Flash mob in sei punti della città, da Pra’- Palmaro a Sampierdarena.

Cittadini e Comitati uniti nel rivendicare un ambiente sano e sicuro

se vuoi ingrandire clic col dx e apri immagine in altra scheda

 

Elis@Provinciali –

A Pra’, siamo da quarant’anni ostaggio di un Porto invasivo, rumoroso, inquinante, costruito senza le basilari norme di rispetto ambientale, tombando rivi e litorale e distruggendo la più bella spiaggia a Ponente: questo è storia, questo è attualità.

Nell’ultimo decennio, vi è stata una presa di coscienza ed un forte impulso ad ottenere la sostenibilità del porto, chiedendo opere compensative dei molti disagi: il “Praino” dapprima, ed ora “SuPra’Tutto”, sono la voce dei cittadini stanchi di essere vessati, nascono iniziative di petizioni popolari, si avviano incontri con i governanti, sotto la guida della Fondazione Primavera, in seguito del Consiglio di Comunità Praese, e da un paio d’anni, dal ricostituito Comitato Palmaro….Ma se Atene piange, Sparta non ride: partiamo da Pra’, nel sestiere di Palmaro, esposto completamente agli insulti dell’ operatività portuale, ed in seguito verso Genova “matrigna”, incontriamo delegazioni ed aree a forte impatto inquinante, dove i cittadini vivono una realtà di servitù negative.

Multedo è minacciata dagli impianti Carmagnani e Superba, con un passato di gravi incidenti, tant’è che se ne discute la delocalizzazione da tempo, Pegli ha mantenuto finora un piccolo specchio acqueo, ma teme il superamento del sesto modulo, e nella zona “alta” di via Scarpanto, Laviosa, Ungaretti, percepisce i rumori portuali in modo intollerabile.

In Val Varenna, materiali non protetti transitano verso la cava, ormai una discarica. Cornigliano potrebbe essere sede del deposito di Gas Navale Liquido, mentre gli effetti nefasti del traffico ed inquinamento sono arcinoti, la devastazione subita nel passato non sembra sufficiente. Sampierdarena ospita ben 5 dei 12 siti a Rischio di Incidente Rilevante di Genova, aree per le quali la normativa impone protocolli elevati di addestramento degli abitanti all’evacuazione. Gronda Mare, traffico portuale, ferroviario ed aereo, mentre ci si appresta ad un ampliamento del porto per accogliere le meganavi cinesi,verso la cosiddetta “Via della Seta”. Fegino e Borzoli sono depositi di idrocarburi, che nel 2016 produssero uno sversamento di 700 mila litri di petrolio, grave caso di inquinamento di terra ed acqua. Sulle alture, la discarica di Scarpino.

Anche Certosa ha discariche tossiche , depositi di fanghi da bonifiche ed è ormai sinonimo di Ponte Morandi, soffre gli sfollamenti, i negozi che chiudono, i detriti del ponte a rischio amianto. Rivarolo ospita un deposito dell’umido di Amiu, diventato ormai il banchetto preferito di stormi di gabbiani grossi e voraci come condor. Teglia , ex Miralanza, abbandonata da decenni, Trasta, una montagna sventrata per i lavori del terzo valico.

Ce n’è abbastanza per fare non uno, ma cento flash-mob, ed infatti il fil rouge che ha unito i sei siti interessati (via Pra’, via Cordanieri, Pegli risveglio, Multedo, Cornigliano, Sampierdarena c/o Municipio centro ovest, ed i molti cittadini muniti di mascherina,cuffie antirumore, cartelli, striscioni , è stato la coesione contro il degrado presente e futuro, la lotta all’ inquinamento acustico ed atmosferico, l’urgenza di una riqualifica complessiva di questa parte della città che ospita servitù utili all’intera Genova e Liguria, ricavandone solo disagi, sofferenza, invivibilità. Il Porto di Pra’ è funzionale all’intera nazione, attraverso un intensa attività, che ne fa il numero uno per le merci su containers -frigo e quelle che necessitano di particolari protezioni. I traffici internazionali mercantili ormai passano solo dalle sue banchine, essendo lo scalo di Genova adibito quasi esclusivamente alla navigazione da crociera/traghetti, mentre qui girano quattromila TIR giornalieri, a fronte di una movimentazione enorme, milioni di TEU sbarcati/imbarcati. Cosa ne ottengono gli abitanti di Pra’, si è già detto, nulla di positivo, molto di negativo.

