Il Comune sfratta lo Speranza

Il report

GS-SPERANZA-SPIAGGIA-DI-PRA-1982

Redazione  –

Come era purtroppo prevedibile, con una Pra’ Viva indebolita dalle recenti vicende si è aperto un varco per le azioni ostili verso il Gruppo Sportivo Speranza da parte di chi, da lungo tempo, (vedere precedenti articoli sul tema pubblicati su SuPra’tutto) cerca di inserirsi nel Centro Remiero e Campo di Regata di Canottaggio Praesi. Infatti, guarda caso, a breve distanza dalla firma della nuova convenzione Comune – Pra’ Viva, la Dottoressa Simona Lottici, Direttrice del Settore Demanio Marittimo del Comune di Genova, ha informato il G.S. Speranza «che è intendimento della Civica Amministrazione riservarsi una porzione del suddetto edificio (Centro Remiero di Pra’ N.d.R.) per attività istituzionali connesse alla gestione della Regata Storica delle Repubbliche Marinare e, in particolare, del rimessaggio del Galeone». In pratica, si tratta di sottrarre l’hangar centrale del Centro Remiero dalla gestione Speranza per affidarlo, a quanto sembra, ad una società che si starebbe appositamente formando per la gestione ed organizzazione della Regata Storica nel Canale di Calma di Pra’. Se lo Speranza fosse uno dei tanti gruppi sportivi di canottaggio genovesi e la Fascia di Rispetto di Pra’ un qualsiasi spazio pubblico comunale forse andrebbe anche bene. Però lo Speranza, fondato nel 1953 sulla spiaggia di Pra’ è, insieme a S.M.S. Pescatori e G.S. Aragno, una delle tre associazioni storiche praesi che avevano sedi importanti su quella che era la spiaggia di Pra’, devastata e seppellita per realizzare il Bacino Portuale di Pra’ ingoiando, oltre ai graziosi chalet di Speranza ed Aragno, costruiti dai loro stessi soci, e alla antica “Casetta” della S.M.S., ben 34 stabilimenti balneari, 3 cantieri navali e 4 aziende di pesca professionistica. Ebbene, anche e proprio lo Speranza fu fondamentale per evitare il degrado di quella che ormai era una spiaggia interrata, una discarica a cielo aperto, combattendo e riuscendo, insieme ad altre realtà praesi, ad evitare il tombamento totale dello specchio acqueo, di fatto contribuendo in modo determinante a realizzare quel Centro Remiero e quel Campo di Regata che dai Cittadini di Pra’ sono considerati “Sacri” in quanto sudate e sofferte contropartite, insieme alla Fascia di Rispetto tutta, per la devastazione del litorale. Vi è anche da dire che il Galeone Genovese si allena a Pra’ già da molti anni, anche grazie al G.S. Speranza e ai suoi atleti che per anni hanno fornito campioni di voga (tra cui i mitici Bignone Senior e Junior) e di timone (ad esempio lo storico Cavallino) determinanti per diverse vittorie dell’armo genovese. Vi è infine da dire che Pra’ tutta ha accolto entusiasticamente e collaborato per la Regata Storica che si è tenuta a Pra’ nell’estate del 2018. Però già in occasione di quell’evento ci fu un allarmante atteggiamento del Comune che, ignorando completamente lo storico gruppo sportivo praese, lo escluse dall’organizzazione, affidata a Marco Dodero, Presidente Onorario della società genovese di canottaggio “Elpis”, ignorandone il ruolo e la storica presenza sul territorio. Interessante notare come più volte in passato lo stesso Dodero sia venuto ai ferri corti con Oscar Capocci, Presidente dello Speranza, per differenze sostanziali di vedute sul canottaggio a Pra’. Surreale notare come “Elpis”, in lingua greca, significhi proprio…speranza. Tra le varie cose il Dodero, come riportato sul sito della Elpis afferma di «aver portato avanti con piacere l’impegno della costruzione del Campo di Regata di Pra’ in occasione dei mondiali del 2002» facendo trasparire una sua personale attenzione e anche affetto ed attaccamento per le corsie d’acqua praesi. Riflessione: ma non è che buona parte dei problemi siano generati più da antipatie, rivalità personali e problematiche caratteriali di uno o più personaggi che da problematiche oggettive, che peraltro sembrano facilmente risolvibili usando un po’ di buona volontà? Per completezza del quadro vi è anche da dire che già in occasione dell’incontro tra il Consiglio di Comunità Praese ed il Sindaco Bucci del 12 febbraio u.s., il Presidente Onorario della FondAzione PRimA’vera, Guido Barbazza sottolineò che, nell’ambito della Fascia di Rispetto di Pra’ «sarebbe il caso di dare un riconoscimento particolare alle tre società storiche che sono la S.M.S. Pescatori, il G.S. Speranza e il G.S. Aragno, che