Genova 14 agosto 2018

Da Francesco Provinciali riceviamo e pubblichiamo. “Genova per noi”

Uscendo dal lungo tunnel che lo precede, dopo il casello dell’aeroporto, o scendendo dallo stretto svincolo di sbocco della Milano- Genova, o del Levante ligure, il ponte Morandi – il ponte di Brooklyn per tutti noi genovesi – appariva come una improvvisa pista di lancio e di decollo verso la propria meta. Da oltre 50 anni dominava quello che resta del torrente Polcevera, le case e i capannoni sottostanti. Attraversarlo apriva uno scenario breve ma coreografico: i monti da un lato, spicchi di mare in lontananza dall’altro.

L’avrò percorso migliaia di volte nei due sensi di marcia, uno tra i 25 milioni di guidatori che transitavano ogni anno. La mattina in cui è caduto mia figlia era transitata qualche ora prima diretta verso il suo lavoro di medico in centro: ogni giorno passava di lì all’andata e al ritorno, il destino imponderabile e senza risposte l’ha salvata.

Tra coloro che vi hanno perduto la vita poco prima di mezzogiorno, cadendo con l’auto dal viadotto crollato di schianto, ricordo una famiglia che abitava a poca distanza da casa mia, quando vivevo a Voltri: erano diretti in Sardegna ma la tragedia ha spezzato quel sogno effimero e desiderato.

Guardandolo da lontano il ponte che univa il ponente di Genova con il centro città ma anche il nord del Paese con la Francia o, dall’altro versante, la Toscana e il resto d’Italia, aveva un aspetto imponente e fragile al tempo stesso: le altissime volute delle campate, sorrette da piloni stretti, sovrastato dai manufatti di raccordo davano un senso di vuoto e una parvenza esile e quasi miracolosa al compito che quel ponte doveva assolvere: sopportare un carico imponderabile e sempre più elevato e intenso.

Negli ultimi anni c’erano state discussioni e polemiche: il ponte doveva essere abbattuto, sostituito, affiancato dalla Gronda che avrebbe unito il porto di Pra’ con lo svincolo per il nord, alcuni avevano sollevato dubbi e criticità anche accese. Qualcuno aveva sostenuto che sarebbe durato cent’anni, altri ne evidenziavano le fragilità. Cito per tutti queste parole che mi hanno raggelato: “«Voglio essere chiaro. Questa giunta non può pensare che la realizzazione dell’opera non sia un problema suo. Perché quando tra dieci anni il Ponte Morandi crollerà, e tutti dovremo stare in coda nel traffico per delle ore, ci ricorderemo il nome di chi adesso ha detto “no”». Giovanni Calvini, Presidente degli Industriali di Genova – 4 dicembre 2012. Una citazione che ho trovato, come tante altre, in internet. Vorrei sperare sia una fake news, dato che ora vanno tanto di moda. Sarebbe più rassicurante.

Non ho la competenza o l’autorevolezza per esprimere giudizi, forse nemmeno opinioni, ne circolano già tante e troppo facili e spesso banali o gratuite: ci saranno accertamenti, indagini, processi, sentenze.  Nelle sedi idonee. L’Italia è il Paese dei crolli e del dissesto ma anche il Paese dove tutti si ritengono giudici o ingegneri o architetti: si spera che coloro che lo sono “per davvero” sappiano dare una risposta a questa catastrofe.

Troppo spesso dimentichiamo che non possiamo sottrarci alle coordinate di tempo e di spazio che governano, impietose, la nostra vita e finiamo per sfidare o violentare la natura. Accade con i ponti, i viadotti, le funivie, gli aerei, i mezzi di trasporto, le linee ferroviarie, persino le case.

Si costruisce, si cementifica, si toglie spazio all’ambiente perché lo vuole il progresso: accorciare le distanze, arrivare prima, collegare con più facilità, abbattere ostacoli e barriere, sfruttare ogni angolo del pianeta.