Cittadini di serie B, C, persino Zeta, checchè ne dicano Bucci, Toti e Signorini.

Sul fotofinish, registriamo in questi giorni, un’interessante incontro a Terrazza Colombo, organizzato da Primocanale, esattamente sul confronto porto/città, con interventi ad ampio raggio sulla difficile coesistenza tra abitazioni e siti industriali. Non credo alla casualità, e segnalo la visione online, per chi volesse approfondire la tematica, sul sito dell’emittente.

29 Comments

  1. IO c’ ero…non era difficile percepire la rabbia e l ‘orgoglio dei manifestanti…La solidarietà che ci ha uniti.
    La parola SECESSIONE e PRA’ COMUNE, aleggia e percorre la gente, attenzione a tirare troppo la corda!
    Ogni cambiamento nasce da una piccola o grande rivoluzione.

  2. Analisi molto efficace e documentata. La manifestazione è un segnale importante di unità di intenti e condivisione delle battaglie per la salute, la tutela ambientale, il rispetto della dignità degli abitanti del ponente che non sono cittadini di serie B.
    Infatti votano come gli altri: di questo la politica dovrebbe tener conto poichè il consenso – che serve per governare – va meritato con i fatti.
    Non mi stancherà mai di ripetere che occorre passare ad una “FASE 2”, quella che revoca la delega ai delegati e cerca al proprio interno le risorse umane a cui affidare la gestione del bene comune.
    L’evidenza della situazione e dei fatti parla chiaro.
    Ora vedremo che segnali arriveranno da Roma circa la destinazione e la localizzazione del terminale europeo a Genova della via della seta.
    Queste battaglie si portano avanti con unità di intenti, ogni campanilismo sarebbe dannoso e isolerebbe le ragioni della protesta ad una mesta processione laica fine a se’ stessa.
    Per essere uniti e quindi più forti serve , anzi urge , una visione condivisa delle cose, è necessario individuare persone capaci, degne, rette, competenti che possano rappresentare e valorizzare il territorio e con vigore e forte motivazione rappresentarlo.Lasciando da parte pregiudiziali ideologiche ormai fuori tempo e sentimenti di sospetto e invidia.Essere rappresentati da qualcuno che faccia parte di questa comunità è l’obiettivo vincente in ogni sede istituzionale.
    Speriamo che tutti lo capiscano in fretta, prima che sia troppo tardi.

  3. Francesca non è esatto…ti potrei dire i nomi ma c erano.
    Ci sono pure le foto.
    Perché sempre queste domande divisive?
    Siamo sempre uniti, chi più chi meno, poi ognuno decide secondo coscienza.
    Non siamo soldatini.

    • Non mi sembrava una domanda “divisoria”. Poi “sempre” non so perché. Era una tranquilla domanda dettata dal fatto che davvero non ho visto nessun rappresentante di queste realtà Praesi, e invece sarebbe stato necessario per dare più forza all’iniziativa. Tutto qui. Non mi servono prove fotografiche. Eravamo pochi, dobbiamo essere TUTTI.

    • Tutti sarà anche utopia, ma una rappresentanza di TUTTE le realtà del territorio, peraltro invitate a partecipare, sarebbe stata molto gradita e avrebbe dato davvero una immagine di Pra’ unita, perché è di questo che abbiamo bisogno. Mostrare che i cittadini sono UNITI e consapevoli.

