Foto www.comitatoperpra.org
Foto www.comitatoperpra.org

Il Comitato per Pra’ ha replicato la positiva esperienza della pulizia dei giardini Elah di domenica 20 ottobre, con la pulizia, questa volta, dei giardini De Mari vicino alle Fonti Sulfuree a Palmaro.
Anche in questa occasione un centinaio di cittadini di Pra’ di tutte le età si sono ritrovati, portando da casa ramazze e attrezzi, per fare ciò che le istituzioni, che paghiamo con le nostre tasse, non fanno, anzi prendendosi pure le critiche di queste ultime.
Dopo la pulizia dei giardini Elah, infatti, c’è stata una “mozione” in consiglio municipale dove alcuni esponenti hanno voluto manifestare il loro disappunto, chiedendo a quanto sarebbe ammontata la spesa di AMIU per portare via il cumulo di spazzatura e arbusti derivato dalla potatura delle piante ormai ridotte ad uno stato simile a quello della Jungla. Certo che il costo c’è stato se si rapporta al lavoro non svolto dagli organi competenti e che il contribuente ha pagato. Quando si dice la genialità della politica miope o il vecchio motto “una buona occasione persa per stare zitti!”.
E’ un segnale forte e positivo quello che il Comitato ha mandato alla classe politica locale e ai cittadini. Se i primi, i politici, dovrebbero essere pungolati nel loro amor proprio vedendo che non riescono a onorare neanche compiti semplici come il decoro, i cittadini dovrebbero prendere coscienza che è con il buon comportamento di ciascun singolo che si può arginare il degrado.
Inoltre si è tornati ad organizzare qualcosa di tangibile per Palmaro, dopo che per troppo tempo, ingiustamente, è stato detto che gli sforzi del Comitato si fermavano al rio San Pietro.
Forse l’aria è cambiata realmente, speriamolo, e speriamo anche che il Comitato, in questa nuova versione 2.0, per dirla in modo informatico, riesca ad essere un punto di riferimento per tutte le anime che si adoperano per il bene di Pra’. Complimenti a tutti!

Luca Cambiaso

3 Comments

  1. E’ pur certo che se il Municipio o il Comune
    non fa alcun intervento di manutenzione e di cura
    degli spazi e dei giardini pubblici
    per contrastarne il degrado, la sporcizia e
    l’abbandono, non spende nemmeno soldi e risorse.
    Peccato che però rimangono il degrado, la sporcizia
    e l’abbandono. E allora qualcuno potrebbe anche
    chiedersi a cosa servano il Municipio ed il Comune
    se vengono meno ad uno dei loro compiti più importanti:
    mantenere la pulizia, la cura ed il decoro degli
    spazi pubblici, specie quelli abitualmente frequentati
    da famiglie e bambini.
    Ben vengano allora gli interventi ed il lavoro
    degli abitanti di Prà !

    Luciano

  2. I cittadini italiani pagano ogni anno una marea di tasse. E’ ben noto e riportato su tutti i quotidiani che la spesa pubblica è a livelli assolutamente abnormi, si tratta di qualcosa come 800 miliardi di euro all’anno, detto in altro modo 800 mila milioni di euro all’anno. I nostri governanti, alcuni dei quali trovano i soldi per comperare, a nostre spese, i Rolex e lo Champagne, non trovano i soldi per tenere puliti giardini e strade. Anzi, se i cittadini, vista l’inedia ormai atavica che caratterizza l’amministrazione pubblica, si rimboccano le maniche e fanno da soli, l’amministrazione trova anche il modo di stigmatizzare l’operazione perché, a loro dire, crea una spesa non prevista. Sono previsti i Rolex? E’ previsto lo Champagne? Sono previste le auto blu? Sono previsti i rimborsi e i portaborse, ma non è previsto il ripulire le strade, il tenere i giardini in ordine, il mantenere il livello minimo di decoro della cosa pubblica. Si spende e spande per il privato oligarca, ma si lesinano gli spiccioli alla gente. Fa una certa meraviglia poi che le critiche all’operato dei volontari arrivino da una parte politica che si è sempre detta “proletaria”, e ha sempre strombazzato ai quattro venti la sua provenienza e la sua attenzione ai bisogni dei cittadini. Allo stato dei fatti si dimostra che ciò di cui si interessa è il dominio della cosa pubblica, il desiderio di crearsi delle microscopiche, penose, sacche di influenza. Ciò che interessa è il poter decidere dove intervenire, per poter poi capitalizzare l’intervento in termini di immagine, al fine di crearsi il consenso necessario in vista delle perenni prossime elezioni.
    Non cediamo a questo gioco. Ringraziamo di cuore coloro che hanno speso il loro denaro e il loro tempo, prezioso quanto e più del nostro, per dare una mano a recuperare il decoro dei giardini dell’Elah e quello dei giardini De Mari. Ringraziamo quanti si tirano su le maniche e lavorano per il bene del nostro paese e, così facendo, dimostrano che un’altra Pra’ è possibile. Oltre al risultato tangibile, fruibile immediatamente, di un paese più vivibile, ottengono anche un altro fondamentale risultato: fanno uscire allo scoperto l’acrimonia di chi si vede strappare dalle mani i bastoni del micro-potere, di chi si vede sbugiardato quando si dichiara disponibile ma impotente. Chi è stato messo a gestire la cosa pubblica deve dimostrare di esserne all’altezza oppure dichiarare il proprio fallimento e andarsene. Basta con i proclami sull’impossibilità di realizzare ciò che è evidente possa essere realizzato se solo si ha un po’ di fantasia e buona volontà.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*