Finalmente al via la rimozione della gabbia dell’ex “Special” lungo l’Aurelia

Fotonotizia

La Redazione-

Oltre che inutile ed antiestetica, la gabbia che adesso appare transennata e coperta da una spessa rete isolante l’area dei lavori in corso, era anche fonte potenziale di pericolo per pedoni ed automobilisti in transito. Infatti, l’ingombro copriva buona parte del marciapiede costringendo i pedoni a sporgersi sulla carreggiata. Gli abitanti del sestiere di Pra’ Palmaro se la trovavano davanti, all’altezza del forno “Cioi”, come un misero feticcio di quando ci conduceva al sottopasso per il mare…oltre al danno, la beffa di un manufatto che aveva una funzione gradita, perchè attraverso il tunnel odoroso di salmastro, metteva in comunicazione con la spiaggia, i bagni, la libertà di un tuffo rigenerante sottocasa. Per decenni il gabbione è rimasto lì, nonostante il drammatico involversi del litorale nel Porto containers di Pra’. Speriamo che adesso la squadra operativa sia celere nel ripristinare la parte di percorrenza pedonale, certamente possiamo dire che il Consiglio di Comunità Praese ha ottenuto ciò che chiedeva, cui seguiranno gli altri provvedimenti già segnalati nei gruppi di lavoro Alfa, Bravo, Charlie e Delta del Pra’lmarium, il tavolo tecnico condiviso con Municipio, Comune ed i molti altri attori che popolano la scena “Riqualificazione”, per il nostro martoriato territorio. Lo stesso gabbione di via Ausiliatrice, dovrebbe presto seguire la stessa sorte, essere smantellato, per lasciare il posto a spazi decorosi come i cittadini meritano ed attendono da troppo tempo.

10 Comments

  1. Molto bene..era pericoloso e rugginoso..come l’intera griglia che percorre tutta Palmaro lato fs che speriamo venga sostituita in tempi bravi..ideale,a mio avviso, è spingere anche sull’incremento del verde in tutto il quartiere e creare una stazione a Palmaro.

    • caro FABIO aspettiamo dal 1966…..anhe i miei allora giovani vicini dell’ultimo piano Z……… la aspettavano…..il loro nipote va gia’ al Liceo

  2. Ottima notizia, sono contento che la fondazione primavera ha spinto molto e ottenuto la rimozione della schifezza da Pra’ Palmaro. Non è certo quello che risolve i problemi del sestiere ma è importante che qualcosa si muova finalmente nella direzione del decoro e della riqualificazione.

  3. Oltre che per il decoro togliere la gabbiaccia è buono per la sicurezza. L’altro giorno per poco mi mettevano sotto mentre passavo di fianco alla gabbia, il marciapiede è veramente stretto.

  4. Finalmente….! È un piccolo passo, ma é una “bandiera”. É il segno tangible che le cose stanno cambiando anche per Pra-Palmaro , e i report che riceviamo sui tavoli di lavoro del Pra’lmarium ci fanno ben sperare.

  5. poveretti…..contrabbandate come sensazionale ,epica vittoria un trascurabilissimo,insignificante dettaglio…..occupatevi di cose serie e soprattutto portate a casa dei risultati significativi…..basti vedere come siete stati INCAPACI ad opporvi al modo di costruire la strada da Via Taggia in poi….con le orride lavatrici questa strada fa entrare PRA’ nella primissima posizione dei quartieri di GENOVA….Occupatevi di cose serie

    • Sicuro Signor Risso, francamente non mi pare di leggere in questo breve articolo nè toni epici nè toni sensazionalistici. Mentre è invece indubbio che quel “trascurabilissimo dettaglio” stia lì ad arrugginire e a creare fastidio da decenni. La invito poi a leggere l’articolo sulla istituzione e sulla prima riunone del tavolo Tecnico Pra’lmarium; può anche essere che il suo infallibile ed illuminato giudizio possa scorgere tra qualcuno dei 18 obiettivi che ci si è dati per migliorare la situazione e la vivibilità del sestiere di Pra’ Palmaro qualche cosa che lei possa ritenere anche sufficientemente seria. Per quanto riguarda invece la risistemazione di via Pra’ nella zona dei lavori del POR, ovviamente ognuno è libero di giudicarne il risultato come meglio crede, al netto di tutti i problemi che si sono manifestati e che a distanza di anni incredibilmente non hanno ancora permesso la conclusione dei lavori. Il Comitato di Monitoraggio sul POR, a cui la FondAzione PRimA’vera ha partecipato, ha peraltro contribuito a risolvere alcuni dei problemi e delle manzanze del progetto facendo aggiungere ad esempio la possibilità di ingresso in piazza Sciesa e in via Sapello, la svolta con semaforo verso levante in uscita da piazza Bignami, la decorazione del muro divisorio tra le carreggiate e diverse altre soluzioni, più o meno importanti.

    • Caro signor Piero Risso, con tutto il rispetto, il suo astioso commento lascia veramente perplessi. Cerchi di ri-leggere e capire, nessuno ha parlato di “sensazionale – epica vittoria” come erroneamente afferma lei, ma di “piccolo passo”. Sarebbe anche interessante, viste le sue affermazioni caustiche, se con l’occasione dicesse CHE COSA HAI FATTO LEI DI CONCRETO, UTILE E TANGIBILE PER PRA’.

  6. Certo è che se fosse dipeso dal signor Pietro Risso che a quanto pare sta li ad aspettare dal 1996 la gabbia di schifo sarebbe rimasta lì almeno altri 23 anni. Meno male che ci sono persone che invece di scaricare le proprie frustrazioni e il proprio astio sugli altri si danno da fare ed ottengono qualcosa per Prà. Ben fatto togliere la gabbia, alla faccia dei cervelloni “eroi della tastiera” che sanno solo criticare chi cerca di fare qualcosa e non gli va mai bene niente e avanti con altre opere per migliorare Prà. Io invece di criticare chi si da da fare lo ringrazio, qualsiasi cosa riesca a fare.

  7. Piccoli passi ma meglio di niente. Auspico ci siano in futuro tantissimi piccoli passi….belle le aiuole affidate al club della fratellanza. Mi piacerebbe che altri esercizi commerciali seguano l esempio. Il decoro e soprattutto la pulizia esterna (che in pochissimi casi manca) sono un valido incentivo per diventare clienti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*