Editoriale – Un Presidente Praese per far rinascere il Municipio

Guido Barbazza

Ci stiamo avvicinando alle elezioni comunal-municipali, ed è saggio fare il punto di come siano andate le cose negli ultimi anni. Così così. Sorvoliamo sulla situazione di Genova, offuscata, appannata, scaduta in qualità della vita, spesso percepita quasi come una presenza ostile nei confronti dei suoi stessi cittadini. La città che un tempo si faceva chiamare “la Superba”, “la dominante” è oggi sporchetta, e rifila ai suoi cittadini servizi non certo al top. Gli sparuti esempi positivi e di buona volontà, singoli amministratori e politici che cercano di fare qualcosa ovviamente non mancano, ma per la nostra città sarebbe raccomandabile seguire il suggerimento di un tal Gandhi, che disse: “Ammettere i propri errori è bello, ci si ritrova sempre più forti”. Focalizzandoci sul ponente genovese, la musica non cambia nella sostanza, ma in generale la situazione è un pochino migliore, grazie alla peculiarità di essere rimaste, Pegli, Pra’ e Voltri, sorte di “paesi” nella città, con cittadini ed associazioni “che tengono” dal punto di vista sociale, della sicurezza, del decoro. Di certo il sistema politico-amministrativo non aiuta, visto che si basa sul “Municipio VII Ponente”, una creatura calata dall’alto, che ha sostituito le antiche “Circoscrizioni”, prima ancora “Delegazioni”, e prima ancora Comuni, delle tre realtà storiche ponentine. Loro sì che rappresentavano qualcosa, a cui i relativi cittadini e territori erano e sono ancora molto affezionati. Il Municipio Ponente è risultato così un ibrido, che vorrebbe mettere insieme tre realtà piuttosto diverse, con problematiche e necessità differenziate, imposte dalla presenza, a Pra’, e solo a Pra’, del porto, avendo a disposizione pochissimi mezzi, sia operativi sia economici, e potere decisionale piuttosto limitato. Vediamo qualche altro aspetto non certo esaltante del nostro Municipio: ad esempio i consiglieri municipali non vengono eletti in proporzione, “in quota” alle tre realtà storiche di Pegli, Pra’ e Voltri, quindi potrebbe anche capitare il caso in cui uno o persino due ex-comuni non siano per niente rappresentati. C’è da dire a questo proposito che, o per inopportune scelte politiche, o per caso, o per colpa degli stessi elettori praesi, Pra’ in ambito municipale è sempre stata molto poco rappresentata, ed i risultati, purtroppo sono sotto gli occhi di tutti. In aggiunta, anche il presidente del Municipio non è previsto essere “a rotazione”, fornendo come sconcertante risultato il fatto che fino dalla sua istituzione, nel 1997, e quindi da ben 20 anni, nel Municipio VII Ponente nessun praese ha coperto la carica di presidente, mentre nella posizione si sono succedute svariate personalità di chiara e marcata matrice voltrese e/o pegliese, con attenzione alle problematiche di Pra’, salvo rari episodi, mediamente insufficiente. Detto ciò risulta chiaro che chi si trova in posizione di comando e responsabilità sia nell’amministrazione comunal-municipale, sia nei partiti politici locali, trarrebbe gran vantaggio dall’analisi di quanto fino a qui accaduto, specie se convenisse sia venuta l’ora di dare maggior attenzione agli equilibri del Municipio, ed in particolare alla realtà da sempre più penalizzata, che è quella di Pra’, indirizzando la scelta del presidente del Municipio su una personalità squisitamente praese, gestendo con saggezza ed equilibrio, e magari in prospettiva futura anche con uno specifico regolamento, le candidature in modo tale da avere equa rappresentanza delle tre componenti storiche. Un Municipio Ponente che dovesse continuare ad essere squilibrato come è stato fino dalla sua istituzione, con Pra’ ad essere sempre e la sola ad essere penalizzata non farebbe ancora molta strada, e non passerebbe molto tempo per vedere accendersi movimenti per la “secessione” di Pra’. Un fuoco che cova sotto la cenere da anni, alimentato dal malcontento e dall’insoddisfazione della gente solo da poco stemperati dall’opera di ricucitura e collegamento con le istituzioni messa in atto dalla FondAzione PrimA’vera, dalla conseguente maggior attenzione prestata dal Municipio, e dall’attuale Presidente, Mauro Avvenente, negli ultimi tempi, alle problematiche di Pra’ e dall’inizio del processo di recupero e valorizzazione in modo sensato e partecipato del litorale tramite il progetto POR-Pra’ Marina. Un sistema ponentino riequilibrato nella ripartizione della sua rappresentanza e, finalmente, almeno per un turno, con una guida praese, sarebbe il propellente per far rinascere un Municipio rigenerato, rafforzato, pienamente rappresentativo della sua gente e dei suoi territori, una risorsa per il Ponente e per la città tutta.

