Il pampano – Croce Verde

Antonella Freri –

Potrei scrivere fiumi di parole, la Croce Verde è stata per me la seconda casa, ho una miriade di ricordi, ma voglio celebrarne uno, quello che secondo me ha fatto storia.

Mio padre teneva una corrispondenza epistolare con Sabin, ammirava quell’uomo che si era inoculato un vaccino per testarlo, uno scienziato che non aveva brevettato la sua scoperta per destinarla a tutti, aspettava le lettere con la trepidazione di un ragazzino. Un giorno si fece coraggio e invitò lo scienziato per la premiazione dei militi della croce verde di prà. Sabin declinò l’invito, era una persona schiva, riservata.

Pertini non fu la seconda scelta, nei progetti di mio padre c’era un dono prestigioso da riservare ai Praesi, invitare due colossi, uno della politica e uno della medicina, dare lustro a quel piccolo paesino di provincia che veniva distrattamente attraversato da turisti che portavano la loro attenzione sui vicini lidi balneari, e forse, con un po’ di malizia, avrebbe voluto essere testimone di un ipotetico dialogo fra giganti.

Pertini accettò l’invito senza esitare, ammirava i giovani che spendevano le loro giornate al volontariato, mio padre restò piacevolmente sorpreso, aveva corteggiato invano Sabin per mesi e non si aspettava da un Presidente della Repubblica un consenso cosi immediato.

Ricordo ancora quella mattina, Freri con il vestito elegante. Lo osservavo dalla cucina mentre lui davanti allo specchio annodava con mani sapienti, che anni di collegio svizzero gli avevano impartito, il nodo alla cravatta. Sorridevo nell’immaginarlo, dopo poche ore, con il dito indice infilato nel colletto che girava velocemente la testa da sinistra a destra come a volersi svincolare dalla stretta di quell’accessorio imposto dal protocollo.

Il Presidente arrivò, noi eravamo troppo giovani per fargli domande, richieste, proposte, eravamo noi, e lui diventò uno di noi, rideva, “cazzeggiava”, quando gli si avvicinava una di noi ripeteva: “ma che bella bambina”, ogni tanto si girava verso mio padre gli sussurrava qualcosa all’orecchio e poi tornava con il sorriso verso di noi, eravamo la sua scorta, camminava in mezzo a noi, aveva un passo deciso, una camminata imponente, le lenti degli occhiali spessi due dita, la sua pipa sempre in mano.

Non avevo mai visto cosi tanta gente a Pra’, gli scatti dei fotografi, le mani che cercavano di toccarlo e lui che sorrideva a tutti, ci dimenticammo molto presto il ruolo che copriva, lui faceva questo effetto, era un grande uomo.

Nel primo pomeriggio si girò verso mio padre e disse: «Oggi è domenica. Chi gioca a Marassi ?».

Sparirono entrambi.

La sera mio padre tornò a casa esausto, la cravatta attorno al collo nella maniera in cui si tiene una sciarpa, i suoi occhi brillavano.

4 Comments

  1. Credo che per una bambina avere la visita di un gigante come il Presidente Pertini sia stato un flash incredibile…era sicuramente una figura carismatica per tutti.Autorevole ma alla mano: questo emerge dal racconto di Antonella, oltre all amore grande per il suo papa’.
    Molto evocativa anche la foto.

  2. Io posso confermare il tuo racconto é stata un’emozione bellissima stringere la mano a Sandro Pertini. Ce ne sarebbe bisogno in questo momento in Italia di persone come lui …grazie per aver smosso i ricordi della mia mente con il tuo racconto

  3. Bellissimo articolo,un ricordo indelebile nel cuore di Antonella,una bambina che probabilmente non capiva perché il papà quel giorno fosse cosi elegante.Immediatamente mi viene da pensare ai due colossi, uno della medicina e uno della politica, ma non meno grande fu il Signor Freri che, per dare prestigio al nostro paesino, ebbe la brillante idea di invitare il grande Sabin e il grande Pertini, un’ occasione unica per far conoscere ai giovani di allora queste figure cosi importanti e sicuramente sconosciute a tanti giovani di oggi(purtroppo). Personalmente non ho conosciuto il Signor Freri, mancato ai suoi cari e alla comunità cosi precocemente, ma ho avuto modo di ascoltare persone che lo hanno vissuto, ma soprattutto lo hanno stimato, gli hanno voluto bene e a detta di tutti è stato un ”Grande Presidente”.
    Conosco Antonella, sua figlia, la mia Grande Amica Antonella…e che dire di lei..una cosa sola….Buon sangue non mente.

Rispondi a Silvana Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*