Elezioni Comunal Municipali – Istruzioni per l’uso.

Elezioni del Consiglio di Municipio – Istruzioni per l’uso.

Ernesto Soressi

Speriamo di fare cosa gradita ai nostri lettori raccogliendo sulle pagine di Supratutto le informazioni relative alle prossime elezioni Municipali e Comunali ed in particolare quelle relative al nostro Municipio VII Ponente, che comprende Voltri, Pra’ e Pegli.

Le liste e i Candidati

La scheda per la scelta dei partecipanti ai Consigli di Municipio è rosa.

L’elettore troverà le liste che sostengono i 5 presidenti del Consiglio di Municipio.

  • La lista Chiamami Genova (Sindaco Paolo Putti) sostiene Alessio Boni

  • Il Centrosinistra (Sindaco Gianni Crivello) sostiene Claudio Chiarotti

  • Il Movimento Cinque Stelle (Sindaco Luca Pirondini) sostiene Massimo Currò

  • La lista Ge9si (Sindaco Arcangelo Merella) sostiene Fabiano De Barbieri

  • La Lista Vince Genova (Sindaco Marco Bucci) sostiene Paolo Fanghella

I documenti:

Gli elettori devono recarsi ai seggi provvisti di tessera elettorale e documento di identità.

Ricordiamo che i documenti di identità da presentare al momento del voto sono quelli ricompresi in una delle tre seguenti categorie:

  • carta d’identità o altro documento d’identificazione munito di fotografia, rilasciato dalla pubblica amministrazione;

  • tessera di riconoscimento rilasciata dall’Unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia, purché munita di fotografia e convalidata da un Comando militare;

  • tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale, purché munita di fotografia.

 Nel caso sia necessario, la tessera elettorale si rinnova presso gli uffici elettorali del comune di residenza; è opportuno che gli elettori che hanno necessità di rinnovarla si rechino per tempo presso tale ufficio, che resterà comunque aperto dalle ore 9 alle ore 18 nei due giorni antecedenti la data della consultazione e, nel giorno della votazione, per tutta la durata delle operazioni di votazione, e quindi dalle ore 7 alle ore 23.


Come esprimere la preferenza per le elezioni del Consiglio di Municipio.

Per quanto riguarda le elezioni del Consiglio del Municipio si fa riferimento al “Regolamento per il decentramento e la partecipazione municipale.”

http://www.comune.genova.it/sites/default/files/municipio%203/regolamento_decentramento_partecipazione_municipale.pdf

Il voto si esprime barrando con una croce una delle liste che sostengono il presidente scelto.

L’elettore può votare anche un consigliere uomo e un consigliere donna all’interno della lista scelta. Non c’è, a livello delle elezioni municipali, la possibilità del voto disgiunto.

Il metodo di valutazione dei voti per la creazione del consiglio di circoscrizione è proporzionale puro e vince il candidato presidente sostenuto dalle liste la cui somma di voti supera il 40%. Come si legge nel regolamento infatti “alla lista o al raggruppamento di liste collegate che abbia avuto più voti, qualora superi il 40% dei voti validi, ma che non abbia conseguito almeno il 60% dei seggi, viene assegnato il 60% dei seggi” (premio di maggioranza). Non sono ammesse all’assegnazione dei seggi le liste che abbiano ottenuto meno del 3 per cento dei voti validi e che non appartengano ad alcun raggruppamento che abbia superato tale soglia. (Soglia di sbarramento).

Le elezioni del Consiglio Comunale – Istruzioni per l’uso.

Il 16 Maggio la Commissione elettorale circondariale del Comune di Genova  si è riunita per estrarre l’ordine con cui i nove candidati sindaco compariranno sulle schede elettorali dell’11 giugno.

Primo posto in alto a sinistra  a Arcangelo Merella (Ge9si – Siamo Genova), al secondo Paolo Putti (Chiamami Genova-Putti sindaco), al terzo Marco Bucci (Lega Nord, FdI, Forza Italia Berlusconi, Vince Genova Bucci sindaco, Lista Enrico Musso-Direzione Italia ), al quarto Marco Mori (Riscossa Italia), al quinto Marika Cassimatis (Lista Cassimatis), al sesto Stefano Arrighi (Popolo della Famiglia), al settimo Cinzia Ronzitti (Partito Comunista dei Lavoratori), all’ottavo Gianni Crivello (A Sinistra, Lista Crivello Sindaco, Genova Cambia #noisindaco, Pd) e al nono Luca Pirondini (M5s).

Cogliamo l’occasione per dare a tutti i Praesi le informazioni prelevate sul sito del Ministero dell’Interno http://elezioni.interno.it/faq.html e relative alle operazioni di voto.

Come si esprime la preferenza per l’elezione del Consiglio Comunale:

La scheda per l’elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale è blu.


