Giulia, Alex, Francesca: i ragazzi di Pra’ Futura

Elis@ Provinciali –  

Come promesso ai fedeli lettori, tracciamo un piccolo ritratto dei tre vincitori delle Borse di Studio Fondazione Primavera: sono età, ordini scolastici, personalità diverse, ma li accomuna il profondo impegno per esprimere il meglio di sé, donando il proprio contributo ad una società migliore, nel mondo che li circonda.

Le domande che hanno costituito l’ intervista sono molto semplici: tracciare un ritratto di se’, parlare del proprio rapporto con la scuola e lo studio, con riferimenti alle preferenze ed agli obiettivi per il futuro, descrivere le sensazioni provate nel momento della vincita, ed il proprio rapporto con il loro territorio, di cui valutare problematiche e potenzialita’.

Giulia Regazzoni, cl V C scuola “P.Thouar”

 Curiosa, riflessiva e vivace, e’ cresciuta in compagnia dei cugini maschi, “da cui ha imparato a sgomitare ed a farsi sentire!”cosi’ la descrive mamma Ilaria, impiegata amministrativa all’Universita’, mentre il padre, Carlo, e’ docente presso la Facolta’ di Ingegneria: entrambi sono, comprensibilmente molto orgogliosi del successo della figlia, che e’ venuta su aperta ed equilibrata.

Di se’, Giulia afferma”Mi piace molto comunicare con gli altri e conoscere nuove realta’: sto volentieri con i miei amici, al mare, ai giardini, e da due anni, pratico lo sport della pallavolo: anche questo mi facilita la relazione con gli altri, e mi appassiona. Sono un po’ permalosa, cerco di lavorarci su!

La conoscenza rappresenta un’arma che potrò usare in futuro e che sto imparando a padroneggiare.. Le materie su cui più mi appassiono sono la matematica, la scienza e l’inglese, infatti penso che dopo le Medie, potrei frequentare il Liceo Scientifico.

Il rapporto con i miei compagni è solido, ci vogliamo bene, anche con gli scherzi e i litigi siamo sempre uniti. Preferisco studiare da sola, la concentrazione è mia amica anche se a volte i miei cugini la interrompono. A volte, mi impegno anche insieme al mio nonno.

Ho sempre pensato che tra me e le mie maestre ci fosse complicità e le ringrazio per tutto quello che hanno fatto per me.

La tecnologia informatica occupa poca parte nel mio studio, perché preferisco fare tutto con carta e penna. Invece, per il resto cerco di usare l’informatica con moderazione, anche se non sempre ci riesco. Mi piace molto scrivere con i miei amici su WhatsApp. Non utilizzo altri social. I nuovi strumenti informatici hanno migliorato le potenzialità culturali ed il collegamento con il mondo pero’ bisogna però fare attenzione ad utilizzare Internet,poiche’ si trova di tutto, anche brutte immagini ed informazioni non vere.

Quando mi hanno chiamata come vincitrice, ero come paralizzata, lo stupore era enorme!

Poi, ho riconnesso il cervello e sono andata. Beh, non so ancora come utilizzerò la somma vinta; sicuramente comprerò un E-book e la wii U.

Conoscevo la Fondazione Primavera, con la mia classe abbiamo svolto alcune attivita’ in collaborazione e mi piace molto la sua azione per riqualificare il nostro territorio. Esprimendo il mio desiderio, vorrei una maggior presenza di spazi verdi per lo svago, lo sport ed il tempo libero di tutti.

Grazie per avermi premiata!

Alex Bruzzone, cl.III E media “Villa Ratto”

La sua famiglia ne e’ molto orgogliosa”perche’ durante tutto il percorso scolastico non ha mai creato problemi ed ha sempre fatto il suo dovere ottenendo ottimi risultati. Molto indipendente ed autonomo nell’organizzazione dello studio e nello sport, fin da piccolo era un bambino tranquillo e anche molto protettivo nei confronti dei suoi amici ma sopratutto verso suo fratello Mirko”, asseriscono i genitori.

Parlando del suo carattere, Alex si definisce “buono e gentile, anche se vorrei essere non cosi’ preciso nelle cose. A volte, diventa il mio punto debole!

