Fumate bianche, fumate nere

Guido Barbazza –

La “fumata bianca” è un antico metodo, sviluppato nell’Ottocento ed ancora in uso ai giorni nostri, utilizzato dai Cardinali riuniti in Conclave per comunicare al mondo l’avvenuta elezione del nuovo Papa, servendosi di una stufa installata nella Cappella Sistina. In caso di elezione andata a vuoto, si produce una “fumata nera”. Esiste infine un terzo tipo di segnale, la “fumata gialla”, che non è portatrice di alcun significato specifico, ma è solo un mezzo per provare, prima delle operazioni di voto, il funzionamento della stufa senza produrre emissioni di fumo codificate, bianche o nere, che potrebbero essere fraintese. Ebbene, a Pra’, per curiosa analogia, i cittadini, dalle loro finestre, poggioli, terrazzi che si affacciano sul litorale, indipendentemente da analisi e controlli formali e professionali, hanno un modo molto semplice ed efficace per verificare se le navi in sosta nel Bacino Portuale di Pra’ rispettano le leggi e i regolamenti sulle emissioni inquinanti: il colore delle loro “fumate”. Fumate bianche, fumate nere e anche fumate gialle.   Come noto, il primo gennaio 2020 sono entrate in vigore le nuove norme della Convenzione Internazionale MARPOL dell’International Maritime Organization (IMO), ossia l’Agenzia Marittima delle Nazioni Unite, che obbligano globalmente le navi ad utilizzare combustibili con un contenuto di zolfo non superiore allo 0,5% (in massa) e non superiore allo 0,1% durante la sosta in porti dell’Unione Europea. L’obiettivo è quello di diminuire drasticamente l’inquinamento ambientale prodotto dalle navi mercantili, siano passeggeri o da carico, che tradizionalmente utilizzano combustibile con tenore di zolfo al 3,5%, ed in passato anche più alto. Gli armatori hanno a disposizione tre principali opzioni per essere in regola: 1) utilizzare combustibile alternativo, come l’LNG (Gas Naturale Liquefatto); 2) usare combustibile a basso contenuto di zolfo (“VLSFO”, Very Low Sulphur Fuel Oil, o nafta pesante a basso contenuto di zolfo, inferiore allo 0,5% e/o “MGO”, Marine Gas Oil, o gasolio marino con zolfo inferiore allo 0,1 %); 3) continuare ad usare le più economiche nafte pesanti ad alto contenuto di zolfo (3,5 %) munendosi però di sistemi di depurazione dei gas di scarico, i cosiddetti “scrubber”. Gli scrubber   sono dei grandi “marmittoni” in acciaio, alloggiati dentro alle ciminiere, che “lavano” i gas di scarico tramite potenti getti nebulizzati di acqua di mare (nel caso di sistemi a circuito aperto) o di acqua dolce additivata (nel caso di sistemi a circuito chiuso) che, combinandosi con le anidridi solforose e gli acidi solforici li asportano, evitando che finiscano in atmosfera. Per quanto riguarda il Bacino Portuale di Pra’, operando quasi esclusivamente con navi porta-contenitori, ed essendo necessarie importanti modifiche ai motori ed agli impianti di bordo su navi esistenti per poter operare a LNG, le soluzioni seguite al momento sono l’utilizzo di combustibile a basso tenore di zolfo e gli scrubber. Le emissioni di fumo delle navi sono generate sia dal combustibile utilizzato, sia anche e soprattutto dallo stato di funzionamento e di manutenzione dei motori. Un motore diesel in buone condizioni e correttamente condotto emette gas di scarico appena visibili, quasi trasparenti, senza fumate nere, indipendentemente dalla sua “età”. Sfumature bluastre possono denotare la combustione di olio lubrificante, trascinato nei gas di scarico da una non perfetta tenuta delle fasce elastiche dei pistoni e/o delle tenute delle guide delle valvole di aspirazione e scarico. Colorazioni giallastre sono quasi sicuramente segno di utilizzo di combustibile ad elevato contenuto di zolfo. Le fumate nere, dense di idrocarburi incombusti e di particolati, denotano una combustione imperfetta, con eccesso di combustibile e mancanza di aria comburente, e possono verificarsi in transitorio per bruschi aumenti della potenza, e in continuo spesso e volentieri per iniettori malfunzionanti, indipendentemente dal combustibile utilizzato.   Ora, a questi tipi di “fumate” bisogna aggiungere le “fumate bianche”, che si possono verificare   in installazioni tradizionali per eccessiva adduzione di aria ai cilindri, fenomeno assai più raro delle tristemente note “fumate nere”, ma che possono diventare usuali in caso di scrubber in funzione. Infatti, con tale dispositivo di “lavaggio” dei gas di scarico, si verifica l’emissione dalla ciminiera di acqua evaporata, che appare pertanto come fumo bianco, dall’aspetto “cotonoso”, che si disperde rapidamente in aria. In questo caso, la “fumata” dovrà essere recepita in modo positivo dalla cittadinanza in quanto contenente innocuo vapor d’acqua e perdippiù testimoniante l’utilizzo dei dispositivi per la rimozione degli ossidi di zolfo che, in aggiunta, riducono sensibilmente anche i particolati. Già negli anni ’80, in alcuni porti degli Stati Uniti D’America, ad esempio in quelli della Florida, erano presenti osservatori per controllare che le navi da crociera non emettessero “fumate moleste”. Qualora ciò avvenisse, un solerte agente scattava una bella foto con la “Polaroid” e la recapitava a bordo, esigendo il pagamento immediato di una cospicua multa. Il colore delle fumate, in caso di emissioni intense e persistenti, specie se preoccupantemente nere e/o giallastre, è già di per sè stesso prezioso e sicuro elemento di giudizio sul corretto funzionamento dei motori e sull’uso dei combustibili previsti e può essere utilizzato, oltre che dai Cittadini Praesi legittimamente preoccupati per la qualità dell’aria che respirano, anche dalla Capitaneria di Porto per individuare prontamente le navi su cui concentrare i controlli e gli accertamenti formali.

3 Comments

  1. Molto interessante questo dossier sui vari aspetti tecnici e composizioni dei fumi che impestano il nostro cielo, causati dalle navi in sosta o in transito. Speriamo che la Capitaneria di Porto intervenga emanando rigorose normative, vogliamo il cielo limpido e l’aria pulita!

  2. Ma è mai possibile che se vogliamo sapere qualcosa di serio e sicuro sul porto di prà dobbiamo leggere supratutto ? Capitemi bene io al giornale di prà gli faccio solo i complimenti meno male che ci sono loro ma dove sono gli organi di informazione che lo fanno di mestiere ? che spesso e volentieri non ci azzeccano neanche il nome del porto di Prà

  3. Articolo e informazioni molto interessante e che fa capire le cose anche a me che non sono un esperto. Ora è tutto molto più chiaro sulle fumate. Grazie.

Rispondi a Ariel Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*