Nei comuni come Genova si può:

  • tracciare un segno solo sul candidato sindaco; in questo caso il voto viene attribuito solo al candidato sindaco;

  • tracciare un segno solo su una delle liste collegate al candidato sindaco o anche sia sul candidato sindaco che su una delle liste collegate al medesimo candidato sindaco: in entrambi i casi il voto viene attribuito sia al candidato sindaco che alla lista di candidati consiglieri;

  • esprimere il voto disgiunto, tracciando un segno sul candidato sindaco ed un altro segno su una lista non collegata: in questo caso il voto viene attribuito sia al candidato sindaco che alla lista non collegata.

È eletto sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi (almeno il 50% più uno); qualora nessun candidato raggiunga tale soglia si tornerà a votare domenica 25 giugno per il ballottaggio tra i due candidati più votati.

La preferenza, per quanto riguarda i consiglieri, si esprime scrivendo negli appositi spazi il cognome (oppure il nome e cognome in caso di omonimia) dei candidati consiglieri comunali della lista votata.

Attenzione: è possibile esprimere due preferenze per i candidati a consigliere comunale, scrivendone il cognome nelle apposite righe tratteggiate poste al di sotto del contrassegno di lista.

In caso di espressione di due preferenze, queste devono riguardare una candidata di genere femminile ed un candidato di genere maschile (o viceversa), pena l’annullamento della seconda preferenza.

Per gli elettori non deambulanti o diversamente abili:

Gli elettori non deambulanti, iscritti in sezioni elettorali ubicate in edifici non accessibili mediante sedia a ruote, possono votare in qualsiasi altra sezione elettorale del comune allestita in un edificio privo di barriere architettoniche.

Tali elettori, per poter votare, oltre alla tessera elettorale, devono presentare una documentazione dalla quale risulti l’impossibilità o la capacità gravemente ridotta di deambulazione, e precisamente:

  • una certificazione medica rilasciata dall’azienda sanitaria locale;

  • una copia autentica della patente di guida speciale.

  • Il voto è espresso nella cabina o al tavolo appositamente allestiti per gli elettori non deambulanti.

Gli elettori affetti da gravi infermità, tali da renderne impossibile l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano, hanno la possibilità di votare a domicilio.

La domanda, corredata da un certificato medico della ASL e dalla copia della tessera elettorale, deve pervenire entro il 22 maggio 2017 al comune di iscrizione elettorale.

Possono essere accompagnati all’interno della cabina elettorale solo gli elettori diversamente abili che siano fisicamente impediti nell’espressione autonoma del voto, e cioè i ciechi, gli amputati delle mani, e gli affetti da paralisi o da altro impedimento di analoga gravità. Possono quindi essere ammessi all’espressione del voto con l’assistenza di un altro elettore coloro che, presentando apposita certificazione sanitaria, abbiano ottenuto, da parte del comune nelle cui liste elettorali sono iscritti, l’inserimento sulla propria tessera elettorale dell’annotazione del diritto al voto assistito mediante apposizione dell’apposito codice (AVD). Possono essere ammessi a votare con un accompagnatore anche gli elettori il cui impedimento fisico nell’espressione autonoma del voto sia evidente. Quando manchi il suddetto simbolo o codice sulla tessera elettorale o quando l’impedimento fisico non sia evidente, il diritto al voto assistito può essere dimostrato con un certificato medico – redatto da un funzionario medico designato dai competenti organi dell’Azienda sanitaria locale – nel quale sia espressamente attestato che l’infermità fisica impedisce all’elettore di esprimere il voto senza l’aiuto di un altro elettore.

 L’ammissione al voto assistito non è quindi consentita per infermità che non influiscono sulla capacità visiva oppure sul movimento degli arti superiori, ivi comprese le infermità che riguardano esclusivamente la sfera psichica dell’elettore. Gli handicap di natura psichica hanno infatti rilevanza ai fini del diritto al voto assistito solo quando la relativa condizione patologica comporti una menomazione fisica che incida sulla capacità di esercitare materialmente il diritto di voto.

Si precisa che nessun elettore può esercitare la funzione di accompagnatore per più di un invalido.

L’elettore che sia degente in un ospedale o casa di cura è ammesso a votare nel luogo di ricovero per le elezioni del comune nelle cui liste elettorali è iscritto se la struttura sanitaria è ubicata nel territorio del comune. A tal fine deve presentare al Sindaco un’apposita dichiarazione recante la volontà di esprimere il voto nel luogo di cura e l’attestazione del direttore sanitario dello stesso luogo di cura comprovante il ricovero. La dichiarazione, da inoltrare per il tramite del direttore amministrativo o del segretario dell’istituto di cura, deve pervenire al suddetto Comune non oltre il terzo giorno antecedente la votazione.

1 Comment

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*