Si progetta e si costruisce senza pensare ai controlli e alle verifiche, all’usura del tempo, alle leggi della fisica e della natura. Questa epoca sembra attraversata dalla frenesia di incrementare l’intensità della vita, di offrirle maggiori opportunità. Ma gli uomini dovrebbero ispirarsi con maggiore saggezza al senso del limite e della misura, dovrebbero applicare le leggi dell’etica e della morale alle loro azioni, avere sempre presente il primario bene comune, la tutela della collettività. A volte – con sempre maggiore intensità – tutto viene fatto molto in fretta, senza un’adeguata ponderazione delle conseguenze che richiede di usare scienza e coscienza, responsabilità e competenza invece della logica del profitto e della velocità di esecuzione. Il mondo è un gigantesco cantiere che divora l’ambiente: non sempre ciò che si fa resta, e questo è un segno dei nostri tempi. Ci sono manufatti, ponti, arcate, acquedotti che sono in piedi da migliaia di anni: erano stati fatti per durare; oggi, nonostante la scienza, il progresso, la tecnologia accade il contrario. E questo lo trovo inspiegabile.

Genova, che ha già pagato prezzi altissimi a scelte urbanistiche sbagliate, ad eventi catastrofici come l’alluvione del 1970 e quelle più recenti, dall’esondazione del Bisagno e del Rio Fereggiano, ora piange le sue vittime ed è spezzata in due: per una città che si estende prevalentemente in parallelo al mare, lungo la Via Aurelia, sarà drammatico affrontare il problema della viabilità fino a quando non sarà creata un’alternativa che sostituisca il Morandi, per snellire il traffico e ridare fiato alle aree cittadine.

Genova è in ginocchio ma saprà rialzarsi: è città fiera, orgogliosa, solidale, laboriosa.Io che ci sono nato e che la porto sempre nel cuore, vorrei permettermi di concludere questa riflessione con le parole di mia figlia Nicoletta, come ho scritto salva per miracolo dalla catastrofe della vigilia di Ferragosto. E’ – a modo suo – un ringraziamento alla “sua” città che mi ha commosso e spero sia gradito ai lettori, perché – come dice Paolo Conte in una sua canzone – “Genova per noi” – “…parenti siamo un po’ di quella gente che c’è lì”.

Genova delle luci del porto, del profumo di fugassa e di pesto, Genova di salame, fichi e fave in un cesto. 

Genova antica, dei palazzi dei Rolli, Genova che fa il bagno scendendo dai colli.

Genova dei visi rugosi di pescatori anziani, Genova di gente che si sporca le mani.

Genova dei caruggi, dell’odore del pesce, Genova dà una spinta ad ogni persona che esce.

Genova del mugugno, dei tifosi della lanterna, Genova città vecchia, Genova città moderna.

Genova contro il foresto, Genova solidale, Genova ogni giorno diversa ed ogni giorno sempre uguale.

Genova donna Superba, orgogliosa e testarda, Genova che incanta chiunque la guarda.

Genova di macerie, di acqua e di alluvioni, Genova spala fango sotto la luce dei lampioni.

Genova che si inginocchia e qualche volta un po’ si offende, Genova che rialza la testa, Genova che non si arrende.

Genova è voci, profumi, canzoni, non è solo una città ma un mondo di emozioni.

Genova è la mia casa, è un pezzo di cuore, Genova tra le lacrime oggi un po’ muore.

Ma Genova è forte e sa che non è finita, Genova è da sempre sinonimo di VITA.”

 

27 Comments

  1. Ho letto una bellissima e commovente rievocazione.,
    Molto equilibrata, come sempre dovrebbe essere in queste occasioni di dolore e sconcerto.
    Meno male che ci sono persone capaci di commuovere e commuoversi, che ragionano con la testa e parlano con il cuore.

  2. Condivido l’apprezzamento per questo scritto.
    Pacato, senza insultare nessuno, dice la verità.
    Anche in queste tristi circostanze si distingue chi riflette e sa dire cose condivisibili.

