Il simbolo di Borgo Foce gira il Mediterraneo

Mario Michelini –

I gonfaloni dei Sestieri Praesi sono stati realizzati su iniziativa di Guido Barbazza e Nicola Montese, su bozzetti realizzati da Andrea Bruzzone e benedetti ed inaugurati il 20 Giugno 2010 in occasione del Primo Palio Marinaro di Pra’. Guido Barbazza, che ne ha definito i concetti, è partito dai vecchi gagliardetti dei sestieri esposti nella sala consiliare del palazzo comunale di Pra’. I simboli ed i colori dei Sestieri Praesi richiamano sia la storia e le peculiarità degli stessi, sia i colori del Gonfalone di Pra’. Il campo del gonfalone di Borgo Foce è, non a caso, color verde basilico, e il simbolo    raffigurato rappresenta un antico gozzo a vela latina, imbarcazione un tempo utilizzata dai pescatori praesi e molto diffusa sulla spiaggia di Pra’. Più precisamente il disegno è stato realizzato prendendo a modello una foto del gozzo cornigiotto San Giuseppe costruito nel 1920 ad Arenzano per un’antica famiglia di pescatori e utilizzato per la pesca sino al 1976. Purtroppo in quegli anni molte barche della marineria praese oramai in disarmo furono lasciate al loro triste destino, abbandonate sulla spiaggia, distrutte a poco a poco dagli agenti atmosferici e seppellite dalla discarica portuale sui cui è poi nata la “Fascia di Rispetto”. Per fortuna, la famiglia praese Michelini il suo gozzo San Giuseppe lo ha mantenuto sempre in ottime condizioni e dopo averlo utilizzato come barca da diporto, comprendendone il grande valore storico decise di armarlo a vela latina e iscriverlo ai più importanti raduni di vele d’epoca in giro per il Mediterraneo facendone così un importante ambasciatore della marineria genovese e di Pra’ in particolare.

Una barca d’epoca dice molto della genesi del posto, permette di capire per cosa era utilizzata, che tipo di mare doveva affrontare e soprattutto l’abilità di chi l’aveva costruita e la governava in mare. Insomma a saperla “leggere” è come un vero e proprio libro di storia. Questo concetto è ben chiaro ai nostri cugini francesi che si prodigano per la salvaguardia del loro patrimonio marittimo e hanno creato dei particolari registri per le imbarcazioni storiche. Perciò, anche nel 2017, il San Giuseppe ha continuato a frequentare i raduni francesi facendo bella mostra di sé a Mentone, Ville Franche sur Mer e Saint Tropez. In Italia ha partecipato ad un evento sul lago Maggiore, anche perché l’associazione organizzatrice possiede oramai la più importante flotta di gozzi liguri di cui, l’ultimo arrivato, era sino a poco fa abbandonato proprio sulla Fascia di Rispetto di Pra’. Per un praino come me, appassionato di gozzi, dover andare su un lago per vederne un buon numero crea strane sensazioni.

Da una parte si è contenti di vedere che le barche della propria tradizione marinara siano apprezzate e salvaguardate, dall’altra pensare che ciò avviene grazie all’interesse e alla cultura di persone di altri paesi un po’ dispiace. Ovviamente il San Giuseppe non ha smentito quanto di buono si pensa delle marineria praese e oltre ad essere stato ammirato per l’eleganza delle linee a terra, ha anche dimostrato tra le boe la loro efficacia, confermando quanto visto negli anni passati: nella classe sotto ai 5 metri poche barche possono tenerne il passo. Quindi anche nel 2018 il San Giuseppe, ben felice di essere il simbolo del sestiere di Pra’ “Borgo Foce” in primavera parteciperà, senza sentire il peso degli anni, ai raduni d’epoca, con l’orgoglio di rappresentare Pra’, la sua storia e le sue tradizioni marinare.

3 Comments

  1. Incantevole narrazione…tra le righe si legge la passione, quella che fa provare un tuffo al cuore quando scorgo qualcosa di Pra’ lontano dai suoi confini.
    Ho sempre navigato per diporto su sloop ovvero armati con randa e fiocco e non so bene che sensazione dia la vela latina…prima o poi la proverò.

  2. Guarda Ariel, è una cosa fantastica. Ti senti come trasportata, con facilità.Meno dura, meno fatica. Fantastica. Come questo bel diario di bordo.
    Ci vorrebbe capitan Trinchetto!

  3. Mario, la tua narrazione è un vero libro di storia !
    Ma per un monumento come il San Giuseppe non si pu fare meno.
    Paul e Annabella

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*