IL CONTAGIO VERDE

 

Redazione – Pubblichiamo un contributo per l’odierna “Giornata mondiale per il clima”...di drammatica attualità nel nostro territorio, violentato da una dissennata urbanizzazione e soprattutto,dalla presenza della piattaforma del Porto di Pra’, che allontanando il mare e sostituendo la spiaggia con cemento, metalli, pile di containers e movimentazione continua di Tir e gru, ha di fatto modificato quello che era un meraviglioso e salubre clima litoraneo : non esiste più la brezza marina serale, che rinfrescava le notti estive, mentre le pile metalliche, arroventate dal sole, alzano la temperatura e tolgono il respiro. La tramontana, che spazzava via i veleni dal cielo, è interrotta nel suo fluire da un mega manufatto che esala miasmi e polveri sottili.

Francesco Provinciali-

La studentessa sedicenne svedese Greta Thunberg che da settembre 2018 ogni venerdì salta le lezioni per protestare contro l’inquinamento globale davanti al Parlamento di Stoccolma, con tanto di cartelli dai caratteri e dai toni forti e ultimativi, oltre ad essere stata “nominata” sui social come donna dell’anno nel suo Paese, ha ricevuto la candidatura al Premio Nobel per la pace. La sua iniziativa è stata virale e il ‘contagio verde’ si è diffuso in tutto il pianeta, coinvolgendo milioni di studenti che oggi scenderanno in piazza – senza alcun patrocinio o bandiera – per proporre il tema dell’emergenza climatica all’attenzione dei governi di tutto il mondo e per sensibilizzare l’opinione pubblica su una situazione che si va facendo drammatica in modo esponenzialmente crescente e accelerato.

Il tam-tam del web è stato dirompente e condiviso: questa è una buona notizia perché spesso l’uso delle nuove tecnologie genera tra i giovani più problemi e pericoli che vantaggi.

 Ma stavolta la “santa causa” che ha mobilitato le coscienze delle giovani generazioni è riuscita a scardinare la lentezza delle diplomazie, i cavilli della politica, le primazie nazionalistiche, i conflitti e le alleanze internazionali: oggi milioni di ragazzi e di ragazze non marineranno la scuola per negligente inadempienza ma per uno scopo umanitario e universale che spesso il mondo degli adulti e i potenti della Terra hanno disatteso e rinviato con colpevole ritardo.

Proprio recentemente l’ONU nel suo Global Environment Outlook (GEO), un rapporto dove esamina lo stato attuale del pianeta e le sue derive autodistruttive, ha evidenziato come ormai oltre il 25% delle morti in ogni angolo della Terra, in modo diversificato tra aree ricche e povere, sono causate dall’inquinamento globale.

La deforestazione galoppante, il riscaldamento globale, l’emissione di gas serra e CO2, le polveri sottili, la catena alimentare e i suoi sprechi colossali a cominciare da quello dell’acqua, l’uso dei pesticidi, l’inquinamento delle falde acquifere, dell’atmosfera, del suolo, l’esaurimento delle fonti energetiche, la cementificazione selvaggia, il consumo inarrestabile dei “poli”.

Un crescendo distruttivo e tossico che sta distruggendo il pianeta. E’ stato calcolato che rapportando la presenza della vita sulla terra alle 24 ore di un giorno, lo spazio temporale occupato dall’avvento dell’uomo corrisponderebbe agli ultimi due minuti prima della mezzanotte. E in queste poche migliaia di anni di ‘umanità’ gli ultimi cinquant’anni sono più brevi di un nanosecondo: eppure la maggior parte dello sfacelo provocato dall’uomo è concentrato in questo soffio finale.

La tutela ambientale è la precondizione contestuale alla sussistenza della vita stessa: urge, è assolutamente indilazionabile, che ogni comportamento umano, dall’azione del singolo alle scelte collettive, sia ispirato alla conservazione e alla valorizzazione della natura, alla stabilizzazione dell’ecosistema. Finora è stato il contrario: l’ambiente è quasi un ostacolo, un nemico che rallenta un progresso che si rivela poi effimero e breve, ogni metro di verde uno spazio da conquistare. E’ fondamentale che la consapevolezza di queste problematiche maturi nelle giovani generazioni: potrebbe essere un condizionamento alla scellerata gestione del pianeta da parte dei poteri forti e probabilmente l’ultima speranza di una inversione di rotta.