Alex Bruzzone

 La mia primissima passione sono le macchine. Io sono nato con i motori, dopo tutto mio nonno e anche i miei zii sono meccanici. Da piccolo giocavo con le macchinine, facevo finta di riparare i motori e facevo finta di guidare. Questa grande voglia di guidare è andata avanti fino all’età di 9 anni quando grazie a mio papà in un piazzale imparai a guidare una macchina vera e da allora diventai sempre piu bravo.

Qualche anno fa praticavo basket ma ho smesso dopo un anno ed ora vado in palestra 3 volte alla settimana.

Per me lo studio rappresenta il mio futuro perchè senza di esso al giorno d’oggi non possiamo fare niente, però questo potrebbe rappresentare anche il nostro passato, cioè ricordare i lavori fatti in classe con i compagni o i momenti felici avvenuti a scuola.

Le materie che maggiormente mi interessano sono matematica scienze e tecnologia. In questi 3 anni di scuola media ho avuto dei rapporti buoni con i miei compagni ma soprattutto ho avuto dei professori molto ma molto bravi e disponibili per tutta la classe. Veramente degli ottimi prof.!

Per me la tecnologia è molto importante e negli ultimi anni si è evoluta in un modo pazzesco però essa potrebbe essere anche un arma a doppio taglio.

Per esempio i social network sono diventati uno strumento primario nella vita dei ragazzi ma oggi è un po troppo, infatti molti di loro stanno piu tempo per esempio su Facebook che fuori con gli amici.

Riguardo alla premiazione, appena ho sentito il mio nome sono sbiancato perchè non me l’aspettavo del tutto, però se ti devo dire la verità ero cosi tanto contento e felice che per 5/10 secondi non ci ho capito piu niente finchè non mi hanno fatto la foto! Da li poi mi sono ripreso. comunque la mia sommetta me la metterò da parte per il mio futuro.

Ho gia’ scelto la facolta’ che vorrei frequentare, Ingegneria Meccanica, perche’ e’ collegata con la mia grande passione automobilistica: il mio sogno sarebbe progettare e lavorare per MASERATI, LAMBORGHINI, FERRARI…

Prima di quest’anno non conoscevo la Fondazione Primavera, ma ha un bel programma, rendere sempre piu’ bello il territorio e premiare noi ragazzi !

Francesca Pomata, cl V Istituto Scientifico “L.Lanfranconi”

Parte decisa, la nostra ragazza: “Sono molto testarda, ed è sia un difetto che una virtù: non mi arrendo facilmente e mi impegno al massimo per raggiungere un obbiettivo, ma a volte spreco energie intestardendomi su cose che non possono darmi alcuna soddisfazione. Come dice mia mamma, provo a tirare giù un muro a testate, ma alla fine è la mia testa a rompersi. Ho un carattere forte e altruista, ma a volte sono molto esigente con gli altri e con me stessa.

 Amo gli animali e per questo l’anno scorso, al di fuori dell’orario scolastico, ho seguito un corso di Pet Therapy per conoscere, i loro comportamenti, i loro bisogni e la loro utilità in campo medico.

La madre Silvia, conferma questo amore della figlia per gli animali” presenti anche da piccola nei suoi giochi…Siamo orgogliosi per come Francesca ha meritato questo successo scolastico, con il suo impegno!”

“Credo cho lo studio sia importante come forma di arricchimento personale- prosegue-, per aumentare la propria cultura e allargare i propri orizzonti. All’interno dell’ambiente scolastico per molti studenti lo studio non è un piacere personale, ma un obbligo a raggiungere degli obbiettivi e, molto spesso, compiacere gli altri. Per questo è importante sviluppare delle proprie conoscenze su argomenti che ci interessano, per mettere passione in ciò che facciamo e trarre delle vere soddisfazioni dall’impegno dedicato ai libri. Ho sempre preferito studiare da sola: essendo stata inserita in una classe diversa in terza superiore, non sono riuscita a integrarmi facilmente, infatti a 16 anni ognuno inizia a coltivare le proprie passioni ed è più difficile trovare interessi comuni. Con alcuni compagni e compagne, invece, ho costruito una bella amicizia. Per lo stesso motivo mi sono trovata in difficoltà con alcuni professori e, forse per il mio carattere, forse per il loro disinteresse a creare un approccio sereno con gli alunni, non sono riuscita ad instaurare un rapporto armonioso con alcuni di loro.