hanno avuto un ruolo di primo piano nella lotta condotta dalla cittadinanza per ottenere almeno la Fascia di Rispetto come parziale contropartita per le devastazioni subite per la costruzione del porto», con Oscar Capocci che fu invitato dal Consiglio di Comunità Praese e partecipò all’incontro, a «lamentare il fatto che il Centro Remiero sia stato dato da Pra’ Viva solo parzialmente in concessione al G.S. Speranza, diversamente da quanto avviene invece per la piscina con il G.S. Aragno e per il campo di calcio con la Praese». La situazione e le aspettative dello Speranza e dei Praesi in merito allo Speranza e al Centro Remiero sono state perciò chiaramente e direttamente espresse al Sindaco nelle sedi opportune. E’ utile, per completezza del quadro, riportare anche che, il 12 febbraio del 2018, la FondAzione PRimA’vera, per mitigare le annose litigiosità attorno al Centro Remiero Praese, facilitando la ricerca di una soluzione condivisa, su specifica richiesta mise a punto un documento concettuale d’intesa con il G.S. Speranza e la Federazione Italiana Canottaggio (“Centro Remiero Pra’ – per un canottaggio di eccellenza”), che contiene la “ricetta” per il canottaggio a Pra’, con «lo Speranza che assume il controllo e la gestione totale del Centro Remiero di Pra’, in conformità con le linee guida della FIC» ospitando le altre società di canottaggio genovesi che si allenano a Pra’ e «liberando l’hangar centrale mettendolo a disposizione per rimessaggio di barche di altre società e dei galeoni, trovando un’altra soluzione per l’allenamento “a secco” dei propri atleti». Il tutto sulla base di «una convenzione in forma scritta e dettagliata per l’utilizzo promiscuo del Centro Remiero da parte delle società di canottaggio con regolamenti e ripartizione della struttura chiari e condivisi». Superando così «le incomprensioni e i conflitti tra società remiere e consentendo il lancio del Centro Remiero di Pra’ come centro di eccellenza nazionale per il canottaggio». Non è noto quanto il G.S. Speranza sia poi riuscito a portare avanti il visionario progetto, che avrebbe dovuto ovviamente condividere e concordare con Pra’ Viva ma è ragionevole ritenere che la situazione di Pra’ Viva, e forse anche qualche problema manovriero e di comunicazione dello stesso Speranza, e forse anche qualcosa d’altro, abbiano condizionato negativamente la sua realizzazione. Ora, chiunque analizzi la situazione da un punto di vista neutro, diciamo del classico “osservatore inerziale” della fisica, non può non porsi qualche domanda: «perchè, esistendo sul territorio praese dal 1953 un gruppo sportivo di canottaggio blasonato e plurimedagliato e che ha perdippiù dato importanti contributi agli equipaggi del Galeone Genovese, lo Speranza, nel momento in cui la Regata viene a tenersi a Pra’ lo stesso viene ignorato, esautorato, messo da parte, sfrattato, per istituire una nuova associazione di canottaggio ? Cui prodest ? Perchè fare ciò in modo invasivo avendo lo Speranza già avviato accordi con la Federazione Canottaggio che potrebbero prevedere l’utilizzo dell’hangar centrale proprio per il Galeone ? Il “casus belli” è lo Speranza o chi lo dirige ?». Il Consiglio di Comunità Praese, interpellato sul tema «auspica che il Comune prenda in considerazione il progetto “Centro Remiero Pra’ – per un canottaggio di eccellenza”, riportando lo Speranza nella posizione di centralità, gestione e coordinamento che merita, cessando azioni unilaterali verso lo stesso, attivando un dialogo che possa portare armonia e sintonia nel “remo” a Pra’ nel rispetto di chi è stato determinante nel far sì che il Centro Remiero e il Campo di Regata oggi esistano, garantendo altresì tramite lo stesso Speranza un armonioso e coordinato utilizzo delle strutture sportive a Pra’ anche da altri gruppi sportivi genovesi e dalle barche ed atleti del Galeone Genovese, consentendo a importanti esponenti del canottaggio genovese di dare il proprio qualificato contributo e sostegno, in un’atmosfera di collaborazione ed armonia. Il Consiglio di Comunità Praese è pronto, qualora richiesto e gradito dalle parti coinvolte nella vicenda, ad attivare e facilitare un dialogo positivo, costruttivo, fattivo tra Comune, G.S. Speranza, altre realtà ed autorevoli protagonisti del remo genovese, per risolvere rapidamente e definitivamente i problemi, trasformarli in opportunità e realizzare finalmente a Pra’ un centro remiero di eccellenza».