28 Comments

  1. Bisogna che ognuno ci metta del suo cominciando anche dalle piccole cose..la raccolta differenziata x esempio e poi promuovere a livello politico con il voto coloro che investono in tutusmo ed economia ecosostenibile ed energie rinnovabili.
    Bisogna trovare un equilibrio consono tra sviluppo e ambiente.
    Ora è il momento di evitare so sprecare soldi x investire nella ricerca dell acqua sulla luna(utima news assurda)e invece RATIFICARE SUBITO IL TRATTATO DI KIOTO!!!!!

  2. Richieste da fare per Genova

    • Tutti I mezzi pubblici nuovi acquistati solo a trazione elettrica
    • Sostituzione di tutti mezzi pubblici a carburanti fossili in 5 anni
    • Privilegiare biciclette e biciclette elettriche
    • Tutti gli edifici isolati termicamente almeno in classe B entro 10 anni
    • Basta bottiglie in plastica usa e getta
    • Navi in porto a motori spenti, alimentazione solo elettrica dalle banchine
    • Orti urbani in ogni quartiere
    • Repair cafè in ogni quartiere
    • Piantare un milione di alberi sulle alture di Genova in 10 anni

  3. Ieri, un servizio della rubrica LEONARDO del tg3 ha comunicato che per lo scioglimento dei ghiacci al Polo ormai siamo ad un punto di NON RITORNO! !!! Le conseguenze di tale catastrofico evento sono destinate ad alzare ulteriormente la temperatura della terra che già ha la FEBBRE ALTA, oltre all’innalzamento del livello del mare che sommergera’ isole e coste. ..Con quel che ne consegue! Se non si fara’ veramente qualcosa, le migrazioni dei “fastidiosi” migranti non solo non si arresteranno ma presto diventeremo migranti noi stessi…Per rifugiarci. … dove? ????

  4. Abbiamo rovinato il Pianeta… Dobbiamo correre ai ripari perché ne va della nostra sopravvivenza.
    Spero che la mobilitazione mondiale e vitale sul temadia una scossa ai potenti, affinché pongano in essere misura forti ed urgenti.
    Quanto a Pra, come la redazione scrive nella premessa, è drammatica l incuria e la protervia dei nostri governanti, in relazione al clima, all inquinamento , alla tossicita ambientale.
    Sono costernata.
    La galera, e buttare via la chiave. Unica soluzione!

  5. Io voglio riferirmi all’introduzione e focalizzare l’attenzione sulla nostra realtà locale. Quello che andiamo chiedendo per mitigare gli effetti dannosi del porto va nella direzione della difesa della natura e ed è perfettamente in linea con il tema della mobilitazione di oggi.
    Noi chiediamo che le navi in sosta spengono i generatori e si alimentino elettricamente da terra.
    Noi chiediamo che i container almeno si allontanino dalle case e dalle passeggiate e che si costruiscano dune alberato.
    Noi vorremmo meno luci di notte e meno rumori, per salvare la nostra specie dalle malattie cardiovascolari e nervose.
    Ieri ho fatto una passeggiata lungo il lato sud del Canale di Calma e ho visto container in quarto tiro che nascondono il cielo e oscurano il sole. ..
    Ho visto che anche la testa del sesto modulo, lato est, è occupata da NBTC con le loro pile di container da riparare e che quindi i camion, per portarli lì, percorrono tutta la strada parallela alla passeggiata, con aumento dei gas di scarico. ..
    Che meraviglia. …altro che rispetto dell’ambiente. ..altro che rispetto della salute dei cittadini. ..
    Sindaco, non dovresti difendere la nostra salute?
    In questa giornata, cosa fai per noi e per i nostri bambini?
    Come ci difendi dal potere enorme di Autorità Portuale?

