comunali>>.
Chiarotti rimarca che in questo caso gli uffici preposti non hanno messo la dovuta attenzione per una questione facilmente risolvibile, di fronte invece a diverse altre situazione border line e problematiche che riguardano altre scuole presenti in più parti del Municipio. <<Spero davvero di non dover arrivare ad incatenarmi all’ingresso della scuola per vedere finalmente sistemato un controsoffitto e riaperta quell’aula>>.

Servizi igienici nel Parco Dapelo chiusi da molti anni e che in passato sono stati funzionanti solo per un brevissimo periodo. Ricadono sotto la gestione di Pra’ Viva e lo scorso anno è stato fatto un preventivo tra gli 8 ed i 9 mila euro che riguardava la parte elettrica e che serviva a rimettere in funzione i 3 gabinetti presenti; recentemente però, forse a seguito di alcuni lavori eseguiti in maniera maldestra, è stata danneggiata anche la parte idrica. Occorre quindi fare un nuovo preventivo. Si pone poi il problema della gestione quotidiana che potrebbe però seguire l’esempio fin qui positivo dei servizi igienici di Piazza Sciesa. Intanto dovrebbero essere stati aperti i bagni sulla “Passeggiata Spiaggia di Pra'”, sotto la gradinata presente a ponente.

Il Consiglio municipale ha inoltre deciso di richiedere un’audizione all’Assessore comunale Matteo Campora per avere i dati precisi disponibili al Comune sulla situazione di salute e ambiente nel nostro Municipio.

3 Comments

  1. Interessante report, ogni tanto occorre qualcuno che dia la sveglia a questo intollerabile immobilismo di Porto e Ferrovie, in massima parte.
    Grazie al redattore per aver fatto il punto della situazione, che non e’ rosea, soprattutto per le legittime aspettative di vivibilita’ dei sestieri Palmaro e Ca’ Nuova…navighiamo a vista, impantanati nel fango dei ritardi, dell’indifferenza, delle promesse mancate.
    Ne abbiamo piene le tasche di questo andazzo, e prima o poi, temo si arrivi allo scontro diretto.
    Comprendo e supporto la giusta indignazione di Chiarotti.

  2. Sostengo in pieno la volontà di chiedere un incontro chiarificatore con “TUTTE”le parti convocate, soprattutto quelle latitanti!!!!

  3. Dall’ incontro con i cittadini diPalmaro con la circoscrizione avvenuto a gennaio il presidente aveva richiesto tavolo di lavoro e specificato che se entro maggio non si riusciva ad avere dialogo con porto e rfi il municipio sarebbe sceso in piazza con i cittadini

Rispondi a Rita Pezzi Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*