Il sindaco Bucci: “Nessuna incompatibilità tra il deposito NBT ed il progetto parco urbano – pista ciclopedonale”

Il Sindaco di Genova Marco Bucci

Elis@Provinciali

Incontro ieri il nostro sindaco con una cara amica, nostra lettrice e già consigliere municipale, ad un evento politico, in vista delle prossime elezioni europee.

Naturalmente, il mio, il nostro scopo recondito è avvicinarlo per sentire il suo pensiero in relazione al rinnovo della concessione Nuovo Borgo Terminal Container, sul quale “Supra’tutto” ha lanciato una petizione che sta capitalizzando centinaia di mail di dissenso all’occupazione per altri dieci anni del deposito container, sito in stretta contiguità con la suddetta passeggiata. ( Vedi art. ”Mai più così” dell’almanacco del magazine).

La prima cosa che ci dice è “Come mai non vi ho viste allo scivolo in via Venti ? ” Glisso, ed entro subito nel merito, puntualizzando lo stato delle cose, a Pra’: cittadini preoccupati per l’eventualità di rinnovo ed ulteriore occupazione da parte del terminalista, che vanificherebbe i progetti di fruibilità sul quale abbiamo tutti sognato, a seguito delle ultime dichiarazione di Marco Bucci all’assemblea di marzo u.s. presso il centro remiero, in occasione della “giunta itinerante”.

Non vedo alcun problema all’eventuale permanenza del deposito: il mio progetto è molto protettivo, perchè ci sarà una netta divisione: non solo le dune, ma anche alberi ad alto fusto nasconderanno del tutto la vista ed attutiranno i rumori dell’attività di NBTC. Inoltre metteremo dei limiti all’impilamento, non più di 2/max tre conts, ed altri accorgimenti, ad esempio durante le giornate di forte vento, la pista verrà chiusa , per i motivi di sicurezza che segnalate”.

Potete tranquillizzarvi, anzi ti invito a diffondere questo mio messaggio: non vi sarà alcun problema, le due cose conviveranno benissimo.”

Parola di Sindaco? “Parola di Sindaco, certo” e poi basta con queste divisioni Voltri, Pra’, Palmaro, Pegli: vi esorto a pensare in ampia prospettiva.

Gli faccio garbatamente notare che le divisioni non le abbiamo create noi, in primis la storia degli insediamenti urbani, ed in seguito i nostri amministratori, che hanno reso Pra’, delegazione maggiore, la più tartassata dalle servitù scomode.

Per il Ponente ci sarà il rifacimento della piscina Mameli e la riqualificazione di Villa Duchessa di Galliera. Anche Pegli ha i suoi problemi sul litorale, il territorio praese vedrà il restauro di Villa de’ Mari, come focus attrattivo,la riqualificazione urbana, il museo del Basilico ed altre cose previste nel piano triennale che ha illustrato l’Assessore Fanghella. Poi io sono sempre disponibile a venire sul posto per osservare bene ed accogliere i progetti dei cittadini, se fattibili.”

Lo ringrazio per questa estemporanea intervista, ed apprezzo la sua disponibilità a rispondere anche fuori dalle sedi istituzionali, ma temo che la popolazione di Pra’ ed i nostri lettori non saranno soddisfatti, poiché si era proposta una sede alternativa anche per evitare le interminabili file di Tir (c/a 2000 al giorno!) rumorosi ed inquinanti, che in pratica attraversano tutta la nostra delegazione per giungere al deposito, mentre, se collocati in zona depuratore-exVerrina-adiacenze Spinelli, sarebbero sicuramente meno impattanti per il percorso di raggiungimento molto più breve.

D’altra parte, teniamo presenti le rassicurazioni del sindaco, che ricordo, può esprimere un parere in materia, ma ovviamente l’attribuzione delle concessioni è appannaggio di Autorità di sistema, ovvero Paolo Emilio Signorini. Anch’esso ha ricevuto le centinaia di mail, ma il suo silenzio è assordante. D’altra parte, ritenendoci “zona di minore pregio”, forse preferisce cosi’.

Ringrazio invece di cuore il Municipio 7 Ponente ed il presidente Claudio Chiarotti, il quale si è fatto carico di far votare una mozione condivisa a maggioranza, che riprende e fa proprie le osservazioni/preoccupazioni dei cittadini.

Comunque, sino al dicembre 2019 vige l’attuale concessione: speriamo che in quest’anno e mezzo emergano soluzioni gradite a tutti: amministratori, operatori, cittadini. A volte, il tempo stesso è galantuomo. Noi continuamo a vigilare, e questo è quanto.

