Essere bambini ed adolescenti a Pra’-Palmaro

 

Elis@Provinciali –

Sono certa che la cura, la protezione e la formazione dei giovani e giovanissimi non sia esclusivo appannaggio delle tradizionali agenzie, la famiglia e la scuola, bensì ed anche compito di tutti noi, cittadini, amministratori, l’intera società civile, insomma. Ora la chiamano “educazione permanente”, ma nihil novum sub sole: non c’e ‘ nulla di nuovo, dalla notte dei tempi il branco protegge i cuccioli, in tutti i nostri antenati mammiferi, come nei gruppi tribali di ogni etnia e latitudine riscontriamo una gestione “collettiva” dei bambini, fermi restando i legami di sangue.

In quale modo si esprime questa istruzione, (peraltro a vantaggio della generazione adulta, che prepara quella nuova a sostituirla degnamente)? Molto semplicemente, con l’esempio: di coerenza, di valori morali, di rispetto per l’altro e l’ambiente, di onestà nella scelta degli obiettivi, e costanza nel loro perseguimento.  Impegnativo, certamente, ma su tali premesse si basa la convivenza civile, e la “buona salute” dell’odierna società.

A Palmaro abbiamo , conteggiando solo i bambini in età scolare, circa 500 testoline pensanti e senzienti, piccole donne ed uomini che domani ci succederanno: cosa stiamo facendo per loro, in primis per proteggerli da un ambiente così compromesso e degradato quale è oggi (per lontane ed altre responsabilità) , il sestiere piu’ antico e storico di Pra’, nucleo primario della nostra delegazione?

Nella prima infanzia la famiglia ha un ruolo principale insieme alla scuola, nel fungere da filtro e mediazione con l’ambiente esterno per bambini: essi certamente ne percepiscono l’anomalia, ma sono già nati con il porto davanti alle case ed i containers nel loro cielo…una recente iniziativa di un gruppo di genitori, ossia i calendari di Pra’, con i disegni dei bambini, ci mette di fronte ad immagini bellissime, ma dirompenti nel loro significato: le gru sono enormi ed incombenti, come pure le navi ed i container, gli abitanti e le casette occupano uno spazio residuale nella scena, non occorre essere psicologi per interpretare tali vissuti infantili. Sempre i genitori della primaria “Evasio Montanella”, che ospita anche i bimbi della scuola d’infanzia, si sono fatti carico, lo scorso anno, di finanziare l’installazione di alcuni giochi nel cortile dell’ edificio, che dalla sua costruzione era del tutto spoglio e disadorno…il presidente del consiglio d’ Istituto, Carlo Muzzioli, ricorda le molte attività extrascolastiche sulla Fascia, vela, canottaggio, pesca sportiva, offerte dalle società del territorio.

La parrocchia N.S. Assunta, con l’ACR ragazzi , il Borgo ed il Consorzio per Villa de’ Mari, realizzano iniziative ludiche ed aggregative sempre molto seguite: la pentolaccia, il carnevale, la scuola di pittura ecc.ra. Novità, da quest’anno, il torneo di Subbuteo,in collaborazione con l’omonimo club Rebels Genova, ha coinvolto 150 bambini, da 6 a 13 anni, afferma Massimo Bozzano, il responsabile in Palmaro, il quale si è avvalso anche della “Giostra della Fantasia”, gruppo privato di educatori che opera sul territorio in sinergia con le istituzioni, già da moltissimi anni, offrendo un servizio di campo estivo assai frequentato. Ricordiamo anche la programmazione dedicata del Cinema Palmaro, altra realtà ultra cinquantennale, tra l’altro unica sala proiezioni rimasta in tutto il territorio municipale, ed altrettanto storico , il G.S. Olimpic, che allena giovani promesse del gioco del calcio.

Ass. Paola Bordilli consegna diploma di Borsa

Fondazione Primavera dialoga con il mondo scolastico attraverso, l’istituzione delle Borse di studio, giunte al terzo anno consecutivo di implementazione ed estese anche al liceo Lanfranconi. Il presidente, Niclo Calloni, recentemente, in corso di presentazione delle stesse, si è augurato che…”chissà mai ragazzi, tra voi possa crescere un Premio Nobel, a Pra’ ”. La dirigente dell’istituto comprensivo, dott.ssa Francesca Migliorero “apprezza molto questo rapporto così contiguo con il territorio e le realtè che esprime”, ed ha sempre partecipato, fin dai primi giorni del suo insediamento, conducendo con noi, 250 bambini all’inaugurazione delle passeggiate “Via alle spiagge ed ai cantieri di Pra’” ed aderendo a tutte le iniziative.