  4. Al di là delle presenze certificate, l’iniziativa è stata importante e ne hanno parlato il tg3 e i canali privati! Sono d’accordo su quanto è stato detto nei primi commenti e aggiungo che se noi cittadini del Ponente non possiamo accettare altri disastri sul nostro territorio, abbiamo il diritto di partecipare alla ricerca delle migliori soluzioni che possano almeno in parte mitigare i danni ormai fatti! Ma a mio avviso le”bonifiche ” non spettano a noi bensì ai colossi industriali che tanto hanno preso dal nostro Ponente dando in cambio molto poco. Sarebbe bello cominciare a vedere l’inversione di rotta per non continuare a sentirci come “figli di un Dio minore”!

  5. Dialogo tra omonimi. Non insistere Francesca su questo argomento. Esserci TUTTI è matematicamente impossibile. Uno non può riservarsi il ruolo di controllare chi c’era e chi no. Queste iniziative hanno una valenza simbolica: importantissimo aver lanciato un segnale. Poi si può migliorare, ampliare la presenza, organizzare meglio. Ma le marce di protesta, le fiaccolate durano un giorno, non si può stare perennemente in strada. Prova a valutare la questione da un punto di vista diverso: ad esempio a riflettere sul concetto di delega e di rappresentanza, sul peso che può avere il voto come espressione di consenso o di dissenso. Se si vuole contare di più nelle decisioni bisogna essere presenti nei luoghi dove si decide, senza delegare ad altri. Bisogna decidere se essere dei sudditi o dei decisori. Ma mi pare che in molti su questo tema facciano orecchie da mercante. Non si sa mai, il partito potrebbe censurare. E allora non dobbiamo lamentarci e continuare a chiedere con il cappello in mano .

    • Non insistere..come se stessi facendo i capricci. Mi dispiace perché chi, come me, era in strada per dare quel famoso segnale, un giorno solo e per pochi minuti ( non perennemente) si è sentito SOLO. Non capisco perché non si possa esprimere un dato di fatto, non è questione di “riservarsi” un ruolo.
      Purtroppo a metà del tuo commento mi sono persa e non ho capito più di cosa stavi parlando.
      Comunque con questo ho finito.

      • Mi spiace che non hai capito e ti sei persa nel discorso. Forse puoi provare a rileggere, se ne hai voglia, magari afferri il senso delle mie parole. Scrivendo in italiano accessibile a tutti penso di rendermi comprensibile. Ad esempio Marino ha capito alla perfezione. A volte più che non capire….non si vuole capire. Ti assicuro che il discorso è molto molto chiaro.

  6. Si possono avere le idee chiare e cominciare a pensare che Pra’ deve essere comune e basta! Altro che a Genova col cappello in mano. Il Ports of Genoa è composto da Vado, Savona, Pra’ e Genova, gli unici a non essere comune siamo noi e questa manifesta uno squilibrio tra le parti, Pra’ deve essere a livello delle altre componenti, considerando anche la valenza potenziale del nostro scalo.
    Pra’ ha avuto la fortuna di avere il porto e noi ci specchiamo vittime usurpate di quanto ci spetta e dominati da sti cavolo di Genovesi. Muoviamoci e chiediamo ciò di cui abbiamo diritto.
    Con affetto.

  7. Analisi perfetta della situazione caro Francesco. Hai messo il dito sulla piaga. Ma mi pare che non ci sia peggior sordo di chi non vuol sentire. Qui domina il mugugno senza vie d’uscita, il dubbi è se la politica locale capisce ciò che spieghi o fa finta di niente e va avanti con i discorsi retorici di sempre. Il punto dolente e cruciale della faccenda si ha paura di toccarlo. Incredibile direi, una cosa inspiegabile. Certi silenzi parlano da soli.

  8. Francesco, come spesso fa, analizza e centra il focus del problema…rappresentanza, non individualismo…io ci sono e tu no, quello fa parte di un altro gruppo, noi siamo piu’ bravi di voi…bleah!
    Lui dice: mandiamo un praese a Roma, a Strasburgo, dove si prendono le decisioni, se capisco bene.
    Bisognerebbe che qualcuno si facesse avanti!

