4 Comments

  1. Dovrebbe essere il clou delle manifestazioni praesi, il festival di Sanremo di Prà. Invece pare non interessi a nessuno.
    Dopo tate invettive e proclami, faremo, diremo, andremo, vi siete tutti stufati?
    Da almeno 3 mesi Supratutto si limita a dare brevi notizie, senza nessun commento, senza un appoggio senza che qualcuno condivida.
    La Fondazione? Non pervenuta.Assente. Tace.
    E’ già finita la Rivoluzione Praese?

  2. Hai ragione Enrica, mi pare che tutto si sia rallentato.
    Le motivazioni forse non si sono spente ma la percezione è che tutto si stia sgonfiando come un palloncino.
    Il magazine sembra piuttosto un bollettino parrocchiale o della Pro-Loco, non c’è più verve. Prima ci si incazza e poi ci si scazza, come sempre in tutte le cose.

  3. Ma veramente, come può passare inosservata e non lanciata e rilanciata una cosa del genere?
    Il pesto a Prà è come il Prosecco a Valdobbiadene, il pecorino in Sardegna, la cassata in Sicilia, i taralli in Puglia, l’abbacchio a Roma, la matriciana ad Amatrice.
    Ci vuole più sostegno della Fondazione a queste iniziative.

  4. ………i capperi di Pantelleria, la pizza a Napoli,il Pandoro di Verona, la Gubana Friulana, il crudo di Parma, lo speck del Trentino, la fontina di Aosta, il tartufo di Alba….
    E LANCIATE COME DIO COMANDA il PESTO di PRA’!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Non limitatevi a pubblicare un manifesto.
    Tempestate stampa e TV.
    Coraggio, se vi impegnate ci potete riuscire!
    Se il pesto di Pra’ fosse gestito dai cinesi sarebbe venduto in tutto il mondo.

Rispondi a Enrica Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*