E ora rilanciamo “la Fascia”

Guido Barbazza #

Foce Rio San Pietro sponda destra sotto ferrovia
Foce Rio San Pietro sponda destra sotto ferrovia

A poco a poco che il P.O.R. – Pra’ Marina si svela agli occhi dei cittadini e dei passanti appare evidente come l’opera stia finalmente ricongiungendo l’abitato di Pra’ al suo litorale. Transitando sulla via Pra’ si può ora vedere, toccare con mano, il grande potenziale della Fascia di Rispetto, con i suoi spazi verdi, l’azzurro scintillante dell’acqua nel canale, le barche, la piscina, il campo di calcio, le persone che fanno attività sportiva all’aria aperta. La Fascia di Rispetto non è più una sorta di “terra di mezzo”, qualcosa “al di là del muro”, ma è ora sotto gli occhi di tutti. Con i suoi grandi pregi, le sue grandi potenzialità, e anche con i suoi difetti. In particolare il basso, inaccettabile, livello di mantenimento e di manutenzione degli spazi e delle aree pubbliche. Basta dare un’occhiata alla zona limitrofa alla sponda destra del Rio San Pietro, in prossimità della foce, con gli accosti, presumibilmente abusivi, sotto il ponte della ferrovia, le schifezze ed i rifiuti, anche pericolosi, come batterie al piombo, abbandonati ogni dove e persino un’imbarcazione fatiscente lasciata lì chissà da chi, per capire che, proprio, così non va. Non è questo quello che i cittadini si aspettano da Pra’ Viva, un’entità, è utile ricordare, nata per ricompensare i cittadini di Pra’, tramite la gestione sociale della zona della ex-spiaggia di Pra’, delle perdite subite a causa della costruzione del porto. Sia ben chiaro: onore al merito a Ginetto Parodi e a tutti coloro che, anni fa, si rimboccarono le maniche e, prima con “Pra’ Mare”, e poi con “Pra’ Viva” hanno reso possibile il fatto che, oggi, la Fascia di Rispetto esista. Onore anche ai dirigenti ed ai volontari di oggi che si danno un gran da fare. Certo, una maggiore attenzione nella scrittura dello statuto societario non avrebbe guastato. Lo statuto di Pra’ Viva infatti, che andrebbe benissimo per una normale associazione sportiva, non contiene quello che dovrebbe contenere, e cioè i motivi per cui è nata Pra’ Viva, la visione di eccellenza gestionale partecipata, con spazi pubblici, parchi, giardini, aiuole mantenuti ai più alti standard qualitativi. Soprattutto, non contiene il sacrosanto concetto di priorità di finalità sociale per Pra’, e di assegnazione e di agevolazione economica per il

 Foce Rio San Pietro sponda destra
Foce Rio San Pietro sponda destra

godimento dei servizi della Fascia di Rispetto di Pra’ ai cittadini residenti a Pra’, siano essi posti barca, parcheggi od altro. Forse anche per ciò Pra’ Viva negli ultimi anni ha deviato dalla sua missione ed è finita a “volare basso”, indugiando troppo in una mera gestione di posti barca a prezzi popolari e dimenticandosi della pulizia, gestione e manutenzione degli spazi e del verde pubblici. La Fascia di Rispetto non è nata per consentire a chi ha una barca e magari non è neanche di Pra’ di poter avere un ormeggio a costo popolare, ma per compensare i Praesi per quanto gli è stato tolto, e ciò dovrebbe apparire a chiare lettere in primis nello statuto societario, per poi riflettersi in azioni concrete e durature. Sarebbe ora che ciò accadesse. Pra’ ha un grande bisogno di una Pra’ Viva che si ricordi da dove viene e perchè è stata creata, che spieghi le ali e trasformi finalmente la Fascia di Rispetto nell’esempio di eccellenza gestionale, amministrativa, di cura e mantenimento degli spazi e del verde pubblico che tutti si aspettano. Un tassello importante, indispensabile, per costruire la Pra’ Futura, bella, seppur in modo diverso, come quella di un tempo. Viva Pra’ Viva.

4 Comments

  1. Non saprei bene come commentare questo articolo. Penso sia triste capire che un soggetto nato x svolgere un certo ruolo, in realtà non sia stato provvisto degli strumenti necessari, al di là della buona volontà delle persone. E non penso nemmeno che sia un problema che un notaio possa risolvere…si tratta di una condivisione di obiettivi..
    ..ma sono confortata dal vedere che il problema si sta ponendo…è un punto di partenza! Grazie.

  2. Non so bene gli antefatti di Pra’ Viva quali siano, ma ho sentito qualcosa di poco buono, e l’articolo pare confermarlo. Se ce ne fosse bisogno, lo stato di abbandono dei Giardini Dapelo e della Fascia in genere, è una prova eloquente che qualcosa non ha funzionato! L’importante è avere il coraggio di ammettere gli errori, e da questi imparare, per voltare pagina: e perchè lo “stacco” sia veramente totale, secondo me, dovrebbe cambiare anche il nome, se compromesso…
    Chiamiamola Pra’ Nuova!

  3. Brava Dolcenera, che si chiami “PRA’ NUOVA”. L’articolo ha il merito di affrontare in modo positivo e propisitivo, un tema centrale e di importanza strategica per il rilancio di Pra’. E’ ora che la Fascia inizi a svolgere integralmente il ruolo per cui è stata creata, per i Praesi e con i Praesi. Chi vuole ancora una volta venire qui a sfruttare a proprio piacimento il nostro martoriato territorio, questa volta per parcheggiare auto e barche gratis deve capire che il vento è cambiato, Ora, a Pra’, si devono tutelare gli interessi dei PRAESI, cosa che pare, semplicemente, logica ed equa.

  4. Concordo pienamente con quanto si afferma nell’articolo. Pra’ e la sua Fascia hanno un potenziale enorme di sviluppo e di miglioramento. La Fascia è stata pensata per mitigare la presenza del porto e i suoi effetti negativi sulla vita dei cittadini e Pra’ Viva è stata un esperimento di gestione sociale di un bene comune. Purtroppo, come viene evidenziato , i risultati non sono pari alle aspettative… Migliorare e cambiare rotta è possibile e doveroso.

Rispondi a maria luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*