Il murales di De Andrè colora le “Lavatrici”

#La Redazione

(Tratto dal Secolo XIX on line di domenica 26 marzo.)

A volte basta solo un po’ di colore per cambiare la prospettiva delle cose. Persino di una piazza, di un quartiere e di chi ci abita.
E così da domenica 26 marzo un grosso e colorato murales raffigurante Fabrizio De Andrè spicca nella piazzetta di via Vittorini nel sestiere di Pra’-San Pietro, tra i moderni palazzi noti anche come “Le Lavatrici”; e proprio come nei messaggi di speranza del cantautore genovese, togliere le etichette e i pregiudizi, far emergere il positivo sarà forse più facile anche in questo quartiere.
Grazie a LAVATART, progetto finanziato dal Fondo Sociale Europeo attraverso il bando “Abilità al plurale” (Liguria 2014-2020 – Asse 2 – Inclusione sociale e lotta alla povertà), i ragazzi e le ragazze del quartiere, senza un diploma, che non vanno a scuola o non lavorano, stanno vivendo un’esperienza di rigenerazione sociale ed urbana.
Un’operazione che intende favorire la crescita personale, l’inclusione sociale e lavorativa di giovani che vivono in condizioni di svantaggio per acquisire e rafforzare competenze e abilità.
«I ragazzi sono gli autori diretti e responsabili di questo murales – spiega Davide Allegretti di Linkinart – Abbiamo voluto invitare alcuni artisti provenienti da Lecce, Chekos’Art e Davide Dpa che hanno già lavorato su progetti simili, come 167 ArtProject, dove hanno ridato vita al 167 B, il noto quartiere popolare della periferia est di Lecce. Loro danno solo le linee guida, ma l’obiettivo è rompere gli schemi sociali, stimolare la voglia di partecipazione, far sentire gli abitanti di un quartiere parte integrante della città».

Ritornando alla nostra terra possiamo dire che questo nuovo bellissimo murales continua la piacevole linea di tendenza (ormai potremmo già quasi definirla tradizione) di abbellire diversi angoli del nostro paese con pennellate di arte e di colore, come già avvenuto negli ultimi anni sulla Fascia di Rispetto e nei sestieri di Borgo Foce e Cà Nuova.

Il laboratorio di street art è organizzato da Teatro Cargo, Linkinart, Consorzio Sociale Agorà, Cooperativa Sociale la Giostra della Fantasia, Cooperativa Sociale Villa Perla, Arcos Ricerca e Comunicazione in collaborazione con il Comune di Genova.
Sono previsti anche altri corsi gratuiti di teatro e giardinaggio artistico per la cui frequenza è previsto anche un rimborso.

14 Comments

  1. Adoro Fabrizio ed i murales che riempiono le città di colore e sensazioni….ed e molto significativo the quest’opera nasca in un contesto arcinoto come esempio di edilizia pubblica non proprio ben riuscita…quanto ad impatto ambientale ed estetico.!!!!
    Diciamo che è un riscatto e speriamo che ne sorgano altri, tra gli oblò delle lavatrici.
    Una lettrice suggeriva di rivestire i tanti spazi anonimi e grigi di immagini relative alla nostra terra: basilico, pescatori, vele e maestri d ascia. Spiagge perdute. Paesaggi marini e sottomarini.
    Mi sembra una bella idea.

  2. Bellissima l idea di FABER….
    Bello sarebbe davvero averne altri con tema comune il mare e i nostri pescatori/pescherecci

  3. Ottimo lavoro. Mi fanno molto felice, idea, realizzazione, soggetto. Street art di qualità. Per quelli che mugugnano (e ci sono), lontana anni luce dagli imbrattamenti sciocchi e incivili che stanno comparendo su ogni superficie utile della Delegazione. Magari si scegliesse per un disegno collettivo che continuasse ad abbellire e attribuire significato ai tanti spazi anonimi di cui disponiamo! I temi non mancano … il basilico, la nostra tradizione remiera, i gozzi e la pesca, gli ulivi, la spiaggia, i personaggi storici di Pra’! Elisa, sostengo la tua assidua lettrice nella promozione dei murales. So quanto ha ferocemente a cuore la rinascita del nostro Ponente … metterei una faccina sorridente, ma qui non si può!

