Il grande cuore di Francesca

Un defibrillatore per Pra'-Palmaro

Elis@Provinciali

Una delle patologie più diffuse e minacciose del nostro tempo è sicuramente quella cardiaca: tutta una serie di fattori , nel nostro stile di vita, dall’alimentazione scorretta, alla sedentarietà, cosìccome la crescita di elementi quale lo stress psicofisico, e quelle che sono ormai diventate le “malattie del benessere”, costituiscono un potenziale pericolo, perché fonte di eventi improvvisi ed avversi, nei quali un corretto intervento può fare la differenza per la vita.

Consapevole di tutto ciò, la dott.ssa Francesca Franchelli, titolare della Farmacia Palmaro, si è fatta promotrice di una campagna di cardioprotezione per la cittadinanza del territorio, donando e rendendo disponibile un apparecchio defibrillatore che verrà posizionato all’esterno, in modo da essere utilizzabile, al bisogno, H 24.

<Ho avvertito tale esigenza, dapprima preoccupata per una persona cara che accusava disturbi cardiaci, fortunatamente risolti, ed in seguito, dal contatto con gli operatori di “CecchiniCuore Onlus”, Scuola gratuita di defibrillazione precoce e rianimazione cardiopolmonare , i quali distribuiscono e diffondono questi dispositivi salva vita.> ci racconta la dottoressa.

Chiunque può accostarsi a questi apparecchi, su necessità?

<Certo, lo scopo è appunto rendere consapevole la popolazione, su larga scala, ovviamente ci sarà un evento formativo, cui tutti sono invitati a partecipare, perché tali macchine, con opportuni accorgimenti, possono essere manovrate dall’uomo della strada”, in quanto largamente automatizzate:in pratica, il dispositivo, una volta applicato alla persona in pericolo, fa tutto da solo, non si deve aver timore di nuocere.>

Già la nostra farmacia, con il vasto orario di apertura, che copre anche i giorni festivi , in modalità continuativa, costituisce un punto di riferimento per l’intera area (Pegli, Pra’, Voltri), è una bella tranquillità anche per le persone che hanno impegni lavorativi, sapere di trovare sempre aperto. Supra’tutto aveva parlato di questo, e di tutte le extra funzionalità disponibili all’utenza.

<Infatti, non potrei mai pensare di essere priva di questo moderno ritrovato, perché penso che la Farmacia sia il primo approccio sanitario per gli abitanti, nei confronti dei quali raccomando ai miei collaboratori di dare sempre corrette informazioni sanitarie, e di stile di vita. Io stessa più volte mi trovo a stigmatizzare un uso disinvolto di antibiotici ed antiinfiammatori, evitando l’autoprescrizione, soprattutto nei confronti dei bambini.>

Alcuni dati numerici della campagna “Cecchinicuore” in 11anni: 491 DAE installati dalla Cecchini Cuore Onlus e circa 900 distribuiti dalla imprenditrice Simona Buono -19.000 persone formate con piu di 500 corsi gratuiti di 3 ore ciascuno 18 attivazioni di DAE con 12 sopravvissuti (66.6%) a Pisa, primo aeroporto cardioprotetto in Italia (PISA con 13 DAE pubblici), con numerosi casi di persone rianimate e salvate.

In che modo il defibrillatore verrà installato e protetto?

<Sarà posizionato sul muro esterno e vi sarà un’apposita teca termica, perché i raggi solari ed il calore potrebbero danneggiare.> 

Beh, allora speriamo arrivino presto gli alberi ad alto fusto richiesti (e promessi!) dall’Autorità Portuale, per ombreggiare tutta l’Aurelia.

In conclusione, siamo grati a Francesca, che ha avuto la sensibilità di dotare Pra’-Palmaro di questo importante presidio medico, ed esortiamo i lettori a partecipare alla formazione prevista il sabato 30 marzo, ore 17.30, nei locali del centro polifunzionale, gentilmente concessi in uso dal Parroco Don Sergio.

Perché il sestiere più antico di Pra’ è così: grazie alla solidarietà ed all’impegno dimostrato da tantissimi suoi abitanti ed associazioni, non si arrende al degrado e ricerca in tutti i modi un’evoluzione positiva della nostra vivibilità.

 

6 Comments

  1. Ottima iniziativa davvero! Assolutamente lodevole l’impegno sociale della Dottoressa che ha condiviso e continua a farlo, anche le manifestazioni promosse dal comitato “Palmaro c’è”per focalizzare l’attenzione della cittadinanza e dei politici, sui tantissimi problemi legati all’inquinamento che si ripercuotono inevitabilmente sulla salute degli abitanti! Direi che la Dottoressa Francesca sta facendo molto per Palmaro…aspettiamo che lo faccia anche chi di dovere!

  2. Palmaro non solo area con criticità ma anche luogo di eccellenze: culturali, sanitarie, nelle persone che la abitano e cercano ogni giorno di aggregare le loro energie per fare ciò che gli amministratori evitano.
    La sussidiarieta della gente è una forza potentissima. Poi Francesca è Unica.

  3. Bellissima iniziativa a favore di una comunità ed un territorio che dimostra di non mugugnare e basta ma di voler migliorare con i fatti! Complimenti.

Rispondi a Andrea Vella Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*