Il senso civico, questo sconosciuto

Elis@ Provinciali-

Pare che ognuno di noi sia estremamente reattivo nel difendere il suo “spazio vitale”. Nell’ordine, la nostra casa, che apriamo solo ai consanguinei o a chi gode della nostra fiducia. Un buon paio di metri, intorno a noi, per i semplici conoscenti, e per gli incontri occasionali, magari un po’ di meno, circa 100 cm per gli amici, distanza che si riduce a pochi decimetri, per il partner, per chi amiamo, eccezionalmente facciamo avvicinare di piu’ il medico, o il dentista, (obtorto collo), e se dobbiamo fare una confidenza, ecco che le nostre labbra sfiorano l’orecchio dell’altro, mentre per esprimerci nella nostra completa fisicità cerchiamo il contatto pelle a pelle: per parlare ad un bimbo, ci chiniamo al suo livello, se poi quel bimbo è nostro figlio o nipote, allora si, non c’e spazio vitale da difendere, perchè ciò che proviamo ci rende una cosa sola. Un cucciolo di labrador, un micetto tenero, e gli permettiamo pure di leccarci il viso. Per ciò che sentiamo davvero “nostro”, non ci sono limiti, anzi saremo disposti all’impossibile.

Ebbene, quando invece si tratta di proteggere il “nostro” paese, le sue vie e le aree comuni, ecco che alcuni di noi li percepiscono come una “res nullius”, cosa di nessuno, e di conseguenza, le cure che riserviamo al personale vengono meno: ad alcune persone risulta difficile capire che se danneggiamo, che so, una siepe, un muretto, un lampione, ne subiamo la perdita anche noi!

Il Parco Dapelo, polmone verde che non ha eguali in tutta la città, concepito come un’incantevole cortina vegetale in stretta contiguità col quartiere, soffre, purtroppo, di questa sua estrema libertà di frequentazione, non vi sono barriere, cancelli, divieti, solo per l’appunto, quel famoso senso civico del titolo, che ci impone di gettare i rifiuti dove si deve fare, trattare le panchine, gli alberi, le fontanelle, con la stessa sollecitudine che adottiamo nella nostra casa, utilizzare gli spazi e le strutture con rispetto ed appropriatezza. Ma non sempre…

Purtroppo, giungono infatti continue segnalazioni fotografiche di danni, più o meno gravi che colpiscono, danno fastidio, turbano e generano grande rabbia, nei cittadini che vorrebbero essere circondati dal decoro, anzi meriterebbero un ambiente sano, bello, pulito e via dicendo.

 Una lettrice che assiduamente ci segue, mi racconta che durante la piantumazione delle aiuole e rotonde, spesso scendeva con un paio di bottiglie d’acqua per ristorare le palmette assetate. Sempre Paola G. che spesso commenta i nostri articoli, mi disse una volta che aveva giustamente redarguito dei ragazzini che facevano il comodo loro, imbrattando le aiuole e si sentì mandare a quel paese, per non dir altro, con tanto di indice teso. Se Sparta piange, Atene non ride: devastato il lavoro di Genova made sulla passeggiata di Nervi, annullato il lavoro dei volontari, scritte sui muri, piante divelte. Arrampicata libera sui bassorilievi della facciata di San Lorenzo. Demolito un Re Mago di duecento anni. La cronaca cittadina è costellata di questi orrori, sembriamo aver perso la dignità ed il rispetto, ci comportiamo come se il pubblico non ci riguardasse, mentre basta vedere due automobilisti che si fronteggiano per un graffio, o un posteggio soffiato. La macchina è nostra, la casa è nostra, la famiglia e gli amici, i vestiti, gli oggetti,il denaro sono nostri, esattamente come un oleandro del parco, una panchina, un prato fiorito, solo che quest’ ultima è una proprietà condivisa. Mi scrive Paola G.<Abbiamo provato con la carota, temo ci voglia il bastone, la cultura imperante consente questo vandalismo, i responsabili restano impuniti>.

