Furto con scasso nella sede della Banda di Pra’

La Redazione –

Abbiamo avuto notizia dal Presidente della Banda Colombi, Fulvio Sorbara, del drammatico avvenimento, che , presumibilmente, ha avuto luogo la notte tra il 24 ed il 25 aprile, a ridosso dei giorni di festa.

“Aprendo la sede il 26 , ho trovato l’ambiente danneggiato e vandalizzato, con porte divelte, attrezzature e strumenti a terra, cassetti aperti, documenti sparsi”, cosi’ ci racconta Sorbara, che ha potuto altresi’ constatare la sparizione di alcuni preziosi strumenti musicali ( due flauti, un sassofono, una tromba) ed un pc portatile.

Abbiamo immediatamente segnalato il fatto alla Polizia di Stato, che e’ subito intervenuta e constatata la situazione, ci ha indicato di sporgere formale denuncia al Commissariato di Sestri, con un dettagliato elenco dei beni sottratti.”

Continuando l’intervista, emergono ulteriori particolari circa il percorso probabilmente effettuato dagli ignoti malviventi: infatti , dopo essere penetrati da una piccola finestra posta a nord del Palazzo Municipale, che prospetta su di un’intercapedine aperta, raggiunta scavalcando il cancello di Salita Cappelloni, hanno avuto accesso ai locali della Banda, ma non sono poi riusciti a forzare dall’interno, per uscire, la porta principale , che mostra evidenti segni di effrazione.

 Hanno dovuto quindi percorrere a ritroso la via d’ingresso, ed ovviamente, cio’ ha limitato molto l’entita’ del “bottino”, da far passare attraverso la finestrella (peraltro situata a circa 4mt d’altezza, ed affiancata da un tubo di scarico pluviale) Nel danno, un pizzico di buona sorte…

Ma un altra, inquietante, chiave di lettura si va ad aggiungere a quanto avvenuto: quasi in contemporanea il Palazzo ex Comunale di Pegli e’ stato fatto segno di un tentativo di accesso doloso e l’ipotesi piu’ probabile sembra essere un mancato furto di documenti d’identita’: se si collegano i due fatti, ecco che emerge la possibilita’ che l’intenzione dei ladri fosse accedere ai locali del nostro Municipio, per analoghe mire, e che il furto in Banda sia stato un “piano B”.

Abbiamo naturalmente cambiato le serrature per mettere in sicurezza i locali della Banda,e stiamo cercando di rimediare ai danneggiamenti, con l’aiuto dei nostri soci e musicisti”, conclude Sorbara.

Auguriamoci che le Forze dell’Ordine riescano ad individuare i responsabili, ed a porre in essere misure efficaci di controllo nella nostra Delegazione, che non merita nella maniera piu’ assoluta di essere preda di azioni criminali, dopo essere gia’ stata vittima di un profondo degrado ambientale.

Pra’ sta risorgendo piu bella, e deve essere anche piu’ sicura.

2 Comments

  1. Che meschini individui, ma come si fa a rubare gli strumenti degli allievi della banda ? Hanno fatto danni alla collettività molto più grandi delle poche centinaia di Euro che ricaveranno dalla vendita di un pc e di qualche strumento usato. Certa gente dovrebbe essere acciuffata e messa in un campo di lavoro per risarcire la collettività per le loro malefatte. E’ vero, Pra’ oltre che più bella deve diventare anche più sicura.

  2. Giusto Pietro…inqualificabili.
    Vorrei sapere chi acquista queste cose di dubbia provenienza.
    Speriamo non si ripeta piu’ un vandalismo simile.

Rispondi a Pietro Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*