21 Comments

  1. Il concetto espresso da Guido e’ estremamente chiaro , ne condivido ogni passaggio ed anche io mi auguro una conclusione delle elezioni che andiamo ad affrontare, positiva in senso “praese”…non gia’ per sterile campanilismo, ma perche’ convinta che solo chi a Pra’ e’ nato e cresciuto ne conosce profondamente le problematiche, genesi e possibili soluzioni,quanto le grandi potenzialita’ di sviluppo e riqualificazione che si aprono nello scenario futuro.
    Un amministratore che abbia sofferto sulla propria pelle lo scempio ambientale perpetrato ai danni di Pra’, e’ sicuramente iper-motivato a risarcire, rimediare, sanare il danno, configurando la rinascita praese: capitale del basilico, centro polisportivo d’ eccellenza, attivita’ portuale sostenibile, ed il mare, il nostro bellissimo mare, che percorre tutta la delegazione, con il prolungamento fino all’estremo del canale di calma.
    Parva, sed apta mihi: Pra’, la nostra casa.

  2. Un presidente di Pra’ farebbe anche molto bene a Pegli e a Voltri, ci sarebbe più equilibrio e, forse, oltre che praesi, pegliesi e voltresi, con un municipio come si deve potremmo anche cominciare a sentirci un po’ anche “ponentini”.

  3. E’ uno scandalo che non ci sia mai stato nessun presidente di municipio di Prà, come si fa a sentirsi “di ponente” se si è sempre esclusi. I partiti politici, “il partito” hanno gravi responsabilità. Come scrive l’autore è ora che pongano rimedio agli errori del passato. Pra’ non è più disposta a fare da tappetino scendiletto nel municipio, o le si dà spazio o il municipio non avrà più alcun senso.

  4. E’ giusto e sacrosanto che ci sia una rotazione, se da 20 anni Pra’ aspetta è ora che abbia un prsidente praino. E’ anche giusto che ci siano un terzo di consiglieri di Pegli, un terzo di Pra’, un terzo di Voltri. Partiti datevi una regolata, il municipio zeppo di voltresi, qualche pegliese e uno o due poveri praesi fino ad ora è stato un disastro. Non è forse ora di cambiare ?

  5. condivido quello riportato ma non è colpa degli elettori praini che oramai si contano sulle punte delle mani ma semmai dei consiglieri forzatamente eletti in quanto da anni non esiste più una personalità che rappresenti totalmente i praini. Avrei serie difficoltà alle prossime elezioni indicare un nome.

  6. Io non vi capisco ..
    Se il ponente ed in particolare prà sono stati mal gestiti negli ultimi anni è per colpa di chi ha la responsabilità municipale che evidentemente ha commesso degli errori . Si chiamano errori della maggioranza qui ha fallito un Partito Politico non una persona di Voltri o di Pegli o di san Carlo ne possiamo pensare di cambiare le cose mandando in campo un praino del PD !!!!Bisogna cambiare squadra non giocatori secondo me altrimenti gli Errori e Orrori non li cambiamo !!

  7. Provo a riformulare il commento visto che mi é stato “democraticamente” cancellato:
    Premesso trovo giusto che dopo 20 anni ci sia una Praino che guidi la delegazione VII ponente per dare un’altra angolazione critica e propositiva rispetto alle giunte precedenti o ma qui a ponente ed in particolare a Prà ma anche multedo ci sono realtà portuali che vanno monitorate e migliorate dal punto di vista dell’impatto ambientale considerando che in questa zona ci sono le più alte concentrazioni di inquinamenTo da polveri e zolfo della città .
    Quindi non è importante o prioritario a mio avviso dove risiede il nuovo presidente che sarà eletto quanto che dia un forte segnale di Discontinuità con il passato e quindi a voi le riflessioni…
    Spero di non essere bannato un ‘ altra volta visto che la democrazia è un valore prezioso per tutti…
    Grazie

  8. Sono d’accordo anche io con tutti gli interventi.
    E’ ora di cambiare. Prà è sempre stata stritolata tra Pegli e Prà, una sorella Cenerentola. I partiti hanno le loro colpe e gli uomini pure. Ha sempre preceduto l’interesse politico-partitico su quello praese (leggasi PD ora e PCI prima, per esser chiari). Cerchiamo persone in gamba, nella Fondazione ce ne sono eccome!

  9. Caro Fabrizio,
    posso assicurarti che SuPra’Tutto non banna o censura mai alcuno, a meno che non siano insulti o offese ad personam…ogni commento e’ gradito e valorizzato, ci mancherebbe.
    Semplicemente, a volte, nuove email non vengono riconosciute dal programma ed i testi risultano in attesa di approvazione (come su tutti i siti), e nessun amministratore era passato a dare un occhiata, visto il week end.
    Continua e leggerci e commentare, grazie.

