Giostre e autoscontri fanno discutere e preoccupano

Luciano Bozzo –

Tutti gli anni a Pra’ nel mese di dicembre arrivano le giostre ad assicurare divertimento, attrazione, allegra socialità per i giovanissimi praesi. Autoscontri, “calcinculo”, giostrina per i più piccoli nel secolo scorso erano collocati in piazza Amatore Sciesa, in questo nuovo secolo, dopo la distruzione della nostra spiaggia, nell’area intorno alla nuova stazione ferroviaria.
E anche quest’anno, in questo anno terribile di epidemia da Covid 19, da qualche giorno sono ritornate, in parte nel piazzale  334a Brigata Est SAP nell’area del parcheggio di fronte alla Coop, in parte a ridosso del Palamare, dove già erano state collocate lo scorso anno. Ma in questo periodo di emergenza sanitaria e sociale in cui tutti gli spazi di divertimento, di cultura e di socialità sono chiusi, in cui non si può andare al cinema, a teatro, non si possono frequentare palestre, piscine, musei, non si può andare a sciare o a cena al ristorante per limitare il rischio del contagio e dove anche le scuole medie superiori sono chiuse e ricorrono alla didattica a distanza, il fatto che invece sia consentito a ragazzini e ragazzine di frequentare giostre ed autoscontri lascia decisamente sorpresi e fa discutere. In rete infatti ha dato il via ad una accesa discussione dove abbondano i messaggi di sconcerto, indignazione, rabbia. Tanto più che il rischio che si vengano a creare assembramenti di giovani e giovanissimi poco ligi al rispetto delle regole della distanza fisica e all’uso corretto della mascherina è tutt’altro che campato in aria. Molti temono quindi che si venga a creare una sorta di zona franca di non rispetto delle regole ed un potenziale luogo di diffusione del virus.
L’attività di giostre ed autoscontri peraltro, diversamente da quanto avviene per i Parchi divertimento, non è vietata dai Decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri (DPCM) vigenti, nè è stata vietata dalla Regione Liguria nè dal Comune di Genova e quindi, se non interverranno differenti disposizioni, la presenza dei “baracconi” a Pra’ durerà per tutto il mese di dicembre ed anche di gennaio. Alle preoccupazioni espresse dai cittadini si sono presto unite anche le richieste di chiarimento ed i solleciti che alcuni consiglieri municipali ed anche il presidente del nostro Municipio hanno rivolto all’Assessore comunale competente in materia Paola Bordilli ed al Comandante della Polizia Locale del nostro Distretto Roberto Barbazza che hanno fornito alcune risposte.
Barbazza in un comunicato ha fatto sapere che: <<Premesso che le attività in oggetto non rientrano nella classificazione di “Parco Divertimenti”, così come enunciata e stabilita con nota del Ministero dell’Interno del 14 marzo 2013, e pertanto sono da intendersi di lecito esercizio, questo Comando di Distretto predisporrà senz’altro un attento Servizio di monitoraggio in ordine al rigoroso rispetto della Normativa in materia di prevenzione e contenimento del contagio da SARS-COV2, sia per quanto attiene le azioni di precauzione messe in atto dagli esercenti le attività di attrazione, sia per gli avventori. Al fine di poter meglio garantire il rispetto di tali protocolli e prevenire assembramenti, di concerto con i richiedenti, si è convenuto di ridurre il numero di attrazioni da 9 a 3 in modo da ottenere maggior distanziamento fra le stesse e poter esercitare un’ottimale attività di controllo>>.
E anche l’assessore Bordilli, rispondendo in rete, ha confermato che: << Tali autoscontri rientrano tra le fattispecie possibili secondo i DPCM del Governo. Ho comunque attivato la Polizia Locale e gli uffici per verificare che non si ricreasse una sorta di Parco divertimenti senza essere tale. Si è provveduto pertanto a ridurre aree e giochi nonchè al richiamare gli esercenti al conformarsi completamente alla normativa attuale>>.
SuPra’tutto ha chiesto un parere ed una valutazione su questa vicenda anche al Presidente del nostro Municipio Claudio Chiarotti che così ci ha risposto: <<E’ vero che la presenza delle giostre non è vietata dal DPCM del Governo nazionale ma Regione e Comune hanno comunque la possibilità di restringere le regole magari dopo aver consultato i Municipi, come mi piacerebbe che facessero normalmente quando le decisioni hanno una ricaduta diretta sul territorio. Il permesso dipende da un ufficio comunale che fa capo all’assessorato al Turismo e al Commercio dell’assessore Bordilli ed è stato concesso senza che noi fossimo preventivamente consultati. Va detto che i titolari degli autoscontri e delle altre attrazioni hanno l’obbligo di sanificare l’ambiente all’inizio e alla fine della giornata e di igienizzare vetture e sedili tra un cliente e l’altro.
La posizione del Municipio è che gli esercenti devono essere ligi agli obblighi di sanificazione e la Polizia municipale deve verificare questo ed anche i comportamenti dei ragazzi ma è difficile pensare che ci possa essere una vigilanza assidua e continua; anche il fatto di aver distribuito le giostre in due luoghi separati rende più difficile il controllo. Un problema simile per quel che riguarda il rischio di affollamento e di rispetto delle norme peraltro c’è anche nei mercati rionali e non solo per giostre e autoscontri. Quando qualche mese fa alcuni giostrai ci avevano chiesto il permesso di occupazione di suolo pubblico il Municipio lo aveva concesso ma allora eravamo in una situazione diversa in cui ad esempio cinema e teatri erano aperti; e lo spazio concesso non era più quello a ridosso del Palamare come nei due anni precedenti, perchè la musica alta va ad interferire con l’attività svolta nel tendone ma quello nel lato nord del piazzale. Oggi però le condizioni sanitarie sono peggiori e le norme molto più restrittive in molti ambiti; se dipendesse da me, adesso, in questo periodo così difficile non concederei l’autorizzazione per queste attività>>.
Le giostre però ci sono e, in assenza di diverse disposizioni da parte delle autorità, non resta che affidarsi al controllo della Polizia locale e ancor di più al buon senso e al senso civico dei ragazzi ai quali va detto che ci si può divertire anche portando correttamente la mascherina e rispettando le minime distanze. Un piccolo sacrificio in questi tempi tribolati, che andranno a chiudersi finalmente con il nuovo anno, ma un grande gesto di rispetto verso se stessi, i propri familiari e la comunità.

 

3 Comments

  1. Ma se non presidiono neanche le scuole vorrei vedere come controllano. Mi sembra soltanto come sempre uno scarica barile. Il cetriolo……. Che siamo noi comuni cittadini

  2. Ottimo articolo, ben documentato, bravo Luciano. Ovvio che ora la palla passa ai ragazzi ed ai titolari, perchè date le affermazioni del Municipio, del Com.te Barbazza, dell’ass.ra Bordilli, possiamo pensare ad un divertimento pre natalizio, senza rischiare troppo!
    Quindi, max attenzione alle regole:mascherina, sanificazione, distanza fisica, e poi…via sui calcinculo! che nostalgia!

Rispondi a Antonio Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*