Editoriale – Mission IS possible

Guido Barbazza –

La montagna sembra sempre più bassa una volta che la si è scalata”. Il detto si presta bene a descrivere le sensazioni che si provano, da praesi, osservando ed analizzando quello che è successo nelle ultime settimane. Dopo 20 anni esatti dall’inizio della “battaglia del casello”, avviata nel 1997 dal Comitato Culturale Praese, dopo il porto anche il casello autostradale in Pra’ ha finalmente assunto la denominazione giusta e corretta di “Genova – Pra’ “, ponendo fine ad una incredibile sorgente di errori toponomastici, sviste ed equivoci, in buona e cattiva fede, che avevano portato Pra’ a sparire dalle carte geografiche. E oggi anche molti di coloro che in passato avevano commesso l’errore madornale di minimizzare ed ironizzare sull’importanza della propria identità provano oggi felicità ed orgoglio nel leggere il nome del proprio paese su targhe, cartelli, tabelloni elettronici e sentirlo menzionare con continuità da radio e televisioni. E cosa dire dell’elezione, anch’essa materializzatasi dopo ben venti anni, di un praese alla carica di Presidente del Municipio, e poi, cosa per certi versi ancor più sorprendente, vedere eletti 11 consiglieri munciipali di Pra’ su un totale di 25, dopo vent’anni in cui la nostra Delegazione è stata sotto-rappresentata, con al massimo 3 o 4 praesi in Municipio ? E quando Il Secolo XIX titolava che i fondi del POR – Pra’ Marina sarebbero stati utilizzati per tappare i buchi di bilancio dell’AMT, e a Pra’ si protestava e si manifestava un giorno sì e un giorno sì, chi avrebbe creduto di vedere oggi il litorale di Pra’ rinascere e diventare il punto baricentrale, la cittadella dello sport, il centro pulsante, di tutto il Ponente Genovese ? E, infine, quale ciliegina sulla torta, la nascita del Consiglio di Comunità Praese, con l’unione programmatica delle più importanti e radicate associazioni praesi, dopo decenni di divisioni, lacerazioni e masochisticamente perdenti lotte intestine ? Tutto ciò, ora che lo si è raggiunto, realizzato, è realtà sotto gli occhi di tutti, sembra cosa normale, quasi scontata, ma non lo è per niente. E’ il frutto di idee chiare, visione, strategia, tattica, di una progettualità che la FondAzione ha riassunto nei suoi due motti “di punta”: Pra’ Futura” e “Porto Amico”, che sta portando avanti con costanza, determinazione, entusiasmo. Un fuoco che bisogna tenere vivo, attizzare, alimentare. La montagna che ora sembra essere stata più bassa in realtà per essere scalata ha richiesto tre anni di lavoro intenso, instancabile, iniziato con la creazione della FondAzione e proseguito con il coinvolgimento della gente, dei talenti, delle professionalità ed eccellenze praesi, ma anche delle istituzioni municipali, comunali, regionali, portuali, lavorando finalmente tutti insieme ed in armonia. Ora, i risultati raggiunti non ci devono far sentire per niente appagati, ma, anzi, più forti e consapevoli che il disegno, la visione di Pra’ Futura – Porto Amico è possibile. E’ possibile ridare il mare a Pra’- Palmaro; è possibile avere un porto che generi più occupazione e al tempo stesso diventi meno invasivo, più attento e rispettoso del territorio e dei cittadini di riferimento: i Praesi; è possibile avere il PalaPra’, è possibile vedere nella vecchia stazione, restaurata e tirata a lucido, il centro culturale ed identitario pulsante della Delegazione; è possibile avere a Pra’ una sede dell’Accademia della Marina Mercantile, in villa Podestà, è possibile che il sopraffino basilico di Pra’ oltrepassi le frontiere della località e diventi il traino di una grande economia fulcrata su Pra’ che porti occupazione e benessere, direttamente e/o indirettamente, per tutta la cittadinanza locale. Qui a Pra’, il titolo del famoso film “Mission impossible” deve essere modificato in “Mission is possible”, cioè: “la missione è possibile”.

2 Comments

  1. Certo, si puo’ fare e la Fondazione l’ha dimostrato…si puo’ sognare, pensare e progettare, ed infine, tenacemente ed indefessamente, REALIZZARE IL SOGNO.
    In tanti, nel corso dei secoli e dovunque, l’hanno detto; volli, sempre volli, fortissimamente volli…o se vi piace di piu’… la goccia spacca la roccia, oppure dai, quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare. Ce n’ e’ per tutti i gusti, senza dimenticare che l’unione fa la forza, e che non c’e’ nulla che non si possa fare in assoluto .

    SE lo puoi pensare, lo puoi anche fare…e via cosi!
    La Fondazione sta cambiando la vita a parecchia gente.

  2. Editoriale compendioso e conciso ma intenso e ricco di riferimenti e passaggi “vitali” per il recupero e il rilancio di Prà.
    Dove non sono riusciti i partiti da soli, troppo spesso proni e supini ai vertici politici di riferimento o vincolati da interessi di parte (appunto), è riuscita pazientemente la Fondazione. Un lungo, diuturno lavoro, impegnativo, documentato, competente, mai retorico, coinvolgente, stimolante. Il merito piàù importante secondo me è di aver ritrovate e trasmesso la MOTIVAZIONE: molti cittadini sfiduciati e rassegnati si sono riavvicinati ad una idea di progettualità e di condivisione cercando il bene comune e dimostrando un forte attaccamento ai valori dell’appartenenza e della cittadinanza attiva.
    Perciò fare il punto della situazione, periodicamente serve.
    La missione è possibile se la platea dei convitati si allarga, trova nuovi spunti, idee, ragionamenti, azioni di fattibilità che incidano nella realtà modificandola positivamente. Dobbiamo essere grati a chi ha profuso energie e fatica in questo lungo lavoro di ricostruzione, vincendo la sfiducia, i pregiudizi, una visione perdente e nichilista delle cose. Qui si sta ricostruendo una realtà coesa e ambiziosa. Abbiamo il dovere di crederci e di andare avanti, guardando “oltre”.
    Il futuro dipende anche dalla nostra determinazione e dalla nostra volontà.Oggi la gente “pensa e agisce” in modo pro-attivo, ci crede, è motivata, più attenta, partecipe. La Fondazione ha dato la scossa. Sta a noi non staccare più la spina!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*