Centro Remiero Pra’

13 Comments

  1. Reportage ineccepibile, che fa chiarezza sulla situazione Speranza. Speriamo che i vari personaggi responsabili la smettano di litigare e lavorino insieme per un centro di eccellenza del canottaggio a Prà che sarebbe cosa buona e giusta e anche utile visto che porterebbe ricchezza per gli operatori economici della zona.

  2. Quello che succede allo speranza è normale dopo che pràviva ha smesso di essere pràviva e è diventata un centro di marmellamento di posti barca per foresti però anche la dirigenza dello speranza dovrebbe guardarsi un pochino allo specchio come è possibile che ce l’hanno tutti con loro ? Non è che hanno fatto degli errori ? Litigare con tutto e tutti non sempre conviene. Un po di autocritica non guasterebbe

  3. Ma in tutto questo “c” dove sta Chiarotti e il Municipio ? Cosa fanno ? Ma esistono ? Arridatece la circoscrizione di Prà.

  4. Io ho vogato nello speranza del sedile fisso, bei tempi. A Prà c’era la spiaggia e varavamo i canotti anche col mare grosso. Lo speranza non è un club privè non è proprietà di nessuno ne di Prà ne peggio ancora di fuori E’ DEI PRAESI !!!!!. Le palazzine del remo sono li grazie ai praesi al consorzio pra’ mare e a prà viva non a Capocci ne a Dodero. Che la smettano di litigare aprano un ristorante di basilico e pesto al posto del bar dei pensionati che faccia soldi per usarli per il canottaggio e lavorino insieme per il bene di prà e di genova non abbiamo bisogno di capetti, di ducetti e di gente che si diverte a litigare e a fare baruffa. la fascia è troppo bella grande e importante per dei dilettanti ci vogliono grandi idee ma bisogna RISPETTARE PRA’

  5. Chiamate Agostino Bignone come presidente dello speranza che metta tutti in riga tenga alla larga i foresti e metta a posto il remo a Prà

  6. “I have a dream” . . Vorrei che questo “Report”, questo squarcio di verità, questo “Richiamo” al senso del bene comune, della corresponsabilità, dall’umiltà, dalla forza che scaturisce dall’ascolto, dal dialogo e dalla presa di coscienza di remare insieme per raggiungere un obbiettivo condiviso quale avrebbe potuto essere il progetto della Fondazione Primavera per lo Speranza Pra’ ,,,, VENISSE LETTO DA TUTTI GLI ABITANTI DI PRA’ E DA TUTTI I PERSONAGGI E DALLE ISTITUZIONI coinvolti in questa, veramente, negativa e spiacevole realtà. Lo Speranza appartiene sempre e comunque alla storia di Pra’, la Fascia di Rispetto appartiene per dovere di compensazione ai Cittadini di Pra’ e nessuno può arrogarsi il diritto di appropriarsene, chiunque esso sia. Questo è il momento che i cittadini di Pra’ alzino la testa e facciano sentire e vedere che Pra’ c’è e che Pra’ sa farsi valere ed ascoltare. Si può ancora scrivere una nuova e bella pagina di Storia . .. basta mettere da parte i personalismi e . .. remare tutti insieme per il bene di Pra’ e di tutti quelli che a Pra’ vengono fare attività sportiva e ludica. Pra’ non appartiene a chicchessia . . Pra’, con
    tutto quello che è suo, si appartiene.

