Eccellenze femminili si raccontano…tra di esse, Nicoletta Provinciali, praese di nascita e giovane oncologa di successo.

La Redazione: alleghiamo la pagina del Secolo XIX, con la la notizia del convegno “ La forza delle donne,”, che si svolgera’ sabato, 9 aprile, presso la Sala della Borsa di via XX Settembre, con il patrocinio dei Lions italiani.

Tra le relatrici, Roberta Pinotti, ministro della difesa, Ilaria Cavo, assessore regionale alla cultura , Nicoletta Provinciali, medico oncologo, ed altre donne distintesi nei vari settori della cultura, politica, arte e ricerca.

Un riconoscimento di prestigio per le figure femminili che fanno grande Pra’, Genova e l’Italia.

 

18 Comments

  1. Anche Prà ha le sue eccellenze, nel sociale e nel campo sanitario e scientifico.
    Complimenti alla brillante dottoressa che si occupa di malati oncologici con grande passione.
    Un grande in bocca al lupo per il Convegno di sabato!

  2. Chi ha avuto modo di conoscere, direttamente per essersi sottoposta alle sue cure all’Ospedale di Sestri prima e al Galliera poi, o attraverso il passaparola di altri pazienti… la dottoressa Provinciali ha avuto modo di apprezzare le sue qualità di medico e di persona veramente “speciale”. La prima ad entrare in reparto,l’ultima a uscire la sera… sempre dolce, disponibile, pronta a dare una parola di rassicurazione e di conforto. Vivere in mezzo al dolore non è facile ma lei lo sa fare con una delicatezza che è persino di consolazione per i “suoi” malati. Sono certa che si fa voler bene e… lo merita tutto! Le auguro una carriera brillantissima conservando la sua naturale dolcezza.

  3. Sei l’orgoglio di tutti noi… E la speranza di tutti quanti.
    Grazie per quanto sai donare ogni giorno.. All’umanità indistintamente dalla fede, dalla bandiera, dalla razza e dal portafogli.
    Sei il nostro TESORO.

  4. Grazie per il fregio che dai al nostro Paese… Sei una delle poche cose belle rimaste e non c’è da meravigliarsi se si sente parlare di “fuga di cervelli”. Non so come tu riesca a trovare la forza per rimanere qui.

  5. Ciao Nico, che soddisfazione!! Noi che abbiamo la fortuna di conoscerti possiamo confermare che oltre che un genietto e una bellissima ragazza sei anche davvero una brava persona e un esempio in tutto. Complimentissimi!!!

  6. Ho avuto modo di conoscere la Dottoressa nel reparto di oncologia all’ospedale Galliera ,posso testimoniare la sua proffessionalità,cordialità,disponibilità e dolcezza .

  7. Brava Nicoletta. Davvero encomiabile l’impegno che metti nella tua professione, nella ricerca, nello studio. Sei preziosa per tutti.

  8. Essere rappresentate da queste 15 donne è un’onore, edopo la lettura del precedente articolo, ben si collega a rappresentare la lunga strada vincente dell’affermazione femminile.
    Nicoletta, ci stai bene, tra un ministro, un magistrato, una soprano,un’imprenditrice, una biologa,perche’ sei una ragazza straordinaria e te lo meriti.
    Certo un pensiero vorrei dedicarlo anche alle tantissime donne “normali”, madri, figlie e spose, lavoratrici, casalinghe, pensionate, che fanno eroismo e lotta della quotidianita’ e diffondono intorno a se’ amore, protezione, empatia…W le donne ed in bocca al lupo, Nico, per sabato…TVTB

  9. Ringrazio di cuore Supratutto e i lettori per il pensiero che mi hanno dedicato e per i commenti senz’altro troppo generosi ed immeritati! Sono molto lusingata dall’invito ricevuto per la conferenza di sabato, in occasione della quale spero avrò modo di esternare il mio pensiero: non sono io l’eroe, ne’ il modello da seguire; al contrario, lo sono le Donne che la mia professione mi offre la possibilità di incontrare ogni giorno: madri, mogli, figlie che nonostante la malattia, loro o dei loro cari, non perdono la speranza e continuano a combattere con un coraggio e una forza straordinari per difendere e conquistare la loro vita e quella delle persone che amano. A loro devo il mio più sentito “GRAZIE” per il grande dono quotidiano che è il loro insegnamento.

