9 Comments

  1. Grandi ! Era ora che tutte le baggianate sul “Porto di Voltri”, che non è mai esistito, venissero spazzate via dalla semplice verità. Il Porto è a Pra’ e si chiama “Porto di Pra'”. Resta solo la Società Autostrade a perseverare in modo pietoso e ridicolo con la denominazione sbagliata, si spera ancora per poco. Ormai, “il Re è nudo !”.

  2. Eh si, è una GRANDE CONQUISTA!. Finalmente siamo titolari a tutti gli effetti della più grande schifezza realizzata in Liguria negli ultimi 60 anni.

  3. “Schifezza” è stata l’attribuzione del nome sbagliato. “Schifezza” è il fatto che a seguito del nome sbagliato per decenni fondi, contributi, vantaggi, sono finiti a Voltri e non a Pra’, che del porto si è dovuta, da sola, sobbarcare tutti gli oneri ed i disagi. Chiamare le cose con il proprio nome è semplicemente giustizia. Occhio a sottovalutarne il valore e l’importanza. Il porto ormai c’è e con esso bisogna fare i conti. Quindi benvenga il nome giusto e insieme ad esso anche i relativi “onori”, leggi cntributi economici.

  4. Visto che “titolari” del porto, piaccia o no, lo siamo sempre stati, in particolare quando abbiamo dovuto rinunciare alla spiaggia e al nostro mare, meglio esserlo a tutti gli effetti, non abbiamo niente da perderci, solo da guadagnarci.

  5. Wow. Quando sono uscita dal casello e ho visto il cartello, non credevo ai miei occhi, mi sono emozionata. Mi dispiace che il mio caro nonno, che ha sempre patito nel vedere Pra’ fatta a pezzi anche nel suo nome e nella sua identità, non possa vederlo. Finalmente, era ora, ora mi sento molto più orgogliosa di essere Praese. I tempi bui stanno finendo. Viva Pra’.

  6. Vorrei conoscere l’elenco degli onori, dei contributi economici e dei vantaggi. Finora non è circolato. Finora si sono viste solo nefandezze. Comunque inutile discutere, chi si contenta gode.

  7. Bisogna anche capire, caro Alex, che per anni ci siamo tenuti il porto senza che ne fosse riconosciuta l’appartenenza territoriale alla delegazione. Io tengo al mio nome e anche un poco al mio cognome… Penso che sia giusto chiamare le cose con il loro nome, collocarle nel contesto dove effettivamente si trovano. La contestualizzazione è una forma di conoscenza, forse la principale. E anche un metodo per ragionare sulle cose, nella loro dimensione spazio-temporale. Questa è una legittimazione dovuta al grande lavoro fatto dalla Fondazione e base per ogni successiva conquista.
    A partire dall’identità: questa non è un’opinione, mi pare….

  8. Certo che no, Francesco, e’ un dato di fatto! Molto schematicamente:
    1) cartello o meno, il Porto c’era anche prima,la “soddisfazione” e’ dovuta al fatto che e’ stato corretto un falso storico e geografico.
    2) quando c’era “Il porto di Voltri”, i praesi non erano nemmeno titolati a lamentarsi, ne’ a maggior ragione, ad intervenire per migliorare le cose, ora invece si, il porto e’ di Pra’, siano i praesi ad aver voce in capitolo.
    3) non è di poco conto l’argomento “finanziamenti a parziale risarcimento del danno ambientale”, sottoforma di opere che vadano a riqualificare il quartiere danneggiato e solo quello, diminuendo l’impatto negativo del bacino portuale sulla vivibilita’ dei cittadini di Pra’.
    4) siccome questi sono di Singapore, sanno assai di come è fatto il nostro territorio, e pertanto, la giusta denominazione aiutera’ ad indirizzare gli interventi compensatori al posto giusto.
    5) ho lasciato per ultima l’identita’, ma da essa nasce tutto, il bene ed il male: Pra’ rischiava di scomparire dalle cartine, ma in senso letterale…l’ultimo “Giro d’Italia e’ stato commentato cosi’: le tappe saranno Pegli-Voltri-Arenzano e via cosi’…ma si puo’?
    La Fondazione ha fatto rettificare, tra i molti altri casi, anche “Here”, la societa’ che redige le mappature utilizzate dai navigatori satellitari: ebbene, se la consultate, al posto giusto, campeggia “Bacino Di PRA'”.
    Chiaro che saremmo tutti molto, molto piu’ felici se il cartello indicasse “Spiagge e Cantieri di Pra'”…Ma, signori, nessuno puo’ riavvolgere il nastro! Possiamo solo continuare pervicacemente a lavorare per migliorare il posto in cui viviamo, a partire dall’esistente.
    Mi scuso se mi sono dilungata.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*