9 Comments

  1. Che brutto modo di iniziare un sabato…
    Le parole del Sindaco sono per me molto, molto scoraggianti. Come può dire che c’è compatibilità tra la permanenza di Nuovo BorgoTerminal Container accanto alla passeggiata ciclopedonale e la passeggiata stessa? Ma ha idea che correre e passeggiare mentre i mezzi movimentano e i gas di scarico ammorbano l’aria è come fare un aerosol di veleni?
    È poi è bellissima l’idea di chiudere la passeggiata quando ci sarà vento forte… Essendo Pra’ una zona molto ventosa mi chiedo: sarà più aperta o più chiusa questa nostra paseggiata?
    Mi chiedo come potremmo fare a fargli cambiare idea…forse dobbiamo invitarlo a fare un vero sopralluogo, a percorrere la passeggiata in un giorno feriale…chissà che non si possa rendere conto di come stanno veramente le cose.
    A questo punto diventa ancora più preziosa la mozione votata in Municipio ALL’UNANIMITA’ e non solo a maggioranza, in cui si chiede di i dividuare una zona più adatta alla collocazione di NBTC, ricordando che questa era una soluzione SOLO TEMPORANEA, in attesa appunto di trovare un’area in cui questa ditta possa lavorare e svilupparsi.
    Caro Sindaco, le centinaia e centinaia di persone che hanno firmato la petizione non contano proprio nulla?

  2. Lo scivolo e le scivolate? Troppi soldi spesi a cui il comune ha partecipato
    Che sistemasse ciò che deve
    Spero nn mettano a palmaro più nulla
    Nessuna divisione tra pra palmaro voltri.il sogno? Una unica passeggiata lungo tutta la costa

  3. Personalmente ritengo che è bene “separare” le cose ed i poteri. Il rinnovo della concessione a Nuovo Borgo terminal non dipende del sindaco bensì è facoltà di Autorità di Sistema Portuale, quindi dell’ectoplasma Paolo Emilio Signorini, che sta portando avanti invece un progetto minimale e conservativo nel senso che intende utilizzare i cumuli del materiale “sequestrato” dalla Magistratura , materiale che non sono riusciti a riciclare e che non intendono smaltire e che non consentirà il pieno utilizzo dell’area da parte della cittadinanza. Ci sarebbe anche da capire il perché sono state trovate le aree disponibili per Spinelli e non si riesca a trovare spazi per Nuovo Borgo Terminal, probabilmente Nuovo Borgo Terminal non fa parte della cerchia degli amici degli amici che fanno , purtroppo, non il bello ma solo il cattivo tempo nel porto e sulla Fascia di Rispetto di Pra’. Non intendo fare il processo alle intenzioni per cui auspico per il bene di Pra’ che vengano realizzate delle dune bellissime e che il progetto del parco con alberi d’alto fusto e verde in abbondanza possa dare una nuova e più bella immagine della passeggiata a mare del canale di calma. Pensare di chiudere la passeggiata sud del canale di calma quando tira vento mi pare veramente anacronistico, se ci pensa un attimo si accorge che sostanzialmente sta confermando la pericolosità imoplicita dei containers impilati a bordo della passeggiata stessa. Come sempre dovremo essere noi ad impegnaci per ottenere delle soluzioni soddisfacenti per la nostra PRA’, non dimenticando mai che la Fascia di Rispetto appartiene ai cittadini di PRA’ come risarcimento della privazione della spiaggia e per i disagi che quotidianamente subiscono per la presenza del porto. Quello che chiediamo è il minimo ed è un posto diritto e poi ancoratutti insieme per definire i problemi Palmaro.

  4. Cara Elisa Ho paura che la sua parola di Sindaco valga poco…
    Bene hai fatto a sondare l’argomento
    Mi sa che Bucci sia stato volutamente Evasivo e Tranquillizzante
    Gli alberi e le palme ci sono già mancano le dune … E con i container a 1 metri dal limite invalicabile non si possono realizzare per cui la convivenza delle 2 cose è un illusione

    Bah speriamo bene…

  5. Grazie Fabry e tutti voi che mi scrivete, ho fatto solo queste due righe per dovere di cronaca.Mandare centinaia di mail senza avere risposta, specie su una cosa che ci tocca così da vicino, mi dava parecchio fastidio e preoccupazione: certo, Mio Capitano, che la competenza formale dell attribuzione delle concessioni è di Autorità di Sistema, l’ho scritto chiaramente…
    Ma il Sindaco in primis è il garante della nostra salute, benessere e sicurezza e desideravo conoscere il suo punto di vista riguardo alla vexata quaestio, vista anche la progettualita’ del parco urbano lanciata proprio da lui!
    Come ho già scritto, spero comunque in ulteriori sviluppi e ripensamenti …anche, io come Paola, sogno che si possa percorrere tutto il nostro territorio municipale, da Multedo a Vesima, in una lunghissima passeggiata senza interruzioni.
    Per ora, prendo atto che non si può.

