Fotonotizia-Finalmente si draga la foce del Branega

Velocifero –

Il 9 luglio u.s., tramite “fotonotizia”, SuPra’tutto pubblicava la notizia dell’inizio del lavori di pulizia della foce del Rio San Pietro, da lungo tempo, da troppo tempo, indecorosamente e pericolosamente insabbiata. Amplificando la voce dei cittadini praesi, SuPra’tutto aveva contestualmente colto l’occasione, attraverso l’invio di un “FotoDossier” per ricordare all’Assessore Comunale ai Lavori Pubblici e Manutenzioni Piciocchi e al Presidente del Municipio VII Chiarotti lo stato altrettanto indecoroso e pericoloso delle foci degli altri due torrenti praesi che sfociano nel Canale di Calma: il Branega e il San Michele, oltre che l’indecenza degli ormeggi abusivi e dei relitti affondati che ostruiscono la foce del San Pietro stesso e l’incuria per il ponte di legno pedonale sulla foce del Branega, mai sottoposto ad alcun intervento di manutenzione fino dalla sua realizzazione. Mentre restano in “lista di attesa” la pulizia della foce del Rio San Michele e l’eliminazione dei relitti e degli ormeggi abusivi sulla sponda destra del Rio San Pietro, e mentre il ponte pedonale risulta chiuso ed inagibile, con la passeggiata ciclo-pedonale sud inaccessibile, pare che qualcosa si muova sul fronte del dragaggio del Canale di Calma di Pra’ in corrispondenza della foce del Torrente Branega. E’ infatti arrivata la Nave-Draga “Fioravante” della “Stone Marine Engineering, iscritta al Compartimento Marittimo di Venezia per, ci auguriamo, provvedere al dragaggio dell’estremità di ponente del Canale di Calma, oramai quasi totalmente insabbiato, e della foce del Branega.

5 Comments

  1. Anche io ho visto dalle mie finestre la draga all’opera e ne sono stata molto lieta. I nostri torrenti, ormai privi del periodico “dragaggio naturale” operato dal mare, hanno bisogno sitematicamente di questi interventi per scongiurarne il completo interramento con conseguente innalzamento dell’acqua e rischio di esondazione. Spero vivamente che venga presto pulito anche il Rio San Michele così come mi auguro che si faccia presto una vera pulizia alla foce del San Pietro, rimuovendo le carcasse di vecchi natanti e le altre porcherie lì abbandonate. Purtroppo l’iter burocratico è farraginoso e dobbiamo per forza passare dall’assessore di Genova, perché al Municipio non è data facoltà di operare in autonomia. Questo sistema organizzativo e amministrativo sta mostrando sempre più grossi limiti e criticità… Credo che si debba passare a qualcosa di più vicino ai territori e ad una vera autonomia amministrativa di quelli che erano Comuni indipendenti e ora si trovano imprigionati in un sistema troppo “lontano” che ci percepisce come “periferie”….. Avanti verso un vero cambiamento…..

