E’ scomparso Cino Tortorella, “Mago Zurli’” per i bimbi dello Zecchino d’ oro

La Redazione: ligure di Ventimiglia, in quasi 50 di conduzione dello spettacolo canoro che tutti abbiamo amato, ospito’, tra i tantissimi bambini concorrenti, ben 33 genovesi, forse qualcuno di Pra’…lo ricordiamo con questa breve intervista di Francesco Provinciali.

QUANDO SOGNAVAMO CON MAGO ZURLI’

“Visto come sono andate poi le cose, se qualcuno mi chiamasse adesso ‘padre della televisione pubblica’, io chiederei di corsa un disconoscimento di paternità. Non mi sento padre di questa televisione, non mi ci riconosco pur essendo la Tv di oggi figlia di quella definita ‘degli anni d’oro’ “.

Così mi aveva risposto Cino Tortorella quando gli avevo espresso la mia emozione nel trovarmi di fronte ad uno dei padri della televisione pubblica, lui già in scena nel 1957 come Mago Zurlì (voluto in TV da Umberto Eco) e poi dal 1959 ininterrottamente per 50 anni, come ideatore e presentatore dello Zecchino d’oro, successivamente autore e regista di ‘Chissà chi lo sa?’, ‘Scacco al Re’, ‘Dirodorlando’, ‘Nuovi incontri con gli autori’.

Poi però aveva ammesso: “Sono nel guinness dei primati per lo spettacolo condotto più a lungo dallo stesso presentatore. L’anno scorso l’Unesco ha dichiarato Lo zecchino d’oro ‘patrimonio mondiale per una cultura di pace’. Intervistare “Mago Zurlì” era un privilegio che non avrei mai immaginato quando, bambino, seguivo le sue trasmissioni che hanno intrattenuto più di una generazione. Erano anni diversi per la TV ma anche per l’Italia e gli italiani. Anni irripetibili, forse. Trovo che ci fosse più garbo nel porsi al cospetto del pubblico televisivo, come Tortorella stesso mi puntualizzò :“Negli anni è venuto a mancare il rispetto verso il pubblico che guarda la televisione. Ci sono delle leggi al riguardo che nessuno fa rispettare, a cominciare dalla famosa ‘fascia protetta’: ma protetta da chi? Ci sono pochissimi che fanno attenzione a questo bisogno: quando Marconi inaugurò la prima stazione radiofonica nel 1926 disse a quelli che avrebbero dovuto condurre le trasmissioni: “guardate, fate attenzione a quello che dite perché in qualunque momento, quando voi parlate, all’ascolto potrebbe esserci un bambino”…” Io non sapevo niente dei ragazzi, non ero un educatore, non ero un maestro: a un certo punto quello che mi sono proposto subito è stato di fare delle trasmissioni che divertissero i ragazzi, li coinvolgessero e soprattutto non li offendessero. I miei principi sono stati questi: coinvolgerli, interessarli, divertirli, non offenderli”.  

Credo che la scomparsa di Cino Tortorella susciti più di un ricordo in molti di noi insieme all’affettuosa nostalgia del personaggio che evocava un mondo magico e quasi incantato, che si rivolgeva al pubblico dei piccoli spettatori con una delicatezza ormai caduta in disuso, visto che molta parte delle violenze che riguardano l’infanzia e l’adolescenza abitano nell’informazione televisiva e nella rete informatica e da esse sono facilitate e diffuse. Mago Zurlì, Richetto, Topo Gigio… sono personaggi che il disincantamento del mondo rende oggi obsoleti e superati da nuove modalità comunicative, dall’accesso indiscriminato ad internet, da stili di vita “adultizzati” che snaturano il modo di essere e di vivere dei minori. Figure che ricordano un’epoca ormai passata, verso la quale si può provare solo un’intima emozione o un compiacente e forse beffardo sorriso di circostanza. Ma proprio le cronache di questi giorni sui fenomeni di bullismo, sulle devianze giovanili, sull’uso della rete “senza rete ne’ protezioni”, sulla sovraesposizione mediatica dell’infanzia ci fanno capire che quella parte della nostra vita che dovrebbe essere tutelata e protetta sta perdendo la sua originaria innocenza. Un tema che posi al mio interlocutore: “Se ‘Mago Zurlì’ potesse davvero usare oggi la bacchetta magica, quale magìa farebbe?”

