Figli delle stelle

A gennaio il sorvolo di Ultima Thule, corpo celeste remoto finora inesplorato

 

Elis@Provinciali –

In ognuno di noi vive una particella infinitesimale del cosmo, siamo tutti “ figli delle stelle”, generati da quel Big Bang che creò i pianeti del sistema solare, la Terra, la vita sopra di essa…sarà per questa alchemica attrazione, che siamo calamitati, dagli albori dell’esistenza, ad esplorare e conoscere la volta stellare. Egizi, Assiri, Greci e Romani, civiltà pre-colombiane, e probabilmente, gli stessi uomini delle caverne furono irresistibilmente attratti dal mistero del cosmo ; gli antichi popoli ne studiarono a lungo, con una oggettività sorprendente, configurazione e fasi , e ci lasciarono nozioni, testimonianze, praticamente a tutte le latitudini, reperti e realizzazioni ancora oggi avvolte dal mistero.

Progressivamente, uomini di scienza hanno ricalcato le antiche tracce del sapere, creando strumenti atti a scrutare con successo il cielo stellato, di calcolare il tempo, le stagioni, le alternanze di luce ed ombra, le fasi lunari, le orbite dei pianeti.

Appena la tecnologia è stata in grado, si sono susseguiti, nell’ultima metà del secolo, progressi veloci nell’esplorazione dei corpi astrali, dapprima sull’onda della Guerra Fredda America /Russia, in una smaccata gara a chi faceva di più, a chi si spingeva oltre… attualmente, ogni nazione fa i suoi tentativi ed esperienze, Europa compresa: lo spazio è affollato, come un raccordo autostradale nell’ora di punta, sono un numero incalcolabile le sonde, navicelle, veicoli che orbitano da decenni tra le galassie, alcune non hanno dato più nota de sè, ma altre, come Voyager 1 e 2, viaggiano e viaggeranno ancora per anni, continuando a trasmettere alle basi terrestri dati e notizie, sempre più precisi ed affascinanti. Lontanissimi Spuntnik 1 e 2 (prime imprese, 1975), incredibili i progressi fatti nell’astronautica.

 All’oggi, proprio all’inizio del 2019, il 1° gennaio, la sonda americana “New Orizon”, orbitante nello spazio dal 2006, ha effettuato un passaggio ravvicinato ad “Ultima Thule” distante 6,4 miliardi di km. da noi ,remotissimo corpo celeste, che si trova nella fascia di Kuiper, un’area del sistema solare oltre l’orbita del pianeta Nettuno, densa di oggetti congelati, pochissimo conosciuti.

La stessa navicella, nel 2015, aveva osservato da vicino Plutone, fornendoci interessanti dati sulla sua struttura, mentre di questo nuova massa cosmica, poco visibile, perchè parecchio distante dal Sole, sappiamo approssimativamente le dimensioni, da 25 a 45 km, e la forma,(simile ad un omino di neve, una coscia di pollo, una nocciolina!). E’ stata raggiunta alle 6, 33, ora italiana, nel cosiddetto Fly By,e salutata con entusiasmo; nei prossimi mesi, la sonda trasmetterà immagini e dati, che potranno dirci molto di più sulla nascita del Sistema Solare… Ci troviamo in una zona del cosmo relativa agli albori della formazione dei pianeti cosi come li conosciamo, la soddisfazione della Nasa è alle stelle,(letteralmente)!

L’oggetto spaziale, in codice, ha nome MU69 20014, ma è noto come Ultima Thule, poichè tale nome ha una storia, lontana nel tempo, che identifica “l’ultima zona conosciuta” dagli umani sulla terra. Parliamo del 325 A.C. e di un esploratore, cartografo e navigatore, Pitea di Massillia (Marsiglia, allora colonia greca), che esplorò a lungo la zona oltre le colonne d’Ercole, l’attuale Gran Bretagna , giungendo ad una terra sconosciuta, Thule appunto, dalle caratteristiche inconsuete. Possiamo identificarla con le isole Shetland, o l’Islanda, o zone della Norvegia (persino parte della Groenlandia), dal “dì breve solo tre giorni, e dal mare congelato”, come ebbe a descrivere Pitea, in un’ opera andata perduta, ma ripresa da numerosi storici dell’epoca. Ne sono giunti a noi frammenti, che hanno dato origine ad un mito ricorrente, in epoche remote, quella della terra di confine (tale è il significato letterale del nome), mentre“Ultima”, come “estrema” venne attribuito dal poeta Virgilio. 