  6. Grazie del servizio.. percepisco uno strisciante servilismo dei Sindaco nei confronti dell’autorita portuale. Giochi gia fatti? Riguardo alla divisione territoriale anche io penso che il troppo campanilismo porti a creazioni di micro gruppi deboli. Meglio l’unione ma ciò deve rispettare il peso demogtafico e razionalizzazione logistica. Porto ad esempio la collocazione della sede del minicipio, scelta su quale base? La delegazione più popolosa è anche la piu lontana. Pra’ sarebbe centrale e servita da parcheggio e treno. Riguardo ai progetti futuri? Della vecchia stazione non se ne parla.? E i soldi stanziati? Che fine hanno fatto?

  7. Dobbiamo pensare ad essere uniti e prepararci a come organizzarci per ottenere un nostro diritto. Secessione da Genova. Abbiamo il porto e facciamolo nostro.

  8. Arius, il progetto museo del Basilico riguarda appunto la vecchia stazione: gia’ all’assemblea di marzo al Remiero, l’Assessore Fanghella ha asserito che lA STRUTTURA ESTERNA VERRA, NEL CORSO DEL PIANO TRIENNALE, PORTATA A RIFACIMENTO TOTALE, per motivi di sicurezza , di affezione storica,e perché in stridente contrasto, opera fatiscente, nel contesto rinnovato dei POR. Nel dettaglio le suddivisioni interne non sono del tutto definite, ma il Museo del Basilico sembra gradito, ovviamente pero’non in doppione con analoga struttura che gia’ abbiamo a Villa Sauli Podesta’.
    Ricordo che allora Fanghella si espresse anche a favore del mercato kmzero, avendo moltissime richeste di esercenti. D’altro canto, la superficie interna non e’ sterminata, si vedra’.
    Ok per peso demografico, non rispettato in nulla: palazzo municipale agli estremi, quando Pra’ ha una posizione baricentrale ed equidistante da Pegli e Voltri, ed e’ ottimamente servita da ferrovia e parcheggi. Anche questo dobbiamo rivendicare, forse non e’ necessario, Marino, secedere ma pretendere una maggiore valorizzazione a tutto campo di Pra’, sicuramente si.

  9. Non e’ la prima volta che i cittadini di Pra’ si rivolgono alle istituzioni per porre il problema dei containers lungo la pista ciclabile sulla fascia di rispetto. Ricordo, tra le tante, un’interpellanza al riguardo in consiglio comunale rivolta all’Assessore Piazza dal Consigliere Caratozzolo che fu girata immediatamente a chi di competenza e cioe’ ad Autorità Portuale nella persona del Presidente Merlo.Lo stesso si dichiarò disponibile, non solo a mettere in sicurezza l’area da eventuali rischi di cadute containers sulla pista ciclabile, ma anche di individuare siti piu’ idonei dove ricollocare i containers di Nuovo Borgo Terminal. Sono convinta che a tuttoggi,pur auspicando un accoglimento di quanto richiesto dalla cittadinanza e dal Municipio, la cosa sia di difficile soluzione, soprattutto perchè non si conoscono le dinamiche che intercorrono tra AP e NBT. Il Sindaco durante l incontro di 3 giorni fa, dove la sottoscritta era presente,(sono io l’amica di Elisa),con molta onestà intellettuale, ha confermato, previa la concessione di AP di una porzione di terminal scarsamente utilizzato, la fattibilità del progetto di un parco adibito a spazi verdi come promesso a suo tempo e nel contempo(proponendo un determinato accomodamento), l’assoluta compatibilità con l’attività di NBT e dei suoi containers che non dovranno superare il secondo tiro.
    Sono assolutamente d’accordo con quanto scritto da”Mio Capitano” e dalla nostra Elisa nel dire che, alla fine, Marco Bucci non puo’ pronunciarsi favorevolmente su quanto non può mantenere perchè trattasi di scelte non di sua competenza (non trattasi di servilismo).
    Solo Autorità Portuale ha facoltà di accettare o meno l’istanza di Nuovo Borgo Terminal o di trovare un sito alternativo che soddisfi la sua necessità di spazio e soprattutto accontenti la popolazione praina, cosi fortemente compromessa dall’ invasività del porto.

Rispondi a Arius Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*