Fotodossier – L’indecoroso e pericoloso stato delle foci dei torrenti praesi

Spettabili Assessore Piciocchi e Presidente Chiarotti, 

ringraziando per l’inizio, finalmente, dei lavori di pulizia della foce del Rio San Pietro, completamente insabbiata, chiediamo cortesemente a codesta amministrazione comunale, con l’occasione, di rimuovere i relitti semi-affondati e le imbarcazioni abusivamente ormeggiate e/o abbandonate sulla sponda destra della Foce, sotto ai ponti ferroviari. Su ricezione di numerose segnalazioni in merito da parte di cittadini di Pra’, lettori di SuPra’tutto, assolvendo al dovere civico di collaborazione con le istituzioni e di salvaguardia della sicurezza pubblica, con la presente segnaliamo l’indecoroso e pericoloso stato in cui si trovano le foci degli altri due torrenti praesi che sfociano nel canale di calma di Pra’. Infatti, oltre al Rio San Pietro, sia  il Rio Branega, sia il Rio San Michele presentano i loro sbocchi a mare insabbiati ed intasati in modo preoccupante. In allegato FOTODOSSIER

Come noto per il Rio San Pietro la dimensione e l’insabbiamento della sua foce è tale da avere invaso tutto lo specchio d’acqua antistante, al punto tale da impedire il galleggiamento dei pontili del GS Speranza Pra’ di canottaggio. Stessa situazione si riscontra per il Rio San Michele che, riempiendo lo specchio acqueo antistante di sabbia e detriti impedisce addirittura il galleggiamento di natanti ormeggiati presso il pontile del Cantiere Mostes. Il canale di sbocco del San Michele, poi, risulta quasi totalmente ostruito da terra e canneti. Per quanto riguarda il Rio Branega, la situazione è solo apparentemente meno critica, in quanto, osservando bene, si nota l’insabbiamento quasi totale, con azzeramento della profondità dell’acqua non solo della foce, ma anche ed addirittura per l’intera larghezza del Canale di Calma, per svariate decine di metri, oltre il ponte pedonale. Ricordiamo che nel 1993 il Rio San Pietro esondò, provocando una pesante alluvione nel centro storico di Pra’, provocando oltre ad enormi danni materiali, anche la morte dello stimato Medico Condotto Praese Achielle Dapelo, a cui è stato in seguito intitolato il Parco della Fascia di Rispetto. Da quando è stato realizzato il Bacino Portuale di Pra’ e le mareggiate non ripuliscono più naturalmente le foci dei torrenti praesi non è stata mai effettuata, da chi di dovere e responsabilità, una adeguata e continuativa pulizia, e ciò espone territorio e cittadini al rischio di nuove alluvioni, oltre a costituire elemento indecoroso di penalizzazione estetica del territorio. SIAMO PERTANTO AD AMPLIFICARE E CONVOGLIARE LE VOCI DEI CITTADINI DI PRA’ CHIEDENDO LA PULIZIA TOTALE E RADICALE DELLE FOCI DI TUTTI TRE I RII IN OGGETTO, PER MOTIVI DI DECORO MA ANCHE E SOPRATTUTTO DI SICUREZZA, CON LA MASSIMA URGENZA, CONTESTUALMENTE PIANIFICANDO INTERVENTI DI PULIZIA E DI RIMOZIONE DELLA SABBIA CON CADENZA ANNUALE PER EVITARE CHE TALI SITUAZIONI ABBIANO A RIPETERSI IN FUTURO. 

Rimanendo in attesa di ricevere un cortese riscontro e di vedere azioni in merito, porgiamo distinti saluti.

La Redazione

 

SUPRA'TUTTO

2 Comments

  1. molto interessante ed accurato l’articolo dossier, ma incute giustamente apprensione per la sorte dei nostri rivi…speriamo venga recepito!

Rispondi a Nadia Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*