Hotel Zolesi: da problema ad opportunità

Antonella Freri –

Insieme a suo fratello Icilio, Olga Fix è l’ultima della dinastia dei Zolesi, proprietaria dell’Hotel medesimo, costruito dal nonno Icilio nel 1958, offriva alloggi ai turisti che venivano a villeggiare nelle bellissime spiagge di Pra’. L’avvento del porto ha vanificato la scopo dell’hotel, per alcuni anni ha servito trasfertisti, ma ciò non consentiva di sfruttarne appieno le potenzialità. A tutt’oggi l’Hotel si trova ancora in vendita, ed è ancora di proprietà dei Zolesi, la signora Olga ha ricevuto richieste da parte delle Onlus che avrebbero convertito l’hotel in accoglienza per migranti, ma i fratelli hanno sempre declinato le offerte poiché da Praesi, e, avendo a cuore le sorti di Pra’, ritengono che i cittadini abbiano diritto ad una struttura che possa favorire il loro benessere. I Zolesi sarebbero inoltre disponibili ad una collaborazione con il Comune, che, se decidesse di rilevare l’hotel, metterebbero a disposizione la loro esperienza. Una parte di cittadinanza praese, si esprime favorevolmente in merito ad una struttura protetta per anziani, ma è anche molto bendisposta alla proposta di una struttura di accoglienza per i giovani a prezzi modici, soprattutto per un progetto futuro di Cittadella dello Sport. A questo proposito, si esprime la Signora Olga, la Cittadella dello Sport limiterebbe l’uso della struttura a singoli eventi, pertanto suggerisce di suddividere la costruzione in varie attività comprendendo quindi posti letto per atleti, zona ricreativa, diurno per anziani e un’officina studio, locali muniti di wi-fi per studenti universitari e non. La giunta del municipio VII ponente ha preso posizione tramite il Presidente del Municipio Claudio Chiarotti: «L’intenzione del municipio è quella di riattivare l’uso della struttura ricettiva con sinergie pubblico/privato in funzione delle attività del territorio». Per la lega Nord ha parlato il Vice Presidente del Municipio Adriano Patrone: «Personalmente vorrei un mantenimento sostanziale della vocazione naturale convertendolo da hotel a struttura per ospitare studenti fuori sede iscritti all’università di Genova, magari con costi contenuti. Infatti l’ateneo genovese è uno dei nostri fiori all’occhiello presso cui sono iscritti molti studenti provenienti da città lontane e che per frequentare i corsi sono costretti a spendere talvolta cifre molto alte per affittare locali in centro città. La scomodità rispetto agli alloggi del centro città  è in buona parte colmata dalla presenza della stazione ferroviaria e dalle linee amt che offrono i propri servizi a prezzi popolari.  In ultimo la presenza degli studenti aiuterebbe la zona a ravvivarsi economicamente (penso ai negozi ed alle attività di somministrazione) e socialmente». Per il Movimento 5 stelle si è espresso il capogruppo Massimo Currò: «Il Movimento 5 Stelle non ama le deleghe e anche in questo caso ci piacerebbe consultare il territorio e i cittadini per capire cosa veramente preferirebbero. Chi meglio di chi lo vive e lo ama giorno dopo giorno può sapere di cosa necessita il territorio? Quindi, se fossimo noi a decidere come forza politica indiremmo un referendum sul territorio di Pra’. Come cittadini invece, le rispondiamo che ci piacerebbe aver uno spazio per i giovani. Uno spazio che possa contribuire alla rinascita di una delegazione, come Pra’, che negli anni ha dato tutto quello che poteva dare, anzi di più. Ci piacerebbe uno spazio aggregativo per i giovani che possa coniugare attività, da quelle sportive a quelle culturali, insomma, uno spazio per chi oggi, soprattutto in un territorio come il nostro, non ha più spazi». Pra’ “ha già dato”, e tanto, i cittadini si augurano che da un problema nasca un’altra opportunità di rilancio per la Delegazione.

24 Comments

  1. perchè non pensare di avere una sede scolastica superiore ? a Parte il Liceo Lanfranconi a Voltri il ponente nonoffre nulla altro e costringe i nostri giovani a trasferte giornaliere molto stancanti. Potrebbe essere una bella spinta per un liceo a indirizzo Sportivo viste le infrastrutture presenti ed in fase di costruzione oppure linguistico.

  2. Si potrebbe anche sfruttare parte dello stabile come foresteria per studenti di fuori genova – si tratterebbe di una proposta unica per la nostra città – una sorta di mini Campus in un solo stabile…

  3. Ottima l’idea del liceo sportivo anche se temo che le dimensioni non siano sufficienti, se lo fossero sarebbe bellissimo. Se ricordo bene seguendo la stessa linea di pensiero la fondazione aveva proposto di insediare una succursale dell’Accademia del Mare a Villa Podestà vedi supratutto il che che sarebbe bellissimo. Una cosa deve però essere certa: a Pra’ abbiamo già le suore di Calcutta con i loro “clienti” più i malati di mente a Villa Caterina: Pra’ ha già dato, ora basta, che mettano extracomunitari e clochard da qualche altra parte, se proprio devono metterli (anche no) in particolare da Zolesi sarebbe una cosa aberrante, da bloccare a costo di fare le barricate: è nel mezzo della zona recuperata e valorizzata e deve essere un altra fonte di positività e valorizzazione. Lo stato dia i soldi per farci una scuola o un soggiorno per atleti e studenti, invece di scialacquare i soldi delle nostre tasse in Onlus di dubbia trasparenza e moralità che invece di risolvere i problemi dei cittadini italiani li aggravano con ogni tipo di problematica e disagio di cui tutti vorremmo fare a meno.

