Il buono e il bello di Pra’: qualità e tradizione a braccetto

#Luciano Bozzo

Pra’ e le vicine ex delegazioni della zona più a ponente di Genova sono davvero uno scrigno di preziosi ed eccellenti prodotti eno-gastronomici, gustosi frutti di una storia e di una vicenda che affonda le proprie radici nei secoli scorsi.
Pra’ in particolare ha sempre vissuto tra due poli di attrazione e di sviluppo ben precisi: da un lato il mare e la spiaggia che hanno favorito le tradizionali attività di pesca, cantieristica navale, marineria e in seguito anche turismo balneare ma che sono state di fatto poi spazzate via della costruzione del porto, dall’altro la campagna in cui si sono sviluppate l’agricoltura e l’orticoltura; si pensi in particolare alla grande importanza della tradizione ottocentesca della coltivazione in serra proprio sulle colline e nelle piccole valli praesi e nella Piana Podestà o ancora alla lungimiranza ed alle tecniche, per l’epoca innovative, con cui veniva gestita la produzione agricola nelle vastissime terre del Barone Podestà al cui interno, le due ville costiere del sestiere di Cà Nuova ne costituivano il vero e proprio centro direzionale oltre che la residenza della famiglia Podestà.

Lo ha riassunto molto bene l’assessore comunale Paolo Fanghella proprio in una di queste due ville, Villa Sauli Podestà, felicemente recuperata negli ultimi anni e riportata, almeno parzialmente ad avere una funzione pubblica al servizio del territorio che la ospita: <<E’ molto difficile trovare in Europa e nel mondo un’altra zona in grado di proporre tre diverse ed autentiche eccellenze gastronomiche in così poco spazio come avviene per la focaccia di Voltri, il basilico ed il pesto di Pra’ e la farinata di Pegli. E Pra’ in particolare rappresenta anche una delle poche realtà genovesi con vere aziende agricole pienamente attive>> ha ricordato l’assessore mercoledi 10 aprile prendendo la parola all’interno dell’iniziativa “Il Buono e il Bello di Pra’” organizzata dal “Consorzio Il Cammino di Santa Limbania” in collaborazione con l’Istituto Alberghiero Bergese proprio per promuovere e valorizzare alcuni di questi straordinari prodotti e produttori locali che danno lustro alla nostra Pra’.

Si perchè favorire il prodotto locale, specie quando è di ottima qualità, contro la logica preponderante dell’economia globale e della grande distribuzione che ci impongono l’acquisto di prodotti che vengono dai più lontani angoli del mondo e che sono spesso di qualità assai inferiore a quelli locali, è anche un modo per esprimere l’amore e l’attaccamento alla nostra terra e per difenderne sia la tradizione culturale che anche le possibilità economiche e le prospettive di mantenere e se possibile aumentare, grazie ad idee innovative, i posti di lavoro che la produzione locale può garantire.
Sono quindi benvenute tutte le lodevoli inziative che da alcuni anni “Bergese” e “Santa Limbania” stanno portando avanti nella sede di Villa Sauli Podestà per favorire i produttori ed i prodotti di Pra’ e del ponente genovese e di cui hanno parlato il giovane presidente del Consorzio Davide Siviero ed il preside del Bergese Angelo Capizzi: le iniziative formative sull’enogastronomia e i prodotti tipici, gli incontri pubblici con i produttori locali, le presentazioni e gli assaggi dei prodotti, il gruppo di acquisto solidale e tutte le altre iniziative propedeutiche alla sempre maggiore conoscenza e commercializazione di questi nostri prodotti così saporiti e genuini. Ed in questo percorso virtuoso si dovrebbe inserire anche il progetto di adibire il piano terreno della ex stazione ferroviaria, di cui è in corso il recupero, a luogo per ospitare un mercato a chilometri zero, dando spazio a produttori agricoli e prodotti locali: <<Ospiterà 4 o 5 banchi di vendita al coperto>> ha annunciato l’assessore Fanghella. Non resta che augurarsi che in questa nuova sede l’idea del mercato di vicinanza possa avere un esito migliore di quanto sin qui sperimentato sulla Fascia di Rispetto.

Dicevamo del titolo dell’iniziativa “Il buono e il bello di Pra'” che di sicuro i produttori praesi invitati per l’occasione sanno incarnare perfettamente ad iniziare da Tiziana Allara che con la sua attività e il suo negozio in Via Fusinato tra le tante cose può vantare due prodotti tradizionali di assoluta eccellenza come il liquore al basilico ed il Corochinato.