Il maresciallo dei vigili urbani di Pra’, Comandante Fantauzzo, è andato in pensione, ed il suo ruolo è attualmente ricoperto dal Comandante Roberto Rogna, Polizia Municipale di Sestri, che però ha competenza anche su Pra’. Intervistato telefonicamente, si è rivelato assai disponibile, ovviamente sostiene la prevenzione tramite le telecamere < che hanno certamente un azione deterrente, poichè presidiare con agenti è impossibile, abbiamo 4 pattuglie per tutta la città! E’ comunque difficoltoso, perchè molto spesso sono ragazzini incensurati, pertanto non inseriti nei data base, non si possono identificare.

Il cittadino che desidera segnalare atti di vandalismo, può ricorrere alla nostra Centrale Operativa, che funziona h 24. Il numero: 010/5570, che dirotta la volante sulla zona. Il comune ha in progetto l’installazione delle telecamere, non si conoscono ancora tutti i siti interessati, dipende ovviamente dalla frequenza degli episodi. Le faccio un esempio, Corso Perrone è assolutamente da controllare giorno e notte, ma certo che il vostro bellissimo parco merita tutta la cura possibile, e poi ora che finalmente avete il nome giusto del casello e del porto di Pra’ > Simpatica persona, il Comandante. Fa piacere quando i “non praesi” si dimostrano aggiornati su di noi.

 

Altro punto dolente, la pulizia: la 

spazzatura che straborda, gli oggetti ingombranti lasciati per strada, quando abbiamo un’isola ecologica a due passi, e le deiezioni dei cani, (i quali, ovviamente non hanno colpa) che i loro padroni non raccolgono mai, e nessuno che dia una bella sanzione! L’altro giorno il muro di Villa de’ Mari era tutto rigato da zampilli sospetti. Al mattino, occorre fare lo slalom. Non è giusto, ognuno di noi deve prendersi la sua bella parte di responsabilità !

Senso civico, sempre quello, ma visto che latita, almeno per quest’ ultimo problema, uno spiraglio esiste e si chiama “Clean-app”, è stata creata da AMIU , raccoglie le segnalazioni e soprattutto, interviene a pulire. Nel sestiere di Palmaro, molti cittadini e negozianti affermano di averla utilizzata con successo, ed un talentuoso ragazzo, Roberto D.S. ha creato un sistema digitale per facilizzarne l’utilizzo , raccogliendo anche lo storico degli interventi sul nuovissimo sito che fa capo al costituendo Comitato omonimo.

Naturalmente, ci sono anche moltissime altre cose interessanti su questo blog, molta storia di Pra’ e delle sue bellezze, che ci fanno ben sperare in una visione condivisa , per una delegazione che si sta letteralmente “risvegliando “ dal torpore di anni. I social ci parlano di una maggiore visibilità dei problemi, in tempo reale giriamo informazioni e soluzioni, e sopratutto, mettiamo al corrente tantissimi concittadini, per scambiare idee e proposte. FB, Wattsapp e siti come quello citato, hanno lo straordinario potere di aiutare la mobilitazione, che nel sestiere di Palmaro, sta crescendo in modo esponenziale. Cristina B. anima del movimento, Carla S., Viviana F., Rita P. ed altre stanno progettando una sorta di infiorata per Pasqua, iniziando a riordinare le poche aiole che vi sono, chi ha tanti vasi e piante grasse le donerà alla collettività, nessuno avrà timore di sporcarsi (letteralmente), perchè se rendi ordinato il tuo salotto, puoi fare lo stesso col tuo paese.

 Ce n’è anche per il Municipio, naturalmente: a Palmaro, gli abitanti si chiedono quando verrà finalmente smantellato l’orinatoio in disuso in via SS.Trinità, e verrà fatto un minimo di restyling alla zona che circonda la storica pieve di N.S. Assunta. Anche veder ricomparire il rubinetto della fontanella, asportato dopo pochissimo tempo, e non ancora sostituito.Vogliamo parlare anche del cancello di Villa de’ Mari, e della oscena gabbia degli ex Saint Tropez, poi Special, poi Bum Bum, dove ai tempi d’oro, venivano a cantare star della musica pop, ora è un rudere così come tutto il muretto della ferrovia. La configurazione del sestiere rende difficile il rifacimento del manto stradale, perchè vi sono molte zone private che si alternano a quelle pubbliche, ma confidiamo che il presidente Chiarotti mantenga le promesse, si può anche partire da micro-realizzazioni, ma occorre agire, senza indugio, per estendere i benefici estetici e funzionali dei POR a questa parte di Pra’, che ne è rimasta esclusa. Il sestiere di Palmaro è il biglietto da visita per chi esce dal casello di Pra’ e si dirige a levante, e così com’è adesso, non è certo un bell’ingresso.