  6. I giovani che scendono in piazza sono la nostra speranza. Come una specie di “68” dedicato alla tutela ambientale. Dobbiamo ascoltare il loro grido di allarme, credo che la loro consapevolezza sia sincera.
    Questa ragazzina di 16 anni, Greta, presentandosi ogni venerdi davanti al Parlamento di Stoccolma, ha attirato l’interesse globale dei social, ha creato un caso: a volte non è necessario far scattare la ghigliottina, basta sensibilizzare le coscienze. Lo ha fato in modo pacifico ma risoluto. Dimostrando una maturità e una sensibilità sorprendenti, direi di più: persino commoventi. E’ importante che il messaggio arrivi dai giovani ed è importante che ci siano persone disposte ad ascoltarli.
    Anche a Prà ci sono molti ragazzi e molte ragazze che hanno a cuore la tutela ambientale, la vita sana, la corretta alimentazione, gli stili di vita corretti, il rispetto e la tutela del territorio, la pratica dello sport: contemporaneamente ci sono adulti che in famiglia, a casa, a scuola, nella vita sociale e associativa dedicano tempo , cure e passione per alimentare queste scelte ecologiche in senso lato dei giovani. Penso a Niclo Calloni, che da anni si prodiga affinchè sport e buona educazione siano il punto di partenza per uno stile di vita improntato alla salute fisica e all’integrità morale. Poichè le due cose coincidono, da sempre: mens sana in corpore sano.
    Eppure c’è chi dubita sulla spontaneità di queste manifestazioni che i giovani di tutto il mondo, mentre sto scrivendo, stanno realizzando in ogni angolo del pianeta. Persone che vedono trame e congiure in ogni dove e mani sapienti che strumentalizzino la bellezza e l’innocenza spontanea della gioventù. Sono coloro che alimentano la sfiducia e il nichilismo, che gettano ombre inquietanti ovunque, che vedono congiure anche laddove c’è solo la SACROSANTA VOLONTA’ di riappropriarsi di una dimensione sostenibile dell’esistenza umana su questo pianeta. Può darsi che sia così, ma dobbiamo scrollarci di dosso le remore del sospetto che tutto frena e tutto rallenta e incoraggiare i giovani a prendere in mano il timone del loro futuro.
    Sono manifestazioni che denotano senso di responsabilità, lungimiranza, maturità, consapevolezza: ciò che spesso è mancato e manca al mondo degli adulti. Io non appartengo alla cultura della decrescita felice, del pauperismo o della mentalità “amish”: non possiamo rinunciare alla civiltà e al progresso.
    Però non possiamo nemmeno fare il contrario: in nome della (presunta) civiltà e del (presunto) progresso sacrificare ciò che la natura ci ha sempre elargito a piene mani, in nome delle logiche del profitto, dell’interesse e del Dio denaro. Sono questi i nuovi padroni, purtroppo , della nostra vita.
    La deforestazione, lo scioglimento dei ghiacciai ai poli, il rialzo climatico, lo sconvolgimento del ciclo delle stagioni, e poi le alluvioni, i disastri ambientali, le polveri sottili, la conurbazione tra aree industriali e aree residenziali, la cementificazione selvaggia in violazione di ogni criterio di buon senso, l’uso di materiali scadenti nella costruzione dei manufatti (vedasi “Ponte Morandi”) sono strategie proprie di un capitalismo selvaggio e disumano che in nome del guadagno distrugge a poco a poco la vita sulla terra.
    Attraverso lo sfacelo ambientale “passano” logiche strumentali e si creano disuguaglianze sociali, crescono le nuove povertà mentre la ricchezza – che si crea attraverso la distruzione del pianeta – si concentra in poche mani.
    Una espressione di egoismo MOSTRUOSO.
    Dobbiamo ripartire dal concetto di BENE COMUNE e di BENI COMUNI: acqua, verde, aria pulita, alimentazione sana e non contaminata, stili di vita improntati al rispetto dell’uomo e dell’ambiente.
    Ha ragione Fabio, ragione”da vendere”: bisogna partire dalle piccole cose, dalla raccolta differenziata, dalla limitazione dei consumi energetici, dal controllo degli sprechi alimentari e non, dal rispetto del territorio, da un’urbanizzazione regolata da piani di sostenibilità ambientale.
    Invece ci ritroviamo condoni edilizi, condoni fiscali a favore di chi si è arricchito “rubando” la vita degli altri: io credo che i delitti contro la natura siano equiparabili ai delitti contro la persona.
    Pra’ e il suo territorio hanno conosciuto uno stravolgimento ambientale che ha pochi riscontri in altre aree degradate per MANO dell’UOMO nell’intero pianeta.
    Per questo il tema di oggi dovrà essere il tema principale di domani. Per questo devono essere i giovani- che vivranno “quel” futuro, a dire ad alta voce la loro richiesta di tutele concrete alla qualità della vita.
    Qualche anno fa intervista il Presidente di Legambiente e quello di Greenpeace avevo raccolto testimonianze allarmanti sullo stato di salute del pianeta. Informazioni, documenti, dati, statistiche, raccomandazioni che avrebbero fatto accapponare la pelle a qualsiasi politico che avesse a cuore la tutela del territorio e la qualità della vita sulla terra.
    Nulla o poco è cambiato.E adesso i giovani rappresentano l’ultima speranza per una inversione di ritta, mentre i potenti della Terra non sono neppure in grado di accordarsi sulla politica di denuclearizzazione ed impegnano più risorse e finanziamenti nelle armi piuttosto che nella ricerca scientifica a tutela e salvaguardia del pianeta.
    Non possiamo accettare che tutto finisca nelle manifestazioni di oggi, di studenti che scendono in piazza dimostrando una consapevolezza straordinaria dello stato di avanzamento delle logiche di inazione o di distruzione ambientale.
    Essere andati avanti per inerzia ha portato a risultati negativi e in alcuni casi drammatici. Viviamo un’epoca di grandi sconvolgimenti sotto ogni profilo di considerazione: trovo assurdo che il tema della salvaguardia ambientale e della eco-sostenibilità siano relegati e marginalizzati a qualche manifestazione di piazza. Sono problemi che devono entrare in primo piano nell’agenda della politica ma anche nella nostra quotidianità, attraverso una educazione collettiva a comportamenti adeguati che parta dalla famiglia e dalla scuola. Penso che soprattutto la scuola dovrebbe essere il cantiere di una nuova mentalità: educare al rispetto degli altri attraverso il rispetto della natura. E viceversa. Forse oggi, 15 marzo 2019, i giovani vogliono farci capire che è venuto il tempo per una inversione di rotta, per stabilire nuove priorità e maturare nella coscienza collettiva di TUTTI nuove consapevolezze.
    La vita è un dono meraviglioso che va rispettato in ogni sua manifestazione.
    E la natura le è maestra di insegnamenti che dobbiamo ascoltare, raccogliere , fare nostri.
    Speriamo di essere ancora in tempo: dipende da ciascuno di noi.
    Dobbiamo averne consapevolezza ed educarci a nuovi comportamenti: farlo noi e pretenderlo dagli altri. Il bene comune nasce da questa coincidenza di reciprocità.

