Il Covid 19 si è portato via la mamma del presidente di Fondazione Primavera, Romice Molinari

Il nostro commosso ricordo per Niclo Calloni, cui siamo vicini nel suo composto dolore

Elis@Provinciali –

Aveva 95 anni, e da molto tempo, undici anni, era assistita in una Casa di Riposo del territorio, dopo una vita incredibile, tra avvenimenti bellissimi e tragici, avventurosa come quella di un’eroina dei romanzi ottocenteschi…Romice, se è vero che il nome dice molto di noi, è mutuato dalla denominazione di una pianta frequente ai nostri climi, dal latino “Romix”, ovvero, freccia, lancia, per la forma lanceolata ed acuminata delle sue foglie, che in piccola dose, hanno poteri medicamentosi. Infatti, come un dardo che raggiunge preciso il suo bersaglio, Romice ha vissuto con determinazione, raggiungendo i suoi obiettivi, cavalcando in prima persona le avversità, facendo scelte assai coraggiose per i tempi, a volte controcorrente. Nasce a Pra’, nel 1925, ultima di 7 fratelli, da Clementina e Nicolò Molinari, impresario edile praese, famiglia benestante conosciuta col soprannome, come usava ai tempi, di “Cappetta”. Giovanissima, a 16 anni, sposa Enzo Calloni, ed a partire dal 1942 nasce e muore il primo figlio e cosi’ l’anno seguente, l’evento si ripete per quattro volte, ’43,’44,’45,’46, poi nasce una bimba, Maura, che vive solo un anno. Posso immaginare questa giovane sposa, che con ostinazione e coraggio, tenta e ritenta la gravidanza, e si trova ad affrontare la perdita di cinque figli, uno dopo l’altro; chiunque si sarebbe arreso, ma Romice no! Nel frattempo, per motivi di lavoro, i coniugi si trasferiscono a Riccione, in una villa da sogno, dove nel 1948 nascono, all’inizio ed alla fine dell’anno Angelo e Nicola (Niclo, il nostro presidente).Tuttavia, il matrimonio non è felice, Enzo Calloni è un uomo che ama il gioco, le donne, la bella vita, inoltre Angelo, il primogenito, è malato. Romice ha a questo punto, solo 23anni, e decide di restare ancora a Riccione per tentare di salvare l’unione, e curare Angelo, mentre Niclo, ad appena sei mesi, nel maggio del ’49, viene condotto a Pra’, in casa dei nonni, dove crescerà sereno. Ma dopo tre anni, Romice ed Enzo si separano definitivamente, ella torna a Pra’, in via Cordanieri, portando la sorpresa di un bimbo, Claudio, nato nel frattempo, nel 1950.

Romice al matrimonio di Niclo

Nel 1955, questa donna indipendente e fiera trova lavoro come assistente di studio medico in via San Giorgio a Genova, lavoro che svolgerà sino alla pensione. Nel 1998, sposa in seconde nozze Catullo Parodi, che la lascerà vedova appena due anni dopo. Tuttavia, nonostante tutte queste vicissitudini, a detta ad esempio di Niclo << Mia madre ha affrontato la vita veramente da donna indipendente della prima ora, si è separata nel 1953 e all’epoca non era facile, la donna separata era considerata un po’… poco seria. Mia madre la vita l’ha affrontata con coraggio e una forza incredibile, sapeva quello che voleva e come ottenerlo. Dietro la sua determinazione c’era un romanticismo e una sensibilità che solo pochi sono riusciti a conoscere. E’ morta sola … e questo non se lo meritava. Mio padre ha avuto due figlie, qui a Genova, dopo la separazione, mie sorellastre, e magari chissà quanti altri figli in Romagna, si era trasferito a Rimini, dove i genitori i nonni Iride ed Angelo avevano una trattoria. Nonno Angelo mori’ poco dopo, stroncato dai dispiaceri che il figlio gli aveva dato, alla famiglia ed a mia mamma, della quale ha sempre preso le difese.>>

Romice sposa Catullo Parodi nel 1998

Niclo, ho azzeccato l’etimologia del nome?  <<Beh si, sei stata brava, ma per il fatto che fosse nata il 21 aprile del 1925, (si festeggiava il Natale di Roma), doveva essere chiamata appunto Roma, ma mia nonna non ne volle sapere, e nacque la versione Romice>>

 Questa narrazione mi suscita, alla fine, alcune riflessioni: la forza nell’affrontare le difficoltà della vita emerge da ogni svolta che questa donna ha attraversato, come si avverte la grande, grandissima capacità di amare e di saper ogni volta, ricominciare, trovando in se’ le risorse per farlo. Romice, come dice suo figlio, se n’è andata sola, come migliaia di persone della sua generazione, nella stessa situazione, ovvero in RSA, lontane dai cari, senza neppure un bacio, un abbraccio, un saluto. Credo che ciò sia estremamente doloroso per chi rimane, lascia un vuoto, manca un passaggio, perchè in questa pandemia da Coronavirus, le persone fragili, dopo aver avuto magari un’ esistenza non facile, se ne sono andate ed ai figli e nipoti resta la mancanza per non averle accompagnate oltre quella soglia. Moltissimi non le hanno piu’ viste, se non in un urna cineraria e ciò rende veramente straziante metabolizzare il lutto. A Niclo, tutto l’affetto mio, della Redazione, della Fondazione Primavera, nella speranza che sapendo il suo dolore condiviso, gli sia più lieve la perdita…possiamo essere adulti o anche di più, ma la mamma, a qualunque età, è sempre la mamma, la terremo nei nostri cuori sino alla fine.

