Ecco il logo di “Ports of Genoa”

Velocifero –

L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale ha creato il suo logo. Un disegno stilizzato in azzurro ricorda le gru e comprende quattro quadrati che ricordano i containers, le navi, ma anche i quattro bacini portuali di competenza: Vado Ligure, Savona, Pra’ e Genova. In nero sia la grande scritta “Ports of Genoa”, sia quella più piccola, in basso, che riporta i quattro nomi, tra cui spicca quello di Pra’. Anche grazie al nuovo logo il nome di Pra’ girerà per il mondo, portando finalmente un contributo di immagine forte e positivo per la nostra Delegazione, dopo i pesanti danni e disagi subiti per la realizzazione del porto. Un grazie speciale alla Dottoressa Monti, dell’Ufficio Comunicazione di Autorità Portuale, che sta collaborando con il Consiglio di Comunità Praese per consolidare e diffondere l’utilizzo della denominazione ufficiale e corretta di Bacino Portuale di Pra’. Il nuovo logo rende ancor più evidente l’incongruenza del brand della società terminalista PSA, che continua sorprendentemente a mantenere, anche nella propria ragione sociale, il nome di “ommissis”, toponimo che niente ha a che fare con il porto in cui la società opera. La cosa strana è che proprio il PSA, diversi anni fa, fu il primo ad utilizzare il nome di Pra’ per il proprio logo, anche se in coabitazione con l’improprio “ommissis”, iniziativa meritoria ed apprezzabile che registrò grande gradimento a Pra’. E’ quindi un peccato che la società di Singapore stia indugiando così a lungo, compromettendo quanto di buono fatto in precedenza. E’ auspicabile perciò che nel prossimo anno anche a Singapore prevalga il buon senso e che la società terminalista si allinei finalmente e completamente alla realtà, mutando il proprio nome in PSA-PRA’.

9 Comments

  1. GRANDE ! Ora gli inguardabili del PSA faranno ancora più tenerezza con la loro “foglia di fico” con scritto su “Voltri”. Che roba, ma lo sanno a Singapore le figure che fanno ?

  2. Vedere il nome di Pra’ che finisce di essere calpestato e ricompare mi rende felice, forse c’è una luce in fondo al tunnel per noi praesi

  3. Che spirito, Alex…
    Certo che e’ molto signicaficavo il nome di Pra’, come e’ giusto sia,nel nuovo logo di Autorita’ Portuale.

    Speriamo il processo si completi celermente,e la societa’ di Singapore si riconnetta finalmente con la realta’ delle cose, adeguando il suo “brand”.

  4. Bello vedere il nome di Pra’ finalmente ricomparire dopo tanti anni di stupidaggini, mistificazioni e disinformazione. Triste e ridicolo vedere una società internazionale come il PSA ostinarsi a rimanere in disconnessione con la realtà. Ma ce l’hanno un ufficio comunicazione ? Spero che si ravvedano. Nel frattempo la Maersk si prepara a inaugurare un nuovo terminal container a Vado Ligure e lo chiama “di Vado Ligure”, non “di Spotorno”. Forse al PSA serve andare a scuola dalla Maersk ?

  5. Anche Sanremo ha un Festival: si chiama “Festival di Sanremo”.
    In compenso ha un porticciolo turistico, non una catastrofe ambientale come Prà.
    A ciascuno il suo. C’è chi tiene al Festival e chi tiene al (nome del) Porto

  6. Forse il porticciolo di San Remo è tale anche e proprio perchè si chiama “di San Remo”. L’aver sottovalutato l’importanza della propria identità è stato l’errore madornale che ha portato ai problemi odiermi. Continuare a sottovalutarlo sarebbe un altro autogoal. Quindi continuaiamo a combattare per spostare i cotainer davanti alle case di Pra’-Palmaro, migliorare il territorio e la qualità della vita dei praesi, anche attraverso il riconoscimento della propria dignità. Il PSA che è a Singapore si identifica come “Port of Singapore Authority”, non si fa chiamare “Hong Kong” mi pare: perchè dovremmo essere sempre e solo noi a Pra’ a farci togliere tutto, anche il nostro stesso nome ? Chi non lo capisce non è per caso di “XXXXXX” e quindi ha interesse a tenere in essere la grande porcata ?

  7. Con la mistifcazione del nome da anni hanno dato soldi a (non lo dico perchè si diche porti sfiga persino nominarlo quel nome) alla faccia dei praesi che si sono beccati tutti i disagi e i disastri quindi è ora che il PSA decida se vuole comportarsi da grande società internazionale quale dovrebbe essere o se continuare a far incazzare la gente, con i rumori, i boati, l’inquinamento e anche insultando l’identità della comunità che li ospita. Se è vero che ci la fa l’aspetti almeno nel dubbio gli converrebbe un po’ di saggezza e sensibilità verso chi si becca ogni giorno rumore inquinamento puizza etc. etc.

  8. Mi nu capisciu perchè ci vuole tanto a dire e scrivere le cose come sono, se è PRA’ è PRA’ anche per i signori del PSA gli piaccia o no altrimenti possono fare un porto e trasferirsi sul serio in quel posto, qui a Prà non li rimpiangerà di sicuro nessuno se continuano a comportarsi così ma chi glielo farà fare poi

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*