  7. Gli articoli di Francesco Provinciali sono sempre interessanti e ricchi di spunti di riflessione.
    Questo è particolarmente suggestivo e inquadra molto bene le problematiche ambientali e le scelte dissennate della politica e degli Stati a livello mondiale. Speriamo che i giovani siano diversi da noi.
    Evviva Greta.

  8. L’uomo è artefice del proprio destino ma se non usa la testa e il cuore può diventare artefice della propria autodistruzione.
    La gente è troppo miope e non sa guardare lontano. Consuma e brucia tutto per godere il presente.
    Senza pensare a chi verrà dopo. Per questo sono i giovani a ribellarsi: hanno capito il grande inganno che li riguarda.
    C’è più plastica in mare e nei boschi che nelle discariche: questo dimostra quanto siamo incoscienti.
    Non riusciamo ad accontentarci, vogliamo tutto e subito.
    I nostri nonni avevano meno ma erano più felici.

  9. In nome del progresso e del benessere stiamo perdendo di vista i valori fondamentali.
    E’ giusto che siano i ragazzi a ricordarci l’emergenza ambientale, visto che da soli non ci arriviamo.
    Lo dico ahimè da insegnante: abbiamo dato importanza a cose effimere.
    Poi ci sono tanti scienziati che si vedono, si incontrano, studiano e sanno il fatto loro. Speriamo che la scienza risolva i problemi e dove non arrivi la scienza provveda la coscienza.