La Dirigente Migliorero all’inaugurazione delle Passeggiate

Per quanto attiene i ragazzini della secondaria, anche alla media “Ottavio Assarotti” operano docenti che non temono di sperimentare nuove attivita’ educative…la fascia d’età, 10/13 anni è certamente piu’ delicata, potenzialmente a rischio di sviluppare dinamiche di introspezione, bullismo, isolamento nei mezzi informatici/social. Certamente, a Palmaro mancano del tutto punti di aggregazione per questi adolescenti, noi potevamo andare al mare, essi non hanno luoghi di riferimento dove riunirsi (se non nell’ambito parrocchiale ): la scuola e’ intervenuta, con l’iniziativa della prof.ssa Isabella Traverso, la quale, con tenacia e tanta attivita’ di volontariato dei genitori, ha realizzato dal nulla una biblioteca scolastica, “…che attualmente dispone di c/a 600 volumi, mezzi informatici ed altri ausili, e vanta un giro di letture e prestiti piuttosto alto. I ragazzi leggono e si confrontano, conoscono gli autori, partecipano a concorsi letterari.”..ed in questo modo, sconfiggono le dinamiche negative che potrebbero colpirli. La lettura, è maestra di vita, di crescita interiore, di conoscenza, ed ancora una volta, è la società civile ad essere sussidiaria alle Istituzioni.

Prof. Isabella Traverso

Per questi ragazzi, Fondazione ha realizzato visite guidate con la Cooperativa Piloti del porto di Genova, opportunità anche per un futuro lavorativo, e non mancano iniziative come le lezioni di genovese dei nostri Luciano Bozzo, Ninetto Parodi, ed i doni di volumi da parte di Guido Barbazza.

Ho intervistato la dott.ssa Marina Bozzano, abitante a Palmaro, madre di un ragazzino in questa fascia d’età e volontaria nel “Caffè Alzhaimer”, che opera a Palmaro, come psicologa. Anch’essa suggerisce: la responsabilizzazione e lo sviluppo della coscienza sociale, come antidoto al degrado, ad esempio:” una domenica al mese tutti a pulire i giardini di Villa de’Mari, finale con cioccolata calda! Ci dovrebbero essere spazi dove interagire e poter accedere , specie d’ inverno, magari con una specie di tessera per sentirsi coinvolti, per cui pagare una cifra simbolica, locali da tenere in ordine, appoggiati agli adulti, ma comunque utili per incontrarsi, fare giochi di gruppo, ascoltare musica e molto altro.”

Giriamo l’idea a chi puo’ concretizzarla perche’, continua l’esperta “vedo adolescenti che non avendo punti di riferimento stabili, si aggregano con chi parla il loro codice, rischiando di perdersi , di sviluppare disagio e disadattamento, un domani”.

In conclusione quindi, queste situazioni disegnano una realtà giovanile a Pra’ Palmaro, che se è comunque fortemente mitigata dalla scuola, dalle famiglie e dall’associazionismo, è ugualmente da tenere sotto assiduo controllo, perchè sicuramente dal degrado ambientale può nascere quello culturale, un depauperamento di stimoli ed esempi virtuosi, cui i bambini e ragazzi possano ispirarsi per crescere sani ed equilibrati.

Sta a noi, che oggi ci troviamo a deplorare coloro che ci hanno preceduto , consentendo lo sfregio iniquo di tutto un paese, evitare che i giovanissimi, una volta cresciuti, ci rimproverino di non aver fatto nulla per migliorare l’ ambiente in cui vivere. Chi non agisce per rimediare al danno, ne diventa complice, quantomeno corresponsabile!

Viceversa, sono sicura che dobbiamo continuare sulla rotta tracciata sinora: IDEE, UNITA’, COSTANZA, per consegnare ai bambini e ragazzi del nostro martoriato territorio, un contesto, più sano, più vivibile e più dignitoso, in una parola, più BELLO.