  4. Eh si non si puo’, ma mi sembra di vederla, la mia amica, col sorrisetto!
    Comunque e’ un’idea assolutamente da portare avanti, certo non in modo estemporaneo(una barca qua, un personaggio la’, cosi’ come viene), ma pensando ad un progetto complessivo che racchiuda ed esemplifichi le diverse anime di Pra’…passata, presente e futura. Ci vuole un filo conduttore ed in certi casi, tipo un lungo muretto, i disegni potrebbero essere un decoro geometrico ripetuto, oppure anche un fumetto, scene concatenate, insomma…
    Ci vuole un’esperto che si metta a disposizione, come diciamo a Genova,”a gratis” Geometra, Architetto, Urbanista.

    Poi la mano opera, se sono i ragazzi delle nostre scuole ben venga…e ditte di colori che sponsorizzino i materiali.
    FORZA! IDEE CERCASI!

  5. Esatto,intendevo proprio questo. Un progetto collettivo, una visione d’insieme. Pensa se lungo l’Aurelia, sulla palazzata di Pra’, si snodasse la storia della Delegazione, dall’antico splendore di mare, spiaggia, reti, orti e ville storiche, passando per lo tsunami del porto e arrivando, infine, alla rinascita di oggi … un po’ come a Vernante si racconta, su muri e facciate, l’eterna favola di Pinocchio … io credo davvero sarebbe un valore aggiunto, colorato, emozionante, moderno!

  6. Se bastasse un po’ di colore a coprire tutte le porcherie urbanistiche….
    Questo vuol dire dissimulare le malefatte, risolvere tutto con l’esteriorità. Dai una mano di colore e tutto diventa bello.
    Le lavatrici sono una mostruosità dell’edilizia del ponente, forse il peggior esempio di edilizia pubblica in Italia. Persino le Vele di Scampia hanno più garbo esteriore e più logica architettonica.
    Penso che Faber si rivolti nella tomba: il suo volto su una porcheria.
    Continuiamo a nasconderci dietro un dito. Ma strumentalizzare il più grande cantautore italiano per mascherare una mostruosità mi sembra davvero eccessivo, ributtante direi.

  7. Sullo scempio urbanistico che abbiamo subito e le cui conseguenze sono e saranno, purtroppo, sempre visibili e invalidanti, hai, OVVIAMENTE, ragione. Per quanto mi riguarda, non si tratta di rinnegare e nascondersi dietro un dito. Preso atto della realtà nuda e cruda, io spingo su tutto quello che può abbellire, ingentilire, arricchire, “distinguere”, personalizzare. Se poi i murales, in particolare, non piacciono, può trattarsi di gusto personale. Ma questo è un altro discorso. E dirò di più … io non voglio che una mano di pittura dissimuli il grigiore, il cemento, l’architettura penosa e il disordine che subiamo da decenni. Voglio che questo scempio, nel momento in cui non può essere risolto urbanisticamente e paesaggisticamente (e non può, è evidente), rimanga bene in evidenza e pesi sulla ragione e sulla coscienza di chi lo ha pensato, di chi lo ha voluto e di chi lo ha permesso. NOI COMPRESI. Ma non cederò mai alla filosofia della recriminazione e il ricordo della spiaggia, degli orti, del Mucchio e della Manin col suo carretto delle acciughe, me lo porto dentro senza restarci incatenata in maniera miope e improduttiva. Perché nessuno dimentica e si accontenta, ma bisogna guardare avanti, altro che #nostalgiacanaglia! E non concordo neppure sulla faccia di Fabrizio alle Lavatrici. Per me, è celebrazione. Non strumentalizzazione. Poi, de gustibus. Io rispetto tutti e tutte le opinioni.

  8. Il volto di De Andrè sui muri delle case dette “lavatrici” (non da me) è una copertura, un tentativo di rimediare uno scempio edilizio che stona e non rende onore al personaggio che fu Faber.
    E tutto il chiacchiericcio che leggo sopra è uno dei soliti discorsi da salotto di qualche benpensante che NELLE LAVATRICI NON CI ABITEREBBE MAI.
    Siamo SINCERI per una volta!
    Qualcuno di chi ha scritto i commenti sdolcinati che stanno sopra, abita nelle lavatrici?
    Ci abiterebbe?
    E allora basta con la retorica del tutto è bello.
    Ne’ con i murales di De Andrè ne’ con quelli di Marilin Monroe, nè con tutti i modelli della Ferrari. Basta discorsi radical-chic!
    Il vangelo li chiama sepolcri imbiancati. E qui vale nei due sensi.
    Dire sempre “ma che bello” non mi pare un discorso sostenibile.
    A volte un po’ di sana autocritica e di descrizione VERA della realtà non guasterebbe.
    Coprire i guai altrui e gli orrori edilizi con il volto di qualcuno mi sembra una strumentalizzazione bella e buona. Ma vi siete chiesti se Fabrizio De Andrè avrebbe gradito? Bisogna sempre appiccicare qualcosa di GRANDE, di BELLO, di IMMENSO sopra le cose che non vanno per farle dimenticare? Cosa cambia nella qualità della vita di chi abita in quelle case? A chi passa in autostrada e vede vi pare che il giudizio possa cambiare?