  10. Come scrive Massimo Gramellini sul Corriere della Sera di oggi, questi ragazzi non sono scesi in piazza per emanciparsi ma per coinvolgerci e sensibilizzarci.
    Credo sia un dovere degli adulti , dei Governi e degli Stati ascoltare questa voce, visto che finora del futuro dei giovani non ce n’è importato granchè.
    Dei nostri figli senz’altro ma della generazione dei giovani di oggi direi ben poco.
    E penso all’intuizione che ha avuto Greta: testimoniare ogni settimana una presenza critica davanti al Parlamento, per stimolare le coscienze.
    Improvvisamente tutto si è risvegliato dal torpore. A volte basta un gesto.
    Come a Genova lo fu quello di Gianbattista Perasso detto Balilla.
    Come potrebbe esserlo a Prà quello di un cittadino qualunque.
    Si parte sempre dalle piccole cose. E poi gli occhi del mondo ti sono addosso.

  11. Se dobbiamo imparare da una ragazzina di 16 anni il valore da dare al clima , l’educazione ambientale,i pericoli dei gas serra e il riscaldamento globale, la distruzione dei boschi, l’inquinamento del mare e atmosferico ecc. ecc.
    vuol dire che prima ce ne siamo occupati poco o niente.
    L’unica speranza è che questo fervore non si spenga domani.
    Qui a Pra il problema del degrado è ormai metabolizzato nella pessima qualità della vita. Qualcuno nei giorni scorsi ha evidenziato il danno acustico, impressionante. Penso che dobbiamo restare legati a questa sensibilità ambientalista altrimenti faranno di noi quel che vogliono. Ci sono risposte che si attendono a domande ben precise, come fa presente Maria Luisa anche se bisogna ricordare che Pra’ fa parte del mondo che oggi è sceso in piazza a protestare, noi non vogliamo un trattamento privilegiato ma il rispetto dei nostri diritti.
    Non bisogna abbassare la guardia e Supratutto sta facendo il massimo affinchè chi di dovere si assuma le sue responsabilità.

    • I giovani ci insegnano quello che noi adulti abbiamo disimparato.
      Alle elementari facevamo la festa degli alberi, ora di alberi non ce ne sono più nemmeno nel cortile. Molto eloquente quello che ha scritto Calloni a proposito del povero pino tagliato.
      Non siamo ancora nella terra dei fuochi ma quello che vediamo di fronte al litorale è forse peggio perchè produce inquinamento acustico, atmosferico, rovina del paesaggio, pericolo per la salute.
      Possiamo mettere tutte le aiuole che vogliamo ma dietro resta una gigantesca porcheria che nessuno vorrebbe a casa sua.

  12. Se penso a come era Pra’ 30 o 40 ani fa mi viene da piangere e vedere questo sfascio urbanistico e paesaggistico.
    L’Italia ha una classe politica che fa pena.
    Solo a Genova poteva crollare un ponte, in piena città.
    E il ministro Toninelli ha detto che lo rifarà più forte e bello, mettendoci gli spazi attrezzati per giocare e mangiare: gite domenicali delle famiglie. Si è dimenticato di spiegare come farebbero a salire arrampicandosi dal fondo del Polcevera lungo le campate.
    E a Prà hanno costruito la più ampia e ingombrante nefandezza ambientale della Liguria e forse d’Italia e d’Europa.
    Secondo me la vedo nera.
    Noi chiediamo molte cose ma le risposte sono sempre picche oppure la presa per i fondelli di nuovi insediamenti tipo la Carmagnani.
    Palmaro vive di ricordi del tempo andato e di desolazione.
    Avessimo anche noi la nostra Greta o qualcuno che faccia capire ai signori politici che questo non è il buco del culo del mondo.
    Senza offesa per nessuno, sono tutte parole che si trovano nel vocabolario.