  3. Nel dolore di tutti e nella catastrofe che ci ha colpito fa piacere leggere parole di invito alla verità e alla giustizia, senza speculazioni politiche. E’ una grande tragedia collettiva del nostro tempo.
    Cerchiamo la verità non la vendetta.
    Un ponte non crolla per caso. Chi ha sbagliato pagherà.
    Ma non facciamo altre campagne elettorali su queste tragedie collettive.
    Ho sentito oggi le parole del Cardinale Bagnasco e del Presidente della Repubblica Mattarella e trovo che la cultura e la saggezza non sono acqua, non si inventano, le persone colte sanno rivolgersi a tutti e unire, non dividere. Una cerimonia molto commovente e l’articolo su Supratutto mi pare che sia ispirato a questa linea: l’umanità deve prevalere su tutto.

  4. Sorseggiando il caffè del mattino fa piacere leggere parole sagge e di invito alla riflessione. Un’analisi mite e pacata.
    Tutto il post-crollo mi pare stia andando verso la direzione opposta: odio, polemiche, invettive, minacce.
    Sono molto più composti e civili i parenti delle vittime.
    E i veri eroi, il vero Stato sono le forze dell’ordine, i volontari, i vigili del fuoco, i cittadini.
    La città stessa: GENOVA EROICA, COME SEMPRE.

  5. Grazie delle belle parole che fanno riflettere, caro Francesco.
    Ricordi quando passavamo quel ponte per i nostri giri serali in centro con Don Gianni?
    Ognuno ha legato una parte della sua vita a quel ponte che non c’è più e sentirne ora parlare da tanti “foresti” politici, o industriali, dirigenti, manager ecc.. mi dà un po’ fastidio.
    Fino al 14 agosto non sapevano manco che ci fosse o al massimo gli era indifferente.
    Ora tutti salgono sul pulpito a dare la colpa agli altri.

  6. Forse i Praesi non commentano perchè la Gronda che ora il Governo (che non voleva neanche lui, Toninelli in testa) progetterà, non l’avevano mai digerita. Sempre acerrimi contrari.
    Oppure Genova per loro è “un’idea come un’altra”.

  7. I Praesi da buoni genovesi sono stati colpiti anche loro e sono addolorati e arrabbiati come tutti i cittadini della grande Genova e anche oltre.
    Qualcuno risalirà alle responsabilità, la Giustizia in testa.
    Un ponte non cade per caso.

  8. I ponti non cadono da soli. C’è sempre una causa per tutto.
    Ma qui abbiamo raggiunto l’incoscienza: anche lo Stato, come dice Di Pietro, dovrebbe essere il primo controllore. Lo ha mai fatto?
    Lasciamo la parola ai giudici. Chi ha fede preghi e chi non ce l’ha …. se la faccia venire perchè mi sa che solo quella ci può salvare.
    Grazie per l’articolo, l’ho letto anche su un giornale del gruppo Repubblica

  9. Non so, vedo che c’è troppa polemica in giro. Non bastano le scuse di fronte alle vite umane. I processi di piazza non vanno bene e neanche quelli sommari, per trovare subito un colpevole. Possiamo dire che colpevoli lo siamo un po’ tutti? Chi ha progettato, chi ha costruito, chi ha fatto le manutenzioni, chi non le ha fatte, chi si è opposto alla sostituzione del ponte, chi ferocemente ha combattuto la Gronda e adesso la vuole, chi diceva che il ponte stava in piedi cento anni e chi ascoltava queste parole senza controbattere con argomenti scientifici e convincenti e senza fare prove e verifiche.
    La politica in generale sa solo fare propaganda: un conto è promettere, un conto gestire le cose. Ci sono terremotati in Irpinia che sono ancora in case provvisorie. Scuole dove crollano i tetti, ospedali dove trapiantano il rene sbagliato. Da troppi anni si fanno le cose tanto per farle, alla carlona, con poca cura, con poca attenzione, quasi con incosciente disattenzione, con pressapochismo. Tutto è provvisorio, tutto dura meno del previsto.Magari mi sbaglio io, non so. Siamo arrivato a un punti in cui non si capisce più niente e quello che non si capisce si dimentica. Ai tempi dei miei nonni non era cosi. Comunque mi unisco a chi ha scritto questo bel commento.