  10. Caro Guido Barbazza, concordo “in toto” con la tua analisi e la tua proposta. Come sai, da anni ragiono sulle stesse argomentazioni che tu usi e ipotizzo le stesse soluzioni. Dopo un’assenza istituzionale così lunga serve, anzi urge la presenza di un Praese alla guida del Municipio VII Ponente. Non foss’altro che per un corretto avvicendamento, per par condicio o semplicemente per buon senso (e buon gusto). Prà, da sempre è stata sotto-stimata e sotto-rappresentata. Resta da vedere se la politica lo consentirà ma ci si può sempre rivolgere direttamente alla gente, evitando tranelli tipo le “primarie” gestite dai partiti. Avendo in testa delle idee chiare – che i componenti della Fondazione hanno dimostrato di avere dall’inizio del loro impegno a questa ultima tua sagace proposta – penso che tocchi alla Fondazione stessa avanzare una proposta alla cittadinanza, possibilmente e auspicabilmente super-partes, facendo il nome di una persona che sia in grado di rappresentare gli interessi di tutti i Praesi, per competenza, impegno, saggezza, equilibrio, indipendenza.
    Insomma il nome di uno che miri al “BENE COMUNE”: il tuo, ad esempio.
    Saresti il Presidente della Rinascita.Te lo dico con sincera stima.

  11. Molte grazie, caro Francesco, apprezzo molto le tue parole.
    Confido che questa volta possa nascere un Municipio con una composizione omogenea ed equilibrata, che riservi eguale cura alle tre realtà storiche che rappresenta, Pegli, Pra’ e Voltri. E’ l’unico modo per far sì che il Municipio Ponente diventi qualcosa di sentito ed apprezzato dai cittadini. Spero possa uscire anche una personalità all’altezza della situazione per la Presidenza, auspicabilmente di Pra’.

  12. Naturalmente: deve essere un Presidente del Ponente, un Presidente per il Ponente, un Presidente che rappresenti il Ponente e rinsaldi i rapporti con i cittadini delle tre delegazioni. Tu hai avanzato la candidatura di un Praese: anche questa mi sembra una legittima aspirazione. La Fondazione dovrebbe dialogare con le tre realtà territoriali, accreditando l’enorme lavoro di rilancio di Prà come buona prassi da estendere e consolidare nell’intero Ponente cittadino, rispettando la storia, le radici, le tradizioni e le peculiarità delle tre realtà. Penso che non vi manchino buone idee di fattibilità di questo progetto. E pure persone per bene da proporre, come tu dici “all’altezza della situazione”. Una di queste sei certamente tu.

  13. Dopo le parole di Guido Barbazza e i commenti positivi e costruttivi, qualcuno batta un colpo. Non si lascia il discorso a metà. Se i consiglieri praini non vanno bene se ne trovano degli altri. Se ci provate vedrete che ci riuscirete. Anche a parlare con quelli di Pegli e di Voltri, con i partiti e con la gente. Altrimenti resta una bella idea e basta.

  14. Secondo me il discorso è più ampio e complesso (e complicato)e non si limita solo a cambiare il Presidente del Municipio per metterci uno di Prà (Chi? Qualcuno ha un’idea? La faccia girare!). Anche in Comune, in Regione e perchè no in Parlamento ci vorrebbe qualcuno mandato dai cittadini del Ponente (Pegli-Prà e Voltri) TUTTI COMPATTI per difendere finalmente gli interessi del Ponente.
    Sarebbe un sogno, una cosa impensabile fino ad ora. I partiti lo permetteranno? O metteranno dei veti con i nomi bloccati dai vari capoccia per portare gli amici degli amici?

  15. Belle le parole sul “super partes” in realta’ in municipio c’e’ sempre stato chi ha favorito voltri e pegli, e’ ora di in praese che propabilmente sara’ piu suet partes di loro

  16. Ma chi ha detto che a Pra’ non c’e’ nessuno che possa fare il presidente ? E’ ora che Pra’ smetta di dividersi e farsi male da sola e tuteli i propri interessi, anche esigendo che dopo venti anni abbia finalmente un presidente espressione del suo martoriato territorio.

  17. Meno discorsi e più fatti e azioni. Certo che ci sono Praesi in gamba, gente nata a Prà e che si è fatta onore e strada nella vita. Anzi c’è l’imbarazzo della scelta. Basta volerlo, invece che girare intorno alle parole. Ci vuole fiducia, credere in se stessi. Sono convinto anche io che qualcuno di super partes ci sia anche qui, abbiamo persone con attributi e requisiti che non sono secondi a nessuno. Basta coi complessi di inferiorità.Fuori i nomi e si parte!

  18. Rammento a tutti che leggono che il primo presidente delle delegazioni unite che ha preso il nome di VII Ponente è stato un praino e solamente dopo la sua nomina a consigliere comunale la carica è passata ad una di Pegli che è tuttora in carica e che sicuramente andrà a fare il consigliere comunale. Bisogna che nelle prossime elezioni ci siano più rappresentanti eletti della nostra delegazione anche se il presidente non lo fosse.
    Più presenze abbiamo più contiamo.

  19. Quel presidente delle “delegazioni riunite” non mi pare fosse propriamente un praino. Comunque prsidenti del municipio sono stati solo prima un voltrese per quasi due mandati e poi un pegliese per altri due, praesi mai. Forse è ora di porvi rimedio ?

  20. Mi piace proprio questo dibattito, finalmente a Pra’ si parla delle cose che contano. Non si risolverà sicuramente tutto e subito ma cominciare a parlarne e
    concentrarsi sulel cose importanti è un ottimo inizio. Grazie Supratutto.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*