 

I negozianti di via Fusinato hanno reso piacevole passeggiare in quella zona, ed anche via alla Chiesa di Pra, via Sanremo ed altre, potenzialmente, possono essere rese più gradevoli, uscendo da quel circolo negativo di sciatteria che genera altra incuria.

Presto inizieranno a comparire segnali positivi, perchè il bello piace a tutti, e genera ulteriore bellezza…ma va protetto, amato, mantenuto: senso civico, appunto.

16 Comments

  1. E pensare che per tante cose prima di politici, polizia e chi per essi sarebbe sufficiente un minimo di educazione, a quanto pare a molti sconosciuta..

  2. Saper vivere civilmente, insieme agli altri sta diventando sempre più difficile. Le regole non vengono rispettate , molti si comportano in modo non adeguato.Non dovrebbe esserci bisogno di telecamere o “guardie” pronte a punire gli inadempienti.Mi rattrista vedere che purtroppo i beni comuni sono rovinato o distrutti, ma non bisogna mollare e insegniamo ai nostri futuri cittadini come conservare e proteggere il nostro paese. Per ora cerchiamo comunque di migliorare noi adulti!

  3. Non è mai troppo tardi per cominciare prima di tutto da noi stessi, ognuno nel nostro piccolo per quello che può fare come cittadino, potrebbe essere un’idea chi lavora nella scuola proporre un progetto tipo (adotta uno spazio verde) (miglioriamo PRA’) eccc sarebbero coinvolti i ragazzi, i genitori, i nonni . Potrebbe essere un inizio!

  4. Si sente nell articolo il cuore.Purtroppo tutti noi dovremmo insegnare a chi lo ha dimenticato il senso civico e la tutela del bene comune.combattiamo il degrado,rendiamo il nostro quartiere bello.diamo a pra e a palmaro a modo nostro il mare

  5. Grazie…certo Marina, iniziare dai giovanissimi avrebbe il vantaggio di far crescere i ragazzi col senso di responsabilita’ per il contesto, anche se ovviamente, la famiglia deve fare la sua parte. Conta l’esempio, innanzitutto, perché se io sgrido il mio bimbo che butta la carta della merendina nel parco, ma poi magari, che so, svuoto il posacenere dell’auto dove mi pare, o scrollo il tappetino sulla testa dei vicini…
    Tornando alla scuola, la direttrice dell’Istituto comprensivo di Pra’, Francesca Migliorero, e’ persona sensibile a questo tema, l’anno scorso si parlo’ di “adotta un albero”. riprenderemo questo discorso.

  6. Un tempo l’educazione civica si insegnava a scuola, era materia di studio per apprendere e consolidare stili di vita “civili” e “urbani”.
    Per rispettare gli altri, l’ambiente, il contesto di vita quotidiana.
    Poi a poco a poco è stata abolita: forse sembrava troppo vessatoria.
    Obblighi, divieti, regole, buone norme…. In nome della libera emancipazione di ciascuno abbiamo cominciato a farne a meno, nella scuola, in famiglia, nei luoghi di lavoro e di svago. Da tempo ci si rende conto che è stato un errore. Si parla allora di educazione alla cittadinanza: ma se cambiano i nomi e non le abitudini tutto resta come prima, anzi peggiora.
    Bisogna diffondere i valori del bene comune.
    Del rispetto e della misura, verso gli altri e verso la natura e le cose. Tutto oggi si consuma in fretta, tutto si usura, tutto si butta.
    Il mondo rischia di diventare una gigantesca pattumiera.
    Ci sono rifiuti che inquinano l’ambiente in modo irrimediabile, avvelenano la catena alimentare, abbruttiscono i luoghi della nostra esistenza.
    Prima dell’istruzione a scuola si dovrebbe aver cura di insegnare – imparare – apprendere la buona educazione. Acquisire dai banchi di scuola stili di vita da praticare e diffondere. E bisogna farlo prima che sia troppo tardi. Il presente è già compromesso, il futuro non può essere irrimediabilmente inquinato.