  10. Propongo di riaprire la lettera della Signora Decotto al Sindaco Bucci e di aggiungerci che anche a Prà il ponte crollato ha dato lutto e provocherà disagi enormi, che la politica si dia una mossa e che la Regione faccia la sua parte. Come faremo a raggiungere il centro con l’auto?
    Se dobbiamo accompagnare un parente a una visita a San Martino ci facciamo dare la scorta dei vice premier?
    Ciarle ne ho sentite tante, accuse anche di cattivo gusto, ora ci vuole SILENZIO e FATTI.

  11. Ho quel ponte davanti agli occhi giorno e notte: un incubo.
    Viviamo catastrofi collettive come mai in passato, dai tempi della guerra, per quanto raccontavano i vecchi.
    Ma nessuno può farci niente, per ora, a quanto pare. Dare la colpa sì, questo lo fanno tutti.
    Ma chi abita “QUI” deve per forza parteggiare per uno o per l’altro?
    A me non me ne frega un bel niente delle lotte interne alla politica, vorrei guidare in sicurezza sulle nostre strade, visto che i pedaggi aumentano, la benzina è alle stelle e il traffico per andare in centro diventerà impossibile da sopportare. Prima fate un ponte nuovo e sicuro, poi discuterete su chi è il colpevole.
    Ma, come diceva una vecchia zia, qui mi pare che sono tutti “in pasta”.

  12. Un bell’articolo che dosa nelle giuste proporzioni la commozione ed il cordoglio per la morte assurda ed inacettabile di tante persone, con la lucida e razionale analisi di questo fatto, tragico e criminoso ad un tempo ed anche con la speranza di potersi riprendere e ripartire.
    Rimane la verità sconcertante che per l’ennesima volta ci troviamo a piangere per la pesante perdita di vite umane, a dover fare i conti con una tragedia se non proprio annunciata quantomeno prevedibile ed evitabile e che ogni volta, ad ogni nuova piccola o grande catastrofe sempre prevale lo sconcerto e la rabbia di fronte alla verità inconfutabile che non si sia saputo e non si voglia far fronte adeguatamente ai rischi che quotidianamente incombono sulle nostre città, sulle nostre strade, sull’ambiente urbano e naturale non solo della nostra Genova ma di tutta Italia. Il triste risultato è che continuamente ci troviamo a piangere per i morti, per un crollo, una frana, un’alluvione, un incendio, un pesante inquinamento dell’ambiente, per una serie interminabile e paurosa di eventi luttuosi e di disastri, dietro ai quali si scorge però quasi sempre la sciagurata e criminosa incuria e la mancanza di un’adeguata diagnostica, verifica, controllo a cui far seguire la doverosa manutenzione del territorio e dovunque sia necessario gli interventi di messa in sicurezza o di modifica dell’esistente.
    Ma non solo per ponti e strade ma per tutto il nostro territorio nazionale: case, palazzi, scuole ed edifici pubblici, monumenti, muri di contenimento, corsi d’acqua e bacini idrografici, versanti a rischio di frana, boschi, aree vulcaniche, zone inquinate da bonificare.
    Solo un grande enorme e necessario progetto nazionale di cura e messa in sicurezza del nostro territorio può salvare le nostre vite, le nostre città, i nostri borghi storici, i nostri ambienti naturali;
    un grande ed urgente progetto di salvaguardia e di ammodernamento del territorio costituirebbe oltretutto anche una superba occasione di lavoro e di crescita economica e culturale e di vita.
    Penso che sia arrivato finalmente il momento per una presa di coscienza generale di questa ineluttabile esigenza e priorità, che questa possa essere davvero una sorta di ultima chiamata prima che sia troppo tardi. Salviamoci la pelle. Salviamo l’Italia. Tutto il resto secondo me viene dopo