  2. Buongiorno. Mi inserisco nella comunicazione di Velocifero per proporre ai lettori l’articolo apparso su “Italia oggi”del 29 settembre u.s.che qui testualmente replico e riporto .”Al porto di Trieste si parlerà tedesco. Hamburger Hafen und Logistik Ag (Hhla), operatore del porto di Amburgo, d’accordo con i soci Icop e Francesco Parisi, diventerà a fine anno, con la sottoscrizione di un aumento di capitale, primo azionista della piattaforma logistica di Trieste, una delle più grandi opere marittime costruite in Italia negli ultimi 10 anni la cui realizzazione è appena terminata.
    Il progetto della Piattaforma Logistica ha consentito di recuperare all’utilizzo portuale un’area di 12 ettari, che è stata successivamente integrata con l’adiacente Scalo Legnami realizzando un terminal di 27 ettari, dotato di un doppio attracco e raccordato alla ferrovia. Questo progetto, con un investimento di oltre 150 milioni reso possibile dall’apporto finanziario dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, è stato sviluppato dalla società PLT, costituita dalla impresa di spedizioni internazionali Francesco Parisi S.p.A., dall’impresa di costruzioni Icop S.p.A. e dall’interporto di Bologna.
    L’integrazione della Piattaforma Logistica con le aree circostanti è stata ulteriormente rafforzata con la firma il 27 giugno 2020 del secondo Accordo di Programma per l’attuazione del progetto di riconversione industriale e sviluppo produttivo nell’area della ferriera di Servola – Trieste. Le parti pubbliche intervenute sono ministero dello Sviluppo economico, il ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, l’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro, l’Agenzia del Demanio, l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, il Comune di Trieste.
    Le parti private sono state il Gruppo Arvedi e Icop. L’accordo di Programma rappresenta un passaggio fondamentale verso una fase di nuova industrializzazione del territorio, in cui vengono coniugati sviluppo avanzato e sostenibilità. In base all’accordo è prevista la bonifica e lo sviluppo delle aree dell’area caldo della ferriera di Servola per una superficie pari a 25 ettari con investimenti pari a € 98 milioni”.
    Questo articolo fa il paio con un intervento dell’editorialista del Corsera Dario Di Vico su Il Punto del Corriere della sera. In esso il giornalista conferma l’interesse della Germania per il porto di Trieste – il che vuol dire acquisto di quote azionarie e investimenti- per un progetto che interessa i traffici commerciali da Trieste verso il nord Europa.
    Ora, poichè Trieste e Genova erano state individuate come terminali portuali della “Via della seta” nel Memorandum Italia-Cina del marzo 2019 è di tutta evidenza una potenziale uscita del porto di Trieste da questo accordo, se prevarrà- come sembra dalle intese in via di definizione – un interesse prevalente della Germania.
    A questo punto Genova (porto antico e PSA di Prà) resterebbe l’unico dei dei due porti a rimanere nell’alveo progettuale italo-cinese della citata via della seta.
    Ciò intuitivamente potrebbe significare che questo asset strategico interesserebbe la parte mediterranea dei traffici commerciali import-export dell’Europa, facendo capo a Genova che rimarrebbe. se si intende bene il senso della bipartizione, unico terminale europeo marittimo della via della seta.
    Sarebbe interessante una delucidazione da parte delle autorità competenti e della politica locale e nazionale rispetto al seguito ipotizzabile, poichè riguarderebbe anche il futuro del Porto di Prà.
    Sempre che la lettura degli articoli sia corretta e ipotizzi scenari nuovi che sarebbe quindi utile conoscere, ove possibile.
    Nell’interesse di Genova, di Prà e del Paese.
    Ringrazio se qualcuno potrà illustrare le prospettive future dell’accordo della Via della seta per l’area portuale di Genova, in relazione ale notizie di stampa che riguardano Trieste. Con anticipata gratitudine.

  3. Mi sembra una domanda importante che meriterebbe una risposta.
    Ma chi è così informato e trasparente da darla?
    Sono notizie che passano inosservate salvo poi pagare dazio tra qualche anno.
    Se tutto il porto di Trieste passa in mani tedesche vuol dire che Trieste resta europea.
    Se il porto di Genova resta solo soletto nella via della seta vuol dire che la Cina se lo papperà tutto.Cosa comporterà per Prà tutto questo? e’ bene saperlo.

  4. Quando uno non sa che dire o come interpretare una notizia, è meglio che taccia, Antonino…del resto già al porto di Prà da sempre siamo cinesi, di Singapore, ma sempre questo e’…la via della seta e’ un colossale affaire, il nostro (sigh!) ministro degli esteri ha siglato tanto di accordo commerciale. Quando vediamo i cinesi ad esempio alle parate olimpiche, restiamo impressionati dall’organizzazione impeccabile delle coreografie, migliaia di persone, gesti calcolati al millimetro.
    La pandemia di Covid, partita dalla Cina, e’ stata cmq gestita ferreamente, salvo omettere tante verità su come sono andate le cose…mi chiedo “cui prodest”, quando leggo che il colosso asiatico è l’unico paese ad avere un rialzo percentuale del PIL, e mi fido sempre meno.
    Bene ha fatto Francesco a porsi certe domande, ma magari, quando votiamo, ricordiamoci di chi è amico di costoro, e’ l’unica cosa che possiamo fare. Certo, sono scenari futuribili, ma la Cina e’ sempre piu’ vicina.

Rispondi a Bellicosa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*