  9. Ho letto l’articolo con molto interesse perche’ ho partecipato al flash mob. Con ancora piu’ interesse ho letto i commenti. Da Abitante di Pra’, che con orgoglio, a prescindere dai gruppo, ha ritenuto giusto partecipare a questo evento, la domanda e’: “ma chi dice la verita?”

    Chi dice:”A questa iniziativa siete stati invitati e non vi siete neanche presentati, siete stati invitati anche alle riunioni preliminari e non vi siete presentati!”

    Oppurechi dice:”Siamo sempre uniti, chi più chi meno, poi ognuno decide secondo coscienza.”…ma alla fine, dei rappresentanti ufficiali del consiglio e della fondazione ( parlo di chi va in tv o agli incontri con le istituzioni) e non mi sembra di aver visto nessuno.

    Il motivo e’ che “qualcuno” vuole entrare in politica?

    Boh…

    Se anche cosi’ fosse non vedo il problema a scendere per strada, per poco tempo, e aderire ad un’ iniziativa che, seppur organizzata in fretta, schierava, unite, tante realta’ del ponente. Unite in nome di un disagio comune, di un sentimento di rabbia comune, incanalato in una simbolica e pacifica presenza, mostrata con colore ed orgoglio, per le strade delle delegazioni stesse.

  10. Non e’ nostra abitudine censurare o bannare, basterebbe poco, ma qui veramente non si tratta di divergenze di opinioni, ma di affermazioni di parte…ancora una volta il “divide et impera” ha funzionato per Emanuele, Francesca, che anziche’ ribadire quanto sono incazzati e perche’ manifestano, guardano cosa fanno gli altri, se ci sono, non ci sono…invece di prendersela con chi ci ha ridotti a questi punti, illustrati nell ‘articolo e vissuti ogni giorno da tutti, dall’autrice,inveiscono contro la Fondazione, il CCP, anziche’ stramaledire la politica dissennata contro cui abbiamo protestato.
    Vero, non eravamo molti, stimati in tutte le aree, circa 200/250 persone.
    Ma credevo fossimo tutti presenti con il cuore, non con il “rosicamento”.
    Al solito, sono un idealista.

  11. I commenti dimostrano quanto sia difficile gestire e condividere un consenso, rappresentare ed essere rappresentati.
    Livore, cattiveria, rancore soffocano ogni ragionamento sano. La democrazia che parte dal basso va gestita e governata, a ma è difficile mettere insieme tante teste e tante idee. Nessuno rinuncia al proprio narcisismo, il concetto di bene comune non sta nelle corde di chi polemizza sempre. Gli interventi propositivi e di buon senso sono cazziati. Dove è l’unità di sentimenti, dove è la condivisione? Chi polemizza sempre, non gli va mai bene niente, giudica con cattiveria, accusa e conta le presenze altrui, offre su un piatto d’argento tutte le ragioni a chi comanda per continuare a mettercelo sempre in quel posto. Tutto si può fare meglio ma bisogna avere la mente libera da pregiudizi e male parole.
    La democrazia non è un diritto: VA MERITATA. Ma c’è sempre chi dimostra di non essere capace di meritarsela.

  12. Commento di una cattiveria inaudita. Nessuno si appropria di niente. L’articolo descrive una manifestazione, non dice l’abbiamo organizzata noi.
    Prendersi a cornate tra noi non risolve ma aggrava il problema.
    Se si accetta di partecipare al forum si accettano le sue regole, ma sempre con educazione.

  13. Dividi et impera?..strano perché mi sembra di aver chiesto UNIONE e non divisione. Non mettetemi in bocca cose che non ho detto.

