Il pampano – Bagni Michelini

Antonella Freri –

Il sole bruciava sulle braccia scoperte, il nostro cappellino ci riparava dal sole, io e la mia amica Mara camminavamo tenendoci per mano, le nostre mamme qualche passo indietro, quasi a vedere due piccole donne che si apprestavano a crescere, e, come ogni genitore, guardavano le proprie figlie tentando di trovare la differenza tra ciò che eravamo e ciò che avremmo potuto diventare.

Quando scendevamo gli scalini, entrando nel sottopasso, l’escursione termica era la prima sensazione che si avvertiva, quegli istanti di brivido ci facevano alzare la pelle, poi quell’odore di salsedine, il mare che entrava per ricongiungersi con il fiume, la risacca, il respiro del mare ci raggiungeva attraverso il suono dell’onda, i raggi del sole illuminavano l’uscita, il calore penetrava nel tunnel e nella pelle.

Ci sedevamo sullo scoglio con i piedi nell’acqua, posso ancora sentire il sapore del salino sulle mani, ed ogni volta quel sapore mi porta indietro, mi porta su quello scoglio con lo sguardo rivolto verso il Saint Tropez, oggi potremmo chiamarlo discoteca, allora era una sala da ballo.

Sognavamo di poter un giorno entrare in quel locale, che, nei nostri sogni di bambina, ci danzavano dame e cavalieri con vestiti sfarzosi, lampadari luccicanti, musica avvolgente.

Dopo pochi anni una mareggiata si portava via la maggior parte degli stabilimenti balneari e con essi anche quella meravigliosa sala da ballo, non ho mai avuto la gioia di viverla, ma nei miei immaginari ricordi di bimba resta un posto magico, una fiaba.

Un colpo di clacson e ritorno al presente.

 

 

4 Comments

  1. Dolcissimi ricordi che ho vissuto anche io, proprio lo stesso tunnel, lo stesso odore, inconfondibile, un misto di salsedine, umidore, alga, pesce e chissa’cosa…lo chiamavamo REFFRESCUMME. Sicuramente la grafia non e’ corretta, forse bisognerebbe chiedere a Ninetto Durante.
    Il mare, la spiaggia di Pra’, davanti casa, era una presenza viva, la cui mancanza, nonostante gli anni passati, a volte da’ un dolore quasi fisico.

    Brava, Antonella, buon inizio, aspettiamo un altra casella del Pampano.

  2. Ricordi tenerissimi che sono anche i miei. Leggo e li rivivo tutti, uno ad uno. Sulla pelle, negli occhi, persino nel naso con quel sentore inconfondibile di mare, di casa, di fanciullezza. Con una intensità che mi emoziona e mi commuove. Grazie, bravissima.

  3. Cara Antonella mi ritrovo perfettamente con quanto hai accuratamente descritto e soprattutto con quanto hai vissuto:la nostra spiaggia,l’odore della salsedine, la risacca, il sole, le nostre mamme che ci obbligavano ad aspettare l’ alzarsi delle sbarre del passaggio a livello per raggiungere il mucchio e pensandoci mi viene da fare una riflessione.Mi piace pensare che i nostri figli, guardando i nostri nipoti o pronipoti,e con lo sguardo verso la Fascia di Rispetto potranno dir loro: ”Quando eravamo bambini/ragazzi, il canale di calma e la pista ciclo pedonale arrivavano sino a un certo punto, la nave bus approdava solo a Pegli, dove ora c’e’ il Centro civico culturale esisteva la vecchia stazione, in prossimità di Palmaro i binari non erano spostati a mare e laddovve ci sono dune alberate, un tempo erano accatastate pile di containers. Quanto sopra,perchè purtroppo, non potremo far rivivere loro quanto tu hai minuziosamente descritto, suscitanto in noi un po di nostalgia, ma auspico vivamente che idee, progetti ed investimenti vengano realizzati e impiegati per la valorizzazione e il rilancio del nostro amato territorio.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*