Editoriale: SuPra’tutto: nasce la rivista a geometria variabile

EDITORIALE

Come ipotizzato nel finale del mio ultimo editoriale su “il Praino”, “a volte ritornano”. E sono proprio ritornati. Pare anche profetico che, per puro caso, proprio sull’ultimo numero de “il Praino”, l’ipse dixit sia stato quello di Pablo Neruda, con: “potranno tagliare tutti i fiori ma non fermeranno mai la primavera”. E proprio in seno alla FondAzione PRimA’vera sono maturate delle idee editoriali nuove. Quando “il Praino” ha preso la lacerante decisione di cessare la sua attività, di “ibernarsi”, alcuni cronisti e membri della redazione del giornale hanno sentito l’esigenza di continuare l’avventura editoriale territoriale ormai consolidata e così bruscamente interrotta. Che ha avuto così grande successo, che ha ottenuto così importanti risultati per Pra’. A seguito degli innumerevoli attestati di stima ricevuti e del sincero dispiacere dei praesi nel constatare l’interruzione della pubblicazione del loro giornale, percepito come una delle poche residue speranze di miglioramento e di rivalsa per la Delegazione, si è affermata la voglia di fare ancora qualcosa. Di non arrendersi. Con l’aiuto di nuove forze fresche che si sono messe entusiasticamente a disposizione, è stato quindi deciso di creare la rivista “SuPra’tutto” che, come “il Praino” si pone l’obiettivo, attraverso la diffusione dell’informazione e della cultura, di punzecchiare istituzioni ed enti preposti affinché facciano il proprio dovere, di aumentare la visibilità di Pra’, di amplificare la voce dei praesi nel reclamare quello che a loro spetta di diritto: identità, rappresentanza, autodeterminazione, qualità della vita. Il nome stesso della rivista lo dice: riporterà tutto, ma proprio tutto, su Pra’, e metterà Pra’ e gli interessi della sua gente “sopra tutto”. SuPra’tutto non nasce come surrogato de “il Praino”, ma come una evoluzione, un passo avanti. Uno strumento innovativo, inusuale, per poter fornire ai praesi sia l’informazione veloce e puntuale tipica di un quotidiano, per via informatica, su sito web e tramite e-mail, sia quella di approfondimento tipica dei periodici mensili, con la forma stampata di rivista, di “magazine”, in carta patinata, con cadenze variabili adattate alle necessità di informazione. Con ciò raggiungendo sia i lettori amanti della “carta” sia quelli più a loro agio con le nuove tecnologie informatiche. In sintesi nasce un giornale, forse il primo in assoluto, a “geometria variabile”. SuPra’tutto è per voi, praesi, aiutatelo a crescere e ad affermarsi, fate i vostri interessi, tifate  per Pra’. Leggete e diffondete SuPra’tutto. Sostenete la FondAzione PRimA’vera.

Guido Barbazza

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*