Il Presidente Merlo lascia l’Autorità Portuale approvando i finanziamenti per l’elettrificazione delle banchine di Pra’

Guido Barbazza #

Rendering grafico colline alberate della Fascia di Rispetto di Pra'
Rendering grafico colline alberate della Fascia di Rispetto di Pra’

L’ultimo Comitato Portuale tenutosi sotto la gestione del Presidente Luigi Merlo ha approvato il Piano Operativo Triennale (POT) 2016/2018 la cui discussione era cominciata in occasione della seduta precedente. Tra i più significativi progetti approvati ed inclusi nel POT figura l’elettrificazione delle banchine del Porto di  Pra’. In occasione della Conferenza “Disegniamo insieme Pra’ Futura 2.0” tenuta il 19 giugno u.s. presso il palazzo municipale di Pra’, in piazza Bignami, lo stesso Presidente Merlo aveva annunciato lo stanziamento dei 14 milioni di Euro necessari precisando che i lavori per l’elettrificazione a Pra’ sarebbero iniziati a giugno del 2016 con una durata stimata in 14 mesi, ed una entrata in servizio prevista per agosto 2017. Il sistema di distribuzione progettato consentirà l’alimentazione delle navi dalla rete elettrica nazionale a tutte le tensioni e frequenze utilizzate dalla cantieristica internazionale. L’Autorità Portuale ha valutato che l’elettrificazione delle banchine di Pra’, una volta pienamente e completamente in esercizio, consentirà la riduzione delle emissioni in atmosfera delle navi in sosta, portandole praticamente a zero, per ben 53 tonnellate all’anno di NOx, 52 tonnellate di Sox, 3 tonnellate di PM (Particolato) e 831 tonnellate di CO2. L’approvazione del finanziamento per l’elettrificazione delle banchine segue quello da 1,5 Milioni di Euro per le colline alberate di separazione porto/Fascia di Rispetto, che sono previste essere realizzate entro fine 2016. Quanto sta succedendo è in linea con quanto promesso e prefigura tempi decisamente migliori per Pra’ segnando l’effettivo inizio del percorso tracciato nella visione di “porto amico”. Luigi Merlo è stato il primo presidente dell’Autorità Portuale di Genova a dimostrare attenzione e sensibilità verso Pra’ ed i suoi cittadini, producendo atti e fatti concreti e tangibili per riparare ai disastri combinati in zona dai suoi maldestri predecessori, che hanno sempre ignorato Pra’, la sua gente, il suo territorio, sfruttandoli con noncuranza al pari di un possedimento coloniale. Merlo ha trasformato le ipotesi di piano regolatore portuale precedenti, che prevedevano altri massicci e devastanti riempimenti davanti a Pra’ con zero contropartite nel piano attuale che, a fronte di interventi di ampliamento minimali e di fatto imposti dall’aumento delle dimensioni delle navi, contempla il prolungamento del canale di calma e della Fascia di Rispetto verso ponente, lungo tutto il litorale praese, staccando il porto dall’abitato e realizzando il “porto isola”. Suo anche il decreto con cui è stato, finalmente, dopo decenni, assegnato il nome ufficiale, e finalmente corretto, al porto costruito davanti a Pra’: “Bacino Portuale di Pra’ “. Di tutto ciò bisogna dargli atto. Speriamo che i suoi successori si dimostrino all’altezza e mantengano la continuità di attenzione e rispetto per Pra’ e le sue legittime necessità ed aspettative.

5 Comments

  1. Si, bene, effettivamente Luigi Merlo ha fatto tanto per il nostro territorio…e fino all’ultimo, raccomandando pure ad Autostrade di introdurre al più presto la corretta denominazioe allo svincolo, denominandolo “di Pra'” come il Porto. L’elettrificazione degli approdi sara’ un’ulteriore conquista e finalmente, tanti insonni per forza potranno dormire sonni tranquilli!
    Ma mi chiedo, e giro anche a Luigi Merlo, ed al futuro Presidente di Autorità Portuale: ma Palmaro, ancora quanto deve stare così, con pile di containers(dal 4o tiro in su)a pochi metri dalle case, con un frastuono costante per il districkt park, treni locali, statali, portuali che passano ad ogni ora del giorno e della notte, e stridono, sferragliano, frenano!!!!!!!!!!!!!!!!
    MA E COSi’ DIFFICILE FARE QUALCOSA? tutti dicono…sposteremo piu’ a ponente, dove vi sono spazi inutilizzati, ma non succede mai nulla.
    Cosa si nasconde dietro questa inerzia?
    Sarà più difficile ed oneroso elettrificare le bamchine, ed installare le collinette alberate,non credete? Eppure si farà, ma lo scempio, lo scandalo, la visuale fortemente deturpante ed invadente, che potrebbe mutare con un semplice spostamento,E’ ARGOMENTO POCO O NULLA CONSIDERATO:vorrei sapere semplicemente perchè, quali interessi vengono protetti, in luogo di quelli degli sfortunati abitanti del sestiere di Palmaro (e Ca’Nova).Grazie!

