Fabrizio è di tutti !

 

Nicoletta Provinciali

Fabrizio è di tutti. Lo è perché sono passati vent’anni dalla sua morte e ancora rimane uno dei cantautori più conosciuti e apprezzati del panorama musicale italiano; lo è perché nessuno, come lui, ha saputo tradurre in canzone tanto le riflessioni, le emozioni e i sentimenti, quanto la praticità della vita quotidiana di ciascuno; la sacralità ed il peccato; l’amore della vita e quello di un’ora; il professore e il pescatore; il borghese e la prostituta; il soldato e l’assassino. Tutti siamo parte dello stesso mondo, così diversi e così uguali, così distanti e così vicini. Nelle sue parole, in quella sensibilità speciale, la volgarità può diventare poesia e la magnificenza può diventare niente. Sa scavare, Fabrizio, nei pensieri e nei cuori. Commuove, graffia, turba. Eppure, dobbiamo ammetterlo, in questa sua straordinaria universalità, noi genovesi un po’ ci risentiamo quando “gli altri” pensano di poter sentire Fabrizio loro come noi lo sentiamo nostro. Perché, diciamo la verità, possono soltanto immaginare il vocio dei pescatori tra le barche e l’odore nei vicoli di Genova; non possono percorrere il mattonato delle Crêuze de Mä, ne’ cantarla in dialetto senza sembrare ridicoli; non conoscono la furia dell’acqua che dolce e nera inghiotte le strade e i sogni. Lui cantava la malinconia e la leggerezza, la profondità e il cinismo, l’umorismo e l’angoscia che sono parte di chi è nato in questa terra, dura, dolce e fiera, proprio come lo era lui. Ecco perchè, i “foresti” mi scuseranno, Fabrizio è di tutti ma nostro un po’ di più.
Ci manchi, Amico Fragile.

16 Comments

  1. Certo il nostro fragile amico ci manca ma ci ha lasciato un mondo rarefatto, dove i sentimenti sono profondi e coinvolgono ogni aspetto della nostra vita.
    Il senso della realtà che Faber aveva nessuno come lui ha saputo trasfonderlo in musica coinvolgente, con toni e parole che scavano l’anima nel profondo.
    Faber: poeta solitario che oggi ci permette di comunicare tra noi con le sue parole, genio spesso e a lungo sottovalutato e incompreso, cuore puro, animo aperto all’incontro.
    Per lui la vita degli altri era la propria vita, tutto lo riguardava.
    Grandissimo descrittore e narratore finissimo di figure umane,di ritratti, di personaggi ricorrenti che ritroviamo nella nostra quotidianità, in ogni sua canzone c’è il mondo, in ogni riga o parola un universo da scoprire.
    Ha accompagnato i nostri anni migliori e continua a farlo anche con le più recenti generazioni, perchè sapeva interpretare tutto l’alfabeto dei sentimenti, senza tempo e senza luogo.
    Struggente, empatico, sommo poeta del cuore, affascinante, tenebroso, intimista, romantico, perdente, fragile: ecco fragile.
    Il mondo dei lupi di cui ci parla il giurista Zagrebelsy è già questo mondo, i lupi sono arrivati e sono intorno a noi, a volte siamo noi stessi.
    Lui lo sapeva e penso soffrisse nel descrivere una condizione umana spesso soffocata da egoismi, cattiveria, tradimenti.
    Ma la sua grande forza interiore ci ha tracciato una strada che porta alla serenità interiore e al bene, lui era uno che il mondo lo amava in tutta la sua continua cangianza.
    Ci ha parlato spesso del mare, del nostro mare, quello che oggi non c’è più.
    Come Leopardi con il suo Infinito, Faber ci invita a naufragare dolcemente in questo mare.
    La vita passa e va, restano i sentimenti, contano gli affetti, anche se resta a volto solo il loro ricordo a cui ci aggrappiamo per sopravvivere.
    Il resto è nulla, il resto è “roba che passa”, Faber lo sapeva e che ho ha detto con la sua incomparabile poesia.
    Unico, irripetibile, enorme, un gigante di sensibilità interiore.
    Ci manca davvero. Ora anche la musica invece che parlare al cuore e avvicinarci ci allontana.
    La tua voce Faber ricrea una intimità e un sentire comune di altri tempi.
    E la nostalgia di non averti più qui tra noi prevale su tutto.

  2. Fabrizio è stato il poeta degli ultimi, un cantore sei sentimenti che ognuno di noi ha nel cuore. Lui li ha descritti, gli ha dato le parole giuste, li ha resi profondi e comunicabili, li ha messi in musica.
    Uno chansonnier del nostro tempo, un menestrello dell’amore, un poeta della solitudine.
    Credo che non abbia voluto o potuto esprimere tutto ciò che voleva dire. Qualcosa si è tenuto per se.

  3. Davvero Nicoletta e Francesco ci lasciano ben poco fa dire sul più grande cantante, autore, poeta e mille cose ancora Fabrizio…ne hanno parlato in modo commovente, toccando tutte le sfumature dei suoi testi, del suo modo di vivere ed osservare l uomo nel passato, nel presente, di essere sempre universale , posso solo condividere la mia profonda amicizia per Faber ed il mio orgoglio per la sua genovesita’.
    Giusto, amato da tutti, ma nostro sicuramente in modo speciale ed indimenticabile.