L’aperitivo dell’asinello si basa su un’antica ricetta, brevettata nel 1886, ed è il tipico aperitivo di Genova: ha una base di vino bianco, nello specifico il Cortese dell’Alto Monferrato, in infusione con un ricco carnet di erbe (tra le quali due diversi tipi di assenzio e la china). Ricorda un vermuth ma più asciutto e con un piacevole retrogusto amarognolo dato proprio dalla china. Il nome ricorda il vino di Coronata che inizialmente costituiva la base del prodotto. Dopo un periodo di oblio ora sta ritornando di gran moda nella nostra città e non solo, in virtù di un gusto davvero straordinario.
Il liquore al basilico è delicato, dolce ma anche molto fresco nel gusto ed è un ottimo digestivo a fine pasto, una valida alternativa al limoncello. E’ fatto con basilico genovese DOP  prodotto a Pra’ nella Piana Podestà.

Stefano Bruzzone
porta avanti una tradizione di produttori agricoli presenti a Pra’ da 5 generazioni. La sua azienda “Bruzzone e Ferrari – Le serre sul mare” si è specializzata nella produzione di basilico e pesto, fatto dei 7 ingredienti tradizionali. Bruzzone ha ricordato che lo scorso anno si è iniziato il percorso per il riconoscimento della preparazione del pesto al mortaio come patrimonio immateriale dell’umanità; e parliamo in effetti di un patrimonio di gastronomia ma anche di cultura e tradizione che sempre più studenti e turisti provenienti non solo da Genova ma da diverse parti dell’Italia e del mondo hanno anche modo di conoscere e di apprezzare nel corso delle visite guidate alle serre ed alla produzione organizzate proprio nella sua azienda.

Giovanni Ratto è il titolare della Agricola Genovese dal 1997, quando prese in gestione lo storico negozio della Cooperativa Agricola di Pra’ nata nel 1919 e con sede in Via Barberia. L’azienda vende i prodotti base per l’agricoltura: sementi, concimi, mangimi, fornisce assistenza ai contadini, vende piante per l’orto ed il giardino ad un’ampia clientela. E’ anche un importante punto di riferimento per i produttori agricoli praesi per quanto riguarda le varie tecniche e le coltivazioni biologiche.
A concludere questa rassegna ha parlato Rocco Darretta, titolare dell’omonimo panificio e pasticceria, dal 1993 in Via Cordanieri, appena ampliato e rinnovato. Per l’occasione ha presentato una nuova colomba pasquale, gustosissima, arricchita dalla presenza della carota oltre ai vari ingredienti tradizionali e, visto che anche l’occhio vuole la sua parte, ha pensato di presentarla come un dessert abbinandola in modo perfetto ad una bagna di vino Moscato.
Dopo la ..teoria in effetti è venuto il momento delle degustazioni di tutte queste prelibatezze, offerte all’assaggio sia nel salone del primo piano che nel bel giardino sul retro della villa, rimesso a posto grazie al duro lavoro dei volontari e degli amici del Cammino di Santa Limbania ed ingentilito dai fiori e dalle piante dell’Agricola Genovese.

E così i tanti presenti hanno potuto godere del gusto della colomba pasquale, degli stuzzichini a base di focaccia e pesto accompagnandoli con un bicchierino di Corochinato, di liquore al basilico oppure assaporando i cocktail e il liquore preparati dagli studenti del Bergese (come sempre impeccabili nel servizio in sala ed in esterno) ed ispirati ai prodotti locali oggetto della giusta e meritata attenzione.

 

3 Comments

  1. Ricca e completa cronaca di un pomeriggio piacevolissimo, sia per l apprendimento sui prodotti che per la degustazione stuzzicante e copiosa.
    Grande villa Sauli Bergese e Limbania!

  2. Gradevolissimo appuntamento eno-gastronomico-culturale! Recuperare antiche tradizioni e sapori è senz’altro un’operazione culturale! Quando inoltre vengono coinvolti i giovani con la loro inventiva ed entusiasmo….e’ ancora più piacevole!

  3. Ringrazio il cronista per il resoconto puntuale e preciso, che ha consentito a me e a quanti non hanno avuto la possibilità di partecipare di poter assaporare letteralmente le eccellenze di cui ci ha parlato. Ora nasce il desiderio di provare un assaggio dei prodotti descritti. ..
    Pra’ offre veramente tante e tali peculiarità da giustificare una visita turistico/gastronomica. Sarebbe bello, una volta sistemata la Vecchia Stazione, disporre di un salone in cui poter organizzare eventi simili a questo, ma in una sede più centrale e più facilmente raggiungibile. ..e magari legare a questi eventi culturali e gastronomici anche un servizio di navetta, utilizzando finalmente l’approdo della Nave bus realizzato nell’ambito del POR Pra’Marina.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*