  10. Per fare questa professione molto particolare ci vuole molta passione e disponibilità all’ascolto della sofferenza degli altri. Non conosco la Dottoressa Provinciali ma sono certo che se la scelta di rappresentare il mondo delle donne, la medicina e la ricerca scientifica è caduta su di lei – peraltro giovanissima – vuol dire che si tratta di una persona stimata e professionale. Curare un malato oncologico, parlare e spiegare ai suoi familiari le cure e le aspettative di vita, infondere speranza non è un mestiere qualsiasi. Ci vuole grande umanità, come detto da chi mi ha preceduto. Fa piacere leggere che anche Prà contribuisce con le sue risorse umane al bene comune. Abbiamo bisogno di persone così. In bocca al lupo.

  11. In un mondo in cui circolano tante opinioni (tutti sanno tutto di tutti) e pochi buoni esempi fa piacere sapere che c’è intorno a noi qualcuno su cui possiamo contare, che dedica la propria vita alla medicina, alla cura dei malati e dei sofferenti, alla ricerca scientifica, che studia, che scrive, che si aggiorna. Ed è un motivo di orgoglio per Prà se questa persona è figlia di questa terra, appartiene alla nostra piccola-grande storia. Ci sono persone (anche tra noi) che in silenzio fanno il proprio dovere senza suonare la grancassa. Peccato che non se ne tenga conto quando si tratta di decidere da chi farci rappresentare, a chi affidare i nostri destini.
    Raramente la politica cerca i migliori, vuole solo degli yes-man. Persone che ubbidiscono al potere, più fedeli che capaci. Auguro alla Dottoressa di trovare le sue soddisfazioni nella delicata professione che svolge: la gente ha bisogno di competenze e affidabilità. Anche io mi unisco al grande “in bocca al lupo” già augurato da altri.

  12. Fa piacere leggere questa notizia pubblicata su Il Secolo XIX e ripresa da Supratutto proprio il giorno in cui il magistrato Cantone ha definito la sanità un territorio per scorribande di ladri di ogni tipo.
    Come Praesi dobbiamo essere orgogliosi di essere rappresentati in un convegno dove le donne si raccontano, sapendo che tra loro c’è una giovane dottoressa nata nella nostra delegazione. Alla dottoressa Provinciali auguro di essere medico e donna, di esprimere competenza professionale e sensibilità umana. Non è facile – lo capiamo bene – vivere in un contesto di lavoro dove i sentimenti prevalenti sono la sofferenza e il dolore. Auguro di cuore ogni meritato successo e ogni bene per sè e per i suoi pazienti che si affidano a le con fiducia.

  13. Ha ragione Antonino, ha colto nel segno. Anche io sono rimasto colpito dalla dura affermazione del magistrato e Commissario di Governo Cantone sugli scandali nella sanità, dove si lucra sui vivi e persino sui morti.
    La malasanità e gli imbrogli sono purtroppo all’ordine del giorno. Per questo motivo appare veramente luminosa e di segno decisamente opposto questa presenza femminile competente e professionale, onesta e integerrima in un convegno di alto livello dove viene data voce alle donne e alle loro esperienze. Ho sentito parlare un gran bene della dottoressa Provinciali e sono veramente lieto che possa rappresentare oltre alla medicina e alla scienza anche la voce del nostro territorio, sanguinante e dolente per le molte ferite ricevute ma ancora capace di esprimere storie di vita pulite che fanno onore a Prà e ai suoi cittadini.

  14. Cara Dottoressa Provinciali, grazie per le cure prestate ad un mio familiare. Ho avuto modo di apprezzare la sua grande delicatezza, sempre pronta a lenire il dolore fisico e spirituale e sempre con il sorriso sulla bocca e negli occhi.Non potrò mai dimenticare la sua dedizione, la disponibilità, le sue parole di incoraggiamento. Grazie a lei ce l’abbiamo fatta! Con gratitudine le dico (come direi ad una persona di casa): vada avanti per la sua strada, sempre facendo del bene, senza prestare attenzione ad inevitabili invidie e cattiverie. Il male, la sofferenza non sempre rendono più buoni, anzi incattiviscono le persone. Ho conosciuto persone più contente dei guai altrui che del proprio personale benessere. Per questo le dico: guardi sempre oltre e continui a prestare le sue amorevoli cure ai suoi ammalati dai quali riceverà sempre forza e gratitudine. Io mi metto tra questi.

  15. Un complimento meritato! La dottoressa fa tanto bene al prossimo, in umiltà e silenzio, nel dovere professionale del suo lavoro. Un buon esempio davvero.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*