Il Centro Civico Culturale Praese: Intervista alla Dirigente Scolastica della Thouar.

Vista di insieme con la pensilina trasformata.

Ernesto Soressi #

Il Centro Culturale Praese
Il Centro Culturale Praese

Con riferimento al Progetto della FondAzione PRimA’Vera sul possibile impiego della vecchia stazione come sede del Centro Civico Culturale Praese, che si può trovare in  http://www.supratutto.it/?p=3608 e, in una veste grafica molto suggestiva al link  http://www.supratutto.it/?p=3897, Supratutto ha chiesto un parere alla Dirigente Scolastica dell’istituto Comprensivo Thouar, Ivana Ottonello: “Sono felicissima del fatto che si voglia dare senso a questa struttura, collocata in una posizione strategica, che potrebbe essere il nucleo di collegamento tra Fascia e zona abitativa”
Qual è la sua opinione sulla possibilità di avere finalmente una biblioteca? “Sarebbe graditissima da tutta la popolazione; la parte dedicata ai bambini dovrebbe avere spazi anche per la lettura (angolo morbido? tavolini e sedie?), per i ragazzi sarebbe importante uno spazio per la consultazione e lo studio individuale, per gli adulti mi piacerebbe una sala lettura dove regni il silenzio. Spazi quindi molto differenziati, perché i lettori hanno esigenze diverse in base all’età e allo scopo della lettura, ma con alcune caratteristiche trasversali, la più importante: per apprezzare la lettura devo mettermi in una disposizione di ascolto, ascolto di chi legge per me (nel caso dei bambini più piccoli), ascolto di me lettore (nel caso della lettura individuale, silenziosa).”
Cosa ne pensa della parte museale? “Dobbiamo pensare a uno spazio museale che non sia un solo rimpianto di ciò che avevamo ma che sia dotato di grande senso per il presente e il futuro. Ad esempio: <Pra’ come laboratorio di come le relazioni uomo-territorio si modificano nel tempo> che descriva la trasformazione dei mestieri, dell’utilizzo del territorio da parte degli abitanti. E ancora: che cosa cambia, perché cambia, quali sono i nuovi mestieri, che fine fanno quelli precedenti, quali utilizzi del territorio, includendo una parte dedicata al Porto.
In questo modo potrebbe diventare un percorso museale significativo non solo per chi è del territorio, ma per chi vuole vedere da vicino un esempio di trasformazione dei rapporti uomo-territorio, un esempio di studio di geografia umana o culturale.
Correndo un po’ con le idee, penso a un percorso di visita del territorio del Pra’ per le scolaresche che preveda: prima tappa: il Museo, seconda tappa: un esempio di attività tradizionale: visita alle serre del basilico, terza tappa: visita al porto.”

2 Comments

  1. Un ringraziamento per il contributo della dott.ssa Ottonello….. bellissimi e imteressanti gli spunti di sviluppo che ci offre.
    Bene, Pra’ ha ancora moltissimi margini di miglioramento…idee, innovazione….futuro!!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*