Grazie all’Olimpic, il campo del Branega dopo vari ostacoli è decollato

Antonella Freri –

Incontro Alessandro Reverberi, presidente G.S.D. Olimpic Prà-Palmaro, mi racconta la storia di questa longeva società sportiva:

«L’Olimpic nasce nel 1971, nel periodo peggiore, il periodo in cui a Pra’ e non solo, si combatteva una guerra fra le più subdole che lasciava giovani senza anima, senza vita, la droga. L’idea nasce da Salvatore Caratozzolo: sottrarre i ragazzi dalla strada, e dargli un motivo per vivere, per avere la possibilità di allontanare il rischio della droga, anche Don Ciotti aiutò questa iniziativa regalando una serie di maglie rossa e una serie verde, da qui nascono i colori dell’Olimpic. La società negli anni si è sviluppata, è cresciuta, attualmente il settore giovanile conta più di 200 bambini, la prima squadra e in più 4 squadre di amatori ».

Alessandro Reverberi

Un grande numero di atleti, ma i campi su cui far giocare gli atleti erano insufficienti cosi nasce l’idea di prendere in concessione il campo Branega, ma non era possibile né sostenere un affitto cosi gravoso né renderlo nuovamente agibile, nasce cosi nel 2014 il Consorzio Campo Sportivo dall’iniziativa di due associazioni sportive dilettantistiche genovesi, l’associazione sportiva “Province dell’Ovest Rugby” e il “G.S.D. Olimpic Prà-Palmaro”, con lo scopo di partecipare al bando del comune di Genova per la gestione dell’impianto sportivo Branega.

Il Presidente ci tiene inoltre a precisare «abbiamo deciso di entrare in questa avventura non solo per i nostri atleti, ma anche perché il campo del Branega è un campo storico»

Il bando di gara venne vinto dal neo Consorzio, e venne fissato il canone annuo a 6500 euro, ma dopo decenni di inattività ed incuria il campo si presentava nelle condizioni peggiori, per sistemare il prato, gli spogliatoi e le recinzioni non restava altro da fare che accendere un mutuo di 280mila euro.

Una volta terminati i lavori le due società consorziate avrebbero potuto affittare il campo, pagare le rate del mutuo e rientrare della somma anticipata, ma intrapresi i lavori iniziano anche le prime difficoltà.

Gli spogliatoi dovevano essere sostituiti, ma la Società Autostrade non da il permesso di edificazione sotto i suoi viadotti, i vecchi spogliatoi risultarono quindi abusivi, varie peripezie e il Consorzio ottiene il permesso dalla Società Autostrade, ma per motivi di sicurezza non possono sporgere oltre i confini del viadotto, lo spazio a disposizione viene a mancare e cosi il terzo spogliatoio non può essere collocato. Il campo di bocce adiacente sembrava un ottima soluzione per sistemare lo spogliatoio mancante, ma un vincolo paesaggistico vanifica la soluzione, lo spazio resta tristemente inutilizzato.

Tutto questo, inutile dirlo, danneggia le Società sportive che non potendo avere a disposizione un altro spogliatoio non possono sfruttare appieno il turnover, e quindi il campo viene utilizzato al 50% e la rata del mutuo di 3000 euro mensili pesa sulle tasche di Società no profit.

Sembra tutto finito e pronto a partire, ma le fognature che esistevano in precedenza non sembrano adeguate, l’illuminazione era inesistente, i pali che la sorreggevano erano marci, il comune che se ne doveva occupare tergiversava e quindi, il Consorzio, si fece carico di queste ulteriori spese.

Ora, finalmente grazie questi due impavidi Presidenti il campo del Branega rivive la sua seconda giovinezza.

Alessandro Reverberi conclude dicendo «Sono contento anche perché il quartiere si è rivalutato, è un sogno rivedere il campo su cui siamo cresciuti noi, come tutta Pra’ di nuovo in vita».

1 Comment

  1. Il mio bambino è venuto su con Olympic…allora si allenavano nel piccolo campo a 4 in erba sintetica davanti all’ Assarotti. Il mister, il mitico signor Musso era come un papa’, un nonno giovane per questo frugoletti.eta’ elementari.Lo sapeva stimolare. Lì valorizzava, era severo ed autorevole, ma comprensivo….i bambini lo adoravano e noi mamme pure.
    Era stupendo la domenica andare ” in trasferta” a giocare su campi in tutto l entroterra, a volte sferzati dal vento gelido, ma non ho mai sentito un lamento!!!
    Non posso dimenticare quella volta che mio figlio in una partita a Sestri non ricordo chi ospitava , per un colpo di fortuna segnò tre rigori di fila…incredibile
    !!! Me lo sono mangiato di baci. Bei tempi…cmq ho ancora la divisa rosso verde, il borsone con il logo, le calze con l elastico.
    Davvero una società di persone serie ed appassionate, sono felice che il leggendario campo del Branega torni in auge!

Rispondi a Bellicosa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*