  13. Andare sulla Luna o su Marte è affascinante ma prima dobbiamo rimettere a posto il nostro pianeta: finora non ne abbiamo scoperto uno di riserva.
    La cosa che mi fa più impressione è quando trovano balene spiaggiate con dentro quintali di plastica.
    Manca l’educazione civica, bisogna ricominciare a insegnarla nelle scuole e i vigili urbani invece che dare le multe a chi posteggia 5 centimetri fuori dalle righe dovrebbero dare 500 euro di multa a chi abbandona i sacchetti della rumenta nelle strada, a chi da defecare i cani senza pulire, a chi butta per terra lattine e bottiglie di birra, pacchetti di sigarette, a chi spreca l’acqua e inquina il sottosuolo con tutti gli scarichi tossici.
    Questi dono delitti contro l’umanità. Molti giovani scendono in piazza per manifestare contro il degrado molti altri sono il massimo della maleducazione e della mancanza di rispetto: buttano in qua e in là quello che hanno per le mani anche se hanno un cestino vicino.
    L’educazione va insegnata in famiglia prima ancora che a scuola.

  14. Speriamo che da oggi la gente non si dimentichi di quello che ci riguarda tutti, la nostra salute, il nostro ambiente e il futuro dei nostri figli.
    E che i problemi di Pra’ siano sempre in primo piano, non ne possiamo veramente più.

  15. Buongiorno. Ho molto apprezzato le precise richieste di Marco per Genova e le altrettanto precise puntualizzazioni di Maria Luisa su ciò che ci attendiamo dalla politica per Prà.
    A questo punto attendiamo per l’ennesima volta risposte concrete.

  16. Fantastica dimostrazione di come i giovani tengano al loro futuro e al benessere del pianeta. Gli adulti dovrebbero farsi più di un esame di coscienza.
    Educhiamo a tutto meno che alla tutela e al rispetto della natura.
    Vergognoso per una società che si dice civile.
    Ricordo Palmaro quando ero bambino e mi sembra di vivere in un altro pianeta, vedo di fronte a me – dove c’era un mare stupendo- il fallimento della mia generazione e la latitanza colpevole della politica locale.

  17. I giovani ci hanno dato una bella lezione ma le responsabilità sono tutte nostre.
    I poli che si sciolgono, i ghiacciai che si spaccano, le foreste che si tagliano, i boschi che si bruciano, le acque che si inquinano, l’aria che si avvelena, i cibi fatti di plastica e contraffatti geneticamente, la spazzatura lasciata per la strada, le fogne a cielo aperto, lo spreco di cibo e di acqua, l’innalzamento delle temperature: invece che litigare su minchiate delle quali alla gente non frega niente, fare clientelismo e corruzione i politici dovrebbero occuparsi di queste cose. Se hanno una coscienza. Ma alzi la mano chi crede che abbiano una coscienza del rispetto altrui e una pallida idea del bene comune.
    Sono totalmente pessimista, mi spiace.

    • Io non alzo la mano e la penso esattamente come Sabrina.
      Vedo nero nel nostro futuro , anche a Pra’.
      Balle colossali e promesse stratosferiche che diventeranno altri guai aggiunti a quelli che ci sono.
      L’ambiente non migliorerà, peggiorerà di brutto. A Prà, a Palmaro e in tutto il ponente della città.

  18. Certo che a Pra’ guardarci intorno è sconsolante, vengono pensieri cupi verso chi ha ha determinato questo sfacelo. Vogliamo destarci e pretendere che le cose cambino, fermare questi disinvolti dirigenti che mirano soltanto davanti ai loro piedi e non alzano mai la testa e rendersi conto del merdume al quale hanno contribuito e stanno continuando imperterriti a distruggere quel poco di buono che è rimasto. Ma questi incuranti e vivendo col monocolo non si rendono conto che presto saranno giudicati dagli storici come sfasciatori di Pra’ e Genova e oscurando magari i miserevoli traffici cresciuti a scapito dell’umanità. Signori che governate il porto di Genova svegliatevi si può crescere rispettando ambiente ed abitanti di esempi e suggerimenti siete circondati basta alzare la testa e aprirsi alla vita.