  7. Il comune rispetti prà e lo speranza le cose fatte bene si fanno insieme alla gente non con colpi di mano e arroganza. Quando a Prà era la discarica il comune di genova di prà e dei praesi se ne fregava ora che c’è qualcosa di buono viene qui a fare da padrone ? VERGOGNA

  8. Lo Speranza, al pari del basilico sia uno dei simboli di Prà e della storia di tutti i Praini. Perderlo vorrebbe dire aprire altre ferite di cui non abbiamo bisogno. Non ci credo non si possa trovare una soluzione tutte le parti in causa devono dimostrare la giusta sensibilità nell’affrontare la situazione e trovare l’ovvia soluzione

  9. Quando vado a prendere il treno passo sempre davanti allo Speranza e mi vengono in mente i discorsi di mio padre e degli altri vecchi e si leggeva sul loro viso l’orgoglio di avere regatato per quei colori e spesso vinto. Non voglio credere che quei colori rischino di sparire

  10. Smantellano tutto la Speranza è storia di Prà e chi dice che marmellano ha ragione da vendere.
    Vantaggio tutti ai foresti.
    Una caduta degli Dei vergognosa e squallida, i nostri vecchi sono stati umiliati.

  11. Una brutta pagina, di cui Pra’ non aveva assolutamente bisogno. Se in Comune se ne fossero dimenticati, ci siamo noi adesso a ricordarglielo: la Fascia di Rispetto e il Canale di Calma sono il minimo che ci è rimasto dopo essere stati defraudati di tutto, del mare, della spiaggia, del panorama, del silenzio e del buio della notte. E una delle Società che più ha contribuito a combattere per riuscire a ottenere almeno questo minimo è proprio lo Speranza Pra’. Avevamo paura, a suo tempo, che anche questo nostro “minimo” avrebbe fatto gola a qualcuno e per questo avevamo studiato una gestione solidale. Ora questa gestione solidale è stata azzerata, grazie all’egoismo miope di chi sa sfruttare benissimo la situazione ma non ha una minima visione del futuro. E i frutti avvelenati iniziano a maturare. Il primo è già sotto gli occhi di tutti: la mancata manutenzione del verde e del parco. Ma il secondo è ancora più grave: lo scippo di spazi dello Speranza, uno scippo imposto da una parte e subito dall’altra. Noi praesi siamo stufi di essere terra di conquista. Troppi scippi si sono susseguiti nel tempo e questa volta dobbiamo reagire finché siamo in tempo!

  12. Purtroppo da praese vi dico che lo speranza, per colpa del suo presidente Capocci , non é mai stato in grado di gestire niente : per la nostra società cerano risorse quali palestre, bar, saloni, posti barca in mare e posti barca da affittare ai foresti per renderli clienti !!! Niente di tutto questo é stato fatto !!! Si sono chiusi in un buco e non sono stati capaci di gestire, anzi sempre mandato via gli utenti che avrebbero portato denaro alla società e al territorio(centro Remiero poteva voler dire soldi, gare, eventi). Per quanto riguarda gli eventi: mi spiace ma lo speranza ha organizzato eventi sempre tristi…… qualcuno ha guardato il palio delle repubbliche marinare 2 anni fa? Ecco lo ha organizzato dodero, bruttissima persona eh, ma ha fatto arrivare soldi e persone. Pra e la fascia di pra sono di noi praesi ma non possono e non devono essere gestite né da persone come dodero e ne, per approvata incapacità, da persone come capocci o Tortomasi, altro fenomeno della gestione pra viva.

Rispondi a Giorgio Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*