Editoriale: Disegnamo insieme Pra’ Futura

EDITORIALE

Guido Barbazza #

CatturaCome la prima nave porta contenitori, la Dainty River, il 5 maggio1994, attraccò al porto di Pra’ fu chiaro a tutti come quel porto, lì, non avrebbe mai dovuto essere stato costruito. Nato vecchio, storpio, attraverso innumerevoli modifiche in corso d’opera, aveva appena finito di ingoiare in modo traumatico e invasivo quella che era una delle più grandi e belle spiagge della Liguria, e già iniziava a dispensare problemi e disagi. Posto proprio di fronte alla delegazione di Pra’, con il suo borgo di pescatori, la sua chiesa romanica, e la pieve millenaria, e le dimore estive rinascimentali dei Doria, degli Adorno, dei Grimaldi, il terminal container ha presto unito tutti gli abitanti in una ferma ostilità al porto e a ciò che ha generato: pochissimi, prossimi allo zero, posti di lavoro per i residenti e tanto inquinamento, acustico per i rumori delle gru e dei container ad ogni ora del giorno e della notte e atmosferico, per i gas di scarico delle navi e delle miriadi di camion che sciamano da e per le banchine attraverso il collegamento autostradale, a pochi metri dall’abitato. E da allora, fin dall’inizio, è partita la rabbia, il disappunto, la protesta della gente. Cortei, Cattura1manifestazioni, lamentele, reclami, denunce alla magistratura, il tutto esacerbato dal fatto che quel porto, costruito sacrificando il litorale praese e di cui, a Voltri non se ne trova, letteralmente, neanche un metro è stato, ed  ancora oggi è, da molti, troppi, pressappochisticamente identificato come “di Voltri”. La protesta ha raggiunto il culmine proprio quando l’Autorità Portuale, con scarso tempismo, prima che venissero finalmente messe in atto opportune contropartite per mitigare l’impatto ambientale di quanto già realizzato, si è presentata con un piano regolatore che prevede altri riempimenti ed espansioni, sempre e solo davanti alla delegazione Praese. Così la protesta della gente è arrivata a sfiorare la rivolta, con una guerra fredda e la totale incomunicabilità con le rappresentanze istituzionali. Ora, dopo decenni di proteste, cortei, manifestazioni di piazza che, seppur genuine e sacrosante, purtroppo, non hanno spostato di un millimetro né il disagio né gli incombenti ulteriori riempimenti, un gruppo di cittadini ha deciso di passare dalla protesta alla proposta, creando la FondAzione PRimA’vera, ed avviando un dialogo diretto con le istituzioni competenti, per costruire insieme una visione di “Win-Win” per il porto di Pra’. Proponendo uno scenario di piano regolatore portuale diverso, innovativo, che consenta l’espansione delle attività portuali ma al tempo stesso riduca l’impatto ambientale su Pra’. Come ? Prolungando il canale di calma fino al mare, verso ponente, creando una barriera visiva e fonoassorbente di collinette boschive tra porto e abitato ed Cattura3espandendo la banchina verso ponente, sul terrapieno già esistente, dove le operazioni portuali sono più lontane dalle case. Quindi in modo tale da far contenti sia il porto, sia la città. E nel progetto della FondAzione tutto trova il suo spazio e una sua precisa collocazione: i metri lineari in più di banchina, gli spazi in più per i container e anche i generatori eolici, ma nei punti indicati dai cittadini. La proposta della FondAzione ha avuto subito grande successo, al punto tale da vedersi dedicata una pagina intera del Secolo XIX e un’ intera trasmissione di dibattito ed approfondimento su “Primo Canale”. Il dipartimento di Economia dei Trasporti dell’università di Genova si è reso subito disponibile ad aiutare la FondAzione e anche la Facoltà di Architettura che, per conto del Municipio VII (Pegli-Pra’-Voltri) sta lavorando al progetto di “Waterfront” del Ponente, ha recepito le idee della FondAzione ed avviato una proficua collaborazione. Piace la fresca novità del dialogo diretto e costruttivo, dell’attivazione dei talenti e delle conoscenze di ingegneri, geometri, architetti, marittimi, portuali, tecnici, residenti a Pra’ e che si sono messi entusiasticamente a disposizione per dare una mano, per disegnare insieme la Pra’ Futura. Per dare un taglio al passato e cominciare a far sì che le cose migliorino, sul serio. Se i suggerimenti della FondAzione saranno ascoltati dall’Autorità Portuale e dalle Ferrovie, che hanno competenza sugli spazi portuali, e se il Comune e il Municipio faranno la loro parte, si potrà finalmente posare la prima pietra per un riavvicinamento della città al suo porto e per la valorizzazione del litorale di Pra’ in una visione condivisa e proficua per tutte le realtà coinvolte. Da oggi, al tavolo dove si disegna il futuro del porto e del litorale di Pra’, si è seduto un nuovo  “azionista di riferimento”,  la FondAzione e i cittadini, con cui bisogna fare i conti, e potrebbero essere conti, finalmente, in positivo.  Per tutti.

Cattura4

 

2 Comments

  1. Continuiamo sempre a dimenticarci il rumore delle navi, quello per cui dalle colline da Pegli Lido a Voltri, passando per Pra collina, si protesta!!!!!

  2. Io abito a Pra’ prima collina e una mia amica a Voltri. A quanto mi dice lei a Voltri il porto non lo sentono proprio visto che non c’è, e le banchine sono a Pra’, molto lontane da Voltri. Per quanto ne posso capire da profana mi sembra che le colline boschive che dovrebbero schermare il porto dall’abitato dovrebbero contribuire se non ad eliminare quantomeno sicuramente a ridurre il rumore a Pra’ e anche alla parte di Ponente di Pegli, quella più vicina al porto di Pra’, quindi sono le benvenute. Immagino che le colline servano a ridurre il rumore delle navi, dei container, e di qualsiasi baccano proveniente dal porto.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*