  7. Quello che scrivi e’ sacrosanto Eisa, quante volte ho ripreso i cittadini incivili che fanno cio’, ma poi ho capito che questo accade perché nel Ponentela gente ha una forma di ribellione verso le istituzioni, che qui non hanno mai dato l’esempio del rispetto del territorio.Tutto si trascina nell’orrido, da Sampierdarena a noi, sporcizia ed incuria.
    L’altro giorno ho dovuto portare mia madre a Villa de’ Mari, non si poteva camminare dalle pozzanghere.

  8. Mi piacerebbe vedere un cambio di mentalita’ nei Palmaresi,che iniziassero a raccogliere le deiezioni dei loro amici a 4 zampo, non per timore di multe ma per una nuova consapevolezza che le strade pulite sono garanzia di salute oltre che di ordine!
    Le zone verdi sono talmente poche e dobbiamo mantenerle pulite per responsabilita’ nei loro confronti.

  9. Bell’articolo! il senso civico non condiviso porta al degrado. lo verifico anche con i bambini a scuola…difficile far capire loro che gli oggetti e gli ambienti scolastici sono di tutti e vanno rispettati.

  10. Ciao Elisa! il tema e’ molto interessante e utile! una cosa da aggiungere e’ la scorciatoia che dal Dpiù porta verso il fiume e la scuola: e’ piena di cose dei cani! E questa stradina la usano tutti i giorni i bambini per andare a scuola. E’ una vergogna!

  11. Io tutte le mattine porto il cane in Villa e spesso mi ritrovo con le scarpe imbrattate perché alcuni proprietari non raccolgono nulla. E poi c e’ da tenere conto che i cani si possono ammalare facilmente e noi portiamo nelle nostre case quello che abbiamo calpestato con le dovute conseguenze.

  12. Brava Elisa domani lo leggo in classe anzi lo stampo e distribuisco. poi faremo un dibattito ed un testo argomentato. Vedremo cosa producono.

  13. Dalla lettura dei commenti, si sente che c’è uno spirito convergente ed un desiderio di bello, di pulito, una voglia di vivere in un ambiente a portata d’uomo e, sopratutto un impegno a mettersi in gioco finché questo diventi possibile. Secondo me è una bella presa di coscienza sulla quale contare per iniziare a fare i primi passi verso quella direzione. Coinvolgiamo la scuola, le associazioni, sopratutto i genitori. I genitori possono essere veramente i protagonisti di questo rinascimento, di questo cambio di comportamento dall’incuria al . . I CARE. Ci tengo al posto dove vivo perché è casa mia. Un cambiamento è possibile in funzione di quanto tutti ci sentiamo coinvolti . Grazie a tutti.

  14. Quando leggo un libro o un articolo che rispecchiano esattamente tutto quello che penso e sento provo un senso di gratitudine verso la persona che è riuscita a farlo. L’argomento che hai trattato mi coinvolge talmente tanto che pensavo di vincere la mia ritrosia e scrivere in merito a ciò sul nostro magazine. Sono contenta che tu mi abbia preceduto perché io non avrei potuto trasmettere in modo così chiaro preciso e coinvolgente come hai fatto tu. GRAZIE ELISA….. Anch’io come Niclo : I CARE.Ci tengo al posto dove vivo perché è casa mia.

  15. Grazie Presidente Niclo, grazie di cuore Miria: anche io I CARE, perché paesi belli e puliti preludono ad una grande Italia, che è la nazione dove siamo nati.
    Ma anche tutti gli stati intorno a noi devono mobilitarsi per rendere questo pianeta blu che chiamiamo Terra un luogo bello sano e pulito nel quale vivere…..I CARE FOR EVER.

Rispondi a Agnes Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*