Essere bambini e ragazzi a Palmaro non è certamente negativo, ma potrebbe essere del tutto fantastico…il mio sogno? Un porto talmente avanzato tecnologicamente e gestito con illuminata saggezza nel rispetto del territorio sul quale insiste, da consentire l’accesso, ovviamente regolamentato, degli abitanti, che possano sentirlo come parte di Pra’-Palmaro, una risorsa anziche’ un danno. Una fascia ciclabile, pedonabile ed alberata, con funzione di filtro e linea di demarcazione con l’infrastruttura.Tanto, tantissimo verde . Una consistente parte degli utili, reivestita in tecnologie per la sostenibilità e progetti condivisi con il paese, e se ciò può comportate la rinuncia ad aree inutilizzate in favore del quartiere, sarebbe come dire, un “beau geste” molto apprezzato. Trasparenza ed eticità nella gestione.Visite guidate per i ragazzi e le scuole, un dialogo continuo ed armonioso con l’abitato, una crescita di entrambi, paese ed infrastruttura, del tutto paritaria e simbiotica,….in sintesi, un Porto Amico.

 

25 Comments

  1. Complimenti elisa, articolo davvero interessante. Migliorare la vivibilità di Pra-Palmaro non è solo un favore che facciamo a noi, ma significa anche dare un esempio e soprattutto un posto in cui poter tornare a vivere bene (non sopravvivere!) alle generazioni future e in quartiere piuttosto avanti per età come Palmaro, sarebbe dare un futuro anche al sestiere stesso

  2. Ottimo articolo Elisa, ci hai esaurientemente raccontato di tutte le iniziative rivolte ai nostri bambini e ragazzi, ci hai ricordato con dolcezza le nostre grandi responsabilità come genitori, educatori e cittadini. Faremo tesoro di quando ci hai scritto con conoscenza senza perdere di mira l’obiettivo : gli adolescenti e i bambini di Pra. Un abbraccio Flavia

  3. Nell’articolo ma soprattutto
    idee che danno speranza e ci fanno immaginare un futuro migliore per i nostri ragazzi

  4. Grazie Andrea, Flavia, Giuseppina…avete pienamente compreso il mio pensiero:guardare al futuro per i giovani, attraverso noi stessi.

  5. Ottimo articolo.
    La riqualificazione dei quartieri periferici, schiacciati dall’urbanizzazione incontrollata degli ultimi decenni, non può che passare dalle nuove generazioni.

  6. Grazie Elisa per questo tuo articolo così pieno di sentimento. Certamente essere bambini a Prà Palmaro non è facile, a causa delle cose che tu così bene hai elencato. Palmaro come lo si è detto non ha centri di aggregazione ed io questo l’ho pagato andando prima all’asilo a Prà, poi alle elementari, medie e liceo a Voltri, ed adesso l’Università a Genova. A Palmaro io in pratica ho sempre e solo dormito, ma d’altronde quasto Palmaro è, un quartiere dormitorio, un tranquillissimo (forse troppo tranquillo) quartiere dormitorio. Da quando ero bambino alcune cose sono cambiate, penso alla riapertura del Parco della Villa de Mari, in cui adesso ho l’onore di ricoprire la carica di rappresentante del Borgo di Palmaro in seno al Consorzio delle Associazioni. Sinceramente, trovo che la situazione negli ultimi 10 anni sia cambiata, e di molto. Penso alla Villa stessa, penso alla piscina di Prà che mi ha “affrancato” dal dover andare a Voltri, risparmiando del gran tempo. Molto vi è ancora da fare e te citavi giustamente la riqualificazione del tratto di ferrovia prospiciente Palmaro e la copertura del tratto autostradale che interessa la zona. Di certo trovo che il Porto debba avere un ruolo centrale in questo. Credo che la mia generazione sia stata addirittura per certi versi “affascinata” dal porto, dalle sue enormi navi, dalle sue altissime gru. Sarà certamente per il fatto che non abbiamo mai visto altro che quello, ma io conosco almeno altri due ragazzi della mia età di Palmaro che seguono i miei stessi corsi universitari, appunto riguardanti l’Ecomomia delle aziende marittime. Addirittura il mio più caro amico attualmente ha finito con successo i corsi dell’Accademia della Marina Mercantile e si avvia a divenire Ufficiale a soli 22 anni. Ciò che mi auguro è che in futuro tutti possano avere questi sogni e aspettative, perchè il nostro futuro, di Genova, Pra’ e Palmaro è e sempre sarà sul mare.

  7. Bellissime iniziative e idee, ricordano che essere cittadini attivi, propositivi e collaborativi è la strada da percorrere per vivete tutti in modo migliore….e anche un ottimo esempio per i cittadini di domani.

