Guardiamo la scia

Guido Barbazza –

Nel mare le radici dei praesi”, così si intitola uno scritto “d’epoca” della maestra praese Maria Broch. Pesca e navigazione, spiaggia e mare, sole e sale hanno sempre caratterizzato la vita dei nostri antenati. Usiamo così il contesto marinaresco per fare il punto di fine anno, “guardando la scia”. Immaginando Pra’ come se fosse una nave, volgiamo lo sguardo all’indietro, e vedremo una lunga scia bianca, spumeggiante, che si perde sulla superficie blu del mare, fino all’orizzonte. Sono tutte le cose che abbiamo fatto, che abbiamo realizzato, le idee, gli embrioni di nuove azioni, per Pra’, la sua gente, il suo territorio. Facendo il punto per il 2019, abbiamo compiuto gli ultimi passi verso il completamento, finalmente, dei lavori del POR – Pra’ Marina, con la svolta semaforica di via Sapello, la realizzazione della fontana di piazza Venezian, il completamento dei lampioni, il recupero e restauro della vecchia stazione ferroviaria, il completamento di “Pra’ To Sport”; abbiamo dato un ulteriore impulso al rafforzamento dell’identità e della visibilità della Delegazione con la correzione della denominazione del terminal container in PSA Genova – Pra’, con le targhe e le indicazioni stradali delle ville storiche praesi, del cimitero, del palazzo municipale, con le targhe dell’Inno di Pra’ e dell’Inno a San Pietro; abbiamo aumentato la visibilità e portato l’attenzione sul sestiere di Pra’ – Palmaro creando, insieme al Comune e con la partecipazione del Municipio, il “Pra’lmarium”, il Tavolo Tecnico per Pra’ – Palmaro. Così per la prima volta nella martoriata storia locale i cittadini si sono trovati nella “cabina di regia”, al centro del processo di riqualificazione e valorizzazione del proprio territorio. Un “Laboratorio Urbano” partecipato, innovativo, effervescente.
Per la prima volta sono “usciti fuori” i disegni e gli elaborati progettuali del nuovo viadotto autostradale portuale e dello spostamento a mare del tratto ferroviario della linea GE – XX Miglia. Per la prima volta sono stati portati allo stesso tavolo tutte le autorità, enti, aziende che hanno competenze, sedi e responsabilità importanti sul territorio, ed è stata creata una visione completa ed un elenco di azioni chiare, concrete, fattibili, sia per ridurre l’impatto ambientale del Bacino Portuale di Pra’, sia per la riqualificazione del litorale con l’estensione del POR – Pra’ Marina, creando una Mini-Fascia di Rispetto tra i torrenti Branega e San Giuliano. Certo, le problematiche, le difficoltà da superare non sono poche e neanche semplici. Il disagio subito dai cittadini è ancora elevato ed inaccettabile. Ci vorrà tanto lavoro, costanza, determinazione, idee chiare, ma ce la possiamo fare. La “Nave Pra’“, finalmente, dopo tanti anni di degrado, depressione, sofferenza, mugugni ha ripreso a muoversi, e naviga decisa verso il sogno “Pra’ Futura”, con porto di arrivo “Pra’ bella, seppur in modo diverso, come un tempo”. Soprattutto, ci vorrà unità di intenti, fratellanza, sostegno, tra i cittadini e da parte dei cittadini. Ci vorrà la capacità e la forza di “tirare diritto”, se necessario mettendosi i tappi di cera nelle orecchie come Ulisse per non ascoltare, farsi dividere, confondere e sviare da certi personaggi o entità che da anni e anni parlano parlano parlano “pro domo sua” ma che per Pra’ non combinano niente. Bisognerà tenere la barra del timone bene salda per ottenere e realizzare il completamento di quello che ci spetta di diritto, dopo le devastazioni ambientali portuali e collinari: una Pra’ bella, tutta, dal Castelluccio al San Giuliano, Capitale del Basilico, Cittadella dello Sport, Porto Amico, fiore all’occhiello della Città di Genova, dove si sta bene, si fa sport, si hanno servizi di qualità. Dove, finalmente, si può essere felici e sereni. Buon vento. Buon 2020.

1 Comment

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*