  4. Fabrizio De Andrè è stato e sarà il più grande cantautore italiano di sempre. Un orgoglio e un vanto di Genova nel mondo.

  5. Grande Faber, ci manchi tanto.
    Sto ascoltando La canzone del tempo perduto, per me la più bella e intensa.
    Ci sta dentro una vita. E tu sei il re dei ricordi, della nostalgia, un magico poeta che sapeva interpretare i sentimenti di tutti, e continua a farlo.
    Il poeta degli umili e degli sconfitti, perchè la vita è bella, meravigliosa ma ci accorgiamo ogni ogni giorno che passa che è un bluff, una fregatura, un’illusione.
    Il tempo che passa fa scordare tutto, anche le persone, tutto si sostituisce, tutto cambia in peggio.
    Tu ci hai cantato e parlato di questa illusione facendoci capire che nonostante tutto bisogna avere il coraggio di andare avanti.
    Sei stato e sarai UNICO!

  6. La mia gioventù è legata a doppio filo a De Andrè e alle sue canzoni. Erano gli anni in cui Genova si beveva, si annusava, si mangiava, si godeva.
    Lui era Genova portata nel mondo.
    Un orgoglio averlo avuto come uno di noi: uno speciale, unico, un cantore di tempi migliori quando la gente si parlava invece che mandarsi una wahtsapp, si scambiava una stretta di mano invece che un twitter, si guardava negli occhi senza farsi un selfie. Forse oggi i giovani non provano più l’emozione di questi sentimenti antichi. Come il tempo perduto e la sua canzone.

    • Rimando il mio commento.
      La mia gioventù è legata a doppio filo a De Andrè e alle sue canzoni. Erano gli anni in cui Genova si beveva, si annusava, si mangiava, si godeva.
      Lui era Genova portata nel mondo.
      Un orgoglio averlo avuto come uno di noi: uno speciale, unico, un cantore di tempi migliori quando la gente si parlava invece che mandarsi una wahtsapp, si scambiava una stretta di mano invece che un twitter, si guardava negli occhi senza farsi un selfie. Forse oggi i giovani non provano più l’emozione di questi sentimenti antichi. Come il tempo perduto e la sua canzone.

  7. Questa strofa mandatela a Salvini: “…Ma versò il vino spezzò il pane per chi diceva ho sete ho fame”.
    Penso che se ci fosse lui la manderebbe direttamente. Con la benedizione di Papa Francesco.

  8. Bellissimo e giusto ricordo di un grande uomo, un grande artista, un immenso poeta.
    Gente come lui ha onorato Genova e l’umanità intera con la sua sensibilità, dando voce a tutti. E’ nostro, di Genova ma è universale nelle cose che ha scritto e cantato.
    Faber, non ti dimenticheremo.

  9. Commovente ricordo nel testo e nei post. Faber è stato un pezzo importante della nostra vita.
    Struggente e nostalgico, una persona probabilmente destinata a soffrire dentro e come tale ha avuto più riconoscimenti postumi che in vita.
    Adesso che lo ricordiamo e riascoltiamo le sue canzoni ci accorgiamo di quanto fosse grande, un vero profeta dei sentimenti, capace di comprendere tutti e tutti descrivere nella grandezza dell’essere uomini.
    Poeta più che semplice cantante o compositore.
    Che nostalgia.

  10. Cara Nicoletta,

    poco tempo fa una persona a me molto cara mi ha giudicato severamente, mia figlia, ha detto in sintesi che sono letame, se non ci fosse stato nella mia vita De Andrè non avrei potuto rispondergli saggiamente cosi: “dal letame nascono i fiori”.
    Capisco il volerlo trattenere nel tuo immaginario, capisco che tu voglia sentirlo tuo, come si vorrebbe tenere stretto un amante, ma chi ama libera le persone, e quindi la tua riflessione finale non può essere che Fabrizio è di tutti.
    Ma come un amante hai il diritto di sentirlo un po’ più tuo.

  11. Ma Faber non è stato solo letame!
    Ci ha donato molti fiori…. con le sue canzoni.
    Comunque è stato amante e amico di tutti.
    Ha segnato un’epoca., come la 600, la lambretta, il sidecar,la tv in bianco e nero. Ora resta il ricordo in ciascuno di noi. Certe cose non si possono socializzare. I sentimenti sono privati.

  12. Fabrizio De Andrè con pochi altri e quasi tutti genovesi , come Tenco, Lauzi ecc ha mescolato poesia e musica per farne capolavori.
    Il letame lo lascerei da parte, non mi sembra il migliore ricordo di lui.
    La galleria dei suoi personaggi è impressionante, ci sta dentro tutta l’umanità.
    Nicoletta ha dipinto un bellissimo e struggente ricordo e come qualcuno ha già scritto sopra è solo da condividere. Grazie.

  13. Quanti ricordi!
    Quanta nostalgia!
    Che tempi bellissimi che non torneranno più.
    Grazie di questo dono fatto a tutti perchè davvero Faber è di tutti.

  14. Il tempo non cancella figure come De Andrè, le sue canzoni restano nella nostra storia personale e collettiva.
    Indimenticabile e unico, immenso.

Rispondi a Yuri Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*