Finito! Vico Savignone risplende col nuovo murale di Drina A12 e GiulioGol

A cavallo tra passato e futuro, rievocando i “Trêuggi” di una volta e la moderna lavanderia, che tutto fagocita

Elis@Provinciali

< Il progetto ha avuto una gestazione di quasi un anno – così si esprime Roberto Ferrando, attivissimo consigliere Municipale praese – da tempo desideravo abbellire non solo i luoghi topici ed in piena luce di Pra’ (la nuova stazione, le palazzine del remo, via Fusinato…), ma ci tenevo a portare alla ribalta vico Savignone, che da oggi si è riacceso di un’antico splendore, ed a rivalutare un passaggio che quotidianamente è attraversato da buona parte dai residenti di Pra’ e non solo >

Una volta, i lavatoi erano, oltre che un luogo funzionale all’igiene del bucato, pure un polo di aggregazione, soprattutto femminile: con un po’ di malizia, possiamo pensare ad un “gazzettino” parlato degli avvenimenti e novità, dove si intrecciavano commenti ed espressioni genuine, che magari potevano rendere meno faticoso il lavoro delle lavandaie. < Certamente, gli artisti hanno dipinto una di esse, talmente bella ed intensa da sembrare una Madonna, ed inoltre nella parte fronteggiante la raffigurazione d’epoca, hanno voluto rappresentare uno spaccato della vita attuale con un personaggio fagocitato dal progresso delle lavatrici industriali, addirittura risucchiato da un minaccioso oblò > continua Ferrando, che è stato ed è tuttora l’interlocutore privilegiato di questa coppia di artisti unanimamente apprezzati. Non si contano infatti le loro opere, anche oltre il contesto praese, in vari punti cittadini, ma il nostro ambiente sembra particolarmente congegnale ai due street artist, con i nuovi spazi intonsi creati dai POR e non solo. Pure Ca’ Nova, i Pianacci sono stati ampiamente arricchiti dai loro murales, che hanno il pregio dell’immediatezza interpretativa, oltre a presentare un tratto stilistico raffinato ed inconfondibile.

Sicuramente vi sono state molte persone che hanno creduto in questo progetto, collaborando con Ferrando per la sua riuscita.<Certamente, vorrei ricordare gli Uffici comunali della Paesaggistica, l’ Architetto Silvia Cama, i condomini del civico 12 di via Fusinato (in particolar modo Irene e Loredana Bruzzone), Boero Group che come per gli altri murales precedenti ha fornito le pitture, il CIV di Pra’ che ha partecipato alla sponsorizzazione, Rocco Darretta (del panificio Rocco) sponsor principale di tutto il lavoro e naturalmente i due amici artisti Giuliogol e Drina A12, fantastici, la cosa più bella è stato vedere come la gente di Pra’ si e innamorata di loro. Pensa che nei pressi di vico dei Savignone, spesso stazionano persone senza fissa dimora, uno in particolare, Patrizio, si è fatto “custode” e Cicerone dell’opera, volendo spiegarne il significato ed il percorso ai passanti interessati! >

Roberto, quando verrà ufficialmente consegnata la pittura murale alla popolazione?< A fine agosto, primi settembre apporremo una targa, con tutte le informazioni e poi faremo l’inaugurazione ufficiale. Spero che vi saranno ancora altri murales a Prà, ma per scaramanzia ancora non parlo dei dettagli. Ovvero dove, quando e che cosa raffigurare lo vedrete appena si concretizzerà! >

Sono certa che si tratterà nuovamente di un’opera significativa, che raffiguri, attraverso i pennelli ed i colori degli artisti, lo spirito e la storia di Pra’. Colgo l’occasione per chiedere ai lettori se sono in grado di reperire qualche vecchia immagine di come erano i lavatoi in quei lontani anni, sarebbe un importante contributo della nostra vita in anni lontani…E’ possibile inviarLa per E-mail, a Supratutto@gmail.com. Grazie!

8 Comments

  1. Adoro lo stile di Giulio e Drina, se googlate il loro nome, avrete molti risultati in tutta Genova…sempre di potenza espressiva al cubo e mello stesso tempo, immediati alla comprensione. Bravi e bravo Roberto che hai ” reclutato” questi artisti, le cui operestanno caratterizzando la nostra ex delegazione.
    Pra’ to sport ed anche to streer art!!!

  2. In rappresentanza del Civ vorrei ringraziare il grande Rocco per la collaborazione, Roberto Ferrando per l’impegno e per l’idea, Municipio e Comune per i permessi e ovviamente i 2 artisti Drina e Giulio per la loro bravura e disponibilità. Noi siamo sempre lieti di collaborare per migliorare la nostra Pra’ e scusatemi per la retorica ma “comprare a Pra’ fa bene a Pra’ “

  3. Sarebbe bello poter abbellire in egual maniera anche altre zone limitrofe! Chissà se anche a Palmaro si potrebbe individuare un luogo adatto ed avere anche noi un murales. ..magari con le palme che erano la bellezza e il miglior connotato del nostro sestiere!

  4. Ringrazio di cuore Elisa per questo bellissimo articolo che rende onore a tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione del murales.
    Sinceramente ritengo bellissima questa forma d’arte dove oltre che ridare colore e splendore riescono anche a raccontarci di un passato che non c’è più.
    Una cosa è certa non sarà l’ultimo, anzi c’è già un’altro progetto, anche se ancora in fase embrionale.

  5. Rita ti dico….SSSIIIII..ci lavpriamo…
    Enon solo palme ma pure mare scogli e bagnanti anni ’60.
    Altri soggetti pptrebbeto i maestri d ascia, i calafati
    , i pescatori alla lampara …..tutto rivivtebbe a Pra Palmaro.
    Lo speriamo ardentemente.

Rispondi a Marino Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*