Ben si attaglia quindi, l’appellativo di questo corpo celeste : buio, gelato, misterioso e remoto, ma l’intelletto umano è arrivato fin laggiù, ed appena comincerà a comunicare stabilmente con Terra, Ultima Thule ci parlerà di sé e di altri mondi…naturalmente,vi sarà un gap temporale di trasmissione (ore? giorni?), per cui quello che verremo a sapere, sarà già accaduto…da perderci la testa!
Di certo, paragonando l’ardimento e lo spirito di avventura degli antichi navigatori, vi troviamo la stessa ansia di conoscenza, lo stesso slancio verso l’ignoto degli attuali cosmonauti e studiosi di astronomia e rotte interstellari…e comprendiamo meglio il desiderio insito nell’uomo, di sapere, penetrando la realtà.Ma, probabilmente, il mistero resterà tale, perchè vi sarà sempre qualcosa di “altro” dal conosciuto…

Come ebbe a dire Gandhi: “Non si può esplorare l’universo senza esplorare se stessi: conosci te stesso e conoscerai l’universo”.

6 Comments

  1. Mentre la sonda Insight studia il suolo di Marte dove si è posata per l’ottava volta e la navicella spaziale New Horizon ci invia fotografie a 10.000 pixel di “Ultima THULE”, corpo celeste ai confini del sistema solare e a 6,5 miliardi di km dalla Terra, una studentessa africana presenta per il dottorato di ricerca una tesi che dimostra che la Terra è piatta ed è il Sole che le gira intorno.
    Due rappresentazioni del mondo e della scienza, oggi.
    La vita in fondo è sempre stata una grande alchimia di opposti e di contrari e nell’universo ha trovato posto ogni congerie di pensieri e “pensatori”. Qualcuno si è fermato al VII secolo d.C. e all’applicazione letterale del libro di un profeta, altri praticano la cultura Amish rinunciando ai vantaggi del progresso, gli evangelici ortodossi negano la teoria dell’evoluzione di Darwin.
    Scienza e religione coesistono in un mix millenario di superstizioni, prove, invenzioni, scoperte, diatribe, eresie. Tra la terra e il cielo c’è una lunga striscia di contraddizioni irrisolte: sta all’uso del pensiero critico e all’evidenza della realtà dimostrata consentirci di acquisire certezze scientifiche che ci permettano di dare ordine alle cose, di credere nel progresso e nell’evoluzione del pensiero, che altro non è che l’anticamera della nostra libertà di scegliere.
    Noi europei ed occidentali abbiamo a poco a poco separato la scienza dalla religione: abbiamo avuto il Rinascimento, Leonardo, Galilei, Keplero, Copernico, Newton, Einstein, Marconi, Fermi.
    Credo – in estrema semplificazione – che la nostra etica della conoscenza si fondi su due idee: la fiducia nell’uomo e nelle sue potenzialità e il desiderio di migliorare il presente “guardando oltre”.
    Sempre partendo dal “dubbio”, agendo per prove ed errori.
    Tesi, antitesi e sintesi non sono astrazione teoretica ma metodo del pensiero.
    Dovremmo applicare lo stesso principio alla coesistenza sul pianeta di modi di vivere diversi dal nostro: il bene e il male sono ubiquitari, come le guerre, le dittature, gli olocausti.
    La forza di una civiltà non consiste nell’annullamento delle credenze altrui ma nell’accettazione della diversità come valore: per questo le tradizioni sedimentate nei vari contesti rendono attuali epoche diverse della storia, abitando contemporaneamente lo stesso pianeta.
    Ciò non significa rinunciare alla nostra identità culturale nel mondo definito “globale”: la Terra è tonda, se Dio vuole, e l’esplorazione del cosmo ci affascina e ci aspetta.

  2. La storia della terra piatta mi fa veramente trasecolare…mi sembra impossibile sconfessare in questo modo la realtà con teorie strampalate…va bene il dubbio, che ci impone di interrogarci, verificare ecc.ra ma qui siamo alla…follia!!!
    Ci sarebbe da ridere, è troppo enorme.

  3. L’argomento è estremamente affascinante in se’ e l’ultima considerazione, collegata alla citazione di Gandhi, lo è ancora di più: riusciamo davvero a conoscere noi stessi fino in fondo?

  4. Tutto molto interessante articolo e commenti ed estremamente attuale. In fondo l’uomo è tale per la sua curiosità.Non importa quali sono le conclusioni ma quali sono le domande e come si argomenta per cercare di rispondere

  5. Sei diventata una scienziata?!!!!
    Tutto molto affascinante, il mondo fuori da noi così lontano e quello dentro di noi, vicino ed altrettanto misterioso…

Rispondi a Giuseppina Caviglia Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*