  14. Divide et impera, Francesca. In latino si scrive così. Divisivo e NON divisorio. E poi leggi per intero quello che commenti negativamente.
    Altrimenti in italiano si chiama pregiudizio (vedi vocabolario Zingaretti)

  15. Ma per favore.. farò un aggiornamento al correttore automatico se è questo ciò che disturba. Per il resto, ho riletto e confermo ogni mio commento. Avendo partecipato a diverse iniziative sul territorio ed essendo informata su ciò che accade, non credo che le mie opinioni siano PREgiudizi, perché, come tu gentilmente mi insegni, il pregiudizio si attua senza essere adeguatamente informati. Oppure ti riferivi a Montalbano, visto che hai citato Zingaretti invece di Zingarelli.

    • Cosa delicata è! Non era Zecchinetta, giocavano a Zecchinetta. Un refuso può scappare ma tutto il tuo accanimento sembra eccessivo. Ti sei catapultata nel dibattito come un caterpillar e vuoi avere ragione solo tu.
      Così non va.
      Accetta anche i punti di vista altrui, per favore. La Fondazione è una cosa seria e organizzata fino a prova contraria.

      • Si attende per completezza e correttezza dell informazione che nell articolo vengano citati gli organizzatori del flash mob

      • Mi dispiace, la guerra dei refusi non l’ho iniziata io. Poi non so davvero cosa ho detto di così tremendo. Ho solo detto che sarebbe stato necessario avere una presenza più forte. Non pretendo di aver ragione. Ho solo detto che mi sarebbe piaciuto vedere più gente. Mi è stato risposto che la gente ha partecipato col cuore. Il mio commento finisce lì.

  16. Personalmente penso che avere rappresentanti nei posti decisionali sia importante ma è un percorso lungo e da costruire. E i rappresentanti devono poi dare voce al popolo
    Non sono d’accordo quando dite che la manifestazione è simbolica
    Non può essere sempre simbolica. Non è possibile che su migliaia di cittadini siano sempre quei 20 a muoversi ed il resto ti guarda come se abitasse ad Albaro. Triste, poi, vedere la completa assenza di giovani sui cui figli impattera tutto questo.
    Condivido poi in toto l’intervento di Emanuele. Poche concessioni ci fanno passare come un ponente soddisfatto