  13. Siamo vicini alla verità. Altrimenti siamo alle comiche finali.
    L’Espresso pubblica il documento firmato dai tecnici del Governo (tutti i dipartimenti e le strutture interessate), Autostrade, il Provveditore alle opere pubbliche di Genova. Almeno sette tecnici, di cui 5 dello Stato e 2 dell’Azienda di gestione sapevano perfettamente della corrosione dei cavi metallici interni agli stralli (che poi hanno ceduto provocando il crollo).
    Sapevano del pericolo incombente e hanno lasciato che il traffico continuasse a passare su quel ponte. Il verbale del documento sottoscritto da tutti porta la data del 18 febbraio scorso. Sono passati 6 mesi e i ponte è crollato. Il Ministro Tonineli era informato, la Società Autostrade sapeva al contrario di quanto ora sostiene circa l’imprevedibilità del crollo.
    Basta leggere l’articolo documentato persino con le firme del verbale per capire meglio la situazione , già nota 6 mesi fa.

  14. Non diamo giudizi affrettati e lasciamo ai giornalisti il loro mestiere. Ci vuole un po’ di pacatezza in questo momento di dolore!
    Ognuno i giornali se li legge da se’ e trae le proprie conclusioni.
    Non c’è bisogno di megafoni.
    Per favore, non travisate il senso di questo RICORDO.

  15. Ma perchè Prà e le sue istituzioni pubbliche e private si sono sempre opposti alla Gronda?
    Forse adesso il ponte sarebbe ancora in piedi.

  16. Non voglio dare giudizi non voglio fare commenti.Grazie per ciò che hai scritto Francesco e per ciò che hai riportato…impossibile trattenere le lacrime per tutto.uno squarcio profondo dentro ognuno di noi.purtroppo unisco questo dolore all ‘altro.ho vissuto per il lavoro che faccio la strage di Viareggio.
    Che si abbia pietà di noi.

  17. Cara Paola Dramis, grazie a te per il cortese apprezzamento.
    Noto che l’umanità non sempre è capace di provare solo sentimenti buoni, in queste tristi occasioni, di “sentire” il dolore, la partecipazione ai drammi umani che si sono consumati e a quelli ancora aperti (pensiamo agli sfollati).
    Tutto ci sconvolge, la vita ci mette spesso alla prova ma qualche volta ci si lascia trasportare dalle polemiche postume, dalla dietrologia colpevolista, dalla caccia all’untore. Siamo un grande, sfortunato Paese che tiene alta la testa e può solo sperare che la giustizia umana faccia (lentamente) il suo corso.
    Tutto, sempre è infiorettato di ‘ma’ di ‘se’ , di ‘però’, di colpe e di distinguo.
    La giustizia divina è un’altra cosa, imponderabile tra benevolenza e severità.
    A noi toccherebbe il sano esercizio della condivisione emotiva, del sostegno, dell’aiuto, della pietà.
    Speriamo in buoni esempi.
    La realtà delle tragedie non può essere solo spiegata (peraltro in modo sempre parziale): va capita e basta un’intuizione, uno slancio.
    Per un ponte caduto alziamone uno tra noi e gli altri, fatto di sentimenti e di bontà.

  18. Ora serve un ponte ben fatto per Genova. Il gesto di Renzo Piano di donare un progetto alla città è lodevole. Ma bisogna che i politici la smettano di strumentalizzare la vicenda re di dare la colpa agli altri. La campagna elettorale è finita e devono dimostrare di meritarsi il consenso, senza bordate, chiacchiere, accuse, dietrologie: la colpa è sempre di chi c’era prima o al massimo degli altri.
    Perchè i 7 tecnici della commissione di verifica (5 sello Stato – Ministero infrastrutture e 2 di autostrade) avevano sottoscritto un verbale di pericolosità della struttura? Perchè i lavori di collaudo, verifica e riparazione non sono cominciati subito?
    Perchè non è stata costruita la Gronda alternativa per alleggerire il traffico pesante?
    Ora bisogna rimboccarsi le maniche e ripartire. Non devono pagare i genovesi normali. la gente comune, quella morta, quella senza casa, i parenti delle vittime, quelli che attraversano la città per andare al lavoro. Genova è spezzata in due e il nostri cuore è in frantumi. Una vera umiliazione continuare a fare polemiche e non dar seguito a fatti concreti.

