I cittadini di Pra’ fanno saltare i server

Redazione –

Grande successo per il bombardamento dei cittadini di Pra’ (e non solo) scatenato da SuPra’Tutto nei giorni scorsi sulle due importanti tematiche del Porto di Pra’ e del progetto “Ridiamo il mare a Pra’ – Palmaro”. I cittadini infuriati ed indispettiti dalle recenti dichiarazioni ed annunci in tema di Porto di Pra’ hanno aderito in massa inondando di e-mail le caselle di posta di Autorità Portuale, Comune di Genova e media genovesi, intasandone i server. E i risultati si sono subito visti. La notizia del trasferimento al Bacino Portuale di Pra’ di traghetti dai tradizionali accosti nel Porto di Genova è stata rettificata da Autorità Portuale già il 7 marzo, notizia riportata sul Secolo XIX, e martedì p.v., 13 marzo, rappresentanti del Municipio incontreranno il Presidente ed il Segretario Generale di Autorità Portuale di Sistema, Paolo Emilio Signorini e Marco Sanguineri. Nell’occasione il Municipio chiederà la convocazione di un “Tavolo Tecnico” Autorità Portuale – Municipio – Consiglio di Comunità Praese sulle tematiche del Bacino Portuale di Pra’, da tenersi in tempi brevi nel Palazzo Municipale di Pra’. Il Consiglio di Comunità ha già chiesto, nell’ambito del Tavolo Tecnico, di fare il punto sulla situazione delle opere di mitigazione dell’impatto ambientale del Porto di Pra’, dicasi dune alberate, rimozione pile di container incombenti sull’abitato, elettrificazione delle banchine e prolungamento del canale di calma e della Fascia di Rispetto lungo tutto il litorale praese, fino al Rio San Giuliano. A seguito del comportamento collaborativo di Autorità Portuale SuPra’Tutto ha sospeso temporaneamente il “bombardamento e-mail” denominato  «Anche i traghetti a Pra’ nel Ponente “meno pregiato”?», riservandosi l’opzione di riprenderlo e continuarlo ad oltranza qualora l’incontro del 13 marzo non dovesse far registrare, oltre alla convocazione del Tavolo Tecnico, un cambio netto di atteggiamento da parte dell’Autorità Portuale con l’accelerazione dei progetti per le sopracitate opere di compensazione. Niclo Calloni, Presidente della FondAzione PrimA’vera e del Consiglio di Comunità Praese ha dichiarato «A Pra’ la musica è cambiata, lo dimostra il fatto che i cittadini stanno maturando una maggiore consapevolezza del loro diritto a vivere in un territorio decoroso e sano e si va formando una forte coscienza civica e sociale che spinge al coinvolgimento ed all’impegno personale. questo non è poco, anzi è sostanza, è la conferma che la Gente è stanca di subire e vuole contare, vuole essere protagonista delle decisioni che riguardano il quotidiano ed il futuro di Pra’ e quello dei suoi Sestieri: Longarello, San Pietro, Borgo Foce, Sapello, Palmaro e Cà Nuova. Con questa coscienza e con questa determinazione, ma soprattutto con l’unione si può cambiare la tendenza e riuscire ad essere influenti e far ascoltare la voce di Pra’ nelle decisioni che la riguardano: dal porto al dissesto idrogeologico delle campagne, alla viabilità, al decoro urbano e sull’inquinamento sia acustico che atmosferico. Noi non siamo contrari al dialogo, anzi lo proponiamo da sempre, però non intendiamo più essere considerati invisibili, quasi come Pra’ fosse un luogo di fantasmi. Pra’ c’è e vuole essere considerata per la dignità della sua Gente e per la nobiltà delle sue tradizioni e del suo territorio. Noi non siamo contrari al dialogo, ma il dialogo presuppone l’ascolto e fino ad oggi le Istituzioni sono state sorde agli appelli di Pra’ per cui prima di veicolare nuovi traffici al Porto di Pra’ vogliamo che vengano effettuati tutti i lavori promessi quale risarcimento per quanto la Delegazione ha perso e quotidianamente paga in termini di qualità della vita. L’unione dei Praesi è la vera ed unica forza in grado di contrastare la prepotenza di un sistema che vuole separare per ottenere, utilizzando la tecnica del “Dividi et impera”: a Pra’ ci siamo presi tutti per mano e procediamo uniti». SuPra’Tutto, anche in considerazione dei positivi ed incoraggianti risultati ancora una volta registrati dalle sue iniziative, continuerà ad amplificare la voce e veicolare le legittime richieste e aspettative dei Cittadini di Pra’ con ogni mezzo possibile, per la realizzazione della visione di Pra’ Futura disegnata dalla FondAzione PrimA’vera, che prevede lo stop ad ulteriori disagi, penalizzazioni, servitù per il territorio praese e la ricostruzione di una Pra’ bella, seppur in modo diverso, come un tempo.

6 Comments

  1. AHAHAHAH!
    Potenza del “Bombing” di Mail…grazie a tutti coloro che hanno inviato, per il momento appunto abbiamo ottenuto quest’accelerazione e siamo disposti a sospendere, vista anche la rettifica di A.P. sull’affaire Traghetti, ma non e’ certo un acquisto a scatola chiusa; dalle parole, ai fatti, ACTA, NON VERBA, ossia passare senza piu’ indugi e sospensioni alla fase operativa. Vogliamo vedere le ruspe in azione!
    Il presidente Calloni interpreta correttamente il “sentiment” dei praesi, la consapevolezza c e’, l’impegno pure, ma la pazienza, quella no, sta davvero finendo!

  2. Ora attendiamo segnali tangibili del cambiamento di rotta unitamente alle doverose scuse sulla definizione del nostro territorio.
    Grazie

  3. Bene,
    da qui si parte . Poi si vedrà in itinere .
    Il fatto che la cittadinanza abbia partecipato in maniera così massiccia , è un ottimo segnale di presa di coscienza e per un futuro intervento eventuale . Una mia proposta sarebbe quella di andare in piazza , sull esempio delle madri e nonne di Plaza de Majo a Buenos Aires, che ogni giovedì sfilano silenziose , con un fazzoletto bianco ,per la perdita dei loro cari, spariti nel nulla a causa della Dittattura :i desaparecidos
    Noi, con un fazzoletto in testa di un altro colore , potremmo sfilare perché stiamo perdendo il DIRITTO ALLA SALUTE , regolarmente sancito dalla nostra costituzione.

  4. Bella e significativa l idea di Marina che del resto per mia conoscenza è una gran Bella persona.
    Le donne argentine hanno perso.i loro cari e noi abbiamo perso con.la spiaggia,
    . la salute la serenità il sonno profondo l orgoglio.di invitareun amico a casa nostra…..sostituito dalla vergogna / umiliazione/ rabbia di vivere in un cluogo così degradato.

  5. L’idea di Marina fitta con una mia di qualche tempo fa, che tengo nel cassetto, un po’ più elaborata, e che richiede un po’ di ingegnerizzazione ed a cui sto lavorando per ricavarne un impatto mediatico forte. Prossimamente sugli schermi di “SuPra’Tutto”.

  6. Ottimo l’ottenimento di un incontro sul tema Porto di Pra’ a Pra’. Le precedenti volte che la fondazione era riuscita a portare da noi l’allora presidente di Autorità portuale Merlo c’era sempre uscito qualcosina di buono. Ora ci vuole qualcosa di molto più grande. e anche di molto più veloce.

Rispondi a Guido Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*