Goooooooood Morning Pra’: vogliamo opere e non promesse!

I tre “Ghostbusters” a Palmaro

Ernesto Soressi

Goooooooood Morning Palmaro”, “Goooooooood Morning Pra’”: un saluto stentoreo ha risuonato nel rigido mattino di sabato 19 Gennaio, a Pra’-Palmaro: è il saluto del Presidente del Consiglio di Comunità Praese, Niclo Calloni.

Il Consiglio di Comunità Praese raccoglie intorno allo stesso tavolo le maggiori realtà associative e i movimenti culturali praesi, e ha organizzato un evento itinerante di sensibilizzazione sui problemi che attanagliano ancora la delegazione.

I Praesi vedono, sentono, parlano: questo il senso della sollecitazione che si è composta di due microeventi.

Il primo richiamo alle istituzioni è stato lanciato a Pra’-Palmaro, davanti alla Farmacia Palmaro e al Panificio Cioi. Tre “Ghostbusters” muniti di tuta bianca, elmetto e cuffie, hanno sfidato il freddo pungente per tenere in bella vista i tre cartelli: Vedo, Sento e Parlo, letti a gran voce dal Presidente Calloni.

I Palmaresi Vedono, Sentono, Parlano

Intorno a loro, insieme al Comitato Palmaro, una folla di Palmaresi, a sottolineare la necessità che il sestiere smetta di essere la cenerentola del ponente e venga fatto oggetto delle doverose opere di miglioramento a risarcimento della perdita di tutto il suo litorale. Il sestiere, che si trova a subire pesantemente le ripercussioni della vicinanza con il porto container e che non può nemmeno beneficiare della presenza del Canale di calma ne’ della Fascia di Rispetto, ha il diritto di diventare l’oggetto di nuove attenzioni, che partano, per esempio, dalla prosecuzione delle opere di miglioramento viario che al momento si sono fermate alla rotonda del basilico.

Palmaro con vista ferrovia e containers

La manifestazione si è poi spostata proprio alla rotatoria del basilico, in corrispondenza di Via Taggia. Di nuovo il saluto e la lettura delle osservazioni e delle richieste della comunità hanno richiamato l’attenzione dei passanti.

I “Ghostbusters” alla Rotonda del basilico

Una sintesi degli interventi di alcuni dei rappresentanti delle realtà Praesi, che partecipano al Consiglio di Comunità Praese e che hanno partecipato all’iniziativa, si può trovare anche sul sito di “Primocanale”. Il network televisivo, mostrando l’usuale sensibilità nei confronti delle istanze dei genovesi, ha realizzato la serie di interviste che possono essere trovate ai link seguenti

http://www.primocanale.it/video/i-residenti-di-pra-palmaro-in-strada-l-autorit-portuale-faccia-presto-per-le-dune-e-l-elettrificazione-delle-banchine–106642.html

http://www.primocanale.it/notizie/porto-ecco-il-progetto-delle-dune-per-pr-palmaro-i-residenti-in-presidio-speriamo–204325.html

Da tempo Pra’ ha mostrato grande spirito di comunità e il desiderio di affrontare i problemi con atteggiamento di disponibilità alla concreta cooperazione progettuale, ma chiede a gran voce alle istituzioni la conclusione delle opere poste in essere e la realizzazione delle migliorie promesse già da troppi anni.

Inutile stanziare fondi se poi non si realizzano le opere.

 

per ingrandire clicca col Dx e apri in altra scheda

4 Comments

  1. A differenza delle “tre scimmiette”, famose per tapparsi occhi, orecchie e bocca di fronte al negativo, qui abbiamo tutti sensi all’erta massima, come si legge nel puntuale articolo…e tali sensi sono straziati giorno e notte, da anni. Mo’ davvero basta parole, ma fatti. ACTA, NON VERBA!!!!!!!!!!

  2. In ogni cartello mi sembra di leggere solo Pra’.
    Desidererei,se fosse possibile una maggiore attenzione a Palmaro e alle sue problematiche.mi sembra….forse sbaglio

    • Ricordo che Palmaro è uno dei sei sestieri che compongono Pra’ al pari di Sapello, Borgo Foce, Longarello, San Pietro e Cà Nuova.
      E l’iniziativa “Vedo, sento, parlo” non a caso è partita proprio da Pra’ Palmaro il sestiere più penalizzato dalla vicinanza e
      dall’invasività di porto, scalo ferroviario merci e autostrada. Gran parte delle questioni sollevate nel corso della manifestazione
      rigurdano proprio in particolare il quartiere di Pra’ Palmaro.

  3. Ringrazio i tre Ghostbusters “Vedo, Sento, Parlo” e il Presidente del Consiglio di Comunità Praese che, incuranti del freddo davvero pungente, hanno dato vita a questa manifestazione, seguita e supportata da tanti cittadini e dai media locali e regionali. Hanno evidenziato molto bene le difficoltà con cui noi cittadini dobbiamo fare i conti ogni giorno…e ogni notte.
    Bravi….perchè dobbiamo continuare a denunciare, a segnalare, a ricordare a enti e Istituzioni la nostra realtà e chiedere che si realizzino al più presto le opere di controllo della qualità dell’aria e del livello dei rumori e che vengano finalmente costruite e completate quelle di mitigazione dei disagi.
    Elettrificare le banchine e “obbligare” le navi ad alimentarsi da terra risolverebbe moltissimi problemi…idem per le dune alberate, lo spostamento dei container attigui alla passeggiata ciclopedonale e soprattutto la prosecuzione della Fascia di Rispetto lungo tutto il sestiere di Palmaro. Noi cittadini non ci arrendiamo…!!!

Rispondi a Bellicosa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*