Follia Comunal-Municipale: la Punta Martin è a…Voltri, i Piani di Pra’…anche

Zolfanello

 

Velocifero –

La “Punta Martin” è a Voltri. Sì, avete letto bene, la montagna praese per eccellenza, alta ben 1.001 metri, che si trova dritta dritta proprio dietro il centro abitato di Pra’, che si raggiunge da Pra’, che è intimamente legata alla storia e alle tradizioni praesi, non si trova a Pra’ come tutti credevano da migliaia di anni, bensì a… Voltri. E i “Piani di Pra’ “ ? Anche loro si trovano a Voltri, mentre Torre Cambiaso, dove risiedeva il Marchese Cambiaso, Sindaco di Pra’ e dipingeva il pittore praese per eccellenza, Evasio Montanella, e il Castelluccio, eretto per difendere il Borgo di Pra’ dalle scorrerie dei pirati Barbareschi, invece, sono a…Pegli. Questo è quello che stabiliscono le assurde e strampalate mappe comunal-municipali dei cosiddetti “addetti ai lavori”, ultima scoperta investigativa di SuPra’Tutto. La notizia è surreale non solo  per i praesi, ma ha sorpreso anche i voltresi, che sono andati subito a vedere se per caso Fabbriche e l’Acquasanta non fossero stati trasferiti nottetempo al territorio di Pra’, e anche i Pegliesi, che temevano che le Ville Doria e Pallavicini fossero state, con un blitz, “barattate” e trasferite a Pra’, ma sono stati subito rassicurati. Infatti, gli “scippi” di identità e di territorio non hanno mai interessato le delegazioni limitrofe di Pegli e Voltri, tanto per stare nel nostro Municipio, ma sempre, solo ed esclusivamente Pra’. Nelle oscure stanze comunal-municipali, a partire dagli anni ’70, in concomitanza con lo scempio devastatore della costruzione del Bacino Portuale di Pra’ e della cementificazione delle colline con “Cep” e “Lavatrici”, pregiate aree praesi di ponente e di levante sono state cartograficamente scorporate da Pra’. Cep e Lavatrici, però, non si capisce bene perchè, sono state lasciati a Pra’. Gli storici della FondAzione hanno ricostruito l’accaduto ed hanno trovato che, ad ogni modifica della struttura amministrativa, ad esempio con il passaggio da “Delegazione” a “Circoscrizione”, e poi nell’accorpamento nel Municipio VII Ponente, ogni volta la “manina” di qualche oscuro individuo spostava i confini un pochino di quà e di là, sempre e solo ai danni di Pra’, sotto il silenzio ignavo dei vari “presidenti” della Circoscrizione Praese e dei “capi popolo” politici locali. Finche “alla Torre” c’erano i Padri Passionisti, andava bene che fosse a Pra’, ma se arrivava una società farmaceutica e ci faceva un albergo a quattro stelle, allora ecco che veniva bene che la Torre fosse a Pegli. Poi quando bisognava costruire un po’ di palazzi in quel di Pra’ “di estremo levante”, ecco un’altra “losca manina” spostare ancora un pochino il confine così magari le nuove case si potevano spacciare come fossero “a Pegli” e magari spingere un po’ di più sul prezzo, perchè “Pegli” suonava più snob. Il tutto sotto il totale silenzio di politici, istituzioni, giornali e, soprattutto, senza che i diretti interessati, i Praesi, ne fossero almeno messi a conoscenza, se non interpellati. Veri e propri reati, crimini legalizzati, falsi ideologici a fini di lucro, diretto o indiretto che fosse. Ora però, con porto, casello e terminal container che hanno finalmente assunto denominazioni corrette e che li riconnettono al loro reale territorio (e cittadini) di riferimento, è giunto il momento per ristabilire la realtà e l’onor del vero dalle nostre parti, spazzando via gli scempi e le schifezze del passato, ristabilendo quindi, anche e soprattutto nelle cartine comunal-municipali, l’estensione e la configurazione del territorio storico di Pra’, senza “se” e senza “ma”. Meno male che le “diaboliche manine” hanno trascurato due fattori importanti: non hanno fatto caso che le parrocchie praesi storiche dell’Assunta e di San Rocco hanno mantenuto inalterati i loro territori storici, e anche le Poste Italiane hanno mantenuto intatta la configurazione del CAP, o “Codice di Avviamento Postale”, e il “16157” che contraddistingue Pra’, è rimasto invariato, raffigurando perfettamente il territorio originale, storico, di Pra’, sul quale si ricostruirà l’identità territoriale praese.

