Il Freno ha fischiato

Un racconto drammatico non troppo fantastico

Stefano Cervetto  – studente praese

Palmaro, ore 15:00 di mercoledì 3 agosto, annus domini 2017.

La pacifica popolazione del luogo è appena entrata in modalità risparmio energetico dopo un’estenuante mattinata, sprofondando nei loro divani e accendendo i ventilatori per evitare una morte precoce dovuta ai 78 gradi centigradi che il Sole pomeridiano sta loro generosamente regalando. Il relax sembra assicurato, fischio d’inizio e parte la siesta.

Ma, aspettate… sembra che l’arbitro abbia deciso di farla terminare in anticipo: un altro fischio si spande per l’aria di Palmaro, troppo fastidioso per qualunque tasso di sopportazione umano.

I paesani, in preda ad una violenta ira post risveglio traumatico, iniziano ad invocare ogni divinità vecchia e nuova affinchè faccia cessare il casino.

– Nonno, è solo un brutto sogno vero? – chiese un bambino terrorizzato.

– Mi dispiace nan, ma è tutto vero…

– Fallo smettere, ti prego!

Il bambino era ancora troppo giovane, non sapeva che non esiste nulla su questa Terra che possa fermare il Freno.

Il Freno, però, non ha sempre fatto parte della vita di Palmaro; un giorno imprecisato di circa quarant’anni fa Lui era arrivato in paese, portando con se un altro fastidioso nemico: il Porto.

Non si sa bene quando, ma un giorno il Freno e il Porto strinsero un’alleanza subdola con una grande potenza locale, la Ferrovia. Da allora, la vita dei palmaresi fu stravolta e non ci fu un solo giorno in cui il Freno non abbia usato usato la Ferrovia, ospitata dal Porto, per urtare i delicati timpani (e la pazienza) degli abitanti di Palmaro;

non che questi non abbiano tentato di sconfiggere questo malvagio Triumvirato.

Pochi anni fa, dopo essere riusciti a elaborare un piano infallibile, un piccolo gruppo scelto partì dal paese per chiedere l’aiuto del sindaco di Genova.

Ma lui non potè aiutarli, non aveva abbastanza potere per attuare il loro progetto.

Si diressero quindi del Presidente di Regione, ma furono nuovamente rispediti indietro.

Provarono ad andare dal Capo dello Stato, poi dal Re d’Europa, da Dio stesso e persino da Putin… ma nessuno sembrava possedere un potere abbastanza grande.

Scoraggiata dal fallimento, l’elitè tornò in patria e fu calorosamente accolta dal Triumvirato, con il più lungo fischio del Freno di cui Palmaro abbia memoria.

I cittadini guardarono il Freno in cagnesco e gli urlarono contro indicibili spergiuri, ma sapevano bene che era tutto inutile…

Il Freno avrebbe vinto,

sempre.

 

2 Comments

  1. Complimenti all ‘autore…Il racconto, surreale e fantasioso, ha il pregio di cogliere nel segno l ‘amara realtà di un territorio martoriato, ma in modo lieve e garbato.
    Spero che Stefano ci faccia dono di altre sue creazioni…

  2. Bellissimo racconto.Sei bravo.Complimenti.
    Ora esiste la Fuori Muro.Piccoli locomotori di manovra usati dentro il porto.
    E purtroppo il freno con loro vincerà sempre.
    Basterebbe lottare sul serio

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*