  9. A me i murales piacciono, aspettiamo il risultato prima di dire che staranno male.
    Paola però lasciamo stare le acciughe e i morti, quelli non c’entrano e non vanno tirati in ballo per i murales.
    Mia nonna conosceva molte donne che spingevano i carretti dei pesci ed erano tutte persone degne, che lavoravano e si sporcavano le mani con i pesci non con le penne biro

  10. Bisogna chiedersi se De André sarebbe contento di apparire sui muri delle Lavatrici solo perché parliamo di edilizia non esattamente di pregio??? Come chiedersi se a Garibaldi piacciono o meno tutte le piazze dove troneggia sul suo cavallo di bronzo!! Dove ho scritto che è tutto bello??? Affermazioni da radical chic??? Veramente, sono basita. Quanto alla cara Manin, l’ho nominata col massimo rispetto per l’affetto che le porto e perché era un simbolo della Pra’ che sempre rimpiangiamo. A quella Pra’ volevo riferirmi, a tutto il suo buono e il suo bello. Il senso e la modalita’ del discorso erano ben diversi, ma vedo che non ci capiamo su tutta la linea, inutile ribattere punto per punto. Buona giornata.

  11. A me invece i murales non piacciono perchè mi sembrano prepotenze di chi si impossessa dei beni pubblici. Poi penso a quando si scoloriscono per la pioggia e viene un paciugo indecoroso.
    Per il resto su De Andrè e tutti i bei discorsi fatti tanto per parlare io sono d’accordo con Marco. Le case sono state fatte cosi, lasciamole stare.

  12. Vediamo cosa penseresti Paola se disegnassero i murales sui muri della casa dove abiti tu. E’ facile parlare delle cose degli altri: è bello, ci sta bene, mettiamoci De Andrè, mettiamoci Pippo Franco ecc.
    Le case-lavatrici non sono un monumento e neanche una piazza pubblica, quindi il paragone Garibaldi è fuori luogo. Sono un condominio privato dove deve decidere il condominio stesso.
    Non gli esteti o gli esperti di arte moderna. Io la penso così, tu no: allora fai pitturare i muri del tuo palazzo. O forse è già bello così?
    E se uno dicesse ci faccio un murales tu cosa risponderesti? Buona Pasqua

  13. Intanto, tranquillizzatevi.
    Nessuno, dico NESSUNO si appropria di beni pubblici e privati per dipingere un murale. Se gli spazi sono pubblici, occorrono autorizzazioni. Che vengono rilasciate se l’opera viene ritenuta opportuna e congrua. Non confondete persone che dipingono come gli artisti che hanno lavorato sul muro a vela della stazione con gli idioti che deturpano ogni spazio possibile con le bombolette. Seconda ipotesi, condominio privato. Tutto quello che riguarda un edificio residenziale di civile abitazione, viene discusso, concordato o disapprovato in sede di assemblea condominiale, quindi nessuno impone nulla singolarmente. Ok? Terzo: se sul mio palazzo proponessero la realizzazione di un murale, non avrei nulla da ridire a patto che si tratti di qualcosa di artistico e significativo. Ma questo riguarda me, il mio piacere e il mio gusto personali. Qui, si sta parlando di proposte, che dovrebbero venire democraticamente discusse e valutate. Nessuno decide per altri, non agitatevi.

  14. Per favore invitò alla moderazione ed al rispetto dei pareri di tutti.
    Prego evitare battibecchi ed attacchi personali.
    Ogni posizione è rispettabile finché non lede la libertà altrui.
    Epiteti come” radical chic “pur se non offese vere e proprie , sono comunque un giudizio negativo su altri lettori.
    Basta finimola qui .grazie

Rispondi a Amministratore Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*