“Il girasole color lavanda”: un’associazione tra arte e cultura nel cuore di Palmaro

Corsi per tutte età, esposizioni artistiche e luogo di incontro e scambio

Chiara Bozzo –

Da tre anni, in via Nostra Signora Assunta 11R, un piccolo locale molto colorato, è culla di una realtà, promossa in primis da Tiziana Sperandio e suo padre Guido, dove è l’arte a farla da padrone. Nato come luogo di esposizione di oggetti artistici molto vari, è ora sede della neonata Associazione “Eliotropio, il girasole color lavanda”. Questa si è costituita alla fine dell’ottobre 2018 proprio in ricordo di Guido, prematuramente scomparso, con la finalità di divenire un centro culturale per il quartiere offrendo una proposta alternativa e potenzialmente molto ricca. Nei prossimi mesi si vuole dare corpo a un calendario di corsi che ad oggi ha visto solo alcuni appuntamenti; i corsi spazieranno dalle arti grafiche alla sartoria, dalla cucina alla preparazione di distillati; il tutto anche in un’ottica green e ecologica che vede al centro il ri-design e il riciclo con e su ogni supporto dando vita a oggetti e opere da materiali di scarto.  Non come ultimo obiettivo Tiziana, laureata all’Accademia di Belle Arti e insegnante, e gli altri quattro soci fondatori, si prefiggono di essere promotori di una nuova vitalità per Palmaro offrendo anche un servizio di aiuto compiti doposcuola e attività ricreative per bambini e ragazzi. «I corsi saranno il fulcro del nostro lavoro ma vogliamo organizzare anche convegni, conferenze, dibattiti, seminari, proiezioni di film e documentari» spiega Tiziana «in quest’ottica ci stiamo muovendo per avere una sede più ampia e adeguata alle nostre attività; ci siamo iscritti al Consorzio di Villa De Mari per collaborare chi fa già tanto per il quartiere». L’associazione è senza scopo di lucro e, sottoscrivendo la tessera ENDAS con un piccolo contributo, si può partecipare ai corsi e alle attività organizzate. «Noi cinque fondatori vogliamo dedicare quello che abbiamo studiato e appreso agli altri» continua Tiziana «la passione per l’arte mi è stata trasmessa da mio padre e questa associazione è un po’ per mantenere vivo il suo ricordo guardando però al futuro, alle nuove generazioni». Insieme a lei la madre, Maria Grazia, chef e, in passato, proprietaria, insieme al marito di un ristorante in centro inserito nella Guida Michelin, Simona che, dopo aver superato una brutta malattia, vorrebbe aiutare le persone in difficoltà condividendo la sua passione e bravura nell’arte del cucito insieme alla madre e Maximiliano, marito di Tiziana, autore di un ebook.

Il 2019 è appena iniziato e questa associazione ha voglia di fare per sperimentare e crescere.

 

3 Comments

  1. E’ sempre un piacere sapere che ci sono persone che vogliono spendere le proprie energie per offrire attività culturali sul proprio territorio. Complimenti!

  2. Questo progetto mi incuriosisce non poco! Andrò a dare un’occhiata! Nel frattempo auguri di cuore e complimenti per l’iniziativa!

  3. Si mi associo a complimenti e curiosità e ringrazio Chiara che ci ha illustrato con garbo e precisione questa nuova realtà a Pra’Palmaro… Spero seguano aggiornamenti sull ‘ Eliotropo!

Rispondi a giuseppina caviglia Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*