  8. Giusto, concordo, infatti concludo con il Porto Amico!
    Vedi Davide, se io fossi sindaco o presidente di autorita’ portuale, mi riterrei ONORATO di essere colui che ha capito gli errori commessi e si fa carico di invertire la rotta. Essere il puro, l’incorruttibile, colui che antepone al profitto la salute e la felicita’ della gente! Mi ricordo un vecchio film, Nerone sta cantando con la sua cetra, mentre Roma brucia.in seguito Tigellino, suo consigliere, gli suggerisce di graziare dei gladiatori o ribelli, salvando loro la vita:”Pensa, mio imperatore, di te si potra’ dire Nerone il BUONO…colui che e’
    generoso.” E quello, gongola…
    Ecco, credo che chi ci dara’ un porto davvero amico, sara’ ricordato nella storia di Genova, come persona lungimirante, illuminata.
    L’incendio, per fortuna, non c’ entra 🙂

  9. Benissimo i giochini in scuola Montanella, ma a tanti genitori non piace che si possano usare solo in pausa scuola, cioe’ se io accompagno il bimbo con anche suo fratellino, lui non puo’ giocare. Ed anche i calendari non tutti li vogliono comprare, perché vogliono sapere bene quanti soldi ecc.ra ecc.ra.
    Altre cose, belle ed importanti.

  10. Articolo denso e profondo: di significati pedagogici e di proposte educative concrete, molto apprezzate per “localizzare” le idee e cominciare a pensare che il perno su cui ruota il futuro riguarda questi bambini, questi adolescenti.
    E’ a loro che dobbiamo pensare per guardare oltre.
    Quando la buona educazione diventa praticabile nei contesti di vita quotidiani, entra nelle istituzioni, negli enti, nelle associazioni, nei gruppi di volontariato, nei condomini, nelle case……..vuol dire che abbiamo imboccato una buona strada.
    Avanti così!

  11. Complimenti Elisa, sei brava ad esprimere la realta’ che tutti viviamo e (come è il mio caso) spesso non facciamo nulla per migliorarla.

  12. Complimenti, sono pienamente d’accordo con quanto scrivi…i piccoli, i giovanissimi, sono doni preziosi da proteggere e coltivare.

  13. Come amica e come collega concordo nella speranza di un futuro migliore per i bambini e i ragazzi del nostro quartiere. I bambini ci guardano e ci imitano e gli esempi propositivi saranno per loro motivo di cambiamento.

  14. Nulla di tutto cio’, Angelo, sono uno come te che esprime il suo pensiero, tutto qui. A te non piace “l’incenso e la mirra”, a me cio’ che hai scritto. Punto

  15. Legittimo, nulla da dire. Ci mancherebbe. E’ che ti si incrocia spesso sul forum a giudicare i pareri altrui.
    Forse ti senti investito di un compito da moralizzatore?
    Comunque chiudiamo qui, altrimenti si battibecca inutilmente.
    Tu resti della tua idea ed io della mia.
    Comunque è l’incenso che non mi piace, la mirra sì.
    Buon anno.

  16. Apprezzo molto la saggezza di non polemizzare ulteriormente…Buon Anno a te, a tutti, ai bambini ed ai grandi, qui e la’, vicini e lontani.

  17. Cara Elisa,
    sono finalmente riuscita ad avere un momento di pace per dare la giusta attenzione agli articoli che mi hai inviato.
    Leggendo quello che scrivete e che fate, ogni volta, provo due sentimenti, anzi tre :rabbia, ammirazione ed invidia.
    Rabbia per come i luoghi che amiamo siano costantemente violentati, ammirazione per la tenacia e la competenza con la quale combattete, anche a livello istituzionale, ed invidia per le energie che impiegate.
    Bravi, bravi, bravi!

  18. Cara amica e collega. Ci sta veramente a cuore il futuro dei nostri bimbi e lo hai ben specificato nell’ ottimo articolo che hai scritto. Stiamo cercando di rendere migliore il nostro quartiere proprio per dare alle nuove generazioni una parte di quello di cui noi abbiamo goduto e che loro non capiranno mai perché ce lo hanno tolto.Sono più che sicura però che, tutti insieme , riusciremo a far realizzare questo sogno. Grazie per quello che fai per noi.

  19. Ringrazio tutti pe i feedback positivi al mio scritto e per i vostri arricchimenti.
    Segno che le giovani generazioni stanno a cuore a moltissimi!…
    Lasceremo loro un mondo bello da vivere ed amare.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*