Mi rispose: “Ne avrei di magie da immaginare! Se ne devo dire una sola è questa: farei sparire ‘internet’.

Sto parlando di qualcosa che non conosco a fondo ma che mi spaventa. Non so quanti saranno d’accordo con me o quanti mi tratteranno da ’reazionario’ però io la penso così e ho il coraggio di dirlo”.

Una magia ormai irrealizzabile ma che ci fa riflettere…. “Visto come sono andate poi le cose…”. Appunto.

12 Comments

  1. Bella intervista. Chi può dimenticare il mitico Mago Zurlì?
    Era un’Italia diversa come dice il sig. Provinciali e anche noi eravamo diversi. Più semplici, ci accontentavamo ed eravamo per questo più positivi e sereni. Mago Zurlì ci ha tenuto compagnia nella nostra fanciullezza. Bei tempi, davvero!

  2. Anche a me questa intervista piace molto e mi fa venire in mente tanti ricordi di quando ero bambina. Lo Zecchino d’oro era un appuntamento fisso per me e i miei amici e amiche del tempo.
    Tutto era davvero più rasserenante, la TV non dava programmi che incitavano alla violenza. Inutile lamentarsi dei bulli e dei violenti se in TV ci sono film che hanno trame pazzesche, che suggeriscono comportamenti devianti e pericolosi.Su internet le parole di Mago Zurlì sono ormai superate dagli eventi e dalla diffusione delle tecnologie: però sono dirette e sincere. Forse verrà un giorno in cui tutti saremo chiamati a riflettere su queste cose.
    Grazie per la bella pagina offerta ai lettori Praesi.
    Peccato che i caratteri di stampa siano troppo piccoli, quasi illegibili!

  3. Bellissimo ricordo del personaggio televisivo più amato dai bambini dei ultimi cinquant’anni. Mago Zurlì e Topo Gigio restano nei nostri cuori: eravamo più semplici, spontanei, con meno grilli per la testa.
    Bravo Francesco, sai raccontare i personaggi in modo reale, sembra di averli davanti mentre leggi. Ma quante persone hai conosciuto! E tutte uniche e importanti.Complimenti per l’articolo.

  4. Era tutto un altro mondo…. La nostra infanzia non la cambierei con quella dei bambini di oggi: troppa violenza.
    Mago Zurlì darà stato un personaggio edulcorato però si rapportava con educazione e rispetto, le parolacce e i vituperi non erano di casa alla RAI. Meglio adesso? Non credo, visti i risultati. Anche io dico che internet è ormai necessario ma sta rovinando tanti ragazzi. Capisco perciò Tortorella quando dice “lo farei sparire con un colpo di bacchetta magica”. Indietro non si può tornare ma immaginare un mondo più educato e rispettoso del galateo e delle buone maniere è un diritto sacrosanto. Tempi bellissimi che chi non vive oggi non può capire. Eravamo innocenti e felici, nella nostra infantilità.

  5. Anche a me questo articolo-intervista suscita ricordi dolci e piacevoli. La mia infanzia era più povera di quella dei bambini di adesso che vanno all’asilo con il cellulare. Ma era più spensierata e serena. Non vedevo orchi e draghi, mostri e streghe ma questo Mago amico che faceva del bene a tanti bambini e ci faceva divertire con il tenerissimo Topo Gigio.
    Bellissimi ricordi.

  6. Mago Zurlì era l’evasione dagli impegni scolastici, il rientro a casa, la TV vista dai nonni, i pomeriggi con i biscotti e gli amici a far merenda. Un’Italia e un’infanzia da rimpiangere con nostalgia, senza vergogne. Vergogna dovrebbero avere coloro che oggi mercificano in TV e negli spettacoli, i bambini, li usano, li strumentalizzano, li fanno crescere in fretta, rubano la loro innocenza. 10, 100, 1000 Mago Zurlì, magari tornassero quegli anni di educazione e rispetto, per tutti!