La tecnologia è un’arma a doppio taglio: è un ottimo e completo metodo di informazione, offrendo siti internet, blog e forum di discussione per ragionare su temi importanti; contemporaneamente, però, favorisce la libera espressione e rapida diffusione dell’ignoranza. Io utilizzo solo applicazioni di chat private (Whatsapp, Skype) e non social network, per non rendere pubbliche informazioni personali né condividere esperienze con “amici” virtuali.

Essere premiata con la Borsa di studio è stato emozionante e mi ha dato una grande soddisfazione come riconoscimento dell’impegno dedicato allo studio in questi anni.

Per il mio futuro, ho passato il test di ammissione a Design del Prodotto e Comunicazione, ed a breve conoscero’ l esito del test di Terapia della neuro e psicomotricità dell’ Età Evolutiva.

La Fondazione Primavera, a mio parere, ha attuato un buon piano di rilancio del territorio, anche attraverso la “correzione” dei cartelli autostradali all’uscita di Pra’ e il sostegno al progetto del POR. Purtroppo, però, si sono già riscontrate criticità in fatto di manutenzione sulle nuove aree verdi (parco Achille Dapelo).

Penso che delle associazioni culturali/ricreative sarebbero utili per creare un’aggregazione positiva di giovani”.

Non servono molte parole per concludere la presentazioni di questi ragazzi 2.0, taluni li definiscono Millenials, altri generazione X: ci danno un esempio di semplicità ed impegno, sono potenziali uomini e donne di domani, che gia’ accettano la sfida di fare del proprio meglio, puntando all ‘eccellenza.

Anche molti altri studenti tra i finalisti di questa selezione avevano catteristiche e votazioni di grande peso:la commissione ha affrontato un arduo compito. Ultima osservazione: non esiste un ragazzo di successo, senza un ambiente familiare sano e sereno, genitori con cui dialogare, un contesto che dia ai giovani tranquillita’ e motivazioni nello studio, ed altrettanto fondamentale e’ il rapporto con i docenti, come Giulia, Alex e Francesca hanno sottolineato.

Insegnanti che sappiano capire, incuriosire e confrontarsi con franca autorevolezza con i loro alunni: famiglia e scuola, unite in un’azione educativa e formativa, che poi sara’ compito della societa’ tutta proseguire permanentemente.

6 Comments

  1. La foto di copertina e’ opera di un altra giovane promessa: ANDREASPOT, che gentilmente me l’ha offerta, giusto alla premiazione, e ne ha pubblicate anche altre su Wikipedia, relativamente a Pra’.

  2. Speriamo proprio di no!…Se sono i ragazzi di Pra’Futura! Magari, tra 10/20 anni, sentiremo parlare di loro qui, per una posizione prestigiosa conquistata nei campi che hanno affermato di prediligere: le scienze, l’ingegneria, gli animali e la cura della psiche, il design…Certo che sono talmente giovani che tutto (di bello!) può accadere: se lo puoi sognare, lo puoi fare.

  3. Perché “fantasie”? Questa mi pare del tutto gratuita. Sfatiamo il mito che “a pensar male, si indovina”. Non è questo il caso. E non deve esserlo. Cerchiamo di essere propositivi e proponiamoci, appunto, l’augurio che questi ragazzi continuino a crescere sul percorso che hanno brillantemente intrapreso. Quel che dovremmo fare è sostenerli nel loro cammino, gratificarne capacita’ e animo volenteroso e pretendere, PRETENDERE, che questo Paese lì metta in condizione di concretizzare il loro sapere senza dover scappare. Perche’ è un dovere sacrosanto e perché sarà a beneficio loro, ma pure nostro. Non sminuiamo i ragazzi meritevoli. Aiutiamoli. Anche con un abbraccio che li renda consapevoli di quanto valgono e del ruolo imprescindibile che avranno nel futuro di questa Italia e, speriamo, nella nostra stessa comunità.

Rispondi a BELLICOSA Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*