Per ingrandire clic col Dx e apri immagine in altra scheda

7 Comments

  1. Per non parlare del Castelluccio che ostinatamente molti (anche in documenti ufficiali) contiuano a chiamarlo di Pegli, mentre è stato costruito nel XVI per la difesa di Pra’: il confine infatti è ancora più a est ed è segnato dal Rio S.Antonio che purtroppo pochi conoscono perché è stato tombato sotto Piazza Lido (Quindi anche un po’ di 16156 è parte di Pra’). Fortunatamente grazie a Fondazione Primavera -con i cartelli turistici che ha posizionato- potremo a conoscere meglio la storia del territorio

  2. Ma robe da matti: i Piani di Pra’ a Voltri ? Ma siamo matti ? il presidente Chiarotti che dovrebbe sapere bene che i piani di prà sono a prà faccia qualcosa e cambi queste cartine deficienti ORA BASTA PRENDERE I PRAESI PER IL C…

  3. Spero proprio che dopo porto casello e psa la fondazione cambi anche le offensive carte del comune il territorio di prà si sa bene quello che è va dal castelluccio alla verrina su fino ai piani di prà e al Martin è ora di fare fare giustizia anche su questo

  4. Mi domando dove erano i presidenti e i consiglieri della circoscrizione di Prà quando si facevano certe porcate, forse a leccare i piedi dei loro capi bastone di partito e a svendere il loro paese in cambio di vantaggi personali ? Che schifo ma ora bisogna rimettere le cose a posto accidenti, meno male che almeno ora le cose si sanno grazie supratutto

  5. Grazie a supratutto che fa sapere le cose è evidente che anche queste irregolarità vanno messe a posto e alla svelta restituendo a Prà il suo territorio originale. Che il presidente del municipio Chiarotti che tra l’altro è di Prà e dovrebbe conoscere bene queste cose si dia da fare per favore.

  6. Una assurdità… come si fa ad essere così stupidi da pensare che un luogo che si chiama “Piani di Pra'” si possa trovare in territorio voltrese? E quale mente sublime può pensare che un monte, che si trova alle spalle di una cittadina (appunto, Pra’…) e al quale si accede proprio da Pra’ possa appartenere ad un altro ex Comune (Voltri) da cui non esiste nessun sentiero per accedere a tale monte? Si, nei terribili anni ’70 si sono perpetrate delle vere infamie nei confronti di Pra’, distrutta nella sua natura di città di mare, di spiaggia, di pesca e di turismo e come se non bastasse anche defraudata di larghe porzioni del suo storico territorio…e proprio delle più significative…
    Ci hanno considerato un “non luogo”, per usare un termine caro ai sociologi, e abbiamo rischiato di sparire per sempre come entità storica e geografica e io mi chiedo perchè si siano accaniti in questo modo su di noi. Non ringrazierò mai abbastanza quel gruppo di miei concittadini, coraggiosi, determinati e anche un poco “visionari” (…capaci di sognare e di elevare lo sguardo…) che non si sono rassegnati allo scippo e allo scempio e hanno intrapreso strade difficili con piglio deciso, riuscendo a porre rimedio almeno agli orrori più macroscopici.
    Andremo ancora avanti, tutti insieme, perchè sono parecchie le cose da sistemare…intanto riavere i nostri territori, e il percorso è semplice: basta chiedere di guardare le mappe dei tre ex Comuni e ex Delegazioni (Pegli, Pra’, Voltri) e rimettere le cose a posto…e fare presto, perchè noi Praesi vogliamo rispetto.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*