  7. Anche io seguivo lo Zecchino d’oro, anche oltre i primi anni dell’infanzia. Una trasmissione se non ricordo male durata 50 anni, un primato mondiale. Era una TV delicata e mite, gentile e mai offensiva: proprio mentre scrivo la TV sta dando notizie delle varie efferatezze commesse nel mondo giovanile: delitti, atti di bullismo, stupri, stalking, violenze psicologiche e fisiche, cyberbullismo e chi più ne ha più ne metta. Mai e poi mai avremmo immaginato non secoli fa ma poche decine di anni fa che saremmo arrivati a questo punto. Mago Zurlì rappresenta un mondo che non c’è più o che bisogna andare a cercare in quelle nicchie di società dove l’infanzia e l’adolescenza sono ancora età sacre.

  8. Fa piacere leggere su Supratutto qualche articolo che spazia oltre il locale. Questo ci fa fare un tuffo nel passato, non si può dimenticare gli anni più belli della nostra vita. Tortorella alias Mago Zurlì ci tebneva compagnia con delicatezza, come qualcuno ha scritto. Riempiva i nostri pomeriggi, rigorosamente dopo i compiti. Ci faceva divertire senza disturbare, ci rendeva spensierati e sognatori.
    Se oggi Mago Zurlì fosse ancora tra noi sarebbe un pesce fuor d’acqua in un mondo sempre più cattivo, invidioso e violento. Bello quindi ricordare e lasciarsi trasportare dalla nostalgia.Grazie per questo fuori programma, sempre gradito per la bravura dell’autore di articoli e interviste.

  9. Un bel ricordo di anni diversi, di una TV per i ragazzi (dove sono finite le fasce protette?) e amata anche dagli adulti. Uno spaccato biografico di un’Italia che credeva alle favole, al garbo e al buon gusto. Oggi siamo tutti sempre incavolati, irritati, infelici e insoddisfatti. Una ragione ci sarà, bisogna rileggere la storia della nostra vita e quella dell’umanità in generale. Ma serve trovare risposte? Forse è meglio tenere separati i ricordi dalla realtà: in questo modo li ritroviamo sempre, gratificanti e incontaminati.Belli da rievocare, visto che di cose liete oggi ne girano poche.

  10. Bellissima interviste ed articolo,come tutti i tuoi scritti. Anch’io come molti ricordo Mago Zurlì lo Zecchino d’oro con molta nostalgia,anche di tempi diversi e sicuramente migliori di quelli di ora, dove tutto è tecnologico,dove internet,i cell ci allontanano sempre più dal socializzare e dal piacere di stare insieme,diventa difficile e spesso quasi insostenibile anche una cena tra amici ,dove quasi la maggior parte di noi si isola con il proprio telefonino!

  11. Grazie Carla. Il tuo commento mi è particolarmente caro e gradito perchè eravamo bambini e ragazzi insieme, e dai gradini della casa del “Don” o dai muretti della Piazza di Palmaro commentavano i fatti della vita. Tutto ci sembrava positivo, suscettibile di speranze, pulito, bello. Ora le tecnologie ci hanno cambiato la vita, molto nel bene e anche (purtroppo) nel male. Anzichè farci sentire più vicini ci rendono soli e isolati anche quando apparentemente siamo insieme. Però indietro non si torna. I ricordi comunque ci possono consolare….Non è una novità dei nostri tempi: anche Marcel Proust fece un lungo viaggio immaginario alla “ricerca del tempo perduto”. E non era un pazzo o un asociale ma un genio, incompreso al suo tempo.

  12. Prego Francesco,mi fa piacere che il mio commento ti sia particolarmente gradito.sai che leggo volentieri ciò che scriviVero la tecnologia spesso allontana e ci isola ,ma spesso lo facciamo per carattere.

Rispondi a angelo Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*