  4. Bravi i Zolesi, grazie di cuore, loro si che hanno a cuore il loro paese. Alla larga da noi Onlus e affini, extracomunitari e barboni, a Prà serve e vogliamo ben altro.

  5. Bravo Icilio, tieni duro, non contribuire a fare danni proprio qui a Prà apprezzo molto la tua decisione e che comune e municipio ti aiutino a trovare una soluzione bella e utile per la collettività che non può e non deve di certo essere il portare problematiche, servitù e disagi che ne abbiamo già subiti veramente troppi occhio politici che come avete visto con le ultime elezione la gente si è veramente rotta le scatole delle vostre idiozie e ipocrisie che poi il conto lo devono sempre pagare i cittadini ATTENZIONE

  6. Tutto molto bello! Ma chi lo compra? La lega? Il m5s ? Il pd? Il comune? il municipio? Qui tutti dicono cosa ci farebbero…ma ad oggi a quanto pare nessuna proposta concreta e’ stata fatta da parte di nessuno…credo che per gli attuali proprietari dopo 2 anni di chiusura la priorità sia venderlo .

  7. Per i proprietari sarà anche prioritario venderlo, ma non certo scaricando sulla comunità i loro problemi. Non dimentichiamo che gli stessi Zolesi hanno costruito il famoso palazzo sul ponte del San Pietro che ha provocato l’alluvione e l’allagamento di mezza Prà nel 1993 qualche debito quantomeno d’onore con la comunità praese magari ce l’hanno.

  8. Chiedo pubblicamente alla fondazione di occuparsi della cosa proponendo e trovando una soluzione che valorizzi Prà ed eviti un’altra porcata a danno dei cittadini

  9. Come quella delle Suore di Calcutta, brave persone per carità ma con quell’operazione si è cancellato l’unico ritrovo per i ragazzi e gli anziani di Prà che tra l’altro era un lascito delle famiglie di Prà alla chiesa locale in favore dei praesi realizzando un centro di attrazione di barboni extracomunitari e senza casa che a Prà hanno dato un sacco di problemi, dormendo sulle panchine, lasciando spazzatura e bottiglie vuote di vino e birra in giro e facendo i loro bisogni in giro

  10. Icilio tieni duro e non vendere alle onlus che si mangiano i soldi delle nostre tasse per aiutare tutti fuori che gli italiani poi scaricano tutti i problemi su Prà e loro chissà dove saranno

  11. Ma come? La sinistra non si è sempre battuta a difesa dei diversi e degli emarginati?
    Idem i cattolici…e i 5 stelle.
    Adesso siamo diventati tutti razzisti?

  12. A Pra’ non ce ne importa niente delle demagogie politiche di ogni colore che in Italia (e a Pra’) hanno fatto solo danni. Vogliamo che l’albergo Zolesi diventi un’altro pezzo della rinascita di Pra’ e non l’ennesimo problema scaricato sulla gente. Che la sinistra i cattolici i 5 stelle e tutti quanti si battano a difesa dei cittadini che rappresentano, accidenti

  13. A Prà di diversi e emarginati ci hanno già riempito con Cep lavatrici e villa caterina e anche suore di calcutta ora vogliamo qualcosa per i nostri govani e i nostri anziani tutto il resto che se lo vadano a fare da altre parti dove di simili problemi non ne hanno mai avuti a prà abbiamo già abbondantemente dato ora basta

  14. Chiedere pulizia sicurezza decoro e cose positive è tutto fuori che razzismo i razzisti sono quelli che usano i soldi dei cittadini italiani spremuti da tasse prebende gabelle e molto altro per favorire stranieri e leggere. poi loro se ne stanno nei loro bei salotti mentre noi ci dobbiamo beccare le schifezze che ci portano

  15. Barricate e ghigliottine: calma!11111 Dopo Robespierre è arrivato Napoleone.
    Chi ha scaricato escrementi su Prà per anni e ha permesso la costruzione del porto? Chi ha chiuso gli ospedali psichiatrici e ha messo i matti tra la gente? Chi ha chiesto la liberalizzazione delle droghe? Chi chiede indulti, amninistie, grazie e di svuotare le carceri? Chi vuole lo jus soli? Meditate gente, meditate.

  16. Caro Alex hai ragione, buona parte dei problemi per Prà sono colpa “del Partito” non a caso alle comunali sono stati mandati a casa. La gente ne ha le scatole piene di ideologie da salotto e da Zolesi non vuole altra gentaglia.

  17. Meditiamo pure ma nel frattempo non lasciamo che facciano porcate anche da Zolesi, giù le mani da Prà quindi se serve che siano anche le barricate certo meglio se Icilio si mette una mano sulla coscienza e aspetta ancora un pò con l’aria che tira in Italia forse ci libereremo anche da certe Onlus

  18. io se fossi questa onlus che vuole comprare da Zolesi ci penserei bene se va al governo la lega e la destra ma anche i cinque stelle per loro potrebbe mettersi male. In ogni caso hanno già tutta Prà contro prima ancora di cominciare che vadano da qualche altra parte a rompere le scatole.

  19. Il presidente del municipio Chiarotti che tra l’altro è di Prà prenda posizione e faccia qualcosa. E’ stato votato dai praesi per Prà ora trovi una soluzione amministrativa per evitare altri barboni e estracomunitari a Prà.

Rispondi a Giuseppe Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*