Romice con le sue sorelle giugno 1989

16 Comments

  1. Una donna forte, una mamma amorosa, ed una morte in solitudine…sono molto colpita e porgo a Niclo Calloni le mie condoglianze.

  2. Ovviamente non ho conosciuto la Sig.ra Romice, ma da quel che si racconta nell’articolo di Elisa, deve essere stata una grande donna. Purtroppo non è stata l’unica ad andarsene in silenzio e soprattutto in solitudine….Questo terribile male che ci è caduto addosso ha fatto molte vittime vere e tante altre altrettanto vere anche se nei sentimenti.
    Conosco un po’ Niclo e posso solo dirgli che mi dispiace molto per l’accaduto ma l’amore che ha legato queste due persone in vita non si può cancellare….E questo è ciò che conta! Ciao Niclo.

  3. Il mio sentito cordoglio a Niclo. Dal ricordo emerge una persona, una donna, che ha saputo vivere malgrado la durezza della vita stessa. Un abbraccio Claudio Seccia

  4. Una gran bella persona la tua mamma Niclo, oltre ad essere una bellissima donna.
    Una donna che ha saputo valorizzare la sua libertà, è stata capace di reagire, prendere decisioni importanti e di lottare per raggiungere i suoi obiettivi, in primis quello di diventare mamma.Sicuramente ha sofferto per la separazione da tuo padre ma ha saputo mettersi in gioco come lavoratrice indipendente e non per questo ha rinunciato all’amore convolando a seconde nozze.Mi dispiace Niclo che la tua mamma se ne sia andata in assoluta e triste solitudine ma son sicura che i ricordi che ti legano a lei siano moltissimi e nessuno, proprio nessuno potrà cancellarli dal tuo cuore, neppure quel “maledetto corona virus”.Un forte abbraccio.Silvana

  5. I miei complimenti vanno all’amica Elisa che con il suo modo di scrivere elegante ed educato non solo cattura l’ attenzione del lettore, ma sa traferire in lui emozioni che suscitano sentimenti intensi e sinceri.Ciò fa la differenza nella
    capacità di entrare in contatto profondo con chi sta leggendo i suoi articoli e
    lasciarne il segno.Brava Elisa. Tua x sempre Amica Silvana

  6. Non ho conosciuto la Signora Romice, ma da quello che leggo siamo di fronte a una valorosa donna che ha affrontato a testa alta prove enormi per l’epoca in cui è vissuta. Niclo deve essere fiero di sua mamma; grande arciera forte e precisa

  7. Certo che dopo una vita cosi avrebbe meritato una morte migliore.Sicuramente dov e’ ora sara’ ripagata da tutte le sofferenze….condoglianze a Niclo

  8. Caro Niclo, qualche anno fa ci sono passato anche io da questo giro di boa della vita. So quante cicatrici lascia nell’animo.
    Una mamma è per sempre: è un fatto biologico, un legame che non si scinde.
    Capisco il tuo dolore e so che non ci sono parole per spiegarlo: è una cosa troppo intima, fatta di momenti, ricordi, sensazioni domestiche, che non trovi da altre parti.
    Poi uno prende la sua strada ma sa che sulla mamma può sempre contare.
    A me manca come l’aria che respiro: le cose che ti dice e ti dona una madre sono incomparabili, indimenticabili, sincere, disinteressate.
    Anche questo fa parte della natura e va assecondato, rispettato. Un rispetto che ha radici lontane, dal concepimento fino allo sbocciare di una vita.Quando la madre viene a mancare nessuno può valicare la porta del dolore, che resta un fatto personale.
    Non c’è età della vita in cui una mamma ci sia estranea. La sua assenza si sente giorno dopo giorno, nel tempo.
    Ma resta per sempre un legame che va oltre la vita terrena, una sensazione indescrivibile che ci commuove e non ci abbandona fino al compimento della ‘NOSTRA’ vita.
    Non trovando parole migliori vorrei dedicarti questo breve ricordo che riaffiora spesso alla mia mente, ogni volta che mi trovo davanti ad un bivio e devo scegliere, quando sono incerto e disorientato.
    Incontrando Enzo Biagi nel suo suo studiolo presso la libreria Rizzoli in
    Galleria del Duomo a Milano, parlando delle alterne vicende della vita e curioso di portare con me un suo insegnamento, un ricordo personale, gli chiesi che cosa gli fosse rimasto “dentro” di veramente importante, dopo una vita in cui aveva conosciuto personalità di tutto il mondo, scritto libri, articoli, vissuto esperienze di vita anche straordinarie.
    Non ci pensò su molto e mi risposte tutto d’un fiato: “Di ciò che ho ascoltato e imparato quello che di veramente utile mi è rimasto dentro per l’intera mia vita sono quei tre o quattro insegnamenti che mi aveva dato mia mamma da bambino”. L’essenziale. Il vero, l’autentico.
    Anni dopo incontrando a Ravenna il Cardinale Ersilio Tonini, che di Enzo Biagi fu grande e intimo amico, riprovai la stessa sensazione: mi parlò degli insegnamenti del padre e dei silenzi eloquenti della madre. A fianco alla sua libreria colma di libri era appeso un piccolo Crocifisso e – sopra di esso- una foto che lo ritraeva bambino con sua mamma: una foto enorme , che sovrastava il Crocifisso e spiegava a chi osservava che le radici della vita non possono essere dimenticate o estirpate.
    Che la madre, in quanto fonte di vita deve stare sempre in cima ai nostri pensieri con una gratitudine e un amore che non può avere fine.
    Un fraterno abbraccio, di cuore.

Rispondi a Paola P. Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*