FondAzione PRimA’vera incontra i tecnici di Comune e ASTER per migliorare il verde pubblico

Albero morto n°3 Skyte Park Pra'

Luciano Bozzo

Sulla scia dell’attenzione da sempre dedicata alla difficile situazione del verde pubblico a Pra’, in particolare nell’area del P.O.R. e della Fascia di Rispetto, nelle ultime settimane dello scorso anno la FondAzione PRimA’vera aveva fatto pervenire all’Assessore ai Lavori Pubblici e Vicesindaco Pietro Piciocchi ed al Presidente del nostro Municipio Claudio Chiarotti un reportage con fotografie e descrizioni dettagliate relative ad oltre una ventina tra alberi, alberelli e piante ormai morte, rinsecchite o tagliate poste in vari punti di queste due zone con la richiesta di un pronto intervento per la sostituzione delle stesse. La documentata segnalazione aveva posto anche l’attenzione su alcuni altri alberi ed alberelli pericolosamente piegati o danneggiati che necessitavano di una opportuna azione manutentiva.
Il Vicesindaco Piciocchi aveva risposto prontamente alla segnalazione ed attivato i tecnici comunali e di ASTER affinchè procedessero ad una verifica della situazione al fine di programmare gli opportuni interventi.
A seguito di tutto ciò venerdi 22 gennaio alcuni rappresentanti della FondAzione hanno anche incontrato sulla Fascia di Rispetto i tecnici di ASTER e del Comune, tra essi gli agronomi Giorgio Costa e Pierpaolo Grignani, per dare seguito a quanto precedentemente denunciato, fornire loro ulteriori informazioni e conoscere quanto si intende fare per migliorare la situazione del verde pubblico in particolare nella zona litoranea di Pra’ Borgo Foce, Longarello e Sapello compreso il Parco Achille Dapelo.
Intanto va detto che dallo scorso mese di agosto il Comune ha preso finalmente in gestione la manutenzione del verde pubblico nell’area del P.O.R. e del Parco Dapelo dopo alcuni anni di incertezza dovuta al continuo rinvio della conclusione dei lavori del P.O.R. e del collaudo finale dei vari lotti oltre che a qualche ritardo del Comune. Si sono potuti così avviare diversi interventi di manutenzione e di sfalcio sia nel Parco Dapelo che nelle aiuole e nelle aree verdi presenti lungo via Pra’, sulla Fascia di Rispetto e nel Parco di Levante migliorando notevolmente la situazione complessiva del verde pubblico in queste zone; un miglioramento che dovrebbe a questo punto diventare continuo e sistematico, almeno così auspichiamo, al netto dei comportamenti di nociva inciviltà di chi continua a trattare angoli del parco e aiuole alla stregua di pattumiere dove abbandonare impunemente ogni genere di rifiuti.
I tecnici di ASTER e Comune hanno confermato la programmazione degli interventi per la sostituzione dei tanti alberi e piante morte, a partire da alcuni lecci nell’area del Parco di Levante tra Palamare, Skate park e pista di atletica e per cercare di raddrizzare alcuni oleandri e altri alberi parzialmente piegati oltre naturalmente alla manutenzione ordinaria delle aiuole e delle essenze arboree piantumate lungo via Pra’ e nel parco Dapelo.
Per quanto riguarda questo parco inoltre la postazione di giochi presente oggi nella parte di ponente del parco e parzialmente danneggiata verrà spostata più a levante nella zona del piccolo anfiteatro che sarà opportunamente risistemata; l’area giochi sarà ampliata con nuovi giochi fruibili anche da bimbi con disabilità. Sempre nel Parco Dapelo troveranno posto l’altalena e la giostrina per bambini negli anni scorsi improvvidamente collocate in fondo a piazza Bignami sul ciglio della strada.
Permane il problema dei danni arrecati alle palme dal punteruolo rosso a dissuadere per il momento dall’idea di piantumare nuove palme e di sostituire quella “storica” recentemente tagliata nei pressi della vecchia stazione ferroviaria. I rappresentanti della FondAzione, il presidente Niclo Calloni, Renato Polidoro e lo scrivente, hanno ringraziato i tecnici per la loro cortese disponibilità certi di poter continuare la proficua collaborazione ed intesa con Comune e Municipio ed hanno anche segnalato in particolare il cattivo stato di un’aiuola in fondo a via Taggia per la quale, a detta dei tecnici, sono però presenti evidenti difetti strutturali che ne rendono particolarmente difficile il mantenimento in una buona condizione.

2 Comments

  1. Bene speriamo che venga regolarmente fatta manutenzione inoltre segnalo che se non sbaglio i cipressi e altre piante che sono state piantate con i lavori delle dune sono gia mezze scche e sofferenti

  2. La manutenzione del verde è il biglietto da visita di un luogo ben curato e io vorrei che Pra’ potesse presentare questo biglietto lungo tutta la sua estensione. Riprendendo il commento di Mauro, qui sopra, concordo in pieno con la situazione delle piante appena posizionate sulla nuova Duna e segnalo anche che in molti punti della Duna stessa ci sono delle pile di container talmente alte da oltrepassare l’altezza della Duna e impedire ai raggi solari di illuminarebe scaldare le povere piante appena arrivate… e anche quelle già esistenti. Ricordo che senza sole ☀ il verde non può crescere proprio come noi umani. Vedremo finalmente un abbassamento dei container sì da rimanere dietro alle dune e non bloccare il sole ☀?

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*