Il “giocoliere di Dio” a Pra’ Palmaro: Paul Ponce si esibisce ed incontra la gente.

Elis@Provinciali –

 Dalla lontana Argentina e’ giunto tra noi, con la sua bellissima famiglia, una persona davvero speciale: Paul Ponce, nato a Buenos Aires da una famiglia circense da sei generazioni, 44 anni fa, inizia giovanissimo a calcare le scene: a soli 7 anni, “il piu’ giovane giocoliere del mondo” e dopo breve, il “migliore del mondo” comincia così a girare tutti i continenti, richiestissimo dai teatri e dai salotti più in voga, arrivando ad esibirsi persino per la Bbc e a Buckingham Palace, ed in moltissimi paesi.

La sua fama ed abilita’, l’empatia con il pubblico e la presenza scenica gli garantiscono sempre successo, fama, denaro e soprattutto, donne. “Una in ogni luogo delle tournee!”, racconta Ponce.

Ma, quando, a poco piu di 20 anni, riceve la Cresima, qualcosa si accende in lui: sente la presenza di Dio con se’ e avverte la necessita’ impellente di cambiare vita, dedicarsi al prossimo, condividere con tutti la gioia della sua esperienza cristiana.

Smette di fare il Don Giovanni, vive un anno in missione, inizia a pregare quotidianamente il Signore che gli doni una compagna percrearsi una famiglia…dopo 10, ecco Lia, giovane donna che sposera’ e gli dara’ quattro bellissimi figli, ed uno in arrivo per l’autunno. “Nascera’ in Messico…il primogenito nacque a Berlino, il secondo in Spagna, la femminuccia in Portogallo, il piu’ piccolo ai Caraibi”.

Davvero un personaggio carismatico, ma estremamente umile ed è stato davvero una bella esperienza, per gli appartenenti alla Comunita’ Parrocchiale N.S.Assunta.

I suoi giochi di abilita’ hanno incantato i presenti, e l’attenzione e’ cresciuta ulteriormente quando al centro della scena si sono presentati i figli, dolcissimi, belli e gia’ bravi, in procinto di diventare numeri uno come il papa!

paul-ponce-giocoliere-di-dio

I ragazzi vengono istruiti via Internet, oppure, nei vari paesi visitati, la famiglia si appoggia al Consolato Spagnolo.” E’ bellissimo vivere, lavorare e girare il mondo tutti insieme…” dice Paul, con una carezza alla bimba, un buffetto ai maschi ed un bacio al piccolino…senza dimenticare una tenera carezza al pancino di Lia, che custodisce il 5o figlio in arrivo.
Vi sono stati momenti di interazione col pubblico, domande e risposte, si avverte molta empatia ed emozione.

Una conclusione con un buon rinfresco, ed una piccola offerta certamente non adeguata al dono che questa famiglia di artisti cristiani ci ha fatto oggi.

1 Comment

  1. E’ stato bellissimo, insolito e commovente…grazie a coloro che hanno avuto il pensiero di offrirci questa testimonianza, Don Paolo, immagino, e tutti i volontari del Borgo che come sempre, si sono prodigati ai fornelli.
    Paul Ponce e’ un artista estremamente “alla mano”, ed è stato in grado di divertire, ma anche di far riflettere.
    Erano presenti un centinaio di persone di tutte le eta’, ed anche dei ragazzini con difficolta’, che hanno potuto godere di un momento ricreativo e di aggregazione bello e spontaneo.

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*