  17. La manifestazione è sempre simbolica di per se’, POSITIVAMENTE,
    se i valori per cui si scende in piazza sono condivisi e avvertiti come sentimenti di cui prender parte. Non importa se si è in 20 o in 200 , certo la presenza ha indubbiamente un peso significativo. E’ simbolica comunque l’azione in se’.
    Ma Greta Thunberg prima di essere riconosciuta come paladina di un movimento universale per mesi e mesi ha sempre testimoniato da sola , nell’indifferenza generale.Ora muove milioni di persone che hanno atteso per anni le decisioni dei Governi e delle Istituzioni internazionali, persone esse stesse “dormienti” in una apatia e mancanza di iniziativa, un senso di impotenza che anestetizzava la pubblica opinione e la schiacciava nella routine e nelle abitudini.
    Ci vuole sempre qualcuno o qualcosa che scuota le coscienza.
    G.Battista Perasso detto il Balilla, lanciando la sua pietra diede inizio ad una ribellione popolare contro gli austriaci invasori e tiranni: aveva 11 anni ed era il 5 dicembre 1746.
    La rivoluzione francese del 1789 cominciò con una scintilla e i giacobini capeggiati da Robespierre tagliarono molte teste sotto la ghigliottina.
    Ma la Francia della restaurazione partorì Napoleone Bonaparte, l’uomo solo al comando.
    Se si rileggono i fatti grandi e piccoli della Storia tutto ha un valore simbolico: Il Novecento è impregnato di simboli positivi o negativi che siano.
    Venendo ai nostri giorni si può scegliere la strada dei black bloc o dei gilet jaunes : certo anche questa è una via per testimoniare dissenso e ribellione.
    Ma nei corsi e ricorsi storici (la ruota gira sempre con i suoi alti e bassi) ogni rivolta è stata sopita dalla reazione.
    Esempi troppo alti e lontani per parlare del ponente e di Prà? Non direi: sono fatti della storia che ci insegnano delle lezioni.
    Oggi, in epoca di democrazia elettiva è importante decidere da chi si vuole essere rappresentati.
    Il principio fondamentale è esattamente questo: avvicinare i luoghi delle decisioni ai contesti di vita dei fatti e degli eventi.
    Bisogna agire sempre attraverso le istituzioni consolidate, pena la marginalizzazione ad una presenza coreografica.
    Come quando si organizzano le fiaccolate e si liberano i palloncini al cielo per protestare contro crimini, delitti e fatti di cronaca nera.
    Sono scelte altamente simboliche ma ininfluenti.
    Bisogna agire con i fatti realizzati attraverso le persone, sempre nell’alveo di ordinamenti democratici e di rappresentanza della volontà popolare. Per questo la via della rappresentanza nei luoghi decisionali è certamente più faticosa e lunga ma anche più produttiva ed efficace se si conferisce un mandato, una delega a persone rette, oneste, capaci, competenti e responsabili.
    Chiaramente c’è poi il doveroso ritorno al popolo, alla gente delle iniziative assunte e in questo interscambio tra rappresentati e rappresentanti si realizza la vera democrazia possibile.
    Si sono provate altre strade ma troppo spesso hanno portato a fallimenti.
    Come mi disse Ettore Scola bisogna riscoprire e incarnare sentimenti antichi come l’onestà, la coerenza, l’etica sociale.
    Si può tentare, con calma, lento pede, come dicevano i latini, step by step come dicono gli anglosassoni.
    Peggio di come è andata finora – mettendo il nostro destino nelle mani di perfetti sconosciuti ed estranei alle nostre sofferenze quotidiane – non potrà andare. Dal dopoguerra ai giorni nostri il ponente genovese ha vissuto una lunga stagione di deficit di rappresentanza e questa è stata storicamente la causa e la ragione dello sfacelo graduale che ci ha portato ad una situazione di grave compromissione esistenziale ed ambientale.
    Dobbiamo decidere se continuare ancora cosi (affrontando con le vecchie logiche della delega a terzi) o provare a cambiare, dandosi regole e sottoscrivendo un patto di coesione sociale aggregato su problemi condivisi. La storia della via della seta e del memorandum sottoscritto in 29 punti, di cui uno dedicato proprio al futuro portuale di Genova come terminale europeo dell’import export , ma di cui si ignorano i dettagli, mi lascia perplesso e inquieto. Per saperne di più e orientare le scelte future dobbiamo essere presenti nei luoghi istituzionali dove si disegneranno le mappe del futuro. Se mandiamo sempre “altri” non possiamo certo aspettarci nulla di buono.

  18. Scusate ma i post di Emanuele sono stati tolti? Per quale motivo? Se sceglie la strada delle informazioni (post) con possibilità di commento, i commenti si lasciano tutti, anche quelli che “rodono”. Si tolgono solo se volgari o con contenuto pornografici e non mi sembra che quello di Emanuele ne contenesse.. Bella dimostrazione di “partecipazione” e “confronto”

  19. Si certo Flavio, perché non è stato corretto come te pur esprimendo un opinione diversa.
    Al contrario ha usato Toni aggressivi, espressi giudizi molto pesanti e nonostante fosse stato avvertito, ha continuato a farlo.
    Trasformando la cronaca di un evento positivo in un battibecco…è uscito completamente dal seminato.
    Insomma, ha tenuto un comportamento Non consono alla netiquette di questo magazine.

  20. A mezzogiorno ho letto un bel commento di Francesco che invitava a rimettere i post bannati. Perchè c’era e ora non c’è più? Chi l’ha tolto? Per quale motivo?
    Mi pareva proprio una bella cosa la sua idea, se non ci si confronta non si cresce, la gente ha diritto di dissentire se entra nel forum. Perchè la gente non può dire civilmente la sua? La discussione era accesa ma maleducati non ne sono passati da qui.

Rispondi a Cecilia Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*