  19. Dobbiamo abituarci a convivere in un mondo di contraddizioni evidenti.
    Quello che abbiamo davanti agli occhi grida vendetta al cospetto di Dio.
    La manifestazione dei giovani in tutto il mondo ha riguardato anche i nostri problemi. Per questo qualcuno ha riassunto ciò che urge a noi, qui a Prà, per contenere (non risolvere, ormai la frittata è fata) il danno: ho letto interventi interessanti che elencato richieste precise da esporre nelle dovute sedi. Strano però che ci sia stato (non qui, altrove, sui giornali sui social) chi ha criticato questi ragazzi che sono scesi in piazza per le emergenze ambientali: chi ha scritto che sono finanziati da Rothshild per secondi fini, come dire che i ragazzi erano al soldo di qualche magnate, chi ha scritto che hanno marinato la scuola mentre i loro genitori usavano auto, aerei, climatizzatori inquinando l’ambiente.
    Commenti che mi sono ritrovati all’articolo che ho scritto su TGCOM 24.
    La giornalista Maglie ha dichiarato in TV : “Greta Thunberg? Se non fosse malata la metterei sotto con la macchina” (aggiungendo che lo diceva per scherzare) , mentre Giuliano Ferrara odia le sue treccine. Nessuno può essere perfetto ma finora, negli ultimi anni , non c’era stata una mobilitazione di massa così imponente.
    Poi è chiaro: tutto ha un diritto e un rovescio.
    Però, tornando a Prà, possiamo cogliere l’intenzione “sana” e “pulita” di questa iniziativa e della presa di posizione dei giovani per interrogarci sul nostro futuro.
    Quando ero un bambino in pantaloncini corti che scorrazzava per le vie e viuzze di Pra’ e Palmaro… mai e poi mai avrei immaginato che un giorno mi si sarebbe parata dinnanzi la scenografia iconografica dello sfacelo.
    Inimmaginabile per chiunque. Chi ha la mia età ricorda e penso che condivida. Ma non si può sopravvivere solo di nostalgie. Bisogna volgere lo sguardo al futuro, limitare i danni che un destino avverso e non maturato nel nostro territorio ma deciso altrove ci ha riservato.
    Eppure il degrado è avanzato come un cancro senza cure, un segno di un destino già scritto, una irreversibile sciagura ambientale. Perchè proprio qui? Perchè proprio noi? Se la gente protesta è consequenziale che susciti irritazioni. Però la protesta di Prà è sempre stata saggiamente incanalata nella corretta e civile interlocuzione con le autorità comunali, regionali e portuali.
    E tale deve rimanere. Niente black bloc o gilet gialli a Prà. Siamo persone civili e tolleranti. Ma la nostra disponibilità all’interlocuzione non deve essere scambiata come arrendevolezza.
    Ripeto ancora una volta un invito già espresso: rendiamoci più uniti, più solidali, più forti. Miriamo al bene comune. Non dividiamoci. Non ci sono interessi di parte superiori a quelli che ci accomunano. Così come condividiamo nel rovescio della medaglia della democrazia gli stessi problemi.
    Le richieste avanzate, quelle che potremo ancora fare devono avere “agenti di rappresentanza” nelle sedi istituzionali, da Genova fino a Strasburgo.
    In sede europea ciò che non viene risolto a livello locale trova una ricomposizione e un bilanciamento sul piano delle comparazioni internazionali.
    Facciamo più di un semplice pensiero. Ci sono persone autorevoli tra noi che possono aggregare consensi e portare in quelle sedi una voce unica e unitaria. Bisogna essere lungimiranti , non miopi.
    A maggio voteremo per le europee: è l’occasione giusta per dare una prova tangibile di unità e di forza. Uniti si ottiene qualcosa, divisi si finisce per perdere tutto. Voglio infine ringraziare la Fondazione perchè dà voce a tutti e mira al perseguimento del bene comune della nostra martoriata delegazione.

  20. Mi sembra che l’invito di Francesco non meriti di cadere nel vuoto.
    Sono parole che hanno un peso e una attendibilità, vengono da una fonte riconosciuta autorevole a Prà e a livello nazionale.
    Nel mio piccolo credo che chi conta a Prà dovrebbe prestare orecchio a queste parole, farle proprie in vista di una strategia comune.
    Penso che sia l’unica strada che porti ad aumentare il peso della nostra azione. E’ un salto di qualità che ci viene proposto. Pensiamoci bene.

  21. Non sempre Elio va a finire così. Dipende anche da noi.
    Speriamo di averla noi, l’ultima parola visto che la faccenda riguarda noi e i nostri figli.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*