  2. A quanto ho capito, la FondAzione ha fa tempo lanciato il progetto “Ridiamo il mare a Pra’-Palmaro” che dovrebbe costituire la soluzione per il Sestiere di Pra’-Palmaro. Speriamo che ci riesca. Elsa

  3. Mi associo vivamente all’auspicio di Elsa riguardo al futuro del sestiere di Palmaro.
    Ho trascorso a Palmaro la mia infanzia e la mia giovinezza. All’inizio degli anni ’60, mio padre, che lavorava nell’edilizia e sapeva dei nuovi quartieri che stavano sorgendo a ridosso del mare a ponente, decise che ci saremmo trasferiti da Bolzaneto, in Valpolcevera, dove erano le nostre radici famigliari, per un posto al sole e al profumo di mare, una sorta di “buen retiro”. Perché allora Palmaro era davvero questo e nel mio cuore continuo a vederlo così … case strette fra colline verdi e uno dei più bei litorali di ponente; si usciva con gli zoccoli da mare ai piedi, l’ombrellone sottobraccio e la focaccia nella borsa, si mangiava in spiaggia, aspettando che uscissero le lampare … quanti ricordi … mio padre che salava le acciughe sul bagnasciuga davanti alla “Casetta” dello Speranza, la domenica pomeriggio all’oratorio della Orsoline, Don Massa e il suo fare burbero e buono da prete di paese, la gita settimanale a comprare il basilico, appena sopra casa … ricordo con nostalgia persino la barca di Bicchi, carica di “pescoei”, a fare la spola tra la spiaggia e la diga, il “muro” che aveva chiuso l’orizzonte e avrebbe aperto la via ad uno scempio ambientale senza fine. Sembrano passati secoli. Di quel mondo è rimasto pochissimo. Di quella bellezza sono rimaste le facciate signorili delle grandi dimore gentilizie, Villa De Mari, Villa Podesta’, Villa Laura e le altre … e restano una profonda delusione e amarezza per un territorio splendido aggredito selvaggiamente per mare e per terra, escluso, sono ad oggi, da un possibile piano di recupero complessivo, soprattutto litoraneo. Mi auguro di cuore che la visione accolta dal Presidente Merlo si concretizzi nel modo migliore e in tempi accettabili perché anche Palmaro, che di Pra’ è il nucleo più antico, riguadagni un aspetto e una dimensione di vita accettabili. Stringe il cuore vederlo così, grigio e immobile in un degrado urbanistico e ambientale reso ancora più evidente dalla riqualificazione che corre lungo la Fascia di Rispetto.

    Un caro saluto ai “palmaresi” come me, che si ricordano di quando andavamo in spiaggia con il bottiglino dell’olio e lo straccetto per togliere la “moka” e la borsa frigo con le zucchine ripiene ad aspettare i papà che tornavano dal lavoro …

  4. Davvero bellissimo questo commento di Paola G….tutto vero e condiviso, ricordo anche io i momenti che sono rimasti impressi a lei,il bottiglino con l’olio e lo straccetto per la “moka” e’ strepitoso,e tutto il resto sono frammenti di una Palmaro che il Porto ha inghiottito! Spesso mi chiedo chi ha malauguratamente deciso di accettare questa realizzazione, e penso che davvero, è stato complice di uno scempio perpetrato alla gente ed alla natura…dubito possa dormire sonni tranquilli, perchè il danno inferto a Pra’ e’ perenne ed incalcolabile, chiunque può rendersene conto.
    Come giustamente osserva chi mi precede, la Fondazione porterà avanti il progetto”Ridiamo il mare a Pra’-Palmaro”…e mi auguro sia ascoltata nel più breve tempo possibile!

Rispondi a Paola G. Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*