Il Progetto: ridare il mare a Pra’ – Palmaro

Alessio Ponte

Come da programma annunciato in occasione della super-partecipata web-conferenza di presentazione del 4 dicembre u.s., il gruppo di esperti e tecnici dei Cittadini di Pra’, coordinati dalla FondAzione PRimA’vera, ha condensato in un unico progetto le idee contenute nei 4 studi dell’Università, selezionando quelle tecnicamente realizzabili a costi ragionevoli e in considerazione dei vincoli geo-morfologici, integrando l’approccio teorico con la conoscenza specifica e profonda del territorio, ricavandone 5 aspetti: la “laguna”, le “isolette”, le “fasce”, “i ponti”, “la trincea”. E’ nato così “IL” progetto – proposta per ridare il mare a Pra’ – Palmaro, che, il 5 gennaio u.s. è stato consegnato ai dirigenti e tecnici del Comune di Genova responsabili della presentazione della proposta progettuale dello stesso Comune per concorrere, come da recente decisione del Vice Sindaco, Pietro Piciocchi, al Bando Inter-Ministeriale per il Programma Innovativo Nazionale per la “Qualità dell’Abitare”. La documentazione, estremamente dettagliata, consiste in 25 slides, che sono state donate al Comune quale frutto del percorso partecipato iniziato con la prima proposta dei cittadini, pubblicata su “Il Praino”, il giornale di Pra’, di Aprile 2010 e culminato con i lavori dell’Università di Genova e le votazioni dei cittadini e delle associazioni di Pra’. Nella stesura del “Book di presentazione del Progetto per ridare il mare a Pra’ Palmaro”, infatti, sono state selezionate le 5 idee progettuali più innovative contenute nei progetti degli studenti dell’Università di Genova componendo un mosaico che, opportunamente calato nel contesto degli spazi a disposizione, evidenzia, seppur in via preliminare, la possibilità di realizzare il progetto con i fondi resi disponibili se il progetto risulterà vincente ed approvato (15 MEUR). Il documento di presentazione è stato accolto in maniera decisamente positiva dai tecnici del Comune e costituirà un ottimo punto di partenza per gli approfondimenti tecnici necessari nella realizzazione della Proposta progettuale in risposta al bando, fornendo in un pacchetto completo di elementi di contestualizzazione storica degli eventi che hanno portato alla privazione del litorale balneabile lungo la delegazione praese, di descrizione del processo partecipativo che ha caratterizzato la nascita del progetto, di identificazione degli interventi di primaria importanza per mitigare gli effetti di convivenza con il Porto di Pra’, di individuazione delle soluzioni tecniche ed un primo dettaglio degli accorgimenti necessari per assicurare la continuità estetica e funzionale con il POR Pra’-Marina. Nel corso delle prossime settimane le attività procederanno scandite dal ritmo dei vari incontri previsti per raggiungere l’obiettivo di presentare la proposta progettuale entro i termini stabiliti dal bando. Come sempre, potrete leggere gli ultimi aggiornamenti sul magazine SuPra’tutto.

Uno stralcio del Book di Progetto

3 Comments

  1. Molto bene!
    Speriamo che sia veramente “la volta buona”! Noi abitanti di Palmaro aspettiamo con ansia di vedere finalmente l’inizio di una svolta che ci possa risarcire, almeno in parte, di tutti i danni e disagi che abbiamo e stiamo ancora sopportando per tutta la devastazione che ha caratterizzato da ormai tanto tempo, il nostro vivere quotidiano!

  2. Brava Rita ben detto…se non ora quando!?la posta in gioco e’ altissima ma anche di gran livello somo le energie messe in campo per Pra’Palmaro

  3. Sarebbe un progetto fantastico se si riuscisse a realizzarlo. Lo spero per mettere la parola fine alla sofferenza e sacrificio di Palmaro

Rispondi a Ariel Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*