  19. Venti avvisi di garanzia a persone che avevano la responsabilità di controllare e di fare manutenzione di sicurezza.
    Non ci sono parole.
    Nessuna sentenza restituirà alle loro famiglie le vittime del disastro.
    Viviamo in un mondo schifoso e disumano.

  20. Uscirà qualche scheletro dall’armadio, ne vedremo delle belle. Senza vendetta ma dobbiamo affidarci alla Giustizia. E’ una cosa troppo grossa, madornale.
    Speriamo di avere delle risposte, dei nomi, dei responsabili. Chi ha sbagliato dovrà pagare. I morti e i loro cari meritano risposte.

  21. Sapevano e rinviavano le riparazioni, controllavano ma saltando il nocciolo del problema. Mi domando come hanno fatto questi signori a dormire la notte sapendo che quel ponte era insicuro, anzi pericoloso, certificato pericoloso, sapendo che ci passavano sopra ogni giorno padri e madri di famiglia, giovani, bambini.
    Mi vengono i brividi a pensarci.
    Avevano davanti a loro sulla scrivania i verbali e le relazioni che dicevano che il ponte andava chiuso, riparato, ricostruito, che i tiranti erano marci.
    Ma come hanno fatto a tacere e non fare niente per prevenire il crollo?
    Disumano, semplicemente e atrocemente disumano.

  22. Anche un fatto così doloroso diventa motivo di polemiche tra i partiti.
    Vanno a Genova solo per farsi pubblicità, poi chi resta deve aspettare o riboccarsi le maniche.
    Degli esperti nominati per far luce sul disastro alcuni sono risultai indagati.
    Come minimo dovrebbero dimettersi.
    Il presidente della Regione Toti è l’unico che si è preso a cuore il problema del dopo ma gli mettono il bastone tra le ruote. Possibile che l’odio e la rivalità politica arrivi a prendersi beffe dei morti e dei cittadini senza casa?
    Spero veramente che Toti riesca a realizzare il Progetto di Renzo Piano e che gli altri se ne stiano a Roma a litigare tra loro.
    Genova non merita queste situazioni indecorose.

  23. Amareggiano le polemiche del dopo-crollo. Sono le iene della politica che vogliono i meriti (e i finanziamenti da gestire) e danno sempre la colpa agli altri.
    Questa è rumenta, pura rumenta. Ne’ tecnici me’ politici si erano preoccupati di bloccare il ponte prima del disastro.
    Ora speculano su chi deve pagare e chi deve invece comandare. Bella roba.

  24. Il composto dolore dei genovesi e di Genova hanno omaggiato oggi il ricordo del crollo, a un mese di distanza.
    Il silenzio spesso dice più delle parole, la sofferenza è intima, non ha bisogno di folclore.
    Speriamo che la politica smetta di fare gazzarra e dia avvio ai lavori di ricostruzione. Genova non può essere spezzata in due, il disagio di chi deve andare a lavorare attraversando la città è enorme. Ore e ore di coda snervante.
    Se ci fosse stata la Gronda molti problemi sarebbero alleggeriti, forse perfino si poteva evitare la grande tragedia del crollo. Che tutto serva di lezione.

  25. Adesso esce fuori che gli stralli erano stati costruiti in economia o difettosi, non sicuri come dovevano essere. Il commissario unico per la ricostruzione non è ancora stato nominato e la politica continua a litigare.
    Bene. Che vergogna.

  26. Cosa speravi, Ilaria? Che la politica si fermasse davanti alla morte e alla sofferenza? Hanno riso davanti al plastico a Genova e il ministro Toninelli ha riso davanti al plastico a Porta a porta, da Vespa.
    Ha detto che revoca la revoca al suo barbiere. Poi ha tolto il post. Ma non prima che molti lo leggessero.

Rispondi a Emanuela Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*